martedì 11 settembre 2012

Recensione: La Prescelta di Mariapia J. Cavarretta

Ho avuto la possibilità di leggere questo libro grazie alla casa editrice "La Caravella Edizioni" che ringrazio infinitamente per la disponibilità.
Il romanzo è stato scritto da una parente di una mia collega, dunque è ovvio che io abbia dedicato attenzione e tempo a questo esordio così particolare.
La Prescelta è il romanzo d'esordio della giovanissima Mariapia J. Cavarretta, pubblicato da La Caravella edizioni, nel luglio di quest'anno, al prezzo di 13,00 euro.

Quarta di copertina:
Un numero, il 4. Strane correlazioni, coincidenze che riportano l'inquietante ripetersi delle stesse unità. Kristen e Adam, agenti dell'FBI catapultati in un'altalena di emozioni, provano a guardare più a fondo.
Scopriranno molto più dell'immaginario. Pagine di suspanse, sullo sfondo di giorni futuristici.

Il mio pensiero:
Come vi ho detto ho conosciuto questo libro per caso, chiacchierando con una mia collega, mi disse che una sua parente aveva scritto un libro e con la mia incredibile curiosità mi sono subito informata, dopo aver avuto il titolo ho cercato su internet questo libro e mi sono mobilitata per leggerlo.

La prescelta è un libro veloce, la narrazione è un treno in corsa. Non c'è un attimo di respiro, gli eventi si susseguono uno dietro l'altro e il lettore è catapultato nel mondo creato dall'autrice, si scontra con strani omicidi, eventi inquietanti, personaggi strambi, menzogne, emozioni forti, colpi di scena... Insomma, un turbine di emozioni avvolge il lettore.

La storia racconta di Kristen, una giovane ragazza che uscendo dal suo luogo di lavoro inciampa (letterlmente) in un corpo senza vita. Dopo aver chiamato la polizia, si ritroverà davanti Adam, suo vecchio compagno di college e si scopre che fra i due non scorre buon sangue. Ma l'evolversi delle situazioni li vogliono protagonisti dell'intera storia. Infatti ad Adam viene affidato il compito di sorvegliare (o proteggere) Kristen.
Adam si farà trascinare dalle intuizioni di Kristen e dalla sua vita, di cui si rende conto non conoscere niente. Entra nella sua famiglia, conoscendo lo zio e il fratello che per fortuna aiuteranno i due "perseguitati". 
Perchè Adam e Kristen si ritroveranno inseguiti dalla stessa polizia, che non è detto sia sempre dalla parte del giusto. Le cose si faranno sempre più complicate e misteriose, avranno a che fare con un numerologo che cercarà di aiutarli a capire la presenza costante del numero quattro e che li accompagnerà al finale del libro.

La prescelta è un libro interessante in cui thriller e mistery si mischiano in modo equilibrato.
In effetti mi ha ricordato un film visto anni fa, in cui il protagonista era Jim Carey, ed era ossessionato dal numero 23. 
Ecco qui ci troviamo di fronte ad un'ossessione, ma con il numero quattro. E purtroppo si scoprirà che l'ossessione per questo numero non appartiene solo alla protagonista, ma anche ad altri personaggi misteriosi.
L'autrice è riuscita a creare una storia particolare, forse non originalissima, ma è riuscita ad arricchirla di elementi storici e mistici, che rendono la lettura piacevole e scorrevole.

Purtroppo non è stato tutto rose e fiori, a parte una quantità notevole di refusi che hanno disturbato la lettura, si percepisce che l'autrice è alle prime armi, con descrizioni un po' banali, senza riuscire a tenere il lettore sulle spine; appena arrivava sulla scena un nuovo personaggio, si conoscevano subito le caratteristiche fisiche, elencate quasi come fossero una lista; i colpi di scena ci sarebbero, ma purtroppo l'evolversi della trama mi è risultato abbastanza prevedibile.
Lo stile dell'autrice è acerbo e semplice, ma non per questo il libro è da evitare.
Anzi, ripongo molta fiducia nella Cavarretta, perchè è riuscita a esporre la narrazione in modo particolare, è riuscita ad attirare la mia curiosità e ha mantenuto thriller e mistery fino all'ultima pagina.

Sono certa che con questa esperienza l'autrice abbia imparato molto e potranno esserci solo migliorie nei suoi prossimi lavori.
Un appunto sul finale, la storia si conclude, ma non completamente. C'è un epilogo che lascia immaginare tantissime cose, ecco perché credo ci dovrebbe essere un continuo, un secondo volume in cui le avventure di Kristen continuino.

Lo consiglio, perchè pur essendo un'autrice esordiente (e ripeto giovanissima), il potenziale c'è e si percepisce. La fantasia, la capacità di raccontare, l'intelligenza e la voglia di scoprire, ci sono tutte e sono fortemente presenti.
Dunque faccio in bocca al lupo a questa autrice, sperando di poter leggere qualcos'altro di suo, anzi sperando di leggere il secondo volume dedicato a "La prescelta".

4 commenti:

  1. Ciao, sono l'autrice del libro :)
    Volevo ringraziarti per aver letto il mio libro e sopratutto per avergli dato spazio e visibilità nel tuo blog. Non è affatto facile ampliare il proprio pubblico quando pubblichi per la prima volta con una casa editrice non proprio famosissima! Riguardo gli errori hai perfettamente ragione: sono molti ed hanno infastidito anche me rileggendo il libro, infatti ho provveduto a contattare la casa editrice in modo da correggerli per eventuali ristampe. Grazie ancora!
    MariaPia J. Cavarretta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mariapia ti ringrazio infinatamente per essere passata di qui, per aver letto la recensione e aver commentato, è un immenso piacere.
      Già che ci siamo, ti chiedo in "diretta" se per caso ci sarà un seguito del romanzo...
      Come ho già detto spero di poter leggere qualche altro romanzo.
      Grazie ancora,ti abbraccio.

      Elimina
  2. Ciao Alessia, passa da me! io sono appena diventata lettrice fissa! bellissimo blog!!!
    complimenti perchè adesso che lo hai sistemato è SUPER!

    RispondiElimina
  3. Grazie mille Chiara. Passerò sicuramente da te :)

    RispondiElimina

Lasciate un segno del vostro passaggio, sono sempre felice di leggere e rispondervi ♥