lunedì 18 marzo 2013

Recensione: "Uno splendido disastro" di Jamie McGuire

Buongiorno e buon lunedì a tutti voi. Qui sta nevicando, vi giuro che stamattina quando mi sono svegliata mi ha preso uno sconforto infinito...
 La settimana scorsa è stata davvero tragica per me in fatto di tempo, con tutti i giveaway che ho organizzato, ho tralasciato un sacco il resto degli appuntamenti, avrei voluto fare delle anteprime sui libri in uscita, ma non sono riuscita, non sono riuscita a postare due rubriche e non sono passata da nessun blog dei miei colleghi, anche se notavo qualche post interessante, non avevo il tempo di leggerlo e commentarlo.
Se poi ci mettiamo anche il lavoro e la vita di tutti i giorni, è stato davvero drammatico.
Mi sono divertita a creare questi GA per voi, ma credo che per un po' mi dedicherò solo ed esclusivamente ai post "ordinari" del blog.
Ok, la smetto di ciarlare e vengo al punto, cioè alla recensione di oggi :)

"Uno splendido disastro" è il primo libro della duologia "Beautiful", scritto da Jamie McGuire e pubblicato in Italia da Garzanti, il 28 febbraio 2013, al prezzo di 16,40 euro.

Trama:
Camicetta immacolata e coda di cavallo. Abby Aberbathy sembra la classica ragazza timida e studiosa. Ma in realtà è una ragazza in fuga. In fuga dal suo passato, dalla sua famiglia, da un padre in cui ha smesso di credere. E ora che è arrivata alla Eastern University per il primo anno di università, ha tutta l'intezione di dimenticare la sua vecchia vita e ricominciare da capo.
Travis Maddox di notte guida troppo veloce sulla sua moto, ha una compagna diversa per ogni festa e attacca briga con molta facilità. Dietro di sé ha una scia di adoratrici disposte a tutto per un suo bacio.
C'è una definizione per quelli come lui: Travis è il ragazzo sbagliato.
Abby lo capisce subito appena i suoi occhi incontrano quelli profondi di lui e sento uno strano nodo allo stomaco: Travis rappresenta tutto ciò da cui ha solennemente giurato di stare lontana. Ma lei no, non ci cadrà come tutte, lei sa quello che deve fare, quel ragazzo porta solo guai. Ma quando, a causa di una scommessa fatta per gioco, i due si ritrovano a dove condividere lo stesso tetto per trenta giorni, Travis dimostra un'aspettata mistura di dolcezza e passionalità. Solo lui è in grado di leggere fino in fondo all'anima tormentata di Abby e capire cosa si nasconde dietro i suoi silenzi. Solo lui è in grado di dare una casa al cuore sempre in fuga della ragazza. Ma Abby ha troppa paura di affidargli la chiave per il suo ultimo e più profondo segreto...

Il mio pensiero:
Chi di voi non ha sentito parlare, almeno una volta, di questo romanzo? Credo che sia sulla bocca di tutti. C'è chi lo ha amato arrivando a definirlo il miglior libro dell'anno, chi lo ha odiato a tal punto che avrebbe voluto stracciarlo e buttarlo nella spazzatura.
Io l'ho divorato e amato, ma sono consapevole del fatto che non sia un'opera d'arte.
"Uno splendido disastro" è un libro abbastanza banale, molto semplice sia come storia che come scrittura, senza troppe pretese e con pochissima originalità. La storia raccontata è vista e rivista: il gran figo che picchia tutti, amato da tutte le donne e rispettato da tutti gli uomini, ma che poi cambia radicalmente e si innamora per la prima volta; la ragazza acqua e sapone, la nuova arrivata, timida e riservata, ma che nasconde la sua vera anima e soprattutto nasconde un passato poco simpatico. Vi dice qualcosa di nuovo questo riassunto della trama? Penso proprio di no.
Ma nonostante tutto quello che ho scritto finora, io questo romanzo l'ho amato. Mi ha presa con sé e mi ha trascinato nel suo mondo fino alla fine, senza farmi mai staccare gli occhi dalle sue pagine. Ci ho messo poche ore a leggerlo e una volta chiuso il libro avrei voluto riaprirlo e leggerlo di nuovo.
"Uno splendido disastro" non è niente di eccezionale o indimenticabile, ma su di me è stato magnetico, non chiedetemi quale sia il motivo, ma vi giuro che ogni volta che lo fissavo dovevo assolutamente aprirlo e leggere almeno qualche riga, anche se in quel momento ero impegnata.

Ora, a distanza di qualche giorno, sono ancora qui a chiedermi per quale motivo io abbia amato così tanto questo romanzo; riesco ad ammettere che non è niente di che, che non è originale e neanche scritto benissimo, ma nonostante questo ogni volta che ci penso mi vengono gli occhi a forma di cuore.
L'autrice punta molto di più ai dialoghi che alle descrizioni; sembra quasi di leggere il copione di un attore, le descrizioni ci sono, ma sono ridotte all'osso, sia per le ambientazioni che per i sentimenti. Conosciamo le emozioni grazie ai dialoghi che ci sono fra i personaggi, ma non abbiamo una vera e propria descrizione.
I personaggi sono ben caratterizzati, ma riusciamo a conoscerli sempre grazie agli innumerevoli dialoghi presenti nel libro. Io come sapete, sono amante delle descrizioni e questa cosa mi ha un po' fatto storcere il naso, ma torniamo alla solita frase "nonostante questo, ho amato il romanzo".
Lo stile dell'autrice è semplicissimo, il lessico ristretto e la capacità di descrizione molto limitata, ma il libro è scorrevole, si legge appunto in poche ore e non è pesante, non si prova noia. Sembra che una frase tiri l'altra fino alla fine. Volete che scrivo di nuovo la frase che sta caratterizzando questa recensione: "Nonostante questo, il romanzo l'ho amato".

Mi fermo un secondo a parlare dei personaggi perché non ne posso fare a meno. Travis e Abby sono indubbiamente i protagonisti di questa storia. Lei l'ho odiata fin dall'inizio, non sopportavo questa sua indecisione, questo non voler ammettere i suoi sentimenti, questa sua paura e questo tira e molla continuo. Travis, oooooooooooh Travis. Cosa posso dire di lui? Credo sia l'uomo perfetto, una di quelle persone da scoprire mano a mano, con una facciata incredibilmente superficiale, ma con un cuore colmo d'amore che non sa che direzione prendere. La parte fisica ha fatto certo il suo lavoro, ma è il suo carattere e il suo modo di fare che mi hanno fatto completamente innamorare di lui. Farei carte false semplicemente per fare una chiacchierata con Travis Maddox.
America, la migliore amica di Abby, mi ha strappato più volte una risata e ho adorato anche lei per il modo in cui cercava di difendere l'amica, ma farle capire come stavano le cose con Travis. L'ho amata quando difendeva Travis pur incazzandosi con lui. Anche Shepley mi è piaciuto molto, completamente diverso da suo cugino Travis, è il tipico ragazzo tranquillo, quella persona che riesce sempre a calmare gli animi degli altri, quella persona che riesce a far stare bene le persone che lo circondano, ma è anche quella persona sempre pronta a difendere il cugino, la sua fidanzata e Abby.

Chiudo la mega parentesi sui personaggi e credo di aver concluso con questa recensione. So benissimo di non essere riuscita a spiegare il motivo per cui ho amato questo libro, ma credetemi quando vi dico che non mi è chiaro nemmeno a me. Lo consiglio? Per come ho vissuto io quest'esperienza, credo non ci sia bisogno di consigliarlo. Credo che "Uno splendido disastro" sia quel tipo di libro che, quando lo vedi nelle librerie, ti attira a sé come una forza sconosciuta, ti "costringe" a sfogliarlo, ed una volta letta la trama non ci sarà più niente da fare. Il libro verrà a casa con voi, perché come ho scritto poco sopra, questo romanzo è magnetico.

Parliamo della parte grafica. Il titolo tradotto in italiano non si differenzia praticamente per niente dal titolo originale. Ma la copertina, beh, non c'è storia. Quella originale è molto molto bella e particolare, mentre quella italiana è stata resa troppo semplice, una copertina simile a tante altre.

La gufo giuria ha espresso il suo voto:


E come potete vedere dai gufi, devo assolutamente ripetere che "nonostante tutto quanto, Uno splendido disastro l'ho amato". Adesso non uccidetemi dopo aver ripetuto questa frase un sacco di volte, piuttosto, mi piacerebbe sapere cosa ne pensate voi di questo romanzo. So che in molti lo avete già letto e quasi tutti gli altri lo stanno attendendo con ansia. Sfogatevi con me :)

32 commenti:

  1. Io ho ancora delle riserve su questo romanzo nonostante tutto..non mi decido a leggerlo. Le recensioni sono tutte positive. E anche se on sarà un "opera" vera e propria, credo che i libri ci piacciano perché arrivano in profondità a parlare alle parti più nascoste della nostra anima e per questo non c'è mai un parere uguale all'altro..ognuno li sente in base al proprio vissuto,in base al proprio modo di essere e di sentire..magari è per questo che l'amato così tanto. Io non so..se dovessi leggerlo ti farò sapere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vale, davvero hai letto solo recensioni positive? A me sono capitate anche quelle negative e raramente quelle che esprimono una "via di mezzo".
      Sicuramente non è un libro che brilla per originalità, la storia raccontata io l'ho trovata estremamente semplice. Ma come dici tu, ognuno di noi vive i libri e la lettura in modo diverso, spero che se lo leggerai non ne rimarrai delusa :)

      Elimina
    2. Stai sicura che se lo leggera nn ne rimarrà delusa perché e meraviglioso e suscita tantissime emozioni.....PS
      la trama sarà anke un po banale ma e stupenda e poi ogni libro, anke se simile e unico
      (però questa e solo la mia opinione ....io LO CONSIGLIO a tutti,anke A TE nel caso non l'avessi letto)

      Elimina
    3. O perché sono io incontentabile con i libri, o perché cerco sempre di scavare e trovare il messaggio... Ho trovato questo libro incredibilmente sessista, banale e irreale. Ora, non per fare la critica letteraria della situazione, ma penso che anche un ragazzino con una base letteraria solida capirebbe che ci sono tantissimi messaggi negativi che invia questo racconto. E sinceramente non ne capisco il successo: a lamentarsi degli stupri e dell'iperprotettività degli uomini, e poi si sognano ragazzi come Travis, che addirittura tira fuori Abby dalla macchina mentre sta pomiciando con Parker. Nemmeno facevamo l'amore, si stavano semplicemente baciando.

      Elimina
  2. Io continuo a non essere attirata da questo libro, poi magari una volta letto lo amerò, oppure lo odierò chi può saperlo! Al momento vegeta nel mio KINDER e credo che resterà lì ancora per un po' di tempo!
    Se devo scegliere tra le due cover, quella originale è troppo bella, come dici tu non c'è proprio storia con quella italiana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Zia credo che per leggere questo libro sarà meglio che aspetti di avere la voglia per farlo, altrimenti potrebbe realmente non piacerti. La cover originale è bellissima, anche se non la trovo molto in linea con tutta la storia, ma è davvero bellssima.

      Elimina
  3. Bellissima recensione, mi è piaciuta la differenza tra la parte oggettiva e quella soggettiva.
    Proprio oggi ero decisa ad acquistarlo, ma dopo due recensioni non positive di seguito, lo lascio ancora in stand by

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dru, grazie mille. Sono contenta di essere riuscita a mostrare entrambi gli aspetti. Inutile dire che se non ti convince a pieno e non ti senti attirata è inutile che lo leggi, meglio aspettare che la tua curiosità viri verso le sue pagine :)

      Elimina
  4. Io sono indecisa se iniziarlo o meno c'è l'ho nell'e-reader e penso che prima finisco le letture che ho in programma poi lo inizio sono curiosa di scoprire se sono tra quelle persone che lo odia o lo ama ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Debora, non avere fretta che tanto non ti corre dietro nessuno ahahahah
      E' nel reader, quando sarà il momento lo leggerai e sicuramente verrò a scoprire il tuo pensiero sul blog :)

      Elimina
  5. Non ti uccidiamo LOL ti vogliamo troppo bene per farlo!
    Io non so cosa ne penserò a riguardo °-° lo scoprirò solo leggendo mi sa LOL

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Deni, ora mi sento più tranquilla ahahaahah ♥
      Deni, ma ti ispira come storia oppure la senti abbastanza indifferente?

      Elimina
  6. non appena il mio fondo monetario rinascerà un po', questo è una tra i primi libri che comprerò! Mi hai fatto venire molta voglia di leggerlo=)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, spero proprio che il portafoglio tornerà rigoglioso presto, mi farebbe piacere sapere che ne pensi :)

      Elimina
  7. Ciao, sono capitata nel tuo blog per caso ma mi è piaciuta un sacco la tua recensione perciò ho deciso di cominciare a "followarti" XD
    Io questo libro l'ho letto l'anno scorso in inglese perchè in Italia non c'era ancora e io non potevo aspettare così tanto :D
    Mi sono rispecchiata in pieno nella tua recensione. Anch'io non capisco il motivo per cui mi sia piaciuto tanto questo libro, ma ha un che di magnetico e non puoi proprio rimanerne indifferente *-*

    Attya

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Attya, ti ringrazio per esserti unita al blog, ti dò il benvenuto e spero ti troverai bene qui :)
      Anche tu leggi in lingua originale? Lo dico sempre ad altre ragazze, invidio molto chi riesce a farlo, io non ce la faccio proprio :(
      Sono contenta che la mia recensione riesca ad esprimere le tue stesse sensazioni :)

      Grazie ancora e torna a trovarmi ♥

      Elimina
  8. bello!bello!bello!lo leggi tutto d'un fiato e non importa se il telefono squilla,se c'è un film in tv che avresti voluto vedere....io l'ho adorato subito e lo consiglio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ESATTO, io l'ho letto in un giorno e mezzo e giuro che ci sono rimasta MALISSIMO quando sono arrivata alla fine... *-*

      Elimina
  9. Comprato appena è uscito e letto due volte!
    Mi è piaciuto molto... perchè,,, non lo so ma è così.
    Sinceramente mi sono fatta così coinvolgere dai protagonisti, soprattutto dalla passione di Travis che ho sorvolato sui difetti... che sicuramente c'erano ma chi ci ha fatto caso?
    Mi ha proprio preso alla "pancia" come si dice
    Aspetto con ansia quello scritto da Travis..............
    Leggetelo ....... abbandonate però i pregiudizi e la falsa moralità, ricordate leggendo che sono poco più che adolescenti, con gli ormoni a 1000 ed a quell'età tutto viene visto e vissuto con intensità.... e molta incoscienza...........

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lilia, hai proprio ragione, è uno di quei libri che prende e coinvolge, ma senza un motivo preciso, perché comunque la storia raccontata è semplice e soprattutto non è niente di nuovo... Ma Travis mi ha fatto impazzire e sinceramente sono molto molto curiosa di leggere la storia vissuta da Travis *__*

      Elimina
  10. l'ho letto in 4 ore e anche se la storia è semplicissima ha un non so che, che ti fa innamorare il loro tira e molla è stato la ciliegina sulla torta..
    penso proprio che lo leggerò ancora XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io di certo leggerò il secondo libro. Peccato che non si sappia ancora quando uscirà in Italia, ma spero non ci faranno attendere molto...

      Elimina
  11. Di solito non leggo tanto, ma appena mi è capitato tra le mani 'uno splendido disastro' mi sono innamorata della trama e subito in meno di 5 giorni ho finito di leggerlo. Lo trovo un libro fantastico, che ti fa immedesimare nel personaggio e una volta iniziato non la smetti più di leggerlo, tanta la curiosità di quello che accade nel corso della storia che subito mi sono appassionata e non potevo farne a meno di leggerlo.
    Lo definisco un capolavoro e non mi dispiacerebbe leggerlo di nuovo, infatti è quello che farò.
    Semplicemente STUPENDO.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, è sempre bello sapere che persone che non leggono molto riescono a trovare quei libri che li riavvicinano alla lettura... Spero proprio che grazie ad "uno splendido disastro" potrai interessarti di più alla lettura :)

      Elimina
  12. Io ho una voglia di comperarlo... forse andrò a prenderlo tra qualche giorno, finito il libro che sto leggendo ora.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora caro/a anonimo spero tornerai qui per dirmi cosa ne pensi dopo che lo avrai letto :)

      Elimina
  13. Ho letto questo libro per merito tuo, quindi non potevo non passare di qui e lasciarti il mio pensiero... ed eccomi qui. :)

    Ultimamente sto leggendo i libri ricoprendo un ruolo mai "interpretato" prima: una volta leggevo, decidevo se mi piaceva o meno la storia e il mio rapporto con il libro terminava lì. Ora è una relazione seguita da fasi che si susseguono una dietro l'altra. Comincia tutto con l'acquisto, afferro il libro come se fosse un mio piccolo tesoro conquistato, lo osservo quasi come se potessi scorgere in lui dettagli vitali e lo compro. In seguito, ovviamente, arrivare l'inizio della lettura... qui, prima di tutto, tolgo la copertina che lo riveste, odio rovinarla anche se poi alla fine finisce sempre con il farlo, sfoglio le pagine per sentire l'impatto che hanno con le mie dita, lo annuso e rifletto - rifletto, sì... immagino la storia, i personaggi, le emozioni che potrebbe darmi... tutto basandomi sulla piccola trama che spesso leggo dal tuo blog. Mentre lo leggo, un'altra delle fasi, sono sola con lui, siamo io e lui in un momento di pure intimità. Nessuno può, né deve osare, interrompermi mentre leggo il mio libro perché mi immergo nella storia catapultandomi in un mondo dove non ci sono i miei problemi, la mia vita, le mie preoccupazioni... ci sono solo i sentimenti dei personaggi, le loro vite ed emozioni... siamo io, il mio libro, i personaggi e le loro emozioni. Alla fine, quello che definisco "il più bel momento peggiore", resto a guardare il libro chiuso ripensando alla storia, a quanto vorrei non fosse già finito, a quanto vorrei avere un altro libro che prosegue la storia dei personaggi... e non avendo altro, immagino, nuovamente, quel che potrebbe accadere.
    Se prima leggevo, ora posso dire di vivere i libri... e non c'è nulla al mondo di più bello.

    Ma ho divagato...
    Tutto questo, che potrebbe benissimo essere un commento posto sotto il post della "guida alle manie dei lettori", l'ho scritto per dirti quel che è successo in seguito al tuo consiglio di lettura.
    Come hai detto nella recensione, non è nulla di speciale per via di una trama banale e di uno stile di scrittura non proprio tra i più alti visti in giro... eppure "nonostante questo, l'ho amato"!
    Mi sono sentita vicinissima ad Abby, che tu invece non hai sopportato, forse perché ho trovato in lei alcune parti di me: penso che il suo dubbio nei confronti di Travis fosse più uno scappare dai veri sentimenti. L'Amore travolge e spesso lo fa così intensamente che preferiamo scappare da esso e non andargli incontro. Travis è stato chiaro fin da subito e nel profondo del suo cuore, la cara Abby, sono certa sapesse benissimo quanto coinvolto lui fosse. Proprio per questo ha preferito "auto-convincersi" di avere dei dubbi inesistenti.
    Almeno... questa è stata la mia interpretazione del personaggio di Abby, un po' quello che ho sempre fatto io quando qualcuno era interessato a me - più raro di un eclissi.
    Inutile parlare di Travis, è un classico, quel classico che ti lascia a bocca aperta e con il cuore palpitante: chi non amerebbe un ragazzo così?

    Ti ringrazio, ti ringrazio per avermelo consigliato perché "nonostante" le sue pecche, "l'ho amato"... l'ho amato con tutto il mio cuore.

    Un abbraccio!
    Jen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Jen, cosa mi avevi detto per messaggio? Che avevi scritto poco? Ahahahaha amo i tuoi commenti stralunghi, amo come ti piace chiacchierare di libri e delle emozioni che ti provocano. Per fortuna esistono persone come te che si rapportano ai libri e alle loro storie in questo modo.

      Sono contentissima che Uno splendido disastro ti sia piaciuto... ti interesserà sapere che l'anno prossimo uscirà il secondo libro di questa duologia e si tratterà della storia raccontata dal punto di vista di Travis, io non vedo l'ora *_* Inoltre su facebook la casa editrice sta organizzando una cosa carinissima per scegliere la copertina del libro che dovrà uscire, se ti interessa, ecco QUI

      Elimina
  14. Personalmente nonhoamatoquesto libro: ipersonaggimi hanno fatto venire l'orticaria. Se vuoi leggere una bella storia d'amore di consiglio " l'isola dell'amore proibito" al quale io darei 5 gufi!

    RispondiElimina
  15. HO LETTERALMENTE AMATO QUESTO LIBRO. L'ho letto in poche ore e giuro che non sono riuscita a staccarmi da quelle stramaledette pagine. Sì, la trama è abbastanza banale: solita storiella in cui il "bad boy", dopo essersi innamorato cambia radicalmente carattere. Ma che dire? Mi sono assolutamente immedesimata in Abby e, a dirla tutta, mentre leggevo, ho sognato una storia d'amore come quella. Insomma, chi non vorrebbe al proprio fianco Travis Maddox?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non conosco il tuo nome, dunque immagino tu sia una "anonima" xD
      E' vero, la trama è banale, ma non sempre la banalità è sintomo di "schifezza". Reputo questo libro uno di quelli in grado di incantare con pochi elementi, niente di originale, niente di esageratamente meraviglioso, ma a modo suo riesce ad incantare e appassionare.

      Elimina

Lasciate un segno del vostro passaggio, sono sempre felice di leggere e rispondervi ♥