mercoledì 11 aprile 2012

Recensione: La ricamatrice di segreti di Kate Alcott

Buonasera, ho finalmente finito di leggere questo splendido libro che mi ha trasportato in un mondo parallelo in cui sarei voluta rimanere ancora un po'.

La ricamatrice di segreti di Kate Alcott è uno dei romanzi con cui la nuova casa editrice Tre60 ha iniziato il suo lavoro e personalmente posso dire che hanno iniziato in modo grandioso.
Veniamo al libro e ai miei pensieri :)

Trama:

Cherbourg, Francia, 10 aprile 1912. È stata una bugia, il biglietto che ha permesso a Tess di salire sulla nave più lussuosa del mondo, diretta in America: stanca di passare le giornate a cucire per pochi spiccioli e dotata di uno straordinario talento come ricamatrice, la ragazza ha trovato il coraggio di avvicinare Lady Lucile Duff Gordon e, mentendo sulla propria identità e sul proprio passato, ha convinto la celebre stilista ad assumerla come segretaria personale. Adesso, davanti a lei, si apre un mondo che sembra uscito da una fiaba: saloni maestosi, tavole imbandite, cabine sfarzose e, soprattutto, sontuosi abiti di velluto cangiante, pizzi raffinati, sete pregiate… Eppure, in quei pochi giorni di viaggio, non sono soltanto la magnificenza e la ricchezza a stupire Tess; ben più sconvolgenti, infatti, sono gli sguardi e le parole di Jim, l’umile mozzo che ha fatto breccia nel suo cuore. Proprio come, di lì a poco, un iceberg farà breccia nell’«inaffondabile» Titanic…
New York, 18 aprile 1912. Giunti negli Stati Uniti, i sopravvissuti al naufragio del Titanic vengono accolti come eroi. Ben presto, però, l’ombra del sospetto oscura proprio la stella di Lady Gordon, accusata da un giornale scandalistico di aver corrotto gli ufficiali di bordo pur di salire su una delle poche scialuppe di salvataggio. E, quando scoprirà che la fonte di quella notizia è Jim, Tess sarà costretta a una scelta drammatica: proteggere la sua benefattrice o combattere al fianco del suo grande amore…

Il mio pensiero:
La ricamatrice di segreti viene pubblicata per ricordare il centenario dell'affondamento del Titanic, ma non aspettatevi di trovarvi nella sontuosa nave per troppo tempo; infatti il romanzo inizia a bordo dello sfortunato transatlantico, ma poi le vicissitudini sono quelle vissute dopo la grande tragedia.
Ci troviamo di fronte a grandi personaggi, descritti in modo meraviglioso dalla Alcott, ognuno di loro ben definito, si riesce ad avere un quadro completo alla fine della lettura. Si riesce a comprendere i personaggi di spicco del libro in modo perfetto. Si ha la possibilità di odiarli, amarli e tifare per loro.
La scrittura ti trasporta, senza problemi è fluida e semplice. E' una lettura piacevolissima che si fa tranquillamente tutta in un fiato.

Tess è la protagonista, una ragazza inglese povera che vuole imbarcarsi sul Titanic per poter iniziare una nuova vita in America e per riuscire nel suo intento fa abboccare uno dei pesci più grossi: Lady Duff Gordon, una stilista di successo, alcuni dicono la migliore al mondo.
Infatti la passione di Tess è quella di cucire e vuole diventare famosa nel nuovo mondo grazie ad essa.
L'autrice riesce a raccontare in modo vivo e definito gli ultimi avvenimenti successi sul Titanic e la paura e desolazione che ne seguirono, scopriremo infatti a fine libro che la Alcott si è documentata ed è "piacevole" sapere che alcuni dei personaggi di cui parla nella sua storia sono esistiti davvero.

Questo libro è un intreccio di sentimenti, da padrona la fanno le donne. Ma Tess mi è rimasta dentro, coraggiosa, fedele a se stessa; piuttosto che avere la vita facile prende la strada più dura, fa scelte complicate, ma lo fa a testa alta, pensa e ragiona sui fatti prima di dare ragione ad uno o ad un'altro.
Il bello è questo. Che questo libro è pieno di donne forti, ma anche di donne che vogliono apparire forti ed in realtà non lo sono. Scopri la differenza delle classi sociali che c'erano a quei tempi e per fortuna scopriamo che non sempre i ricchi possono permettersi tutto grazie ai soldi e al loro potere, capiamo che spesso sono i ricchi quelli che perdono di più.

Mi sono addentrata in questo romanzo sperando di non trovare troppo del Titanic, per il semplice fatto che probabilmente l'aver visto il film (che tutti noi conosciamo) tante volte, mi ha fatto stancare un po' di questa storia e le mie speranze sono state accolte. Nonostante questo, leggere le prime pagine a bordo del transatlantico è stato magico, la Alcott è riuscita a farmi appassionare di nuovo a questa tremenda sciagura che ancora attira l'attenzione di tutti noi.
E poi quando le storie dei personaggi si intrecciano fra bugie, amicizie, stima, amori, delusioni, famiglia, scelte... Insomma, mi sono ritrovata inghiottita da questo libro, fra tessuti pregiati che ti fanno sognare e storie vere che ti fanno piangere. Ho sentito Tess molto vicina e ho sperato tante volte di poter essere fiera e decisa come lei, con il coraggio che ha avuto lei. Ho adorato Pinky, così frizzante e dedita al suo lavoro. E nonostante tutto ho amato il rapporto fra Lucile ed Elinor, sorelle che si supportano sempre e comunque.
Il finale è stato perfetto, degno dei protagonisti raccontati e delle loro storie.
Consiglio questo libro a chi ovviamente è appassionato alla vicenda del Titanic, ma che non ha problemi a "distaccarsene" un po'. Lo consiglio a chi piacciono le figure di donne forti, che lottano per quello che vogliono e non si fanno sopraffare dagli eventi o dalle persone più potenti di loro.

Voi che ne pensate? Lo avete letto? Spero di avervi invogliato con questo piccolo pensiero e spero come sempre di non aver fatto troppi danni :)

10 commenti:

  1. Stavolta sei riuscita a non raccontare troppa trama, brava!
    ma tu alla fine hai apprezzato la scelta d'amore di Tess? (non cito i nomi per non spoilerare)...
    io posso dire solo che preferivo l'altro, e ci son rimasta male quando ho visto che la cosa non andava come volevo :(
    A parte questo scivolone dell'autrice (sì, non accontentare la storia d'amore che voglio io è SBAGLIATO!!!) il romanzo mi è piaciuto tanto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che bello trovare il tuo commentino *_*
      Comunque sì, ho apprezzato la scelta di Tess, perchè per me era la meno ovvia e la più "complicata" da scegliere :)
      A me questo romanzo è veramente piaciuto in ogni sua parte, mi ha pienamente e ampliamente soddisfatto :)

      Elimina
    2. Ma l'altro era l'uomo perfetto!!! Sigh sigh...

      Elimina
    3. Ecco appunto, forse un po' troppo perfetto e un po' troppo disposto a dare "tutto"... Non so, come ho detto la vedevo la scelta più semplice xD

      Elimina
  2. Mi ero persa la recensione! Concordo con Sonia sei stata brava a non raccontare troppo la trama, e se devo dire la verità mi è venuta voglia di leggerlo questo libro! Non mi ero mai soffermata a leggere la trama e dalla cover pensavo fosse tutta un'altra storia! Brava Ale.. la mia WL si allunga.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Zia, verrai punita per questa tua svista u.u

      Coooomunque, me felicissima quando mi dici che sono brava con le recensioni e che un po' miglioro *-*
      Ma il piacere più grande è sapere che con le mie parole riesco ad incuriosirti e invogliarti a leggere *-*

      Elimina
  3. Ecco una delle recensioni che non vedevo l'ora di leggere.

    Questo libro dev'essere davvero bellissimo e sono contenta tu ne abbia parlato, perchè avevo qualche dubbio sull'acquisto... Ma adesso non ho più dubbi, domani lo andrò a comprare :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono felice di averti invogliato nell'acquisto, spero davvero che ti piacerà perchè secondo me merita molto *-*

      Elimina
  4. Anche a me è piaciuto davvero molto,una storia magistrale e sono contenta della scelta che ha fatto: anch'io avrei scelto così :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Franci è sempre bello vedere che, un libro che a me ha lasciato tanto, emozioni e piaccia anche ad altre persone. La fine è "spiazzante" per certi versi, ma credo sia la più giusta.

      Elimina

Lasciate un segno del vostro passaggio, sono sempre felice di leggere e rispondervi ♥