mercoledì 17 ottobre 2012

Recensione: Niceville di Carsten Stroud

Eccomi qui, dopo aver provato a riordinare le idee mi lancio nella recensione di questo particolarissimo libro.

Niceville di Carsten Stroud pubblicato da Longanesi il 13 settembre di quest'anno, al prezzo di 17,60 euro.

Trama:
Benvenuti a Niceville, una piccola cittadina del sud degli Stati Uniti, circondata dal verde delle colline, popolata di alberi e di antiche ville coloniali e... abitata dal Male. A Niceville, ogni famiglia nasconde un segreto. A Niceville, la gente sparisce nel nulla, e raramente se ne trova traccia. Per questo, quando Rainey, di soli dieci anni, scompare, tutte le forze di polizia locale si mobilitano, senza alcun indizio da seguire...
E' solo il primo anello di una catena di avvenimenti che travolgeranno, nel giro di trentasei ore, la vita di molte persone. Nick Kavanaugh, un poliziotto con un lato oscuro, indaga, aiutato dalla moglie Kate, ma a Niceville il male sembra essere molto più forte degli uomini.

Il mio pensiero:
Questo libro mi ha subito incuriosista, la trama sembra quella di un tipico thriller, ma c'erano piccoli segnali che mi hanno fatto affascinare al libro. In primis il nome della cittadina (da cui prende il nome anche il libro), Niceville, letteralmente "paese carino", ed è completamente agli antipodi di quello che la trama trasmette. E poi queste misteriosi sparizioni, certo in un thriller sono comuni, ma l'ultima frase "... a Niceville il male sembra essere molto più forte degli uomoni", questa frase mi ha completamente convinta.

Niceville è un libro particolare, oserei dire quasi unico. Balza subito all'occhio la struttura con cui è stato studiato e poi scritto; sembra di seguire un telefilm, con titoli dei capitoli che riportano il nome del personaggio che per quelle poche pagine sarà protagonista e la storia che prosegue ad ogni capitolo, interrotta e poi ripresa portando in gioco tutti i personaggi del libro.
Ogni personaggio in questo libro ha il suo "momento di gloria", anche quello che sembra più insignificante, serve per far andare avanti la storia, per avere un quadro totale di quello che accade nell'intero libro.

Lo stile dell'autore è meraviglioso. E' forte e preciso, ma riesce anche ad essere dettagliato e ricco di particolari. Ci sono capitoli, in cui troverete la parte "thriller" del libro, ricchi di colpi di scena, di azione e con un ritmo serrato; e poi ci sono i capitoli, in cui troverete la parte "paranormale e misteriosa" del libro, in cui le descrizioni e i particolari, sono padroni indiscussi.
Nonostante la massa non indifferente di personaggi, questa cosa non crea disturbo al lettore; anzi in un modo o nell'altro abbiamo la possibilità di conoscerli, ovviamente alcuni sono più caratterizzati di altri, ma bene o male ognuno di loro ci lascia qualcosa, ci lascia domande e risposte a cui pensare.

Tutto ruota attorno al Male che aleggia a Niceville e ogni personaggio ne avrà la dimostrazione, sulla propria pelle, oppure tutto intorno a sé.
L'arma magica del romanzo è questo equilibrio quasi perfetto fra thriller, paranormale e mistero. Era tanto, tanto tempo che non leggevo un romanzo così ben strutturato, particolareggiato e originale. Thriller, paranormale e mistero sono generi che si sposano spesso e bene insieme, ma pochi autori riescono a far vivere il libro nella mani del lettore.

Quando ho letto il finale sono rimasta un po' delusa, perché l'ho trovato troppo aperto, con troppi punti di domanda e pochissime risposte. Anzi, se possibile invece che risolvere le domande poste in tutte quelle pagine, ne aveva create altrettante. E così mi sono messa alla ricerca ed ho scoperto che Niceville sarà una trilogia. A questo proposito vi consiglio di visitare il bellissimo sito americano dedicato a questa futura serie: http://www.nicevilleusa.com/

E' sicuramente una lettura che ha bisogno di attenzione, non è un libro leggero o semplice, bisogna seguire per filo e per segno gli avvenimenti e i personaggi, perché altrimenti potrebbe arrivare il punto in cui ci si perde e non si capisce più niente; ma credo sia proprio questa attenzione, che il libro richiede al lettore, ad incuriosire e affascinare così tanto.
Consiglio il libro a tutti, ma non a chi cerca qualcosa di leggero e semplice. Questo romanzo ha bisogno della vostra mente e del vostro cuore, altrimenti voi non potrete capirlo e apprezzarlo ed esso non potrà vivere fra le vostre mani.

Per concludere vorrei darvi un ultimo consiglio. Navigando per il web in cerca di più informazioni sul romanzo, ho scoperto per puro caso un'intervista fatta da Alessandra, del blog The blog around the corner, all'autore del libro, Carsten Stroud. Ho deciso di lasciarvi il link per leggerla perché l'ho trovata splendida e dettagliatissima. INTERVISTA

Passiamo alla parte super finale della recensione. Cover e titolo. Sul titolo non possiamo dire niente, è stato mantenuto quello originale e non potevano fare scelta migliore, stessa cosa per il font che mi pare sia praticamente lo stesso. La cover è stata cambiata completamente e dopo aver letto il libro posso dire con certezza che quella originale, anche se molto semplice e forse poco chiara, è decisamente più in linea con tutto il romanzo, molto migliore.


Aspetto i vostri commenti, ditemi cosa ne pensate della mia recensione e fatemi sapere se avete letto il libro, ditemi anche se avete visitato i vari siti che vi ho lasciato e cosa ne pensate.
Insomma, come sempre, aspetto i vostri consigli e pareri.
***
Con questa recensione partecipo alla Hogwart Reading Challenge

14 commenti:

  1. Se già ero convinta di leggerlo adesso lo voglio assolutamente! Ale allo zio glielo spieghi tu perchè in casa nostra non c'è più spazio per muoversi a causa dei libri! Cover... mmmm mi piacciono entrambe, ma dopo la tua recensione, vista la componente paranormale, scelgo quella originale! E' inquietante!

    RispondiElimina
  2. .. sempre io mi sono dimenticata un pezzo XD quando ho letto che il finale ti aveva lasciata delusa mi stavo già deprimendo.. odio quando i finali non ci accontentano, ma per fortuna ci hai dato la "bella" notizia della trilogia! E altri soldi che se ne vanno XD

    RispondiElimina
  3. Allora grazie alla tua bellissima recensione anche questo libro finisce nella mia lista dei desideri... penso proprio di prenderlo per il kindle come tutti i thriller ormai. Grazie del consiglio!

    RispondiElimina
  4. Monica, devi assolutamente leggerlo. Anzi sono certa piacerebbe anche allo zio, dunque potrebbe essere un modo per convincerlo... Oppure potrebbe arrivarti magicamente per il tuo compleanno visto che si avvicina ^^
    Ormai se i libri non sono trilogie/serie sembra che non vengano pubblicati, un vero peccato; ma in questo caso Niceville merita un seguito.

    Micht, anche per te sono certa che il libro sia nelle tue corde, ti piacerà e spero potrai leggerlo il prima possibile. Una curiosità, come mai i thriller li prendi in ebook?

    RispondiElimina
  5. Perchè leggendoli una volta sola di solito preferisco averli in e-book a non occupare spazio

    RispondiElimina
  6. *_* questo libro mi incuriosiva già prima ancora di uscire ora è ufficiale dovrà essere mio! XD

    RispondiElimina
  7. Debora, merita sul serio di essere letto. E già curiosa di sapere cosa ne penserai dopo averlo letto :)

    RispondiElimina
  8. Mi dispiace non condividere una recensione così positiva...il libro parte bene...ma poi...consiglio di leggere qualcosa di king...niceville finirà a fare da zeppa sotto qualche tavolo traballante:)

    RispondiElimina
  9. Mik, non ti è piaciuto? Non me lo sarei mai aspettato, non so perché, ma ero convinta fosse piaciuto anche a te. Peccato....

    RispondiElimina
  10. Un altro libro che aggiungo alle mie future letture! :)

    RispondiElimina
  11. Jen, come ti ho già detto non pensavo ti piacessero i thriller, questo sicuramente merita, nonostante una trama molto intricata, se gli si dedica la giusta attenzione e il giusto tempo, è sicuramente una lettura che rimane viva.

    RispondiElimina
  12. Da iper appassionato di King l'ho cmq trovato carino Niceville, c'è descritta una banalità del male (quello nelle persone) che non c'è in molti romanzi appunto di King....bravo Stroud!| bei personaggi, molto cinematografico e televisivo, vedremo. Il finale non è poi così male

    RispondiElimina
  13. il libro mi è stato regalato e già dalla trama sono rimasto molto incuriosito...poi il libro molto ben strutturato, mi ha ricordato la serie 'Heroes' in cui si salta da un personaggio all'altro per poi intrecciarsi :D molto bello, mi piace molto...e oggi, dopo qualche settimana che l'ho finito scopro che è una trilogia ahah non vedo l'ora di leggere gli altri due

    RispondiElimina
  14. Poteva essere un bel thriller! La storia di un assalto alla banca, la successiva uccisione di quattro uomini dell'ordine all'inseguimento dei banditi, le indagini per rintracciare i colpevoli e assicurarli alla giustizia...le doti di bravo scrittore non mancano a Stroud: capace di descrivere con perizia l'ambiente, le persone, le motivazioni e gli intrecci psicologici...ma allora perchè infilarci il paranormale? Ecco come rovinare un bel libro! Di sicuro non tornerò a Niceville

    RispondiElimina

Lasciate un segno del vostro passaggio, sono sempre felice di leggere e rispondervi ♥