sabato 3 novembre 2012

Recensione: Shadowhunters - Città delle anime perdute di Cassandra Clare

Ok, oggi devo prendere coraggio e provare a parlarvi dell'ultimo libro che ho finito di leggere.
Chi mi segue saprà che ho un'adorazione incondizionata per i libri di Cassandra Clare, ma oggi proverò a "recensire" l'ultimo libro pubblicato della serie degli Shadowhunters.

Shadowhunters - Città delle anime perdute, è il quinto volume della saga dedicata ai miei amati Nephilim. Scritto da Cassandra Clare, edito in Italia da Mondadori nella collana Chrysalide, pubblicato il 16 ottobre di quest'anno, al prezzo di 17,00 euro.

Trama:
Lilith, madre di tutti i demoni, è stata distrutta ma quando gli Shadowhunters arrivano a liberare Jace, che lei teneva prigioniero, scoprono che è scomparso, ed è sparito anche il figlio di Valentine, Sebastian. Un figlio determinato a riuscire dove il padre ha fallito e pronto a tutto per annientare gli Shadowhunters. Ben presto, Clary ritrova Jace ma scopre che non è più la persona di cui si era innamorata: in punto di morte Lilith lo ha legato per sempre a Sebastian, rendendolo un fedele servitore di Valentine. Purtroppo non è possibile uccidere uno, senza ferire anche l'altro. A chi spetterà il compito di preservare il futuro degli Shadowhunters, ora che Clary sprofonda in un'oscura furia che mira a scongiurare a ogni costa la morte di Jace?

Ci tengo ad avvisarvi che non sarà una recensione completamente obiettiva ed ovviamente, per chi non ha letto i libri precedenti, ci saranno alcuni spoiler.

Il mio pensiero:
Da dove inizio? Wow!
Questa è stata la prima cosa che ho pensato appena ho finito il romanzo: Wow!
Perché con Città delle anime perdute, Cassandra Clare riesce a far entrare il lettore, ancora di più se possibile, nel mondo da lei costruito.
I personaggi sono sempre più caratterizzati, scopriamo aspetti dei loro caratteri nuovi, troviamo intrecci dei loro sentimenti che rendono tutto più realistico.
Conosciamo nuovi personaggi, c'erano infatti due "gruppi" che desideravo conoscere da tempo e finalmente le mie richieste sono state accontentate. In questo libro conosciamo il Praetor Lupus e Le Sorelle di Ferro. Due gruppi che non erano mai stati approfonditi, aleggiavano nelle storie dei libri, ma non abbiamo mai avuto la possibilità di conoscerle... Beh questa volta ci siamo riusciti, rimangono molti aspetti misteriosi, ma credo sia uno dei motivi per cui i romanzi della Clare piacciono così tanto e hanno così successo.
Ti fa conoscere i personaggi dei suoi libri con cura maniacale, ma lo fa prendendosi il suo tempo, dando imput al lettore, lasciando piccoli indizi e tutto questo messo insieme piano piano ti fa conoscere quasi alle perfezione un personaggio... Ma come le persone vere e reali, anche i suoi personaggi cambiano ed evolvono e noi seguiamo questa evoluzione, lo facciamo a bocca aperta e con il cuore che batte al ritmo delle sue parole scritte su carta.

Oltre ai personaggi, la Clare ha una grande attenzione anche per le ambientazioni, in questo libro ne conosciamo di nuove, veniamo portati nella nostra Italia e in altre capitali europee e proprio come altre volte, l'autrice riesce a dipingere un quadro magico e pieno di dettagli di queste ambientazioni, adattando il tutto alla narrazione e alla storia degli Shadowhunters. Rimangono sempre i toni scuri e un po' "gotici", ma ogni tanto arriva qualche sprazzo di luce e colore che rende la lettura sempre più interessante e completa.

Un'altra cosa che continuo ad apprezzare sempre di più è la capacità che ha l'autrice di raccontare le scene di lotta, battaglia e combattimento. E' come se mi trovassi dentro un film nel momento esatto dell'azione più intensa. Si ha la sensazione di combattere al fianco dei personaggi, sentiamo l'adrenalina, proviamo paura, sentiamo il coraggio, la forza... 
E nello stesso modo in cui racconta magistralmente le scene d'azione, l'autrice riesce a raccontare le scene d'amore, donando un pizzico di sensualità ed un pizzico di dolcezza. Riesce a bilanciare le due cose in modo quasi perfetto. Donando al lettore scene d'amore dolci e sensuali, passionali e tenere; e questo cambia anche a seconda del personaggio protagonista di queste scene.

Lo stile della Clare è sempre molto scorrevole, lo si legge senza intoppi e senza problemi di comprensione, uno stile che trovo sempre più personalizzato mano a mano che la serie continua. E' difficile cercare di spiegarlo, ma la Clare non lascia nulla al caso, riesce a descrivere in modo meraviglioso i personaggi, le ambientazioni e i sentimenti. Il lettore è in grado di buttarsi a capofitto in questa storia e si ritrova travolto da tutta questa attenzione ai dettagli, sente i sentimenti scorrere, riesce a guardare negli occhi i personaggi, riesce a fare una passeggiata nella "location" scelta per quell'attimo. Ecco perché amo i libri di quest'autrice, rende tutto "possibilmente reale", nonostante tratti argomenti ben poco realistici. Cattura il lettore e non lo molla finché il libro non viene chiuso... Anzi, a dirvi la verità, mi è capitato più volte di rimanere dentro le storie della Clare anche dopo giorni che avevo finito di leggere uno dei suoi libri.

Questo libro racchiude tutto il meglio, la storia si evolve in modi inaspettati, cerca di dare al lettore sollievo, ma allo stesso tempo è angosciante; i personaggi evolvono e noi lo facciamo con loro, li appreziamo e abbiamo modo di riflettere sulle loro scelte; le ambientazioni sono sempre più dettagliate, senza mai lasciare da parte quel tocco dark che fa parte di questa saga.
Il finale, come d'abitudine ormai, mi fa amare e odiare Cassandra Clare. Dà risposte piacevoli, conclude alcune cose in modo meraviglioso e altre strappando lacrime al lettore... E per finire, lascia miliardi e miliardi di domande senza risposte; uno pensa di concludere il libro avendo risposte sufficienti per resistere, per non morire di curiosità... Beh la Clare riesce a dare al lettore l'illusione di avere le risposte, lo illude di lasciarlo tranquillo fino al continuo, ma non è così... Mai.

Non posso e non voglio aggiungere altro, nella mia testa mi sto già ingarbugliando e sto creando caos.
Ormai mi sento parte integrante di questa saga (e della trilogia prequel), quando leggo questi libri, o anche solo quando li guardo nella mia libreria, i miei occhi brillano e il mio cuore aumenta il battito.
E' sempre meraviglioso sapere che ci sono libri in grado di farci sognare e perdere in un mondo "irreale" per tutto il tempo che vogliamo. Ecco io vorrei potermi perdere per sempre nei libri dedicati agli Shadowhunters.

Non posso consigliare questo libro senza dire che dovete leggerli TUTTI. So che alcune persone sono rimaste un po' deluse dal quarto, molte avrebbero preferito che la saga rimanesse una trilogia; io non faccio parte di queste persone, ecco perché all'inizio della recensione ho messo in chiaro che non sarei stata obiettiva.
Credo che amerò la Clare, i suoi libri e il suo mondo fino alla fine e continuerò a leggerli e rileggerli amandoli ogni volta di più.

Ed infine non possono mancare titolo e copertine. Lo stile adottato per le cover italiane, fin dall'inizio non mi ha mai entusiasmato molto e le cose non cambiano con la cover di quest'ultimo romanzo. Mentre le cover originali sono sempre da infarto. Piene di dettagli, completamente in sintonia con il romanzo e la storia, ormai mi sono affezionata anche a quelle e avrei voluto con tutto il cuore che in Italia fossero mantenute anche quelle.
Per il titolo non posso dire niente, è semplicemente la traduzione dall'inglese all'italiano. L'unica cosa che cambia è il titolo della serie che qui in Italia è "Shadowhunters" e in America è "The Mortal Instruments".

HO FINITO, spero di non avervi annoiato e spero di trovare riscontri positivi per questo libro e per la mia recensione.
Commentate e ditemi la vostra.
***
Questa recensione partecipa alla Hogwart Reading Challenge

10 commenti:

  1. Io spero solo che sia meglio del primo che mi aveva deluso un pò sia per la prima parte dove il ritmo era lentissimo (poi nel finale è decollato) che la parte finale dove proprio il finale mi ha lasciato di stucco avendo voglia di gettare il libro chiedendomi se la Clare sia sadica! XD

    RispondiElimina
  2. oddio è li che aspetta sullo scaffale *-* ora che ho letto ho ancora di più le smanie di cominciarlo D: ma prima ne devo finire un altro ç.ç

    RispondiElimina

  3. Ciao io sono nuova,ma leggendo i tuoi post ho pensato ke mi piace molto il tuo blog.Allora io ho appena finito il libro,anke se mi ero detta di aspettare a leggerlo perché il seguito uscirá fra un sacco di tempo e se lo finivo subito poi avrei dovuto aspettare tanto per leggere il prossimo,ma quando l'ho avuto tra le mani nn ho resistito.Sappi ke io sn perfettamente d'accordo cn te,io adoro i libri della clare e il suo modo di scrivere e a me il quarto libro è piaciuto;cosí come mi sn piaciuti i prequel della saga(anke se ho qualcosa da ridire sulla scelta di tessa).

    RispondiElimina
  4. Micht, parli del primo libro dopo la trilogia iniziale?
    Comunque posso affermare che la Clare è realmente sadica ahahahaha

    Denise, spero lo leggerai presto e spero di leggere la recensione *_*

    Rebbi, prima di tutto ti ringrazio di essere qui, se ti va unisciti ai follower :)
    Sono contentissima di aver trovato un'altra appassionata alla Clare come me, è uno dei motivi per cui ho creato questo blog, trovare persone che condividono i miei gusti.
    Per fortuna, avremo anche l'ultimo libro della trilogia prequel, spero arrivi presto *_*

    RispondiElimina
  5. Ciao!! ^^
    Anche a me è piaciuto molto questo libro.. Come d'altronde tutta la serie! Ora la depressione totale ad aspettare l'ultimo libro..
    Mi è piaciuta molto l'evoluzione del personaggio di Isabelle e la sua parte tenera dietro la corteccia.. Faccio il tifo per lei e Simon!
    Per le cover, secondo me la Mondadori ha preso un abbaglio spaventoso.. Aveva iniziato bene con le copertine originali, poi per distinguersi ha combinato questa catastrofe! In più io ho il I e il III con la copertina vecchia.. Non ti dico l'effetto in libreria!!

    Ah! Sono Serena, piacere.. Sono una nuova follower e un apprendista del fantastico mondo dei blog.. Mi ha colpito la tua immagine del banner perché è veramente suggestiva, e mi chiedevo se potevo mettere il bannerino del tuo blog sul mio :)
    A presto!)

    RispondiElimina
  6. Si alessia parlo del primo libro di questa nuova serie...

    RispondiElimina
  7. Serena, posso capire la tua depressione per l'attesa, purtroppo ci vuole tempo e ormai lo sappiamo, ma farsene una ragione è sempre più complicato.
    L'evoluzione di Isabelle dall'inizio della saga è spettacolare, uno dei migliori personaggi finora. E lei e Simon sono qualcosa di meraviglioso *_*
    Serena, grazie per essere diventata follower, mi farò un giro sul tuo bloggettino :)
    Per il banner non ci sono problemi :)

    RispondiElimina
  8. La Clare è oggettivamente sadica, non quanto Martin, ma comunque s'impegna XD.
    Ale, sono d'accordo quasi al cento per cento con te, anche se non mi prenderà mai come i primi tre (ammetto che ho pianto abbondantemente in alcuni punti nella prima parte della trilogia).
    Alec? Magnus?
    MAUREEN?
    E tutti, in questo è bello perchè sono veramente tanto in ballo tutti.
    Ma vorrei dire solo che la battuta migliore è di Isabelle: -Chi è Sheldon?- XD -

    RispondiElimina
  9. ciao a tutti!!! ho appena scoperto questo sito... e vorrei farvi qualche domanda su questo libro... quello qui sopra..io ho letto tutti e 4 i libri "shadowhunters" e trà qualche giorno..mi arriva l'ultimo...volevo sapere se la storia si concluderà con quest'ultimo libro..o se ce ne saranno altri.... se mi sapete dire di più ve ne sarei eternamente grata!!!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao e benvenuta Maria :)
      Allora, Città delle Anime Perdute è il penultimo libro della serie, solo che il sesto deve ancora essere pubblicato anche in America, dunque non so proprio dirti quando uscirà in Italia. E si chiamerà City of Heavenly Fire.

      Elimina

Lasciate un segno del vostro passaggio, sono sempre felice di leggere e rispondervi ♥