domenica 7 aprile 2013

Recensione: "L'incanto di Cenere" di Laura MacLem

Buona domenica a tutti, è già passata una settimana da Pasqua e a me sembra che il tempo corra sempre più veloce, da un lato sono contenta perché non vedo l'ora di arrivare alle giornate più calde e allegre, ma da una parte mi scoccia vedere come scivoli via tutto così veloce... Va beh, lasciate perdere questi pensieri da pazza che è meglio e parliamo di libri e di quello che lasciano a noi lettori :)

Oggi è il turno di "L'incanto di cenere" libro d'esordio dell'autrice italiana che si firma con lo pseudonimo di Laura MacLem. Edito da Asengard, è uscito nelle librerie il 26 febbraio 2013, al prezzo di 9,90 euro.

Trama:
Una fanciulla e le sue sorellastre, una scarpina di cristallo, topi e zucche e un grande ballo, ma soprattutto un terribile segreto e un patto diabolico...

Il mio pensiero:
La trama che compare sul retro della copertina di questo romanzo, è composta da queste semplici tre frasi che vedete scritte qui sopra.
Le stranezze iniziano qui, nel senso che è decisamente inconsueto trovare un libro che in effetti è privo di trama, cosa dire della cover? Così particolare e a mio parere diversa da tantissime altre che troviamo nelle librerie, credo sia una di quelle cover che si ama o si odia e io l'ho amata fin da subito.
Ci tengo a precisare, prima di iniziare con la vera recensione, che io possiedo la copia non definitiva del romanzo, in cui di consueguenza ho trovato qualche piccolo errore o dimenicanza, ma nel mio giudizio finale non verranno contate queste cose, appunto perché sono a conoscenza di avere la copia non definitiva del romanzo.

"L'incanto di cenere" è un libricino composto da poco meno di 200 pagine, un libro particolare, diverso dal Un libro che riprende una fiaba famosissima - quella di Cenerentola - e la trasforma completamente, lasciando qualche elemento originario, che viene anch'esso tramutato.
solito.
Chi mi conosce e segue, sa che amo moltissimo gli adattamenti di fiabe famose, finora sono pochi i libri che ho letto, che trattano di questo genere di storia, che mi hanno deluso, e "L'incanto di cenere" non è da meno.

Troviamo molti elementi che ci portano a pensare alla storia originale di Cenerentola, o quella più conosciuta portata sui grandi schermi dalla Disney. Ci sono le due sorellastre Genevieve e Anastasie, che sono buone, molto unite fra loro. C'è Christelle - che impersona Cenerentola - una ragazzina con un'anima oscura, devota al Maligno e intenziona a vendicare la morte della madre. Il povero conte, padre di Christelle, che sposa la madre delle due sorellastre, che viene a mancare dopo poco l'inizio del libro, ma non a causa di una grave malattia, ma a causa di forze maligne e sconosciute.
Troviamo alcuni elementi presenti nella fiaba, che in questo libro vengono associati a Genevieve - voce narrante per quasi tutto il libro - come ad esempio il grande ballo a cui sarà lei che partecipa e tanti altri piccoli particolari.

Non voglio dilungarmi molto perché questo libro è giusto scoprirlo con la dovuta attenzione, non desidero spoilerarvi niente (anzi forse ho già esagerato), perché la scelta di non mettere una trama la trovo molto azzeccata e intrigante.
Questo libro è realmente molto particolare, lo stile dell'autrice è particolare. La storia raccontata è tinta di colori oscuri e maledetti, la narrazione è molto tetra e a tratti sfiora l'horror, nel senso che ci sono scene molto crude descritte nei minimi dettagli, da cui uno stomaco debole potrebbe ricevere effetti devastanti. Per fortuna non sono in queste condizioni, ed ho assaporato e letto con attenzione ogni riga di questo romanzo così diverso dai canoni che conosciamo.

Lo stile dell'autrice non posso definirlo scorrevole, perché a mio avviso non lo è, è molto intricato e complicato, ogni fatto è descritto nella sua interezza, ma un lettore non attento potrebbe non accorgersi di piccoli particolari, oppure non riuscire a seguire la narrazione. Questo libro, che pensavo fosse una lettura leggera e semplice, si è rivelato molto più complicato di quello che mi aspettavo. Con questo non voglio dire che non mi sia piaciuto, anzi sono rimasta piacevolmente colpita da questo stile così ricco di dettagli, ma così inusuale. La storia raccontata è tetra e dark, e lo stile segue queste linee, usando vocaboli adatti a questo scopo e riuscendo ad essere molto attraente, pur parlando del male e del Maligno in "persona".

Sono presenti anche piccole scene in cui invece dei toni scuri, troviamo l'allegria e la spensieratezza di Anastasie, e grazie a questo possiamo confrontare i due lati: quello oscuro e quello pieno di luce. Questa mossa è stata molto azzeccata a mio parere, perché in questo modo la narrazione è più equilibrata e il lettore ogni tanto può tirare un sospiro di sollievo, riuscendo a respirare aria pura e non solo cenere che intasa i polmoni.
Ecco, credo di aver trovato la parola giusta: il male che è contenuto nel personaggio di Christelle ha la capacità di intasare il respiro del lettore, di renderlo pesante e difficoltoso, come se fossimo costretti a sopportare sulle nostre spalle un fardello grande il doppio di noi.
Nonostante in alcuni momenti ho avuto qualche piccola difficoltà a seguire la trama e la narrazione, questo libro mi ha coinvolto e mi è piaciuto molto.
E' stato stimolante imbattersi in qualcosa di completamente originale - almeno per me - e di trovarlo intrigante e attraente; come mi è capitato di scrivere anche qualche giorno fa, ormai trovare libri originali è compito arduo, e sapere che ci sono autori - per giunta italiani - che riescono ad esprimere la loro fantasia senza entrare nel mondo dei clichè, è qualcosa che riesce a rendermi orgogliosa e completamente soddisfatta.

Tutto in questo libro, assume toni oscuri e malefici, anche nei momenti di spensieratezza, c'è sempre quell'aura nera che aleggia sul lettore e sulla storia stessa e questo credo sia uno degli elementi che differenziano questo romanzo da tutti gli altri che possiamo trovare in libreria.
Reputo questo esordio molto azzardato, perché credo che "L'incanto di cenere" non sia un libro adatto a tutti, ma l'autrice ha voluto subito far capire ai lettori di che cosa è capace, quanto in profondità si spinge la sua fantasia e la sua voglia di essere originale, e sicuramente è riuscita ampiamente a convincermi.

La gufo giuria ha espresso il suo voto:
 Una piccola spiegazione per questo voto. Inizialmente ero partita con l'idea di dare a questo libro 3 gufetti e mezzo, ma poi ripensando alle mie sensazioni durante alla lettura e a quello che mi ha lasciato dentro una volta chiuso il libro, ho deciso di aggiungere quel mezzo gufetto che ci sta tutto. Proprio perché L'incanto di cenere è un libro in grado di sconvolgere per la cattiveria che contiene e allo stesso tempo riesce a dare una piccola speranza e a coronare il tipico sogno del "vissero felici e contenti"... Anche se il male non si accontenta mai e riesce sempre a trovare nuove vie per rinascere...



Rileggendo la mia recensione l'ho trovata un po' caotica e forse non del tutto comprensibile, ho provato a fare qualche cambiamento, ma non riesco a trovare altri modi per parlarvi di questo libro, è così piacevolmente strano e originale che lo considero quasi raffinato e per un pubblico ristretto. Spero avrete voglia comunque di arrivare alla fine dei miei pensieri e spero di non ritrovarmi presa a "pesci in faccia" nei commenti, perché sapete quanto ci tengo a parlare in modo comprensibile dei libri che leggo, ma ci sono alcune volte in cui ho così tanti pensieri nella mente che mi risulta molto difficile essere esaustiva con voi. Dunque vi chiedo scusa in anticipo per questa recensione e spero comunque di avervi incuriosito almeno un pochino.

8 commenti:

  1. mi piacerebbe moltissimo leggere questo libro..si sei decisamente riuscita a incuriosirmi:)

    RispondiElimina
  2. Sono sicuro che lo adorei *-*

    RispondiElimina
  3. Due parole da ripetere all'infinito: lo voglio, lo voglio, lo voglio, lo voglio, lo voglio X°D lo voglioooo!

    Mi ha attirato dalla prima volta che l'ho visto... quando ho saputo che c'è dell'horror (l'autrice è una delle admin del forum che frequento) mi è partita la rotella e ora lo voglio follemente X°D
    Mi è molto piaciuta la tua recensione, sento a pelle che mi piacerà!

    RispondiElimina
  4. adesso mi hai tento incuriosito, ma proprio tanto!!!!! voglio leggerlo!

    RispondiElimina
  5. Voglio proprio leggerlo!!!
    Bella ed interessante recensione :-)

    RispondiElimina
  6. Lo desidero ogni giorno di più e tu sei riuscita eccome ad incuriosire!!! :)

    RispondiElimina
  7. uuuuh, ma allora vi siete incuriositi proprio tanto.. Oh, come sono contenta... Mmm, non disperate, probabilmente fra un po' avrete modo di avere una copia di questo libro, o almeno uno di voi potrà avere questa opportunità :)

    RispondiElimina
  8. mi sono persa la recensione XD alla fine lo hai letto ^_^ e a quanto sembra ti è piaciuto u.u.

    RispondiElimina

Lasciate un segno del vostro passaggio, sono sempre felice di leggere e rispondervi ♥