sabato 24 marzo 2012

L'angolo del thriller #1

Buongiorno a tutti. Girando per la rete e vedendo spesso libri thriller/gialli che mi ispirano molto, ho deciso di aprire questa specie di rubrica che non avrà una cadenza precisa. Quando vedrò libri di questo tipo che mi ispirano in modo particolare ve ne parlerò qui.

Oggi vorrei parlarvi di Spykiller di Matthew Dunn. Un bellissimo thriller edito da Longanesi, uscito nelle libreria il 15 marzo al prezzo di 17,60 €.

Trama:
Will Cochrane ha poco più di trent’anni, è spietato, inarrestabile, una perfetta macchina per uccidere. Solo quattro persone al mondo sanno della sua esistenza, per tutti gli altri lui è soltanto una leggenda, un nome in codice. Spartan.
Will è il solo che possa impedire una strage terroristica colossale. Ma nonostante Will sia abituato a operare in condizioni estreme, questo per lui non è un incarico qualunque. Per ordine dell’MI6 e della CIA, Will deve stanare l’uomo che ha ordito i più tremendi attentati degli ultimi anni. L’uomo che si sta preparando a organizzarne uno ancora più sconvolgente. L’uomo più potente e allo stesso tempo più nascosto del Medio Oriente. Il suo nome in codice è Megiddo, che vuol dire Armageddon: la fine del mondo.
Da Sarajevo a Berlino, da Londra a Parigi fino a New York, Will è costretto a una caccia senza quartiere. Il suo unico appiglio è Lana, una donna che ha un legame misterioso con Megiddo e che può fare da esca per portarlo allo scoperto. Ma Lana sconvolge la vita di Will, facendogli scoprire sentimenti da cui è sempre rifuggito, preferendo la sicurezza dell’uccidere o essere ucciso al rischio dell’amore. Ora tutto il suo universo sta per crollare, proprio quando le speranze del mondo sono aggrappate a lui.
 
L'autore:
Matthew Dunn è un ex ufficiale sul campo dell’MI6, l'Intelligence inglese. Il suo compito era quello di arruolare agenti segreti, spie internazionali spesso infiltrate fra esponenti governativi di spicco. Spykiller è il frutto di questi anni di esperienza sul campo.

Dicono del libro:
"Una storia di spionaggio raccontata con il piglio del grande narratore di thriller. Magistrale." (Jeffery Deaver)
"Un grande talento, capace di combinare immaginazione e realtà in un thriller d'esordio da non perdere." (Lee Child)

3 commenti:

  1. non amo i thriller... punto su alrti genri...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quali sono i tuoi generi preferiti Elisa? :)

      Elimina
  2. Mi era sfuggito questo post... A me piacciono i thriller, ovviamente non da leggere in continuazione, ma uno ogni tanto mi fa bene :D

    RispondiElimina

Lasciate un segno del vostro passaggio, sono sempre felice di leggere e rispondervi ♥