mercoledì 23 gennaio 2013

Recensione: "La discendente di Tiepole" di Alessandra Paoloni

Ed eccomi qui come promesso a raccontarvi la mia ultima lettura, ad esprimervi le mie emozioni e sensazioni, sperando di smuovere in voi la curiosità necessaria per arrivare a fine recensione e decidere di comprare il libro.

La discendente di Tiepole, romanzo di Alessandra Paoloni, è stato pubblicato dalla Butterfly Edizioni a fine novembre del 2012, al prezzo di 16,00 euro.

Trama:
Un paese fantasma dimenticato dalle carte geografiche, circondato da montagne, abitato da una popolazione inospitale. E' il ritratto di Tiepole, paese d'origine di Emma, ed è lì che la ragazza è costretta a tornare in occasione del funerale di suo nonno. Il suo soggiorno, però, vi trasforma in un incubo quando Emma legge la lettera che sua nonna aveva scritto per lei prima di morire e che il nonno non le aveva mai consegnato. Essa le svelerà un mondo di tenebra colmo di stregoneria e maledizioni, di faide tra famiglie e di lotte per il potere. Emma non sa ancora nulla, ma tutti i Tiepolesi sanno chi è lei, poiché la stavano aspettando.
Lei è l'erede della Strega.
Lei è la Discendente.
Lei  deve morire.
Il mio pensiero:
Grazie alla stessa autrice ed alla casa editrice ho avuto la possibilità di leggere "La discendente di Tiepole", un romanzo che mi ha subito incuriosito per la trama, per la presenza della figura di una strega (soggetti che mi attirano sempre moltissimo nei libri) e la copertina ha completato il mio desiderio di leggere questo libro.
Ci tengo subito a precisare che la storia è fantastica, l'ho trovata quasi perfetta. La narrazione ha sempre un buon ritmo, mai troppo lento causando la noia del lettore, e mai troppo veloce creando al lettore solo caos.
Chi legge ha la possibilità di seguire gli accadimenti in modo molto vivo e particolareggiato, ma questa ricchezza di particolari non appesantisce mai la lettura, creando così un equilibrio perfetto.
Ci sono scene che ti colgono di sorpresa e ti passano davanti agli occhi veloci, lasciandoti spiazzato, ma questo solo perché gli avvenimenti lo richiedono. Non si può raccontare di un rapimento con flemma e tranquillità, come del resto non si può raccontare una scena d'amore e dolce con un ritmo serrato.
La Paoloni è riuscita a creare questo equilibrio praticamente perfetto che mi ha fatto innamorare quasi subito del suo stile e dell'intera storia.
Lo stile della Paoloni è molto fluido e scorrevole, leggendo il libro non si trovano intoppi o punti poco chiari. Ha caratterizzato molto bene i personaggi, dato ovviamente più importanza a quelli principali, ma lasciando molti spunti anche per quelli secondari. Ha reso ogni ambientazione come un quadro dipinto, dando al lettore tutti gli elementi che capire al meglio in che posto si trovasse in quel momento.
E qui vorrei dire due parole in più sulle ambientazioni.
Tiepole è un paesino arroccato sulle montagne, fra distese di campi incolti e pareti rocciose che sembrano insormontabili. Un tipico paesino piccolo, con le sue stradine anguste e dissestate, le case attaccate una all'altra e una piazzetta che contiene tutta la vita del paese. L'atmosfera che si respira a Tiepole è di mistero, inquietudine e oscure presenze. Come in ogni piccolo paesino che si rispetti, tutti sanno tutto di tutti, ma i segreti più pericolosi sono custoditi con paura da tutti quanti, creando così un'atmosfera ancora più particolare e sinistra. 
Ho amato fin da subito l'ambientazione che l'autrice ha voluto dare al suo romanzo, dapprima ne sono rimasta leggermente intimorita chiedendomi cosa nascodesse questo posto, ma poi piano piano (come la protagonista Emma) ho iniziato ad apprezzarlo e rimanerne stregata. Le atmosfere oscure e misteriose mi hanno sempre affascinato, e questa lo è per eccellenza.
La caratterizzazione dei personaggi mi è piaciuta moltissimo, soprattutto il modo in cui scopriamo, mentre leggiamo, il carattere e le intezioni di Marta Vasselli, la strega che ha maledetto metà del paese e che è poi stata ammazzata dagli stessi suoi compaesani.
Un altro personaggio che mi è piaciuto molto è Empiréa, un personaggio di sfondo, una dei ragazzi maledetti, ma capace di una dolcezza e timidezza che mi hanno sciolto il cuore.
E potrei stare qui ad elencarveli fino alla fine, ma vorrei affrontare l'unico problema che ho riscontrato leggendo "La discendente di Tiepole".
Ho trovato molti cliché nella storia fra i due personaggi Emma e Christian. Lei, ragazza di città, che si trasferisce improvvisamente nel paesino che odia. Una ragazza nella media, senza una particolare bellezza, un po' imbranata e bisognosa di essere protetta. Christian, il ragazzo di paese, maledetto; il super bello e affascinante della situazione, quello pericoloso che però attira il desiderio delle ragazze.
I due si innamorano, ma sanno che Emma corre sempre il rischio che Christian perda il controllo e le faccia del male; e così il loro diventa un amore "proibito", quell'amore eccitante perché "sbagliato". 
Christian che prima vorrebbe uccidere Emma, ma che poi si accorge di amarla e non riuscirsci e così passa a volerla proteggere in modo quasi asfissiante...
E per finire, il migliore amico di Christian (amico anche di Emma), si innamora di lei ma mette a tacere il suo amore soffrendo in silenzio.
Ecco qua, vi ricorda qualcosa? A me sì e molto. E purtroppo questa piccola storia nella storia mi ha fatto storcere il naso più di una volta e ha fatto perdere di originalità un romanzo che secondo me ne era pieno.
L'ambientazione, l'idea che una strega abbia maledetto dei ragazzi, i personaggi stessi, era tutto molto originale, peccato per questa storia d'amore trita e ritrita.

Nonostante questa unica pecca ho apprezzato moltissimo il romanzo, ne sono rimasta affascinata e ho bevuto avidamente ogni parola stampata. Questo libro è stato un balsamo per la mia mente e il mio cuore, perché mi sono affezionata moltissimo agli avvicendamenti fra i personaggi, mi sono legata al paese e ho apprezzato sempre di più la narrazione.
Ho letto con concentrazione e interesse, interesse che per tutto il libro non è mai calato, perché i piccoli difetti che ho riscontrato sono passati completamente in secondo piano grazie alla trama intrigante e alla narrazione così scorrevole.

Il finale mi ha lasciato letteralmente boccheggiante, io che ho letto tutto il romanzo con la speranza di scoprire come andava a finire il tutto, sono rimasta molto sorpresa di scoprire che il romanzo è completamente aperto. Vengono date delle risposte, ma solo in minima parte e così ora sono qui che fremo per conoscere il seguito e sapere cosa succederà a Tiepole e ai suoi personaggi.
Infine voglio consigliare "La discendente di Tiepole" a tutte quelle persone che vogliono appassionarsi ad una bella storia, raccontata in modo originale. Questo libro merita di essere letto da più persone possibili.

Concludo comunicandovi che spero di poter fare una bella chiacchierata virtuale con l'autrice e riportare qui a voi le nostre chiacchiere :)

La gufo giuria ha espresso il suo voto:
E vorrei precisare che un altro mezzo gufetto 
ci starebbe alla grande.
Ora sta a voi farmi sapere cosa ne pensate. So che alcuni di voi hanno già letto questo romanzo e mi piacerebbe scoprire cosa vi ha trasmesso e vi ha lasciato. E per chi invece non conosceva "La discendente di Tiepole", vorrei sapere come vi sembra, vi ho convinto a comprarlo con la mia recensione?

***
Questa recensione partecipa alla Hogwart Reading Challenge

12 commenti:

  1. Questo libro mi ispira molto!! :D La tua recensione è molto bella e adesso sono ancora più convinto di prima: devo leggerlo! ;D
    Un saluto!
    PS: Anch'io ho un blog che parla di libri! Ti lascio il link: http://libri-ehr.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao e benvenutissima sul mio blog e grazie per i complimenti per la recensione. Spero potrai leggere al più presto questo libro, perché merita :)

      Appena ho tempo passo dal tuo blog molto volentieri :)

      Elimina
  2. Ma che bella questa tua recensione!!! Grazie!!! La mia paura infatti era quella di cadere in materia trita e ritrita. Ma alla fine devo avercela fatta davvero a creare un universo "originale" :)
    Per quanto riguarda la storia d'amore sfido me stessa e nel secondo libro cercherò di introdurre elementi originali anche in questa materia. E' una promessa la mia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alessandra che onore e piacere sapere che hai letto la mia recensione. Appena avrò due minuti di tempo volevo mandarti un'email e spero di non disturbarti...
      "nel secondo libro cercherò..." Alessandraaaaaaaaaaaaaaaa, quando ci sarà questo secondo libro? DEVO SAPERLO, altrimenti mi prende una crisi isterica xD

      Grazie ancora per essere passata e aver letto.

      Elimina
    2. Ma disturbami quanto vuoi!! Sono sempre disposta a scambiare opinioni con voi!!
      Il secondo libro... confesso che è ancora in fase embrionale. Ho buttato giù il canovaccio ma inizio presto a scriverlo seriamente.

      Ti posso chiedere un piacere? Metteresti questa tua recensione su anobii? Te ne sarei grata!
      E grazie ancora di tutto!!

      Elimina
    3. Ok, Alessandra ho messo la recensione su Anobii come avevi chiesto :) Spero serva.
      Le mie domande le tengo in caldo per l'email che ti manderò, spero a breve :)
      Grazie di tutto.

      Elimina
  3. Mi sembra davvero affascinante, sin da quando ne feci l'anteprima su richiesta dalla gentilissima Alessandra.
    Mi è piaciuta un sacco questa tua recensione, davvero sincera ed emozionante tesoro: in wish dritto dritto *_*
    oggi ti lascio un fiorellino ✿

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Veronica, grazie mille per i complimenti alla recensione. Spero davvero il libro di Alessandra verrà apprezzato da più persone possibili, anche perché, chissà così ci aspetterà nel secondo volume *_*

      Elimina
  4. Io lo infilo direttamente in WL! Le streghe mi piacciono molto e la tua recensione mi ha convinta al 100% che valga la pena leggere questo romanzo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lorenza, che bello, spero potrai comprarlo il prima possibile e abbandonarti alla bellissima storia del romanzo.
      Abbiamo una passione stregonesca in comune :)
      Leggerei libri sulle streghe ogni giorno *_*

      Elimina
  5. Mi sono fermata a leggere la recensioni perchè ormai è qualche giorno che ne vedo fioccare alcune e anche varie segnalazioni... allora poi ho pensato "Alessia l'aveva recensito" beh sembra davvero carino *-* me lo ficco in wishlist :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Denise, fai bene a metterlo in wishlist e spero che qualcuno (o tu stessa) ti farà un bel regalo *_*
      E mi fa piacere tu abbia pensato alla mia di recensione....
      Grazieeeeeeeeeeee.

      Elimina

Lasciate un segno del vostro passaggio, sono sempre felice di leggere e rispondervi ♥