venerdì 5 aprile 2013

Recensione: "Come petali sulla neve" di Antonella Iuliano

Buongiorno a tutti e buon venerdì? Come procedono le vostre giornate? Io sono ancora in ferie, ma la mia quiete è stata sconvolta dal dente del giudizio, non ho mai sofferto di mal di denti in tutta la vita e che ci crediate o no, questo fastidio e dolore per me sono completamente nuovi e mi innervosiscono e non poco. Per mia fortuna, come per tantissime altre cose, ad alleviare dolori e nervosismi, ci sono i miei amati libri.

Oggi vi lascio la recensione del libro d'esordio di Antonella Iuliano, Come petali sulla neve. Pubblicato da La Caravella Editrice, il 22 marzo 2012, al prezzo di 14,00 euro.

Trama:
Philip decide di iniziare il suo viaggio abbandonando le mura fredde dell'orfanotrofio, alla ricerca delle sue radici.
Nulla di un passato sconosciuto però, potrà mai illuminare le direzioni impreviste del suo futuro.
Constatazioni e melanconiche attese sul suo percorso a ritroso.
Pagine di coraggio nella commovente lotta per la verità.
Il mio pensiero:
Ho conosciuto questo libro grazie alla recensione su un blog, inoltre stava per uscire il nuovo romanzo dell'autrice e così ho deciso di buttarmi in questa lettura e conoscere Antonella Iuliano e la storia del suo libro "Come petali sulla neve". Con una cover decisamente bella, dolce e particolare e con una trama molto intrigante, mi sono fatta avvolgere dalla storia raccontata.

Parliamo di abbandono, di due gemelli separati quando erano piccolissimi; parliamo di bugie e menzogne costruite in una vita intera, di un ragazzo che vuole scoprire le sue origini e ritrovare una parte della famiglia perduta; parliamo di due gemelli che si ritrovano e con grandissimi ostacoli e problemi, lottano per la verità e per un nuovo futuro migliore.

Come potete capire da queste poche righe, che ho deciso di scrivere come "riassunto" della trama, Come petali sulla neve è un libro colmo di emozioni forti, un libro che ci porta a viaggiare attraverso un passato doloroso, con le speranze per un futuro migliore e pieno d'amore. Un libro che ci fa conoscere l'importanza fondamentale di una famiglia alle spalle che ci protegge e ci ama incondizionatamente; un libro che ci fa capire che non tutto si riesce ad ottenere con i soldi, che la sincerità e la correttezza portano risultati migliori, piuttosto che la falsità e l'orgoglio smisurato; con sofferenza e con pazienza si può ottenere quello che si vuole quando si ha un grande cuore e una mente sveglia e intelligente.

Antonella Iuliano è riuscita a trasportarmi nel mondo che ha creato, mi ha fatto battere il cuore e mi ha completamente rapito grazie alla storia dei due gemelli: Philip e Leonardo, così diversi fra loro, ma uniti dal sangue, dalla carne e dal cuore. La storia scatena un turbinio di emozioni che accompagnano il lettore avido di conoscere, dall'inizio alla fine della storia. Sentiamo il bisogno di scoprire come andranno le cose per Philip, come si comporterà Leonardo e a cosa riuscirà ad arrivare la famiglia adottiva di quest'ultimo per coprire i segreti e le bugie.
Sono rimasta colpita e molto coinvolta, sono riuscita a leggere questo romanzo in una giornata. Ho sorriso grazie al personaggio di Jerry, un ragazzo sveglio e simpatico, con un grande cuore e una mente machiavellica; sono stata per minuti interi con il cuore in gola preoccupata per Philip e il suo futuro. Ed infine mi sono sciolta di fronte alle verità svelate e al destino riservato al il protagonista.

Ho trovato però dei difetti. A parte gli errori commessi dalla casa editrice - che ormai conosco e so che in ogni libro se non ci mettono almeno una dozzina di errori, non sono contenti - ho trovato alcune descrizioni esageratamente dettagliate, spesso mi sono chiesta a cosa servisse precisare dei dettagli che erano palesi e che la mente di un lettore coglie velocemente nella narrazione, senza avere bisogno di spiegazioni così lunghe. E purtroppo ho trovato molte scene, descrizioni e dettagli un po' troppo schematici, come se fossero una lista; in questi frangenti non provavo emozioni, ma venivo risucchiata dalla noia provocata per questa esagerazione nel voler spiegare certe situazioni o emozioni, oppure con dialoghi che non sentivo spontanei.
Purtroppo la bellezza del romanzo e la scorrevolezza della storia sono stati penalizzati da questi difetti, che spesso mi hanno fatto sbuffare.

La storia merita attenzione e merita di essere letta, perché vi ricordo che questo è il romanzo d'esordio dell'autrice e il potenziale è espresso con l'originalità e la passione che ha messo nello scrivere il libro. Ho già pronto, nella lista dei libri che mi attendono sulla mia libreria, il secondo romanzo dell'autrice e sono praticamente certa che la troverò maturata e migliorata; sono quasi sicura che troverò una storia altrettanto appassionante e senza quei difetti che mi hanno fatto abbassare il voto a "Come petali sulla neve".

Il mio consiglio è di leggere questo romanzo, perché vi farà emozionare, perché la storia vi catturerà fin dalle prime pagine e vi lascerà con il magone fino alla fine, ma vi darà anche quello spiraglio di speranza che serve a noi lettori per farci vivere meglio, quella speranza che si riflette in noi e ci fa sorridere il cuore.

La gufo giuria ha espresso il suo voto:
Aggiungo un mezzo gufetto in più perché l'autrice e la sua storia se lo meritano.


Bene cari fanciulli, mi piacerebbe sapere cosa ne pensate di questo libro, se vi ispira, se pensate di leggerlo o aggiungerlo in wishlist. Lasciatemi i vostri commenti, così possiamo chiacchierare insieme dei nostri autori italiani a cui tengo particolarmente.

8 commenti:

  1. Dopo una recensione così bella io l'ho inserito in WL! Mi daranno fastidio gli errori, ma dalle tue parole credo che la storia meriti nonostante tutto e ho deciso di provare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Dru cara, guarda purtroppo tutti i libri che ho letto di questa CE finora, erano sempre pieni di errori, ma la storia merita e si può passare oltre a questi problemi...

      Elimina
  2. Mmm da una parte mi ispira, dall'altra - quella dei difetti - un po' meno... non adoro le cose troppo dettagliate o prolisse... non so °-°
    Di sicuro penso che sarebbe carino vederne un film :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dunque Deni, il libro non è prolisso, anche perché conta meno di 300 pagine, però appunto ci sono descrizioni moooolto dettagliate, e scene ancora più ricche di particolari, molti dei quali, come ho scritto superflui...

      Sai che ci pensavo anch'io? Un film sarebbe davvero bello e verrebbe fuori qualcosa di speciale, secondo me *_*

      Elimina
  3. Ciao ragazze, sono l'autrice, non era mia intenzione commentare, ma la cosa mi ha un attimino lasciata basita. Per me è davvero strano leggere questo parere sulle descrizioni in quanto da altri lettori mi sono sentita dire l'esatto contrario. Credo sia una questione di gusto e di genere letterario che forse, almeno da quello che noto dal blog di Alessia, non è esattamente il suo. Questo libro ha avuto tante recensioni ed è la prima volta che riscontro questo parere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Antonella. Io credo che le recensioni (a parte quelle fatte da professionisti) si basino sempre sul gusto personale del lettore e la mia non fa differenza.
      Non ho capito una cosa, da altri lettori ti sei sentita dire che le descrizioni erano insufficienti?
      Guarda per quanto riguarda il genere lettarario, io leggo di tutto. Prediligo generi piuttosto che altri, ma sono abituata veramente a leggere di tutto, dai thriller ai romanzi rosa, dai fantasy ai romanzi drammatici e così via, posso assicurarti che il genere del tuo romanzo mi piace molto e come ho detto anche nella recensione, anche la storia mi è piaciuta moltissimo. L'unico difetto che ho trovato è proprio quello delle descrizioni: sono una a cui piace molto avere un quadro completo e dettagliato di ambientazione, personaggi e scene; ma come ho già detto, nel tuo romanzo ho trovato tutto questo troppo schematico e esageramente approfondito, tutto qui!
      Se è la prima volta che trovi questo parere sul tuo romanzo, mi fa piacere essermi differenziata dagli altri :) Io personalmente non ho letto recensioni di altri blogger per il tuo romanzo, dunque non so assolutamente cosa ne pensa il resto del mondo, ma la mia sensazione è stata questa, un semplice pensiero personale, come credo lo siano anche tutti gli altri!

      Elimina
    2. In un paio di occasioni mi è stato detto che le descrizioni dei posti, dell'ambiente, erano lacunose...non so, forse ci sono lettori che amano le descrizioni lunghe e a loro sono sembrata avara in questo. Comunque mi fa piacere che tutto sommato sia stato di tuo gradimento e spero lo sarà anche l'altro. Grazie :)

      Elimina
  4. Mi ispira un sacco e non vedo l'ora di leggerlo :)

    RispondiElimina

Lasciate un segno del vostro passaggio, sono sempre felice di leggere e rispondervi ♥