venerdì 24 maggio 2013

Recensione: "Scarlet" di Marissa Meyer

Salve amici, come state? Il vostro weekend sta iniziando in un buon modo, oppure siete ancora presi dalla frenesia classica della settimana?
Io come sapete non sento mai differenza fra weekend e giorni della settimana normali, anzi di solito lavoro più nel weekend; l'altro giorno sono rimasta a casa da lavorare perché questa specie di influenza che mi sono presa non mi ha dato scampo, ora per fortuna sta passando e inizio a sentirmi leggermente meglio; è certo che se le temperature tornassero nella norma e smettessero di balzare da un punto all'altro, forse riuscirei a stare meglio un po' prima -.-

Senza pensare a malattie e meteo, ora vi parlo di libriiiiiiiiiiiiiiiiiiiii, finalmente direte voi xD
Oggi parliamo di "Scarlet" di Marissa Meyer, secondo volume della serie "The Lunar Chronicles", è stato pubblicato in Italia da Mondadori nella collana Chrysalide, il 30 aprile 2013, al prezzo di 17,00 euro, per 432 pagine.

Trama:
Anno 126, Terza Era. Androidi e umani popolano le strade di Nuova Pechino, sotto lo sguardo implacabile degli abitanti della Luna. Cinder, giovane cyborg e legittima erede al trono lunare, evade dalla prigione in cui è stata rinchiusa per partire alla volta di Parigi, alla ricerca della donna che in passato l'ha nascosta dalla malvagia Regina Levana. Il suo destino si intreccia a quello di Scarlet, giovane contadina francese costretta ad abbandonare la sua fattoria per ritrovare la nonna, scomparsa senza lasciare traccia. Insieme, con l'aiuto dell'ambiguo Wolf, esperto di combattimenti clandestini, e dell'affascinante cadetto Carswell Thorne, Scarlet e Cinder scopriranno di dove combattere un nemico comune: la Regina Levana, pronta a scatenare la guerra per indurre il principe Kai a sposarla e affermare la supremazia dei Lunari sulla Terra. Vigilata da una luna ostile e minacciosa, Scarlet, moderna Cappuccetto Rosso, dovrà attraversare una città insidiosa come il profondo del bosco, e scoprire se dietro il conturbante Wolf si nasconde un alleato o un predatore.


Il mio pensiero:
L'anno scorso ero rimasta incantata dal mondo creato da Marissa Mayer con Cinder (se volete ecco la mia recensione), il primo libro di questa serie, e dal momento in cui finii la lettura di quel libro, la mia curiosità e voglia di leggere il seguito era impressionante.
Finalmente sono riuscita a buttarmi di nuovo in questa storia e ne sono rimasta coinvolta fino alla fine. Se Cinder era la rivisitazione della favola di Cenerentola, con Scarlet ci troviamo di fronte una rivisitazione di Cappuccetto Rosso. Una ragazza con una felpa con cappuccio rosso e fiammeggianti capelli è la protagonista di questo secondo libro della serie.
Le vicende di Cinder e Scarlet si intrecciano all'inizio in modo blando, e con il continuo della storia in modo sempre più fitto e intenso.
Il personaggio di Scarlet mi ha fatto impazzire fin da subito, una ragazza forte, con la testa sulle spalle e le idee chiare su quello che vuole dalla vita; è genuina e sincera, coraggiosa e intelligente... insomma l'ho trovata una protagonista perfetta, ancora migliore di Cinder.
I nuovi personaggi che compaiono in Scarlet, oltre che alla protagonista stessa, mi sono piaciuti tutti. Wolf, compagno di viaggio di Scarlet, enigmatico, misterioso e a tratti feroce, ma anche timido, dolce e insicuro, mi ha rapito il cuore con i suoi sguardi e i suoi fugaci sorrisi; Thorne il simpatico e folle compagno di viaggio di Cinder, mi ha fatto ridere a crepapelle in certi punti, ma è riuscito anche ad entrarmi nel cuore per questi suoi modi sempre così aperti e gioviali.
Ritroviamo il principe Kai e la Regina Levana, il primo mi è caduto un po' in basso, è stata una figura di margine almeno a mio parere, e quelle poche volte che compariva mi faceva spesso saltare i nervi; la seconda invece è rimasta insopportabile come nel primo libro, altezzosa e menefreghista, farebbe qualsiasi cosa per raggiungere i suoi scopi. Ed infine la dolcissima e pazzerella Iko, l'androide migliore amica di Cinder, che ritornerà a fiancheggiare la sua amica e strapparci sorrisi con la sua vitalità e voglia di essere umana.

La Meyer continua a farci scoprire i vecchi personaggi, ma allo stesso tempo ci intrattiene con quelli nuovi, e tutti sono caratterizzati molto bene, riusciamo a conoscerli e comprenderli a fondo, capiamo le loro scelte e i loro comportamenti, riusciamo ad apprezzarli o odiarli, ma ognuno di loro in un modo o nell'altro attira la nostra massima attenzione.
Ci sono personaggi secondari, ma quasi tutti fanno da sfondo, non sentiamo la mancanza di questi, perché i personaggi principali sono molti e non lasciano spazio a pensieri sfuggenti verso altre figure presenti nel libro; infatti non ho desiderato vedere approfondita la caratterizzazione di nessuno di quelli secondari, mi capita spesso di leggere un libro e amarlo, ma di sentire il bisogno di conoscere meglio alcuni personaggi che non sono stati approfonditi bene, in questo caso non è successo. Sono stata coinvolta pienamente senza sentire il bisogno di ulteriori approfondimenti dei personaggi di sfondo.
Credo di aver ripetuto la parola "personaggi" un po' troppo spesso, così concludo la parte dedicata ad essi xD

Spendo qualche parola sulle ambientazioni: sono tutte ricche di dettagli al punto giusto, l'autrice non si perde in descrizioni superflue, ma ci dona tutto l'essenziale per comprendere i luoghi in cui si muove la storia e i suoi protagonisti; non mi sono mai sentita abbandonata esclusivamente alla mia immaginazione, avevo sempre spunti per crearmi il quadro completo nella mia mente.
Lo stile dell'autrice anche questa volta mi ha piacevolmente colpito, perché è uno stile scorrevole e semplice, arricchito da un lessico appropriato per la storia, se in Cinder avevo trovato qualche piccola difficoltà all'inizio, con Scarlet tutto questo non è avvenuto, in parte perché ero già dentro alla storia e all'ambientazione futuristica, in parte perché mi sembra che l'autrice abbia dedicato più attenzione ai personaggi e alla storia in sé piuttosto che hai dettagli di meccanica e tecnologia (ma forse è solo una mia impressione, dovuta appunto alla conoscenza di alcuni meccanismi presenti anche nel primo libro). Riesce ad essere descrittiva sia con i personaggi, che con le ambientazioni e riesce a dare il giusto peso ai pensieri e alle sensazioni, come anche ai dialoghi. Insomma, il mix fra tutti questi elementi io l'ho trovato molto bilanciato e curato.

L'unica vicenda che mi ha fatto storcere un po' il naso, è la storia d'amore che l'autrice decide di far nascere fra due personaggi (com'è difficile parlarvi di questo senza spoilerare), ho trovato alcune scene un po' troppo banali e scontate, speravo che questa "elettricità emotiva" fra i due venisse prolungata un po' di più, infatti sono rimasta un po' delusa dal personaggio, ma anche da come l'autrice abbia voluto velocizzare questo amore così difficile.
Forse per chi ha letto il libro questa piccola considerazione (che non potevo evitare di mettere) sarà comprensibile, per gli altri che invece non conoscono la storia, mi dispiace non essere stata più chiara, ma sapete quanto odio spoilerare a chi non ha ancora letto.

Secondo me lo stile dell'autrice, la narrazione e la storia sono migliorati molto, infatti ho apprezzato un pochino di più questo secondo libro in confronto al primo e se continua così non oso immaginare quanto amerò i prossimi libri della serie.
Consiglio questa storia a tutte quelle persone che cercano qualcosa di originale, ma che non hanno paura di trovarsi di fronte a favole famosissime mutate completamente; a chi ama le ambientazioni futuristiche e a chi non può mai fare a meno di un pizzico di amore e forti sentimenti. Senza tralasciare la parte di azione, in questo libro ne ho trovata davvero tanta, e come tutto il resto, è stata congegnata splendidamente.

Passiamo ora, alla parte grafica del libro. Sia per la versione originale che per quella spagnola troviamo una certa continuità con la cover del primo libro Cinder (se andate a leggere la mia recensione ve ne accorgerete), mentre non trovo nessun tipo di continuità fra le cover italiane. Forse l'unica cosa che ricorda che fanno parte di una stessa serie è il font usato per il titolo, a parte questo la cover italiana mi piace moltissimo, come mi era piaciuta moltissimo quella di Cinder. La cover originale è molto minimalista, amo i colori e il font usato, ma purtroppo non riesce a colpirmi moltissimo. Rimango sempre molto affascinata dalla cover spagnole, anche in questo caso mi piace molto, è molto particolareggiata, anche se quel viso quasi da bambola trovo che stoni un po' con la storia e con il personaggio di Scarlet. Insomma, tirando le somme, credo che questa volta la migliore cover (a mio parere) è proprio quella italiana.

Il mio voto per questo libro:


Come vedete questa serie continua a piacermi sempre di più e non oso immaginare quanto diventerò scema aspettando il prossimo capitolo, che dovrebbe essere pubblicato in America nel 2014, non oso immaginare qui in Italia quanto ci faranno aspettare, ma spero non troppo.
Ed ora lascio la parola a voi, spero mi farete sapere cosa ne pensate del libro, se vi ispira o se lo avete già letto... Mi sono resa conto di essermi dilungata un po' troppo in questa recensione e spero di non avervi annoiato :(

12 commenti:

  1. Adoro questa serie, ho bisogno che esca il terzo libro ç_ç ORA ç_ç

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vane, come ti capisco... Io sono curiosissima di leggere il terzo, il quarto e questa è una di quelle serie che mi piacerebbe continuasse all'infinito xD

      Elimina
  2. Come sai l'ho adorato! *^* E' una delle mie serie preferite, sono contenta che ti sia piaciuto tanto. Io però preferisco Cinder a Scarlet, vediamo se nei prossimi libri la seconda mi fa cambiare idea...Thorne è sicuramente la new entry che ho preferito e sono stata felicissima di ritrovare Iko! ^^
    Non vedo l'ora di leggere il terzo *u*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. *Saltella felice*, mi piace quando le persone adorano gli stessi libri che adoro io, o il contrario xD

      Sono due protagoniste decisamente diverse, ma Scarlet mi ha preso di più, l'ho trovata meno "pensierosa e titubante" ma più decisa, simpatica e furbetta :)
      Thorne mi è piaciuto un sacco anche a me, molto più di Wolf; infatti spero comparirà ancora come personaggio *_*

      Elimina
  3. Non vedo l'ora di leggerlo, ne ho altri il lista che vorrei smaltire, ma non so se riuscirò a trattenermi *:*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No dai zia devi leggerloooooooooooo, non trattenerti, ti piacerà sicuramente e i due nuovi ometti sono sicura ti piaceranno (per motivi diversi) come nuovi personaggi... Daiiiiiiii, non farti pregare, inizialooooooo *_*

      Elimina
  4. Come ti ho già detto, devo assolutamente leggere questa serie!
    Appena era uscito Cinder non l'avevo minimamente considerato perché giudico molto un libro dalla copertina e non mi ispirava affatto.
    Poi quando ho visto la cover di Scarlet dire che mi sono innamorata è poco. STUPENDA! E quindi mi sono incuriosita e devo dire che sono sempre più convinta. Dovrò trovare il tempo anche per questo, tra i miliardi di libri che devo leggere!
    Per quanto riguarda la cover, adoro quella italiana, a differenza di Cinder (odio quando non c'è continuità però!. Quelle originali di entrambi non mi piacciono, mentre di Scarlet mi piace molto anche quella spagnola!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io dò molto peso alla cover, ma non troppo... E' successo alcune volte che comprassi libri con cover orrende ma che meritavano i soldi spesi e tutta la mia attenzione. Al contrario tuo a me la cover italiana di Cinder era piaciuta molto e l'avevo quasi presa a "scatola chiusa", ma io ti consiglio di iniziare assolutamente questa serie, è originale, frizzante, simpatica, coivolgente ed emozionante.

      Elimina
  5. Scarlet è nella mia libreria, ma non ho ancora avuto il tempo di iniziarlo :) Grazie mille per questa recensione ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Simona, grazie a te per essere passata :)
      Spero potrai abbandonarti alle avventura di Scarlet presto *_*

      Elimina
  6. O_O ooooh ...ho finito cinder ieri notte..bellissimo..lòe recensioni avevano pienamente ragione..ho già iniziato scarlet non potevo stare così:)

    RispondiElimina
  7. Oddio, io ho amato questo libro *-*
    All'inizio mi piangeva il cuore a dover lasciare Cinder & Kai al loro destino, ma poi eccoli tornare prepotentemente e... Waah *-*. Il mio cuoricino si scioglie. Anche davanti alla crudeltà di Levana.
    Scarlet e Wolf sono super shipposi e stranamente tutte le protagoniste femminili per ora mi stanno simpatiche c:
    In sostanza ho adorato questo libro!
    Se vuoi vedere cosa ne penso (scleri sclerosi a parte) trovi la mia recensione più alcune ultime news su Cress qui :3 .
    _Rainy_

    RispondiElimina

Lasciate un segno del vostro passaggio, sono sempre felice di leggere e rispondervi ♥