mercoledì 12 dicembre 2012

Recensione: "A piedi nudi nell'erba" di Susan Mallery

Buongiorno carissimi follower e passanti :)
Come state? Io sono sempre più in preda al gelo e vorrei realmente potermi accoccolare sotto le coperte a qualsiasi ora del giorno, peccato che di mezzo ci siano lavoro, casa e famiglia xD
Oggi vi parlerò dell'ultimo libro che ho letto e che mi ha lasciato piacevoli sensazioni.

A piedi nudi nell'erba è il romanzo di Susan Mallery, pubblicato dalla Harlequin Mondadori, il 30 ottobre 2012, al prezzo di 9,90 euro.


Trama:
Una donna forte nasconde spesso insicurezze e ferite che la rendono inquieta. E non sempre tornare a casa significa conquistare la pace, soprattutto se lo scenario che ci accoglie è il più lontano possibile da quello che ci eravamo immaginati. Quando Michelle Sanderson arriva al Blackberry Island Inn per proseguire l'attività di Bed and Breakfast di sua madre, scopre che la casa è sotto ipoteca e ci vive anche la sua ex migliore amica, Carly Williams. Il suo primo istinto è cacciarla subito, ma le circostanze costringono le due donne a collaborare nella gestione dell'albergo. Tra scontri, incontri e ammissioni di colpa, Michelle avrà modo di fare i conti con se stessa, imparando a sentirsi di nuovo a casa, liberandosi dai fantasmi del passato per camminare ancora a piedi nudi nell'erba.






Il mio pensiero:
Il mio desiderio era provare ad avvicinarmi a questa casa editrice, non sono mai stata molto una ragazza da "Harmony" o romanzi rosa, non mi sono mai appassionata molto a storie sdolcinate ed un po' erotiche e così ho sempre cercato di girare al largo... Ma un giorno ho pensato "Che diavolo, cosa mai mi succederà se provo a leggere libri di questo genere?" e così ho deciso di iniziare proprio con "A piedi nudi nell'erba".

Mi aspettavo una storia completamente diversa, devo ammetterlo... Pensavo tutto sarebbe stato contornato da estremo romanticismo e un po' di erotismo, ed invece la storia è stata piacevole e molto emozionante.
Michelle e Carly sono le protagoniste indiscusse, la narrazione avviene in terza persona, ma abbiamo la possibilità di seguire le vicende sia rimanendo vicine a Michelle, sia a Carly e sicuramente questo aspetto a giovato molto alla lettura.
Infatti l'intera storia ruota attorno a queste due donne completamente diverse, che affrontano la vita in modo diverso, con un passato simile che da migliori amiche le ha rese "acerrime" nemiche... Ma quando si troveranno costrette a collaborare e stare insieme metà delle loro giornate, si accorgeranno (con i giusti tempi) che hanno bisogno l'una dell'altra; che il dolore che ha sofferto una, l'ha sofferto anche l'altra, vivendolo in modo diverso.
Il passato le ha divise, il presente le costringe a convivere e forse il futuro le farà di nuovo amare.

"A piedi nudi nell'erba" è una storia intensa di amicizia, di dolore e gioia, di distruzione e ricostruzione, di cattiveria e bontà; di problemi che sembrano insormontabili, ma che, con una buona dose di coraggio e fiducia, si potranno superare facilmente.
Lo stile dell'autrice non brilla certo per originalità, è un romanzo molto semplice e sobrio, non richiede particolare attenzione, il lessico è facilmente comprensibile da chiunque, ma nonostante questo, è un romanzo che riesce a liberare una mole non indifferente di emozioni, io personalmente mi sono appassionata alla storia, ho amato molti personaggi, ovviamente Michelle e Carly sono le due che conosciamo meglio, ma ci sono tanti altri personaggi secondari, caratterizzati abbastanza bene, che riescono a sprigionare emozioni, nel loro piccolo riescono a far affezionare il lettore. E questo non è sempre ovvio in ogni romanzo.
Ho apprezzato molto il fatto che la storia non fosse basato sulle tipiche storie d'amore, ma su un'amicizia difficile, che sembra finita, ma che in realtà può donare ancora moltissimo. Come ho apprezzato il fatto che le due protagoniste non siano delle "rammollite" con gli occhi a cuoricino, hanno i loro problemi, ma hanno la forza per affrontarli, cadono ma si rialzano, e alla fine di tutto l'amicizia trionfa.
Il finale era abbastanza scontato, ma l'ho apprezzato molto lo stesso, dopo tutti i problemi che si affrontano durante la storia, è bello sapere di potersi rilassare alla fine.

E per concludere, lo consiglio come romanzo. Se avete voglia di rilassarvi e passare una piacevole giornata (è un romanzo veloce, io l'ho letto circa in un giorno), scegliete "A piedi nudi nell'erba", ma non aspettatevi di rimanere indifferenti di fronte alle emozioni che può provocare al lettore.
Ho scoperto che "A piedi nudi nell'erba" è il primo romanzo della "Blackberry Island Series", non so se la Harlequin continuerà a pubblicare i seguiti di questo romanzo (che devono ancora uscire anche in America), ma non mi dispiacerebbe continuare a leggere di altre avventure con Michelle e Carly :)

Titolo e cover, come sempre vi metto quelle italiane e quelle americane. Sono completamente diverse. La cover italiana ha una predominanza del colore verde, mentre in quella originale troviamo il blu e l'azzurro.
Le immagini sono due fotografia completamente diverse, ma devo ammettere che mi piacciono tutte e due. Sicuramente la prima ricorda meglio la storia ed è più attinente, ma la seconda riesce a darmi un senso di pace interiore che mi lascia estasiata. I titoli possono considerarsi simili, ma mi piace leggermente di più quello italiano. (La traduzione letterale di quello originale sarebbe "La stagione a piedi nudi"). Mentre amo tantissimo il font che hanno usato per il titolo originale.


Beh, io ho detto veramente tutto. Spero avrete voglia di leggere la mia recensione e commentarla insieme a me, idem per cover e titolo... Sapete che ci tengo ad avere le vostre impressioni e i vostri pareri  :)

***
Questa recensione partecipa alla  Hogwart Reading Challenge

4 commenti:

  1. Mmm...non so, sono un po' scettica su questo libro :) Mi aspetto una storia piuttosto piatta/banale/prevedibile, non so spiegare bene il perchè...però mi sembri abbastanza soddisfatta. E forse avere delle basse aspettative (come me in questo caso) può lasciare piacevolmente sorpresi...?

    RispondiElimina
  2. Ok, ho fatto un casino :(
    Questa recensione doveva essere postata domani, stasera dove sistemare un paio d cose e poi programmarla per domani... Invece ho fatto un casino.
    Chiedo scusa a tutti quelli che dopo questa recensione troveranno la rubrica "WWW...Wednesdays" in cui come lettura presente cito proprio questo libro.
    Come sempre faccio dei danni, spero comunque qualcuno leggerà questo pensiero.

    Lucia, anch'io ero scettica, sicuramente non è un libro indimenticabile o perfetto, ma a me è piaciuto abbastanza e mi ha emozionato, anche se è semplice e un po' prevedibile...

    RispondiElimina
  3. UUU *_* ce l'ho e presto lo leggerò :)
    Sono curiosa, davvero! neanche io ho mai letto nulla della harmony, quindi sono curiosa pure per quel motivo.
    Belle riflessioni; per quanto riguarda la copertina preferisco l'italiana ma il font dell'originale :D

    RispondiElimina
  4. Giuls, uffi ho sbagliato a mettere la recensione :(
    Comunque spero proprio ti piacerà anche a te, è una lettura piacevole e veloce (almeno secondo me). Un bacio!

    RispondiElimina

Lasciate un segno del vostro passaggio, sono sempre felice di leggere e rispondervi ♥