sabato 29 settembre 2012

Shopping Books #15

Ehilà carissimi, so che è tardi e che il pomeriggio si sta trasformando in sera... Ma per me, questo è il primo momento di relax da stamattina e dopo dovrò tornare anche a lavorare, insomma un sabato quasi da dimenticare.
Ma veniamo alla splendida rubrica in cui vi presento i nuovi arrivi nella mia libreria.
Ecco i libri di questa settimana, tutti insieme appassionatamente xD
Sono tutti libri che mi sono stati inviati gentilmente dalle rispettive case editrici. Ve li ho già presentati nel blog tramite varie anteprime, ma ci tengo a parlarvene di nuovo, non si sa mai che vi sia sfuggito qualche post.
E partiamo anche dal fatto che non so assolutamente da quale di questi inizierò a leggere. Forse "Una casa perfetta", forse "La lista dei desideri dimenticati", proprio non lo so.
Titolo: Niceville
Autore: Carsten Stroud
Editore: Longanesi
Data di uscita: 13 settembre 2012
Prezzo: 17,60 €
Pagine: 350

Trama:
Benvenuti a Niceville, una piccola cittadina del sud degli Stati Uniti, circondata dal verde delle colline, popolata di alberi e antiche ville coloniali e.... abitata dal Male. A Niceville, ogni famiglia nasconde un segreto. A Niceville, la gente sparisce nel nulla, e raramente se ne trova traccia. Per questo, quando Rainey, di soli dieci anni, scompare, tutte le forza di polizia locale si mobilitano, senza alcun indizio da seguire...
E' solo il primo anello di una catena di avvenimenti che travolgeranno, nel giro di trentasei ore, la vita di molte persone. Nick Kavanaugh, un poliziotto con un lato oscuro, indaga, aiutato dalla moglie Kate, ma a Niceville il male sembra essere molto più forte degli uomini...

Titolo: Una casa perfetta
Autore: Ben H. Winters
Editore: Tre60
Data di uscita: 27 settembre 2012
Prezzo: 9,90 €
Pagine: 288

Trama:
Susan e Alex non hanno dubbi: è la casa perfetta. In quel quartiere e a quel prezzo, non potrebbero trovare di meglio. E c'è persino una stanzetta in più - non segnalata nell'annuncio - ideale per le esigenze di Susan, che ha deciso di lasciare il lavoro per dedicarsi a tempo pieno alla figlia, la piccola Emma, e alla sua grande passione, la pittura. Inoltre la signore Scharfstein, la padrona di casa che abita al pianoterra, sembra proprio una simpatica e disponibile vecchietta. Ma, ben presto cominciano ad accadere cose strane, che turbano la quiete domestica: nel suo studio, Susan sente un odore sgradevole, che nessun altro percepisce. Poi, una mattina, nota che la federa del suo cuscino è sporca di sangue e che il suo corpo è costellato da quelli che sembrano i morsi di qualche insetto. Tuttavia né la figlia né il marito hanno quei segni. Per non correre rischi, Susan chiama una ditta di disinfestazione, che però non trova nulla. Sembra una follia, eppure lei è convinta che la casa brulichi d'insetti: sono lì, annidati da qualche parte, non c'è altra spiegazione. Mentre la signora Scharfstein diventa sempre più invadente e il marito preoccupato, Susan capisce di dover dimostrare a tutti che non è paranoica. Altrimenti potrebbe rischiare di perdere non soltanto quell'appartamento, ma anche la sua famiglia.

Titolo: La lista dei desideri dimenticati
Autore: Robin Gold
Editore: Garzanti
Data di uscita: 13 settembre 2012
Prezzo: 14,90 €
Pagine: 308

Trama:
La stanza è ancora tutta dipinta di rosa. La sua bambola preferita giace nel centro del letto, tra mille cuscini. Niente nella vecchia cameretta di infanzia di Clare è cambiato. Tranne Clare. La donna ha visto tutte le sue speranze infrangersi solo pochi mesi prima. A sole due settimane dal matrimonio, il suo grande amore se n'è andato per sempre. E ora sembra che nulla possa farle ritornare il sorriso. Nemmeno le affettuose premure della madre, da cui si è rifugiata per riprendersi. Ma una mattina Clare trova una busta sulla tavola della colazione. Gliel'ha spedita la sua maestra delle elementari. Dentro c'è una lista intitolata "Cose da fare da grande" che Clare aveva scritto quando aveva dieci anni. "Nuotare con i delfini, trovare una cura per gli attacchi di cuore, diventare insegnante, dormire in una vera tenda, avere un cane..." Alcuni di questi desideri sembrano ormai sorpassati, altri semplicemente infattibili. Com'è possibile che riesca a rimpiazzare il vaso rotto della madre del suo vecchio amico Lincoln, se si è trasferito con la sua famiglia da più di vent'anni e non ne ha più saputo nulla? Sembra assurdo, eppure Clare decide impulsivamente di realizzare tutti i suoi desideri di bambina, uno dopo l'altro. In una girandola di imprevisti e incontri inaspettati, Clare scopre che cercare la donna che avrebbe voluto essere da piccola potrebbe riservarle dolci sorprese...

Titolo: Ogni istante di me e di te
Autore: Alex Capus
Editore: Garzanti
Data di uscita: 13 settembre 2012
Prezzo: 16,40 €
Pagine: 256

Trama:
Normandia, 1918.
Leon e Louise amano pedalare controvento verso l'oceano. Verso quel piccolo altro tra gli scogli, sferzato dalle correnti, il loro rifugio, il loro nido. Lì, di fronte alla vastità dell'orizzonte, tutto è possibile. E' possibile amarsi, con la spensieratezza e l'intensità dei loro sedici anni. E' possibile immaginare un futuro insieme, lontano dalla guerra, dalle detonazioni, dalla morte. E sancire la loro unione con una promessa: "Ora e per sempre". Ma per quanto si illudano di tenerla lontana, la guerra è vicina, fin troppo vicina a loro. Sulla strada del ritorno una bomba li divide. Leon crede che lei sia morta e così Louise di lui.
Eppure l'eco di quella promessa fatta tra le onde è destinata a durare ancora a lungo.
Dieci anni dopo, a Parigi, mentre insorgono i presagi di una nuova guerra, Leon si è rifatto una vita. Ma una sera tutto cambia: il metrò è affollato, eppure nell'istante in cui i due vagoni si sfiorano, Leon la vede, nell'angolo del vetro libero vicino alla porta. Gli stessi occhi verdi, le lentiggini e i folti capelli scuri, l'immancabile sigaretta, come allora. Ne è sicuro: quella è la sua Louise. A separarli solo un metro d'aria e due finestrini. E due vite che hanno ormai preso direzioni diverse: lui ha moglie e famiglia, e lei ha scelto di stare da sola, fiera della propria indipendenza. Ma non importa. Anche se il futuro è pronto a dividerli di nuovo, ci sarà sempre un momento, un giorno, un'istante in cui si rincontreranno. Perché quella promessa non ha mai smesso di vivere. E anche se tutto è ancora impossibile, è destinata a durare per sempre. Sullo sfondo di un'epoca incredibile, mettendo sulla scena una delle coppie di innamorati più convincenti e originali di tutta la letteratura, Ogni istante di me e di te racconta la storia di un destino straordinario, dimostrando la forza eterna che solo un amore impossibile può custodire.

Titolo: Un attimo, un mattino
Autore: Sarah Rayner
Editore: Guanda
Data di uscita: 27 settembre 2012
Prezzo: 17,00 €
Pagine: 414

Trama:

E' un lunedì mattina come tanti, sul treno che porta i pendolari da Brighton a Londra. Nei vagoni, visi assonnati, preoccupati, speranzosi. Qualcuno finisce di truccarsi, qualcuno legge, c'è chi chiacchiera e chi ascolta musica dall'iPod pensando alla giornata che lo aspetta. Per Karen e suo marito è una giornata felice: stanno andando a firmare per il mutuo della nuova casa, che accoglierà loro e i due figli. Lou, dal sedile accanto, li osserva e la loro evidente complicità la mette di buon umore, anche se prova un pizzico di invidia per quell'amore sereno e totale che a lei sembra negato. Anna, invece, qualche carrozza più in là, sogna di acquistare la giacca di cui ha visto la foto sulla rivista che sta sfogliando, e piega l'angolo della pagina per ricordarsene.
E' tutto normale, è tutto tranquillo...ma poi qualcosa, di colpo, rimescola le carte della vita e quel mattino come tanti diventa il punto di svolta, l'inizio di una settimana drammatica. Legate da una tragica casualità, le tre donne affronteranno insieme i giorni seguenti e troveranno nella loro amicizia la forza per superare il dolore. Insieme scopriranno che, se davvero basta un attimo perché tutto vada in frantumi, la vita non si ferma e ci chiede di tenere il passo...
 

Ho finito. Allora cosa ve ne pare? Quale mi consigliate? Ne avete letto già qualcuno? Aspetto i vostri bei commenti *-*

venerdì 28 settembre 2012

Anteprima: Across the Universe di Beth Revis

Buon pomeriggio a tutti, sono di nuovo qui per parlarvi di un libro interessantissimo che uscirà a breve nelle nostre librerie.

Una travolgente storia che mescola science fiction, mistero e amore.
Across the Universe è il primo libro di una trilogia. In America il secondo libro si intitola "A Million Suns" ed è stato pubblicato all'inizio di quest'anno, a gennaio. Mentre il terzo e conclusivo libro si intitolerà "Shades of Earth" e sarà pubblicato a gennaio 2013.
Sono andata a guardare su Goodreads e "Across the Universe" ha una media di 4 stelline, idem per il secondo libro della trilogia. Partendo dal fatto che la cover è meravigliosa, anche la trama mi ha incuriosito parecchio. Ora ve lo presento meglio :)

Una travolgente storia d'amore, crimine e follia a bordo di un'enorme navicella spaziale, lanciata a gran velocità in un oscuro futuro.

L'ambientazione del libro della Revis è straordinariamente credibile e profondamente claustrofobica... in qualsiasi modo proseguirà la trilogia, questo inizio lascia una traccia indelebile.
Kirkus Reviews

Un thriller costruito in maniera travolgente... una lettura irresistibile che conquisterà il pubblico.
Booklist

Titolo: Across the Universe
Autore: Beth Revis
Editore: Piemme Freeway
Data di uscita: 9 ottobre 2012
Prezzo: 17,00 €
Pagine: 400 ca.

Trama:
Amy è una passeggera ibernata sulla navicella spaziale Godspeed. Ha lasciato il suo ragazzo e gli amici sulla Terra ed è partita con i genitori come membro del Progetto Arca Spaziale: si risveglieranno dopo trecento anni su un nuovo pianeta da colonizzare, Centauri. Ma qualcosa è andato storto: qualcuno ha cercato di ucciderla, risvegliandola senza cautele dal suo sonno protetto. E così Amy si ritrova a dover passare senza la sua famiglia ancora cinquant'anni sull'enorme navicella spaziale che sta perdendo velocità, in balia di sconosciuti tra cui si nasconde un assassino che vuole scongelare tutti gli scienziati a bordo, compresi i suoi genitori. L'unico che sembra dalla sua parte è Elder, un ragazzo che presto diventerà il capo della navicella spaziale, e che per quanto sia potentemente attratto dalla sua singolare bellezza, cerca di proteggerla dal resto della comunità e dallo strapotere di Eldest, il capo. Ma Amy può davvero fidarsi di Elder? E quello che prova per lui la aiuterà, o sarà solo un ostacolo alla sua sopravvivenza sulla Godspeed?

L'autrice:
Beth Revis vive nel Nord Carolina con il marito e il cane. Across the Universe è il suo primo romanzo e il primo titolo di una trilogia fantascientifica. Al libro è dedicato un sito molto ricco e interattivo. http://www.bethrevis.com/

QUI  il booktrailer.
Mentre QUI potete ascoltare Alice, editor di Piemme in cui ci parla del libro e della storia di pubblicazione di Across the Universe.

Ho finito di parlarvene. Ora voglio i vostri pareri e i vostri commenti, fatemi sapere cosa ne pensate e se vi ispira. Io so già che lo voglio e lo avrò :)


Chi ben comincia... #3

Buongiorno e buon venerdì. Siamo giunti al terzo appuntamento della mia nuova rubrica "Chi ben comincia". La settimana scorsa non ha riscosso molto successo, ma forse era il libro che non vi interessava...
Questa settimana spero di smuovere un po' la vostra curiosità e i vostri commenti.
Le poche regole di questa rubrica:
- Prendete un libro qualsiasi contenuto nella vostra libreria.
- Copiate le prime righe del libro (possono essere 10, 15, 20 righe)
-Aspettate i commenti :)

Le prime righe che vi presento oggi fanno parte di un libro letto mesi fa, che mi ha emozionato moltissimo, mi ha fatto piangere e riflettere. E' un libro che consiglio a tutti, perché è scritto bene e lascia davvero tante emozioni.

The Sky is Everywhere
di
Jandy Nelson

La nonna è preoccupata per me. Non soltanto perché mia sorella Bailey è morta quattro settimane fa o perché mia madre non si fa viva da sedici anni, e neppure perché tutt'a un tratto penso soltanto al sesso. E' preoccupata perché una delle sue piante ha delle macchioline.
Da quasi diaciassette anni, vale a dire più o meno da quando sono nata, è convinta che questa comunissima piantina rifletta il mio benessere fisico, emotivo e spirituale. E anch'io ho finito per crederci.
Adesso ce l'ho davanti, la nonna, con il suo metro e ottanta e il grembiule a fiori, che contempla corrucciata quei puntini neri sulle foglie.
«In che senso questa volta potrebbe anche non farcela?», domanda allo zio Big, esperto arborista, spinellone di casa e, per finire, scienziato pazzo. Sa un po' di tutto, ma quando si parla di piante è un'autorità.

--------------------------------------------------------------------------------------------

Spero di aver attirato la vostra attenzione su questo libro. Credo che già dalle prime righe si capisca quanto possa essere interessante e particolare la storia. Beh, aspetto qualche commento, sia di chi lo vorrebbe leggere, sia di chi lo ha letto.

giovedì 27 settembre 2012

Hogwarts Reading Challenge

Signori e signore, sono qui per presentarvi un'iniziativa interessantissima del blog Reading is Believing.
Si tratta di una sfida letteraria a cui possono partecipare tutti quanti, infatti in questa sfida vengono toccati diversi generi letterari in modo da accontentare tutti noi. I premi sono ricchissimi e il divertimento assicurato.
Inoltre avremo ben 4 mesi di tempo per partecipare e cercare di vincere.
Le iscrizioni sono già aperte, ma per ogni chiarimento vi rimando al post introduttivo con le regole e tutto quello che c'è da sapere.
Io parteciperò e spero lo farete anche voi, è un bel modo per coltivare la nostra passione per la lettura e per divertirci.

Recensione in anteprima: Darkest Mercy di Melissa Marr

Non stavo più nella pelle, dovevo leggere questo libro e dovevo parlarne assolutamente con voi.
Darkest Mercy è il capitolo conclusivo della saga fatata di Melissa Marr. Tutti i volumi sono stati pubblicati da Fazi nella collana Lain.
La saga completa:
1. Wicked Lovely
2. Ink Exchange
3. Fragile Eternity
4. Radiant Shadows
5. Darkest Mercy

Vi avviso anticipatamente che se non avete letto tutti i libri questa recensione sarà ad assoluto RISCHIO SPOILER, io ve l'ho detto, decidete voi che fare xD
Darkest Mercy edito, appunto, da Fazi nella collana Lain, sarà disponibile in tutte le librerie italiane da domani, al prezzo di 16,50 euro. Devo ringraziare Giulia dell'ufficio stampa Fazi per avermi dato l'opportunità di leggere il libro in anteprima.

Trama:
Le corti sono nel caos, Keenan, il re dell’Estate, è sparito e le fate della corte della Notte stanno lentamente perdendo la loro forza. Così inizia il capitolo conclusivo dell’acclamata serie di Wicked Lovely dove incontriamo, finalmente riuniti, tutti i personaggi che si sono avvicendati nei quattro romanzi precedenti, uniti in una comune battaglia finale condotta contro Bananach, una creatura malvagia il cui solo esistere sta mettendo a rischio la vita dell’intero popolo fatato.

Il mio pensiero:
Erano mesi e mesi che aspettavo questo libro. Sentivo la mancanza di ogni personaggio creato dalla Marr.
Perchè è questa la magia della saga di Wicked Lovely. Melissa Marr è riuscita a creare ambientazioni e personaggi originali, donandoli quasi di vita proprio, caratterizzandoli nel migliore dei modi e dando modo ai lettori di conoscere alla perfezione il mondo fatato (e non) della saga.
Parlando in particolare di questo libro, i fatti riprendono dal punto finale di Radiant Shadows (il quarto libro), ci sono pochi flashback che danno modo al lettore di "ricordare" cosa fosse successo nel capitolo precedente, dunque è tutta questione di memoria oppure di amore incondizionato. Io personalmente sono riuscita a leggere il romanzo senza dover riprendere in mano quello prima, appena ho iniziato con la lettura mi sono tornati in mente tutti i fatti e i personaggi.
Alcuni di questi personaggi sono quasi indelebili nella mia mente. Personaggi che ho adorato e ho continuato a farlo fino alla fine. I miei preferiti in assoluto sono Niall e Donia. Niall in questo romanzo mi è piaciuto un po' meno, l'ho trovato un po' troppo debole. Mentre Donia ha acquistato ancora più punti ai miei occhi. Devo dire che anche il mio parere (già buono) su Aislinn e Keenan è migliorato moltissimo con questo libro. Mentre con Seth ho avuto alti e bassi per tutta la serie. Ma il personaggio che più mi è mancato è stata Leslie che purtroppo fa solo una comparsa veloce.

Ritroviamo le ambientazioni magiche, piene di dettagli e "colorate", ogni Corte è contraddistinta, non solo dai suoi abitanti, ma anche dai colori, dall'architettura, dai paesaggi. E' come guardare tante splendide fotografie che ti passano davanti agli occhi e ti lasciano con aria trasognata.
Per quanto riguarda le creature create dalla Marr sono sempre presenti, quasi in modo costante. E qui credo venga fuori in modo eclatante la fantasia e immaginazione dell'autrice, riesce a donare particolari intensi e unici ad ogni personaggio che sia esso più simile ad un umano, alla fauna o flora del mondo.
E' difficile riuscire a spiegarvi realmente cosa si prova leggendo questi libri, è come entrare in un mondo parallelo, passeggiare con i personaggi, prenderli per mano, gioire o piangere insieme a loro; è come se sentissimo il terreno che calpestiamo, i profumi che ci circondano, le piante che ci sfiorano, gli animali che ci annusano. Nonostante sia un mondo di fantasia riusciamo a sentirlo quasi reale nella nostra mente.
Forse ora starete pensando che sto delirando, ma se avete letto tutti questi libri spero potrete capire le mie sensazioni fortissime a riguardo. Se invece vi siete addentrati in questa recensione senza averli mai letti, vi prego di leggerli tutti in un fiato, perché solo così potrete capire come ci si sente.

Lo stile della Marr è scorrevole, semplice, ma ricchissimo di particolari, non rimaniamo allo scuro di niente. Siamo sempre a conoscenza di cosa abbiamo "di fronte", di chi sta parlando o ascoltando. Grazie ai quattro libri precedenti siamo arrivati al punto di conoscere i personaggi e le ambientazioni come le nostre tasche, ma non ne abbiamo mai abbastanza. Vorremmo continuare a sfogliare, ingordi; vorremmo scoprire sempre di più e andare avanti all'infinito.
Purtroppo la saga è finita e l'unica minuscola pecca che ho trovato al romanzo è stato proprio il finale. L'ho trovato troppo affrettato, mentre io avrei dato più spazio allo scontro finale e alle scelte che ne conseguono. Ci troviamo di fronte ad una specie di "e vissero felici e contenti", ma non riusciamo a godere a fondo di questa felicità, di questa conclusione. Sono rimasta un pizzico delusa perchè mi immaginavo venissero spiegate meglio certe decisioni che sembrano prese su due piedi. Avrei voluto avere diversi punti di vista per questo finale.
Ciò non toglie che Darkest Mercy sia la degna fine di una saga che mi ha fatto battere il cuore per mesi e mesi.

Il libro ovviamente lo consiglio a chi già conosce "Wicked Lovely", mentre a chi non è al corrente di questa serie, vi prego di farci un pensiero e provare a leggerla. Provate a vedere se anche voi verrete sopraffatti da tutte le emozioni e sensazioni che riesce a trasmettere la Marr.
Mi mancheranno tutti, ma ho la certezza di poter rileggere di loro ogni volta che vorrò. Se fosse stato per me avrei aggiunto un altro libro alle serie, ma io parlo da ingorda.

Passiamo alle cose più "frivole". Cover e titolo. Originali e nostrane a confronto.
Devo dire che la Fazi ha sempre cercato cover splendide per questa saga e per Darkest Mercy non è differente. La cover italiana è splendida, i colori, il fiore, il font usato con tutti quegli abbellimenti. Non c'è che dire è quasi perfetta. Del titolo non posso dire niente, viene mantenuto l'originale aggiungendo quella specie di sottotitolo "Discordi armonie" che calza bene alla storia del libro. Un voto in più per la cover originale. Vi prego, guardate quel fiore e ditemi che non è assolutamente perfetto? Avete il coraggio di dirmelo? Non credo proprio, non riesco nemmeno a trovare le parole per quanto sia bello.


Beh ragazzi, mi sono espressa con grande passione e forse troverete un po' di caos in questa recensione, per chi la leggerà spero vi troverete d'accordo con me e mi darete un vostro parere su il libro e la saga in generale.

Anteprima: La stella nera di New York di Libba Bray

Buonsalve stelline, come va? Sicuramente avrete letto il titolo e sicuramente avrete già capito di cosa vi parlerò oggi. Questa anteprima sta facendo il giro di tutti i blog e il motivo credo sia ovvio. Sembra portare una ventata di originalità, qualcosa di nuovo e particolare che sicuramente attira l'attenzione di moltissimi di noi.

La stella nera di New York è il primo romanzo di una tetralogia che inaugura un affascinante viaggio nel retroterra occulto dell'America. Ambientato nella Grande Mela a metà dei leggendari anni Venti, tra Ziegfeld Girls, locali jazz e liquori sottobanco.

Titolo: La stella nera di New York
Autore: Libba Bray
Editore: Fazi/Lain
Data di uscita: 12 ottobre 2012
Prezzo: 17,50 €
Pagine: 480

Trama:
Evie O’Neill, dopo aver suscitato l’ennesimo scandalo nella noiosa cittadina di provincia in cui è nata, viene spedita dai genitori a vivere nell’effervescente New York City – e la ragazza ne è entusiasta. New York è la città dei locali, del contrabbando, dello shopping e del cinema, e non passa molto che Evie stringe amicizia con irriverenti Ziegfeld girls e scapestrati ragazzi di strada. Evie però non fa conoscenza solo con le luci sfolgoranti dell’età del jazz, ma anche con gli oscuri anfratti del Museo americano del Folclore, della Superstizione e dell’Occulto, che suo zio Will Fitzgerald – presso cui abita – dirige con l’aiuto di Jericho, uno strano ragazzo sempre immerso nella lettura.
E quando una serie di omicidi a sfondo esoterico e riconducibili a uno spirito che torna dal passato vengono a galla, Evie e suo zio sono chiamati a collaborare alle indagini, e sono proiettati al centro del sistema mediatico. I due si lanciano nelle ricerche, ed è allora che quel misterioso potere divinatorio che la ragazza sa di avere si rivelerà utile a catturare il killer, prima che sia troppo tardi.

L'autrice:
Libba Bray è autrice della trilogia bestseller di Gemma Doyle (pubblicata in Italia da Elliot), di Beauty Queens (2011) e del libro vincitore del Printz Award 2010 per l’eccellenza nella letteratura YA Going Bovine, di prossima pubblicazione per Fazi. Vive a Brooklyn, New York.


Ditemi che questo libro non vi attira? Non vi pare che ci sia la giusta dose di mistero, di thriller, di young adult... Insomma sembra un mix micidiale. Io non vedo l'ora di poterlo leggere e sfogliarlo accanitamente e voi? Lo comprerete o aspetterete qualche recensione?

mercoledì 26 settembre 2012

WWW... Wednesdays #15

Mercoledì, amo il mercoledì. Il giorno in cui noi appassionati lettori mettiamo a confronto le nostre letture e spesso ci aiutiamo a vicenda ad allungare la wishlist ^^
Eccoci pronti con www...wednesdays *-*

 Le regoline della rubrica:
- What are you currently reading? (Cosa stai leggendo?)
- What did you recently finish reading? (Cos'hai appena finito di leggere?)
- What do you think you'll read next? (Cosa pensi leggerai in seguito?)

Cosa stai leggendo?
Ho iniziato ieri "Un amore di cupcake" di Donna Kauffman, per ora la lettura va un po' a rilento, ma non per colpa della storia. Finora il libro mi sta piacendo, anche se è ancora presto per esprimermi, ho letto solo un centinaio di pagine.





 Cos'hai appena finito di leggere?
"Darkest Mercy" l'ultimo capitolo della saga Wicked Lovely di Melissa Marr.
Ho amato questa saga fin dall'inizio. L'autrice è riuscita a creare un mondo fatato meraviglioso. Darkest Mercy è la degna conclusione di questa splendida saga. A breve vi lascerò la mia recensione.


Cosa pensi leggerai in seguito?
Ero indecisa fino a stamattina, poi ho deciso. "Un bacio dagli abissi" di Anne Greenwood Brown. Finora ho letto pareri discordanti su questo romanzo. Vedrò se riuscirà a prendermi o se deluderà anche me






Il vostro momento è arrivato. Sono curiosissima di conoscere le vostre letture e di scambiarci consigli.

Anteprima: Vanish di Sophie Jordan

Ma buongiorno miei cari. Oggi vi parlo di un bel libro in anteprima, sono sicura renderà felici molti di voi, soprattutto gli amanti degli urban fantasy e degli young adult :)

Alla fine di ottobre uscirà nelle nostre librerie Vanish di Sophie Jordan, secondo capitolo della trilogia che ha avuto inizio a gennaio con Firelight (la mia recensione).

Una verità troppo a lungo celata, nemici mortali, un amore impossibile.
Un romanzo sorprendente dedicato alla storia di Jacinda, una ragazza drago. 
I diritti della trilogia di cui fa parte sono stai venduti in 17 paesi e presto ci sarà un adattamento per il grande scherzo.

Titolo: Vanish. La traditrice
Autore: Sophie Jordan
Editore: Piemme Freeway
Data di uscita: 23 ottobre 2012
Prezzo: 16,50 €
Pagine: 288

Trama:
Jacinda ha tradito il suo clan draki per amore di un cacciatore. Ha rivelato la sua natura trasformandosi in drago proprio davanti agli avversari di sempre, uomini capaci di ogni malvagità. Era l'unica cosa da fare per salvare la vita a Will, il suo amore, il suo nemico. Senza l'intervento di Cassian, il principe ereditario, Jacidan sarebbe finita peggio che morta, e di fronte a un gesto simile, nessuna ragazza può restare indifferente. Il compromesso è stato abbandonare Will e tornare a vivere nel clan, ma non più come futura regina. Nessuno parla a una traditrice, nessuno vuole avere a che fare con lei, nessuno la capisce. Nemmeno la sorella gemella, perdutamente innamorata di Cassian. Tutto si complica quando Will supera le barriere protettive del clan per ritrovare Jacinda e, senza saperlo, si porta dietro la sua famiglia. Tutti cacciatori, dal primo all'ultimo. Il secondo capitolo di una trilogia YA dedicata a creature misteriose ed affascinanti.

L'autrice:
Sophie Jordan, pseudonimo di Sharie Kohler, ex-insegnante di inglese, già autrice di molti romanzi d'amore. Con il suo vero nome ha pubblicato per Simon&Schuster una trilogia paranormal romance con protagonisti dei licantropi, mentre per Piemme Freeway ha già pubblicato Firelight. La ribelle, primo titolo della trilogia draki.



Allora allora, cosa ne dite? Io ho già le mani che fremono.... Non vedo l'ora di poter continuare a leggere le avventura di Jacidan e rituffarmi in questo mondo così meraviglioso di Draki e Cacciatori *-*

martedì 25 settembre 2012

Recensione: Morire dal ridere di Maria Antonietta Usardi

Salve carissimi, come sempre il modo migliore per rilassarmi e staccare un po' dalla quotidianità frenetica, è parlare di libri. 
Vi voglio parlare di un libro che mi è stato spedito direttamente dall'autrice e che ho letto in pochissimo tempo.
Morire dal ridere è il secondo romanzo di Maria Antonietta Usardi, pubblicato da 0111 Edizioni, il 27 aprile di quest'anno, al prezzo di 13,50 euro.

Trama:
Milano. La famiglia di Vincent e Amelia gestisce da molti anni a Chinatown un negozio per suicidi e nella vita non sembra vedere altro che dolore e sofferenza.
Un giorno di ottobre piomba nella pace domestica il nipote, il piccolo Robespierre, amante della vita, che con tutto il candore dell'infanzia si propone un'attenta e scrupolosa opera di ottimistico sabotaggio ai danni dell'attività degli zii.
Una storia a sfondo macabro, ma anche divertente e ironica, sulla vita, sulla morte e sui sentimenti.

Il mio pensiero:
Quando l'autrice mi ha contattato per leggere il suo libro, sono rimasta (ovviamente) sorpresa e onorata. Quando mi sono soffermata a guardare la cover ne sono rimasta subito attirata, e la trama poi mi ha fatto subito pensare e apparire un sorriso sul volto.
Sono un'appassionata di storie un po' macabre e non mi sono mai tirata indietro nel leggerle.
Il romanzo viene inserito nel genere horror, ma di sicuro non ha niente di questo. Siamo a stretto contatto con la morte, anzi, con i personaggi che vogliono porre fine alla loro vita per i motivi più svariati e così entriamo nel negozio dei suicidi.
Ho subito sorriso leggendo della vasta esposizione di materiale da suicidio, dalle corde, ai pugnali, ad intrugli velenosi. Il modo in cui l'autrice parla attraverso i suoi personaggi non può che far sorridere, perché sembra di entrare in un qualsiasi negozio, in cui il venditore ammira e acclama la sua merce.
Solo che qui parliamo di suicidi e di come suicidarsi.
Poi nella "depressione" della famiglia arriva Robespierre, un piccolo e riccioluto raggio di sole che fa infuriare gli zii e che scombussola completamente la loro vita.
Riesce a far tenerezza e a far sorridere chiunque a parte lo zio. In un modo o nell'altro tutta la famiglia sentirà l'influenza di Robespierre che porterà "involontariamente" amore, passione, voglia di vivere e felicità.

Ho trovato "Morire dal ridere" una storia originale, ironicamente macabra. Una sorta "Famiglia Addams" moderna e personalmente ho sempre amato gli Addams, e così ho amato la famiglia di Vincent e Amelia e il piccolo Robespierre.
Vorrei precisare che il romanzo è un libro di poche pagine, poco più di 100, ma nonostante questo troviamo una profonda sintonia con i personaggi, li conosciamo tramite piccoli particolari e li seguiamo con una narrazione semplice ma ricca di carattere.
Ecco l'arma vincente di questo piccolo romanzo, nonostante le poche pagine conosciamo i personaggi, gli ambienti e veniamo trasportati dall'inizio alla fine, con la voglia di scoprire se Robespierre riuscirà nei suoi intenti o se la famiglia riuscirà a liberarsene. 

Non posso aggiungere molto altro, ma vi avviso che sicuramente questo romanzo non è per tutti. Si scherza sulla morte, sul suicidio, si cerca di prenderla alla leggera, ma vi assicuro che le emozioni e i sorrisi sono assicurati.
Ho deciso di aggiungere un'immagine a mio piacere per accompagnare la lettura dalle recensione ed ovviamente non potevo che scegliere la simpatica e irriverente Famiglia Addams :)

Ringrazio ancora Maria Antonietta e continuo a farle il mio più grande in bocca al lupo per il futuro.


Carissimi follower, è l'ora dei vostri commenti e dei vostri pareri, li aspetto sempre con trepidante attesa. E sicuramente questo piccolo romanzo merita la vostra attenzione.

Teaser Tuesday #16

Eeeee buongiorno a tuttiiiiiiii!!!! Eccoci al martedì ed eccoci con il nostro appuntamento fisso in cui vi lascio un pezzo del libro che sto leggendo e voi mi lasciate il vostro.
Facciamo aumentare le nostre wishlist consigliandoci libri, che tanto sono così corte le nostre liste, vero? xD
Ok, smetto di delirare e vi presento il teaser di oggi :)

- Prendi il libro che stai leggendo
- Aprilo in una pagina a caso
- Condividi un breve spezzone di quella pagina
- Attenzione a non fare spoiler
- Riporta anche titolo e autore in modo che i tuoi lettori possano aggiungere il libro alla loro wishlist

Erano mesi e mesi che aspettavo di leggere questo libro e nonostante il poco tempo che ho avuto ieri, lo sto praticamente divorando. Ho letto tutta la serie di "Wicked Lovely" prima di questo che è  il capitolo conclusivo..... Ora capirete di cosa sto parlando :)
ATTENZIONE, SPOILER INVOLONTARI

Darkest Mercy
di 
Melissa Marr
Quando Seth si avvicinò ai cancelli, Devlin aveva una mano alzata come a toccare il velo che divideva i due mondi e teneva separate le due gemelle, Lasair e Bananach: la Regina dell'Alta Corte e la Guerra, la folle e sanguinaria donna corvo.
Seth aveva trascorso le ultime ore a pensare, mentre cercava Devlin. Avrebbe voluto avere più tempo per riflettere, pur essendo rimasto nel regno fatato meno di una giornata: quattro ore del regno fatato corrispondevano a un giorno in quello mortale. Ciò significava che era stato via per sei giorni, e non aveva idea di cosa fosse successo nel frattempo. Quando aveva raggiunto il regno fatato insieme ad Ani, Devlin e Rabbit, Irial era stato pugnalato e i segugi stavano ancora lottando contro gli alleati di Bananach. Saranno sopravvissuti? Niall starà bene? Ash sarà salva? Finché non fosse tornato indietro non avrebbe potuto scoprirlo.
PAG. 63


Aspetto con impazienza i vostri teaser, la curiosità mi divora ogni volta :)
Cosa ne pensate della mia proposta? Conoscete questa saga?

lunedì 24 settembre 2012

Recensione: 83500 di Michela Monti

Salve a tutti, dopo una giornata devastante di lavoro, finalmente posso dedicare un po' di tempo alle mie letture e al mio blog.

In particolare oggi vi parlo del libro di una ragazza che ho "conosciuto" tempo fa su un forum. Ricordo quando leggevo le sue storie sul forum e mi appassionavo a quello che riusciva a creare... E oggi essere qui a parlare del suo romanzo, del suo primo romanzo, mi rende estremamente orgogliosa e fiera, mi sembra un sogno.

Sto parlando di 83500, romanzo d'esordio di Michela Monti, edito da GDS, pubblicato il 17 luglio di quest'anno, al prezzo di 14,50 euro.

Trama:
ReBurning Prison, carcere di massima sicurezza, anno 2020 circa.
Melice Redding è una condannata a morte, ma non ricorda il perché. La cauda dell'amnesia è la separazione da sua figlia appena partorita e per questo Mel entra in stato di shock.
Grazie a Gabriel uscirà dalla catatonia, e sempre grazie a lui, la donna avrà la possibilità di tornare indietro, prima che il crimine per cui è condannata venga commesso.
Melice viaggia nel tempo per rivivere il suo passato senza nessun ricordo dell'arresto, senza condizionamenti. Tutto procede regolarmente fino alla notte di Halloween.

Il mio pensiero:
Nel momento in cui ho avuto la possibilità di leggere la trama di questo libro, ne sono rimasta subito affascinata. Avevo intenzione di comprarlo, ma con estrema gentilezza l'autrice in persona me lo ha inviato (con una piccola dedica) per leggerlo e darle il mio parere.
Cosa mi ha attirato di questa storia?
Indubbiamente essere rinchiusi in una prigione di massima sicurezza è già di per sé una tragedia, ma essere rinchiusi senza ricordarsi il motivo credo sia ancora più devastante. Provare a ricordare, sforzarsi, senza mai ottenere niente di più di qualche sogno rivelatore, o avere come "chiodo fisso" la pioggia, senza sapere il perché. E mentre si cerca di ricordare, fare il conto dei giorni che rimangono da vivere prima dell'iniezione.
E poi uno spiraglio di luce, un uomo che ci sta accanto, apparentemente senza un motivo, un uomo che nonostante la sua durezza, ci sorride e ci sostiene. Un uomo che ci dà la possibilità di scoprire cosa è successo, qual'è il motivo della condanna.
E così in men che non si dica ci ritroviamo catapultati nella vita tranquilla e felice di Melice, la vita prima della prigione. Scopriamo molto di lei, la sua vita, i suoi amori, le sue amicizie, la sua quotidianità.
E scopriamo anche il motivo per cui era stata rinchiusa. E così ci ritroviamo di nuovo nella prigione, con la delusione e lo sgomento dell'uomo che tanto ci aveva aiutato. Ma non tutto è perduto, perché il nostro "Guardiano di anime" continua a sorprenderci, dandoci ancora una possibilità.

Insomma, questo libro è unico. Non dà un attimo di respiro, è profondo e scattante. Lo stile dell'autrice si modella a seconda delle situazioni che si propongono. Quando siamo nella prigione, troviamo tempi di narrazione corti, uno stile diretto, che non tralascia il dolore che prova la protagonista. Le emozioni in questo libro sono sempre in primo piano. 
E poi quando ci troviamo nel passato di Melice, nella sua vita felice, possiamo percepire ogni cosa. Lo stile dell'autrice è più tranquillo, rilassato e dolce.
Con 83500 ci troviamo di fronte un ventaglio aperto di sensazioni. Il dolore e lo smarrimento della prigione. Il mistero di questo viaggio nel tempo. Il sollievo e la felicità di poter rimediare in qualche modo. La felicità, l'amore profondo e l'amicizia pura vissute nella quotidianità. La falsità di un padre mai presente. I dubbi, e la perdita di se stessi a causa di un fatto che cambierebbe la vita a chiunque. La rabbia profonda che ti blocca in un tunnel senza uscita. L'incredibile suspanse che aleggia in tutto il libro. Sono tanti i momenti in cui mi sono ritrovata a bocca aperta perché non mi aspettavo certe situazioni o certe scelte.
Insomma, potrei continuare per tutto il giorno, ma è il caso che mi fermi e che vi lasci la possibilità di godere di questa splendida lettura.

L'autrice ha avuto un'idea brillante ed è riuscita a portarla avanti per tutto il romanzo in modo unico e originale. Si distingue da tantissimi autori (che ho letto, ovviamente), ha uno stile particolare che rapisce il lettore e lo fa rimanere in balia delle sue parole. Voglio ricordare che è un romanzo d'esordio e sicuramente di potenziale ce n'è tantissimo. Anzi, credo che questo romanzo si meriterebbe molta più attenzione, sia da voi lettori che da altre case editrici.

Non voglio aggiungere altro, vi consiglio vivamente di comprarlo, di leggerlo e di apprezzarlo fino alla fine.
Vi lascio il link per poterlo acquistare online, perché purtroppo reperirlo nelle librerie è molto difficile.

PS: Ho cercato un'immagine ed ho voluto usare questa per ricordare la pioggia e perché mi dà un senso di libertà, quella che volevo per Melice e che ho sperato per tutta la lettura. Non solo libertà dalla prigione.... 


Adesso vorrei scoprire cosa ne pensate. Spero con tutto il cuore di aver invogliato la lettura di questo romanzo con la mia recensione


domenica 23 settembre 2012

Shopping Books #14 (Parte 2)

Ma ciao carissimi e buona domenica a tutti voi. Cosa farete oggi di bello? 
Come vi avevo spiegato ieri, questa è la seconda parte del post dedicato agli arrivi nella mia libreria di questa settimana, essendo tanti libri ho deciso di divederla in due per non creare post enormemente lunghi.
Ecco qui i bei libri che mi sono arrivati. Tutti e tre differenti, ma ognuno di loro mi incuriosisce molto. Purtroppo ho scoperto poco fa che "La melodia del vento" di Ellen Block fa parte di una specie di serie e quello che ho io è il secondo volume. Vedrò se si può leggere in modo indipendente ho dovrò prendere anche il primo romanzo. 

Titolo: Un amore di cupcake
Autore: Donna Kauffman
Editore: Tre60
Data di uscita: 13 settembre 2012
Prezzo: 9,90 €
Pagine: 352

Trama: 
La trentenne Leilani Trusdale non ce la fa più: i ritmi frenetici, le pressioni costanti e il carattere burbero dello chef Baxter Dunne, che ormai dedica più tempo alla sua trasmissione televisiva che alla cucina, sono ormai diventati insostenibili. Insomma, è giunto il momento di darci un taglio. Così, dopo oltre quattro anni di duro lavoro e poche soddisfazioni come executive chef del ristorante «Gâteau» di New York, Leilani decide di tornare nella città natale della bisnonna materna dove vive suo padre, sulla piccola isola di Sugarberry, per realizzare il sogno che coltiva sin da ragazzina: aprire una pasticceria di cupcake, un luogo caldo e magico dove poter creare irresistibili dolcetti da decorare con golose glasse. E le cose sembrano andare subito per il verso giusto, anche grazie all'aiuto degli amici di sempre, del padre e dell'intera comunità di Sugarberry, tutti convinti che il suo talento e la sua passione possano finalmente trovare un degno riconoscimento. Quando però viene a sapere che Baxter ha intenzione di girare la prossima serie del suo show proprio a Sugarberry, Leilani inizia ad agitarsi, ad emozionarsi... perché, in fondo al cuore, sa che il suo scontroso ex-capo è proprio l'ingrediente «magico» che le manca per essere felice. Prima però sarà necessario superare la dura scorza di Baxter e mettere a nudo il suo lato dolce, nascosto eppure irresistibile, come un cupcake...

Titolo: L'indovina di Istanbul
Autore: Michael David Lukas
Editore: Longanesi
Data di uscita: 20 settembre 2012
Prezzo: 16,60 €
Pagine: 326

Trama:
Eleonora Cohen nasce una notte del 1877 mentre la guerra russo-turca divampa nella pianura danubiana e la cavalleria dello zar irrompe nella città di Costanza. Un'antica profezia, narrata da due levatrici tartare giunte in città proprio quel giorno, prefigura per lei orizzonti carichi di aspettative. E la bambina non le tradisce. Fin da piccola dimostra memoria portentosa, grande abilità nel far di conto, ma soprattutto una straordinaria predisposizione per l'apprendimento delle lingue e la lettura. Quando Eleonora si trasferirà a Istanbul, nella ricca dimora di Moncef Barcous Bey, ex governatore di Costanza e socio in affari del padre, le voci sulle doti della piccola bambina prodigio si spargeranno rapidamente, fino a varcare la soglia del palazzo del sultano...

Titolo: La melodia del vento
Autore: Ellen Block
Editore: Corbaccio
Data di uscita: 30 agosto 2012
Prezzo: 9,90 €
Pagine: 300

Trama:
E' arrivata l'estate su Chapel Isle, l'isola remota e selvaggia che la lessicografa Abigail Harker ha deciso di eleggere come casa, dopo che una tragedia famigliare le ha brutalmente rivoluzionato la vita. Abita nel cottage del guardiano del faro, un luogo incredibilmente suggestivo, dove a poco a poco ritrova un po' di serenità. Ma adesso, con l'inverno ormai alle spalle, Chapel Isle viene invasa da torme di turisti, non sempre gradevoli, almeno per gli abitanti. Fra costoro un gruppo di sommozzatori alla ricerca di un tesoro affondato insieme a una nave lungo le coste frastagliate dell'isola. Sommozzatori e gente del posto incominciano a discutere di certi indizi che porterebbero al ritrovamento del tesoro e che potrebbero essere nascosti proprio nel cottage di Abigail, che si trova involontariamente al centro dell'attenzione di tutti, compreso un avvenente...
Ma non è facile, nella marea di persone che si riversano sull'isola per le vacanze, distinguere i visitatori innocui da quanti nascondono intenzioni poco chiare. E Abigail si ritroverà nella condizione di dover scegliere se restare, rischiando magari di spezzarsi il cuore un'altra volta e mettendo a repentaglio la sua stessa sicurezza, oppure andare via, lasciandosi sopraffare dai pericoli del presente e dai fantasmi del passato...


E anche per oggi ho finito, ho concluso completamente il tour fra i romanzi arrivati fra le mie mani questa settimana.
Come sempre mi aspetto i vostri commenti e le vostre opinioni.

sabato 22 settembre 2012

Shopping Books #14 (Parte 1)

Rieccomi con voi per farvi vedere i nuovi arrivi nella mia libreria di questa settimana. Come potete intuire dal titolo, il post sarà diviso in due parti (una oggi e una domani), ho effetuato questa scelta per il semplice fatto che questa settimana sono arrivati davvero tanti libri e mi sembrava un po' problematico metterli tutti insieme, ecco perchè ho deciso di dividerli in due.
Oggi ve ne presento cinque e domani i restanti tre.
Qui potete vederli riassunti tutti insieme, sono davvero tanti e ho gli occhi a forma di cuoricino praticamente tutto il giorno *-*
Due di questi libri mi sono arrivati da due splendide autrici che ringrazio per la possibilità che mi stanno dando. Mentre tutti gli altri sono invii delle case editrici, che ringrazio a loro volta perché sono sempre super disponibili e gentilissime. Sono tutta cuori e parole dolci e potete capire il perché.
Ma, veniamo ai libri che vi presento oggi. Eccoli qui in tutto il loro splendore *-*
Allora come avrete notato, Firelight ho già finito di leggerlo ed ho pubblicato la recensione poco fa, a chi interessa leggerla :)
Ora sono alle prese con 83500 di Michela Monti, un libro che mi sta prendendo da morire e che non vedo l'ora di finire di leggere per sapere cosa succederà. La prossima lettura sarà Morire dal Ridere e a seguire le altre.
Inoltre ho avuto la possibilità di avere fra le mani in super anteprima "Darkest Mercy" *-*
Ci tengo a precisare che i due libri inviati direttamente dalle autrici sono proprio "83500" e "Morire dal Ridere". Grazie, grazie e ancora grazie.

Titolo: Firelight - La ribelle
Autore: Sophie Jordan
Editore: Piemme Freeway
Data di uscita: 3 gennaio 2012
Prezzo: 9,90 €
Pagine: 288

Trama:
Discendiamo dai draghi. Siamo dei mutaforma che hanno sviluppato la capacità di apparire umani per sfuggire ai Cacciatori. Viviamo nascosti nelle foreste remote, volando solo di notte, dispiegando le ali quando nessuno può vederci. Siamo Draki. Io mi chiamo Jacinda e sono il tesoro del mio branco, l'unica capace di soffiare ancora fuoco. Ma dopo aver infranto per l'ennesima volta le regole che proteggono la vita della nostra comunità, sono stata costretta a fuggire insieme a mia madre e mia sorella. Ci siamo sepolte vive in un'anonima cittadina, dove sono costretta a mantenere l'aspetto umano con il rischio di dimenticare la mia vera natura. Finché non mi sono ritrovata nella stessa scuola del mio Cacciatore. E' possibile una simile coincidenza? Oppure questo bellissimo e pericoloso ragazzo non è quello che la sua famiglia vorrebbe far credere?

Titolo: 83500
Autore: Michela Monti
Editore: GDS
Data di uscita: 17 luglio 2012
Prezzo: 14,50 €
Pagine: 290

Trama:
ReBurning Prison, carcere di massima sicurezza, anno 2020 circa.
Melice Redding è una condannata a morte, ma non ricorda il perché. La causa dell'amnesia è la separazione da sua figlia appena partorita e per questo Mel entra in stato di shock.
Grazie a Gabriel uscirà dalla catatonia, e sempre grazie a lui, la donna avrà la possibilità di tornare indietro, prima che il crimine per cui è condannata venga commesso.
Melice viaggia nel tempo per rivivere il suo passato senza nessun ricordo dell'arresto, senza condizionamenti.
Tutto procede regolarmente fino alla notte di Halloween.

Titolo: Morire dal ridere
Autore: Maria Antonietta Usardi
Editore: 0111 Edizioni
Data di uscita: 27 aprile 2012
Prezzo: 13,50 €
Pagine: 120

Trama:
Milano. La famiglia di Vincent e Amelia gestisce da molti anni a Chinatown un negozio per suicidi e nella vita non sembra vedere altro che dolore e sofferenza.
Un giorno di ottobre piomba nella pace domestica il nipote, il piccolo Robespierre, amante della vita, che con tutto il candore dell'infanzia si propone un'attenta e scrupolosa opera di ottimistico sabotaggio ai danni dell'attività degli zii.
Una storia a sfondo macabro, ma anche divertente e ironica, sulla vita, sulla morte e sui sentimenti.

Titolo: Un bacio dagli abissi
Autore: Anne Greenwood Brown
Editore: Mondadori/Chrysalide
Data di uscita: 18 settembre 2012
Prezzo: 16,00 €
Pagine: 300

Trama:
Lily pensa che il suo nuovo amico Calder sia un ragazzo normale. Calder, però, nasconde un terribile segreto: fa parte di una stirpe di sirene e tritoni assassini, che vivono nei Grandi Laghi e si nutrono dell'energia degli esseri umani. Spinto dalle sue sorelle, il ragazzo esce dall'acqua per uccidere l'uomo responsabile della morte della loro madre. L'uomo è il padre di Lily e l'unico modo per avvicinarlo è sedurre la figlia. Abituato ad ammaliare le ragazze con la sua faccia d'angelo, Calder scopre che Lily è molto speciale: si veste con abiti retrò, ha un volume di poesie da cui non si separa mai e, soprattutto, non cade subito ai suoi piedi, costringendolo a passare molte giornate insieme. E in queste giornate, proprio mentre Lily inizia a capire che le leggende dei laghi hanno un fondo di verità e le acque profonde potrebbero riservare pericoli mostruosi, Calder si innamora di lei.

Titolo: Darkest Mercy
Autore: Melissa Marr
Editore: Fazi/Lain
Data di uscita: 28 settembre 2012
Prezzo: 16,50 €
Pagine: 340

Trama:
Le corti sono nel caos, Keenan, il re dell'Estate, è sparito e le fate della corte della Notte stanno lentamente perdendo la loro forza. Così inizia il capitolo conclusivo dell'acclamata serie di Wicked Lovely dove incontriamo, finalmente riuniti, tutti i personaggi che si sono avvicendati nei quattro romanzi precedenti, uniti in una comune battaglia finale condotta contro Bananach, una creatura malvagia il cui solo esistere sta mettendo a rischio la vita dell'intero popolo fatato.


HO FINITO. Sono tanti e come potete vedere già così il post è venuto molto lungo.
Aspetto i vostri pareri su questi libri e aspetto di leggere i vostri nuovi arrivi.
Ci rileggiamo domani con gli altri tre romanzi per concludere questa settimana meravigliosa.

Recensione: Firelight di Sophie Jordan

Buondì miei cari, pronti al weekend? Avete progetti o vi dedicherete al relax? Per me i weekend sono quasi inesistenti, in quanto lavoro praticamente sempre. Ogni tanto mi concedo qualche giretto col moroso, ma niente di esaltate, a parte rare volte in cui si va al cinema o si fa qualcosa di più interessante.
Beh, dopo queste righe di affaracci nostri, passiamo al fulcro del blog. I libri. In particolare oggi vi lascio il mio pensiero su un libro letto in poche ore e vi preannuncio che nonostante tutto mi è piaciuto.
Firelight - La ribelle di Sophie Jordan è stato pubblicato da Piemme Freeway il 3 gennaio di quest'anno all'ottimo prezzo di 9,90 euro.
Il libro fa parte di una trilogia Young Adult e fra circa un mese vedrà la luce, qui in Italia, il secondo capitolo della trilogia: Vanish.

Trama:
Discendiamo dai draghi. Siamo dei mutaforma che hanno sviluppato la capacità di apparire umani per sfuggire ai Cacciatori. Viviamo nascosti nelle foreste remote, volando solo di notte, dispiegando le ali quando nessuno può vederci. Siamo Draki. Io mi chiamo Jacinda e sono il tesoro del mio branco, l'unica capace di soffiare ancora fuoco. Ma dopo aver infranto per l'ennesima volta le regole che proteggono la vita della nostra comunità, sono stata costretta a fuggire insieme a mia madre e mia sorella. Ci siamo sepolte vive in un'anonima cittadina, dove sono costretta a mantenere l'aspetto umano con il rischio di dimenticare la mia vera natura. Finché non mi sono ritrovata nella stessa scuola del mio Cacciatore. E' possibile una simile coincidenza? Oppure questo bellissimo e pericoloso ragazzo non è quello che la sua famiglia vorrebbe far credere?

Il mio pensiero:
Premetto il fatto che non sono mai stata attirata molto da questo libro, ma ho deciso comunque di leggerlo in previsione dell'uscita di Vanish.
Posso dirvi che la mia poca voglia di leggerlo, si è trasformata in voglia di arrivare alla fine per conoscere ogni pagina del libro.
Ebbene sì, complice la mia voglia di Young Adult e di urban fantasy, complice il fatto che non leggessi questo genere da un po' troppo tempo (almeno per i miei standard), mi sono ritrovata a divorare in poche ore tutto il libro.
L'idea base della storia è bellissima, mi pare originale e ben studiata, con particolari che arrichiscono la trama e la rendono più interessante. La figura mitologica dei Draghi è poco usata nel panorama letterario e la Jordan è riuscita ad arricchire questa figura in modo accattivante e con non poca innovazione.
Lo stile dell'autrice è assolutamente semplice e senza pretese, si comprende fin dalle prime righe che Firelight richiama un pubblico adolescente. Frasi semplici, concetti semplici, narrazione semplice e qualche ripetizione nel corso dello svolgimento.
Ma nonostante tutta questa semplicità, il libro mi è piaciuto. Me lo sono goduta fino in fondo, amando la protagonista Jacinda e tifando per lei. Amando il suo bel e tenebroso Will (ho sbavato non poco sul libro) e odiando tutti quelli che si mettevano in mezzo e cercavano di distruggere i sogni e la libertà di Jacinda. 
Il modo in cui l'autrice è riuscita a costruire il personaggio della protagonista è meraviglioso. Una ragazza ribelle, con un carattere forte, questo carattere però non riesce a tenere nascosti i dubbi e i problemi ben più grandi di una qualsiasi adolescente. Jacinda si trova costretta a scegliere fra il suo bene e quello delle persone a lei care. Jacinda che non si sente più a casa né nel suo clan, nè con la madre e la sorella. Jacinda che non sa come fare per impedire che la sua natura Draki muoia. Jacinda che incontra Will e capisce quale sia la sua casa, il suo posto nel mondo. Nonostante questo non abbandona mai la certezza del pericolo a cui è sottoposta frequentando Will... Anzi, ecco un piccolo punto a sfavore del libro. La ripetizione quasi continua di questo grosso problema, di questo "non posso, ma non riesco a stargli lontano", oppure "da domani lo ignorerò perché è pericoloso", insomma l'autrice forse ha un po' esagerato in questo senso, diventando un po' opprimente; ma vi assicuro che la lettura non ne risente; perchè fila liscia come l'olio, incalzante e mai noiosa. 
Inoltre la tensione sessuale e la passione sono magistralmente condotti fra le pagine, infatti sono andata ad informarmi e ho scoperto che Sophie Jordan è un'acclamata scrittice di romance per adulti, ed ecco svelato il trucco.
Riesce a tenere il lettore incollato, senza mai stancarlo nella lettura di questa passione che non riesce mai a sfociare, questa linea di tensione che viene tirata sempre di più, senza però farla mai rompere.
E non dimentichiamoci le emozioni che suscita il romanzo, perchè non c'è solo carica passionale, ma anche tantissima carica emotiva. Con i contrasti con la madre e la sorella, i rapporti con il clan e i sentimenti verso Will, il lettore non ha un attimo di respiro.
Spendo due parole per il finale che mi ha lasciato di sasso, io personalmente mi immaginavo tutt'altra conclusione, ma pensadoci bene in questo modo leggere il prossimo volume (Vanish) sarà ancora più sorprendente e l'attesa (anche se breve) sarà estenuante.

Insomma, per farla breve. Firelight è un romanzo semplice, per giovani ragazzi, ma che ha alle spalle una storia originale e passionale, uno Young Adult con diversi cliché che la Jordan riesce a rendere interessanti e d'impatto. Un romanzo romantico, fantasy, d'avventura, passionale che farà battere il cuore a tanti di voi. Un libro che consiglio, anche non avendo grandi pretese, credo sia un libro in grado di appassionare il lettore, di farlo emozionare e soprattutto di fargli desiderare di leggere il continuo.

Per quanto riguarda cover e titolo non c'è molto da dire. Il titolo è uguale a parte l'aggiunta di "La ribelle" nel titolo italiano. Cover idem, praticamente uguali. L'unica cosa che non mi spiego e che mi ha infastidito un po' è stato quel cambio di colore negli occhi e nella "squamatura". Che bisogno c'era di cambiare colore? Perchè cambiare due particolari così intensi che riportano alla storia del libro. Per chi lo ha letto, capirà che il colore verde non ci azzecca niente con Jacinda (protagonista anche della cover).


Recensione finita, la "palla" passa a voi. Mi aspetto di trovare molti di voi che lo hanno già letto, ma mi aspetto di essere riuscita a consigliarlo a qualcuno. E fatemi sapere cosa ne pensate del piccolo particolare cambiato nella cover.