sabato 12 maggio 2012

Recensione: Dark Shadows di Lara Parker

Buongiorno, il sole splende qui da me e fa un gran caldo, finalmente oserei dire.
Qualche giorno fa ho finito di leggere Dark Shadows di Lara Parker, il libro che gentilmente la casa editrice Tre60 mi ha inviato per poterlo leggere ed ora proverò a recensirlo.
Proprio ieri in tutti i cinema italiani è uscito l'omonimo film di Tim Burton con protagonista Johnny Depp, infatti il mio intento era quello di mettere la recensione ieri, ma purtroppo non ce l'ho fatta.

Trama:
Isola della Martinica, XVIII secolo. Uno sguardo, e il destino di Barnabas Collins è segnato. Per sempre.
Il giovane ufficiale, infatti, s'innamora all'istante di Angelique Bouchard, una ragazza sensuale ed enigmatica dagli occhi profondi come il mare. E anche lei ben presto si lascia ammaliare da quel raffinato rampollo di una ricca famiglia del Maine. Così, quando poche settimane dopo il loro incontro lui le propone di sposarlo, lei accetta con entusiasmo.
Prima di coronare il suo sogno d'amore, però, Angelique deve attendere un anno, il tempo necessario a Barnabas per intraprendere un lungo viaggio verso casa e ottenere la benedizione del padre. Ed è quindi soltanto al suo ritorno che Angelique fa una scoperta devastante: Barnabas ha smesso di amarla e ha già chiesto la mano di un'altra donna.
Umiliata per l'affronto subito e accecata dalla gelosia, la ragazza gli giura allora una terribile vendetta: perchè lei è un adepta dello Spirito Oscuro, una strega esperta nell'arte della magia nera e in grado di condannare un uomo per l'eternità, trasformandolo in un vampiro...
Diventata famosa per aver interpretato il personaggio di Angelique nella serie televisiva originale, con questo romanzo Lara Parker ci introduce nel fantastico mondo di Darks Shadows, il fenomeno di culto che ha ispirato l'omonimo film di Tim Burton.
Il mio pensiero:
Se in questo libro vi aspettavate di trovare l'ironia e simpatia che ritroviamo nel film, avete sbagliato.
Il libro è un miscuglio di emozioni che Angelique, la protagonista, prova nei confronti di Barnabas Collins e di tutti gli altri personaggi.
Nel momento in cui ho aperto il libro pensavo di leggere la storia completa di Barnabas, mentre invece ho trovato tutta, o quasi, la storia narrata dal punto di vista di Angelique, dai suoi anni di gioventù all'inizio felici e tranquilli, che si trasformano poi in anni difficili in cui Angelique è circondata da persone che vogliono usarla e approfittarsi di lei; fino a quando diviene una donna meravigliosa tormentata dall'amore per Barnabas e dai suoi errori commessi in passato.
Il libro è scritto in maniera scorrevole e nonostante sia un tomo decisamente lungo, di ritrovi immersa nella storia senza problemi, a sperare che Angelique non compia quella mossa azzardata, oppure che Barnabas ritorni sui suoi passi e smetta di mentire a questa povera ragazza.
Ho trovato particolarmente attraente il modo in cui l'autrice descrive i dettagli di quel tempo e dei luoghi che incontriamo. Angelique infatti, ha un'amore incondizionato verso la sua terra, soprattutto il mare; con cui la Parker riesce a farti sognare, ti ritrovi di fronte quadri pittoreschi al posto di pagine di un libro; la passione per il mare la troviamo anche nelle varie similitudini che l'autrice usa per raccontare alcuni fatti della storia,
E' un libro diverso dal solito in cui troviamo una strega che compie realmente cose da strega, troviamo il Maligno che viene descritto in modo dettagliato e terrificante (proprio come dovrebbe essere) e infine troviamo un vampiro che si comporta come i vampiri "vecchio stampo", insomma paranormale e fantasy hanno tinte scure e tetre... Sembra quasi di tornare ai tempi del "Dracula" di Bram Stoker in un ambiente gotico e sinceramente in un periodo in cui i vampiri e le streghe vengono fin troppo resi "buoni", questo libro mi ha riportato agli anni passati in cui mi esaltavo a leggere di creature soprannaturali cattive che compiono cose cattive che solo a guardarli ti trasmettono paura.
Cosa non meno importante ci si ritrova completamente trasportati dalle emozioni forti e contrastanti che prova la protagonista, questo amore forte che ti consuma fino a farti compiere atti che non avresti mai immaginato di compiere, ci si ritrova a tratti a tifare per Angelique e a tratti a pensare dentro di te "No Angelique, fermati, è sbagliato, stai esagerando". Troviamo il triangolo amoroso (per niente tipico) in cui si intrecciano la stregoneria di Angelique portata all'estremo dal suo amore, la delusione, l'odio, la morte, ma soprattutto le forti passioni e l'enorme gelosia, questo l'ingranaggio che ti tiene incollata al libro.
Nel romanzo troviamo scene crude e molto forti soprattutto nella prima parte del libro, queste scene possono piacere o meno; ma credo che servano per comprendere realmente quello che la protagonista ha passato e quello che la circonda.

Lara Parker per questo romanzo si è ispirata alla serie televisiva degli anni '90 che andava in onda in America, in cui lei interpretava Angelique, ecco il motivo per cui credo sia riuscita a raccontare così bene e nei minimi dettagli la vita di questo personaggio. La Parker si sente ancora un po' Angelique e in questo libro viene fuori il suo legame forte con questo personaggio.
Il libro mi è piaciuto, amo leggere di streghe e magie e fra queste pagine ce n'è in quantità industriale, amo leggere di amori tormentati che ti portano all'estremo ed infine sono stata contenta di trovare un romanzo che ha portato un po' di "equilibrio" nel mondo del paranormale che ritroviamo in giro ultimamente.
Questo non è un romanzo per adolescenti, questo è un romanzo per adulti che vogliono ritrovarsi dentro alla storia di un'amore forte ma a tratti incomprensibile, di un amore che si trasforma in odio, che ti porta a compiere atti di estremo egoismo. Un amore che ti consuma fino alle ossa e porta morte con sè. Un amore che arriva ad un tragico epilogo.


E come sempre arriva il vostro turno. Cosa ne pensate di questo libro? Vi ho fatto venire voglia di leggerlo oppure di lasciarlo fra gli scaffali della libreria? Magari lo avete già letto, in questo caso sono curiosa di sapere cosa ha trasmesso a voi. E cosa non meno importante vorrei sapere cosa ne pensate delle copertine. La prima che vedete è quella italiana, la seconda quella originale con l'immagine di Lara Parker nei panni di Angelique nella vecchia serie tv.


10 commenti:

  1. A me è piaciuto molto... E per la copertina preferisco quella originale, la trovo più artistica... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono felice che sia piaciuto anche a te, credo sia qualcosa di un po' diverso dai soliti libri "vampireschi" che troviamo in giro in questo periodo :)

      A me piace di più il Barnabas di spalle della copertina italiana :)

      Elimina
  2. c'è un premio per te qui:
    http://locandalibri.blogspot.it/2012/05/altri-premi.html

    RispondiElimina
  3. Un premio per te: http://occhioailibri.blogspot.it/2012/05/your-blog-is-great-premio.html

    RispondiElimina
  4. Vedo che anche tu,come me ed altri blogger che hanno recensito Dark Shadows,hai tifato sia per l'uno che per l'altro. Io fino a quasi alla fine ho tifato per Angelique,perchè dopo tutto quello che gli accade si meriterebbe proprio un grande amore!!
    Poi alla fine sono stata dalla parte di Barnabas, perchè lei cominciava a esagerare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' una bella storia, che ti dà modo di affezionarti a personaggi che, senza conoscere la storia, scarteresti fin dall'inizio :)

      Elimina
  5. Wow che recensione approfondita! Devo dire che stai facendo passi da gigante! Brava Ale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Zia, così mi rendi contentissima, davvero? Grazie mille! *.*

      Ma dimmi, il libro ti ispira o no???

      Elimina
  6. Ho visto da poco il film e non credevo fosse tratto da un libro. Ma ora che lo so e soprattutto dopo aver letto la tua recensione... Non posso non leggerlo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io il film non l'ho ancora visto, anche se essendoci il mio amato Johnny Depp, prima o poi lo guarderò xD

      Ma il libro non è tratto dal film, ma dal telefilm che andava in onda in America negli anni '90 se non sbaglio; infatti da quello che so e che da quello che mi è stato detto da chi ha visto il film, le storie sono decisamente diverse e anche i toni con cui vengono affrontate :)

      Elimina

Lasciate un segno del vostro passaggio, sono sempre felice di leggere e rispondervi ♥