giovedì 23 agosto 2012

Recensione: Ancora un respiro di Kimberly Derting

Buonasera, eccomi con la recensione dell'unico libro che sono riuscita a leggere nella mia settimana di vacanze in Maremma. Ci ho messo esattamente 5 giorni a leggere il libro, non perchè fosse pesante o non mi piacesse, ma semplicemente perchè non ne avevo il tempo e la mia lettura è andata molto a rilento. Posso ritenermi soddisfatta del romanzo, la Derting mi ha colpito ancora una volta.

"Ancora un respiro" è il secondo volume della serie young adult "The Body Finder" di Kimberly Derting, è stato pubblicato in Italia dalla Mondadori nella collana Chrysalide, il 19 giugno di quest'anno, al prezzo di 17,00 euro

ATTENZIONE: PER CHI NON HA LETTO IL PRIMO LIBRO, POTREBBE TROVARE QUALCHE SPOILER.

Trama:
Violet continua a sentirsi chiamare dalle creature che si sono viste strappare la vita. Se va bene, sono animali braccati nel bosco. Ma a volte è un bambino. E lei fa sempre più fatica a gestire questo “dono” mantenendo una normale facciata da liceale. Ora le basta avvicinarsi a un container, nel porto di Seattle, per avvertire le note di un’arpa che non c’è, e tra le foglie sente picchiettare delicate gocce sovrannaturali. Poi iniziano ad arrivarle dei biglietti sinistri. E macabri regali. Ma chi può sapere di lei? E perché due insoliti agenti dell’FBI la tempestano di telefonate? Quando in passato ha coinvolto l’amato Jay nelle sue ricerche segrete, lui si è ritrovato un proiettile a un soffio dal cuore. Adesso Violet è costretta a nascondergli il vortice di percezioni extrasensoriali che la trascina a sé, sempre più ossessivo. E gli nasconde anche il fatto che, mentre lei viene aggredita dai potenti echi della morte in una baita isolata, qualcuno ha tutto l’interesse a far tacere per sempre la sua voce.

Il mio pensiero:
Come ho già anticipato, "Ancora un respiro" mi è piaciuto almeno quanto il primo volume della saga ("La collezionista di voci" di cui trovate la mia recensione QUI) lo stile della Derting è fresco e avvincente, riesce ad intrattenere il lettore sempre con diversi colpi di scena, dando modo di poter conoscere sempre più a fondo i personaggi, ma inventadone di nuovi altrettanto affascinanti e unici.

Questa è sì una serie, ma sono libri che possono essere letti in modo indipendente, in quanto il primo è praticamente autoconclusivo, mentre nel secondo vengono chiariti i fatti più importanti che accadono nel primo volume, dando modo al lettore di comprendere il mondo della protagonista, Violet, con il suo dono e la sua vita. In "Ancora un respiro" ritroviamo tutti i vecchi personaggi, Violet e Jay continuano la loro storia d'amore, anche se qualche piccolo intoppo arriva a disturbare l'amore tranquillo dei due. L'amica Chelsea di cui scopriamo un nuovo lato del carattere che io ho apprezzato moltissimo, ma ci sono anche nuovi arrivi. Mike e Megan, fratello e sorella completamente diversi l'uno dall'altro, con un passato poco chiaro alle spalle, un passato in cui Violet si troverà invischiata senza volerlo. Ma la grande nuova entrata è Rafe, un ragazzo misterioso, serio e "oscuro" che collabora con l'FBI. Ed ecco che veniamo al punto che crea grossi problemi a Violet, l'FBI. La ragazza si ritroverà combattuta e preoccupata, ha sempre tenuto segreto il suo dono pensando fosse la cosa giusta, ma ora le viene data la possibilità di "usarlo" a fin di bene, di far conoscere ad una cerchia più larga di persone quello di cui è capace. E fra questi troviamo il bel Rafe, che sembra la persona che riesce a capire meglio lo scombussolamento di Violet.
In tutto questo Violet troverà nuovi cadaveri, verrà minacciata e penserà di aver perso l'amore del suo Jay; ma troverà anche nuova forza, nuovi amici, nuova sicurezza e forse questo Rafe potrà farle battere un po' il cuore....

Il libro è fantastico, mi piace moltissimo come la Derting riesce a mischiare thriller, paranormale e romance. Li fonde in modo perfetto, senza sbavature, senza creare problemi nella lettura, senza appesantire la mente del lettore. E' tutto fresco e semplice, a portata di tutti, un perfetto young adult che può emozionare i più "piccoli" ma anche gli adulti. 
Suspance, battiti di cuore, novità, pericolo, mistero, sorrisi... Tutto questo mentre si legge un semplice libro, amo quando i romanzi riescono a trasmettermi tutte queste emozioni senza mai esagerare.
Il libro è equilibrato e si fa leggere in modo piacevole, ma soprattutto in un fiato. Una volta che si entra nel mondo di Violet è difficile uscirne. Mi sono ritrovata a tifare per lei, ma anche ad "odiarla" un pochino, mi sono ritrovata a non sapere chi scegliere fra Jay e Rafe, ho fatto salti sulla sedia mentre leggevo, ho sorriso e ovviamente come per ogni libro che mi colpisce, quando sono arrivata alla fine ne volevo di più.
"Ancora un respiro", come per il primo volume della serie, è un libro che si può considerare autoconclusivo, in quanto anche in questo caso la storia inizia, si sviluppa ed ha una fine che risponde a moltissime delle domande.
Ma qual è il libro che quando finisce non ci lascia nemmeno una curiosità? A me non è mai capitato e questo romanzo non fa eccezione. Sono curiosa di sapere cosa si è inventata l'autrice per continuare a tenere il lettore incollato al prossimo volume della saga. Sono curiosa di conoscere meglio i nuovi personaggi che sono stati introdotti, tutti molto interessanti e con tanti spunti per l'immaginazione. Voglio sapere cosa succederà fra Violet e Jay, ora che il "bel tenebroso" ha fatto la sua entrata. Ed infine come sempre voglio avere la possibilità di conoscere sempre meglio i personaggi, come fossero amici o parenti.

Non ho altro d'aggiungere. Lo consiglio a tutti voi, anche a chi non ha letto il primo libro, perchè vi assicuro che avrete comunque modo di capire come stanno le cose, anche se ovviamente con la lettura de "La collezionista di voci" voi avreste un quadro completo dei personaggi e delle situazioni, inoltre tutti e due meritano di essere letti. Vi assicuro che vi piaceranno e vorrete conoscere sempre meglio il mondo di Violet e tutti i personaggi.

Ed ora veniamo a copertina e titolo. Lo stile delle cover originale è sempre simile, abbiamo in primo piano questo fiore splendido con un colore meraviglioso, ma che non stanca. Anche nella cover italiana questa volta hanno usato un fiore ed io trovo che sia spettacolare. Amo quella rosa un po' appassita ma con dei colori splendidi e poi nello sfondo quel viso. Il titolo è stato completamente cambiato, ma devo dire che tutti e due mi piacciono. Sia l'originale che l'italiano li trovo evocativi e adatti alla trama del libro.
Tocca a voi, aspetto i vostri pareri e pensieri.

Infine vi comunico che in lingua originale è già uscito anche il terzo libro della serie "The last Echo" e che il quarto (e credo conclusivo) libro della serie è previsto per il 2013.
Vi lascio il sito dell'autrice in cui trovare notizie su questa serie e su tanti altri suoi libri: http://www.kimberlyderting.com

2 commenti:

  1. Gli ultimi due libri della saga sono usciti solo in lingua originale? Perché non li trovo da nessuna parte...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, sì purtroppo sembra proprio che la serie in Italia sia stata interrotta... si aggiunge alla miriade di altre serie che i nostri editori italiani non concludono... Un vero peccato :(

      Elimina

Lasciate un segno del vostro passaggio, sono sempre felice di leggere e rispondervi ♥