domenica 2 giugno 2013

Recensione: "The Hunt" di Andrew Fukuda

Ciao a tutti, oggi sono decisamente allegra, finalmente qui una bellissima giornata di sole, c'è caldo e ogni tanto tira un leggero venticello che rende tutto molto più rilassante... Insomma, appena avrò finito con il blog andrò fuori a godermi un po' di questo sole e caldo, che so già non mi terrà compagnia per molto....
Il meteo diceva ci sarebbe stato il sole, ma un vento della madonna... e quando stamattina mi sono alzata e ho visto che di vento ce n'era davvero poco, mi sono messa a saltellare *_*
Sembra una giornata perfetta da passare al mare, qualcuno di voi è riuscito ad andarci?

Veniamo alla parte importante del post e di oggi. La mia recensione del libro di Andrew Fukuda, "The Hunt" primo della trilogia omonima. Pubblicato in Italia dalla casa editrice Il Castoro, il 15 maggio 2013, al prezzo di 14,90 euro, per 336 pagine.

Trama:
Non sudare. Non ridere. Non attirare l’attenzione. E soprattutto, qualunque cosa succeda, non innamorarti di una di Loro. Gene è diverso da tutti quelli che lo circondano. Non è in grado di correre come un fulmine, la luce del sole non lo ferisce, non ha un insaziabile desiderio di sangue. Gene è umano, e conosce le regole. La verità deve rimanere segreta. E’ l’unico modo per rimanere vivi in un mondo notturno – un mondo in cui gli umani sono considerati una prelibatezza e vengono cacciati senza tregua. Quando Gene è fra i prescelti che parteciperanno alla grande Caccia degli ultimi umani sopravvissuti, la sua vita di regole comincia a sgretolarsi. Ora che Gene ha finalmente trovato qualcosa per cui combattere, il suo desiderio di sopravvivere è più forte che mai. Quale tributo sarà costretto a pagare?

Il mio pensiero:
Quando sono stata contattata dalla casa editrice per leggere questo libro, la curiosità si è subito impossessata di me, ma non del tutto... infatti ero anche un po' restia per via della figura del vampiro, che è presente nel libro, ed è ormai strausata nella letteratura YA e urban fantasy.
Dopo Twilight le case editrici hanno fatto a gara per portare in Italia quanti più libri parlassero di vampiri, all'inizio erano tutti molto coinvolgenti, piano piano però hanno iniziato ad arrivare storie tutte uguali e senza un minimo di emozione, sembravano tutte scritte dalla stessa persona, senza prestare attenzione al contenuto. Ora il "momento vampiro" è passato, e adesso ci ritroviamo ad assistere al "momento distopico", infatti dopo il successo di Hunger Games, la gara delle case editrici è ripresa, io non ne ho letti ancora molti di distopici, ma purtroppo si vedono già copiature e pochissima originalità... Ecco "The Hunt" riassume il "momento vampiri", insieme al "momento distopico".

La storia si svolge in un tempo non precisato (purtroppo), ma l'ambientazione è sicuramente distopica.
Troviamo un mondo popolato quasi esclusivamente da vampiri, chiamati la Gente oppure Loro, e gli umani, chiamati Eminidi sono rimasti pochissimi.
Il nostro protagonista Gene, è un ragazzo adolescente, un umano che ha imparato a comportarsi come un vampiro e ad evitare situazioni problematiche, ormai è un maestro e nessuno lo ha mai scoperto; è solo, senza una famiglia, ma ha sempre vissuto con praticità e la quotidianità per lui è sacra; tutto questo viene sconvolto quando il Governante (il capo) annuncia una novità esaltante per tutti i vampiri: si terrà una caccia e i fortunati che parteciperanno verranno sorteggiati tramite una lotteria; chi vincerà avrà la possibilità di essere addestrato, dopo di che insieme ad altri potrà cacciare alcuni Eminidi messi a disposizione proprio dal Governante (gli ultimi sul pianeta, così dicono).

Ecco a grandi linee il riassunto della storia, parto subito dicendovi che purtroppo l'ambientazione, il tempo e i luoghi sono sconosciuti; non si sa in che anno si svolge la storia, in che paese, non sappiamo perché il mondo è popolato solo da vampiri e non sappiamo come siamo arrivati a questo punto. Non sono riuscita a capire se questi misteri siano stati voluti dall'autore, nel senso che li svelerà nel prossimo libro della serie; oppure se la storia rimarrà così, senza un inizio ben preciso e un perché ben fondato.
Ho continuato a leggere sperando che venisse svelato qualcosa, che avessi modo di capire alcune motivazioni e alcuni scenari, ma purtroppo dopo aver chiuso il libro queste mie domande non hanno ricevuto risposta, e qui ecco il primo motivo per cui il libro non mi ha fatto impazzire.

Devo ammettere anche, che il libro mi ha lasciato un po' confusa per altri aspetti. Sfortunatamente l'autore ha preso ispirazione da Hunger Games per tanti piccoli aspetti e particolari che non voglio stare qui ad elencarvi; vi basti sapere che esiste questa caccia, che sembra riassumere l'arena di Hunger Games e che in questa caccia verranno coinvolte stampa e media, vi ricorda qualcosa? Ok, vi dò solo questi due indizi, ma credo che per cominciare siano sufficienti. Ovviamente trattandosi di vampiri l'autore ha solo preso spunto e non copiato spudoratamente, per fortuna oserei dire; ha sviluppato la storia in modi diversi e aggiungendo sicuramente molta originalità, rimango comunque del parere, che avrebbe potuto evitare di prendere spunto, credo che la storia ne avrebbe giovato e sarebbe stata ancora più coinvolgente.
Eh sì, perché a parte tutto quello che vi ho detto finora, la storia coinvolge eccome, ecco svelato il motivo della mia confusione. Non ho avuto un attimo di respiro, ho iniziato a leggere invasa sempre di più dalla voglia di sapere cosa sarebbe successo e dove sarebbe andato a parare l'autore; la storia è incalzante e scorre che è una meraviglia (io l'ho letto in poco più di un giorno), i colpi di scena sono molteplici e la struttura della storia prende una piega davvero originale verso metà del libro, quando le cose vengono completamente sconvolte a favore di un tragitto meno copiato da Hunger Games e molto più personale dell'autore.

Il protagonista è ben caratterizzato e molto intrigante, anche se in alcuni momenti una bella tirata di orecchie per la sua staticità e indecisione, ci sarebbe stata. Pochi altri personaggi vengono sviluppati e fatti conoscere. Ashley June, compagna di viaggio del protagonista è quella che si può capire e conoscere meglio, insieme a Sissy, una degli Eminidi che dovrebbe essere messa allo sbando per la caccia dei vampiri; per il resto purtroppo l'autore ha lasciato che molte figure facessero da sfondo, anche se una bella caratterizzazione ci sarebbe stata a pennello, ma credo che essendo una serie, avremo tempo di conoscere meglio altri personaggi, meglio dire che lo spero...

Rimango dell'idea che Fukuda avrebbe potuto fare di meglio, le basi per la storia meravigliosa ci sono, ed è riuscito a portarle avanti per metà in modo sublime, peccato per la trascuratezza in alcuni dettagli e gli spunti presi "in giro"; inoltre il libro si conclude in modo abbastanza netto, donando risposte al lettore, ma interrompendo un'avventura quasi all'apice del coinvolgimento, infatti alla fine è quasi doloroso lasciare i personaggi e la loro storia, perché non si ha la più pallida idea di come continuerà la storia e soprattutto di quando si avrà la possibilità di leggere il seguito.
Dopo aver letto tutto questo, capirete che i lati negativi e quelli positivi arrivano a spalleggiarsi, e continuo a ripetere che il mio stato di caos è dovuto proprio a questo. Il libro mi è piaciuto, ma mi ha anche deluso; mi ha coinvolto, ma mi ha anche fatto storcere il naso. Sicuramente leggerò il prossimo volume (sperando che la casa editrice non ci faccia diventare vecchi nell'attesa) perché sono rimasta con mille speranze: che la storia possa migliorare ancora, che molti dubbi vengano chiariti, che alcuni personaggi vengano approfonditi, e soprattutto ho voglia di sapere come continuerà l'avventura di Gene e dei suoi compagni.

Due paroline sulla grafica del libro. Il titolo per fortuna è stato mantenuto come quello originale. Nella recensione troverete la prima cover originale della versione americana, che a me piace da impazzire. La seconda cover che vedete è quella dell'edizione inglese, che personalmente trovo orrenda. La casa editrice americana nella seconda edizione del libro ha adottato una cover diversa che è poi stata usata sia in UK che qui in Italia, ed oserei dire per fortuna che non è stato cambiato niente... Voi cosa ne pensate? Quale preferite?

Il mio voto per questo libro:



Cosa ne pensate ragazzi? Sono riuscita ad esprimere in modo chiaro i miei pensieri? Spero proprio di sì, perché non vi nascondo che ho avuto qualche piccola difficoltà a scrivere questa recensione.
Aspetto i vostri commenti, fatemi sapere se lo avete già letto, oppure se è un wishlist, o ancora se conoscete questo libro grazie a questa recensione e cosa ne pensate.
Ciao a tutti e buona domenica, anche se metà se ne è già andata xD

27 commenti:

  1. La cover americana è decisamente splendida!
    Comunque questo libro è già in WL, è devo dire che, pur con i suoi aspetti negativi, mi hai fatto venire ancora più voglia di leggerlo :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero Simo, piace un sacco anche a me *_*
      Sicuramente usciranno recensioni più positive della mia, e sicuramente la mia curiosità per i seguiti non credo diminuirà... L'originalità e la particolarità della storia si fanno sentire e spero miglioreranno sempre di più...

      Elimina
  2. io non l'ho letto , ma ammetto che m'incuriosiva tanto appena uscito..solo che ..ragazzi che barba..ancora vampiri..ho letto anche in un altra rece la tua stessa impressione del riferimento agli hunger games..ora in definitiva non saprei..l'ho metto in fondo..se capiterà gli darò una possibilità ma non me la vado a cercare ecco.diciamo così

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vale, sinceramente anche a me è venuto da pensare che barba i vampiri, ma posso assicurarti che non ho mai sentito la noia provocata dall'uso esagerato di questa figura. Fukuda è stato davvero bravo a rendere i vampiri "suoi" e non annoiare il lettore.

      Elimina
  3. Io l'ho cominciato a leggere, ma oggi pomeriggio l'ho lasciato per iniziare "Shelter". Per quello che ho letto, mi sembrava molto simpatico, ma ho trovato un enorme inconveniente: i capitoli troppo lunghi! Un libro di trecento pag. con cinque capitoli .-.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. *si intrufola* anche io ho trovato quell'inconveniente XD una rottura quando è così... però alla fine sono riuscita a cavarmela visto che abbastanza spesso fa delle "pause" da una riga XD

      Elimina
    2. Mik, hai perfettamente ragione. I capitoli sono lunghissimi, sembrano non finire mai °-°
      Come mai hai preferito abbandonare The Hunt per Shelter?

      Elimina
    3. Deni, sì è vero fa delle pause, ma i capitoli sono davvero troppo lunghi.
      Anch'io come Mik preferisco di gran lunga capitoli corti (ovviamente non troppo) ed è stata un po' un'agonia leggere capitoli senza fine... anche perché di solito io quando devo interrompere una lettura cerco sempre di arrivare a fine capitolo prima di chiudere il libro, ti lascio immagine con The Hunt come è andata ahahahaah

      Elimina
    4. Ale, non lo so! Quei capitoli tanto lunghi mi stavano scocciando e, trovando Shelter ad aspettarmi sul comodino, ho ceduto. E' velocissimo e i capitoli sono lunghi il giusto :)

      Elimina
  4. Io come già sai, lo sto finendo e sono arrivata nel più bello :)
    Per quanto riguarda contesto storico etc... anche io ho notato l'assenza di queste informazione, ma almeno per il momento non mi ha pesato più di tanto! Attendo di finirlo per avere una visione più ampia :D

    Le cover... bah quella italiana non mi piace, le altre due sono molto più carine!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusa ti sto intasando di commenti XD
      Volevo dirti che avevo letto non so dove che sarebbe stato pubblicato il seguito dalle CE entro l'anno e mi ricordo anche una cover viola... ma ho provato a cercare in giro e non trovo il posto in cui l'avevo letto e nemmeno lo ricordo o_o

      Elimina
    2. A me fino poco dopo metà del libro mi infastidiva non sapere niente di tempo luogo ecc ecc poi sono stata risucchiata completamente dalla storia e non ci ho più pensato. xD

      Nooooo, la cover inglese è orrenda, dai non dirmi che ti piaceeeeeeeeeeeeee °-° quella americana è stupenda, ma quella inglese proprio no.
      Beh però la casa editrice ha mantenuto la cover originale della seconda edizione, e a me fa piacere xD

      Tu puoi intasarmi quanto vuoi con i commenti tesoro *_*
      Caso mai per il seguito proverò a chiedere direttamente alla CE quando manderò per email la recensione e vedrò che mi dicono :)

      Elimina
  5. Oddioooo >.< più guardo sui blog questo libro più correrei a comprarlo >/////< mi sa che se riesco in settimana vado sono troppo stra stra stra curiosa ^^ e la tua recensione me ne ha messa ancor di più ;p

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Debora ahahahahaha. Non guardare più sui blog, sai che io non mi sono ancora fermata a leggere una recensione di questo libro? Devo rimediare, sono curiosa di vedere cosa hanno detto altre persone :)
      Sono contenta che nonostante non mi abbia lasciato del tutto soddisfatta, la tua curiosità non sia diminuita, evidentemente ti ispira proprio tanto tanto :)

      Elimina
    2. >.< oddio si sta diventando un pallino, è la mia fissa del momento che fino a quando non lo compro e lo leggo non sto contenta ;p povera me...

      Elimina
  6. La tua recensione è molto bella e dettagliata,viene voglia di leggerlo solo per sapere se l'impressione sarà la stessa tua.
    Per il resto la storia non mi incuriosisce più di tanto,ne ho altri in testa molto più interessanti.
    La cover italiana non mi piace,sembra andare a fuoco :-/ ma nemmeno quella originale,perchè mi toglie la fantasia di inventarmi le sembianze del protagonista.

    Baci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Michy, come sai sono sempre felice di riuscire a mettere curiosità anche quando le mie recensioni non sono completamente positive :)
      Se non ti incuriosisce, allora è meglio che dai spazio ad altri libri, se arriverà un giorno che sarai interessata potrai sempre comprarlo o cercarlo in scambio :)

      Baci anche a te :*

      Elimina
  7. Io adoro la cover originale *^*
    Ma come ho fatto a stare una settimana senza passare per di qua? Recensione stupenda, mi ha fatto cambiare idea...ero quella che pensava fosse un'idiozia e adesso lo voglio :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Elena, tesorina dolcissima grazie *___*

      Mi ricordo benissimo cosa ne pensavi il giorno in cui ho presentato questo libro sul blog e in un certo senso sono contenta che hai cambiato idea... Spero solo ti piacerà quando lo leggerai, se non sarà così io mi nasconderò dalla tua ira ahahahahah

      Elimina
  8. Anche secondo me la cover inglese è davvero brutta, meno male che la CE italiana ha scelto di tenere questa edizione!!!
    Il libro è già nella mia libreria, sarà la mia prossima lettura, non posso resistere ancora perché adoro i distopici... spero solo non mi ricordi troppo Hunger Games come mi è successo in questi giorni con "Garden"!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione Sara, devo ammettere che non amo molto le cover così semplici con figure maschili, soprattutto il modello lo trovo davvero bruttino :/

      Io non ho letto Garden, ma sinceramente sono contenta di non averlo fatto, non mi ha mai ispirato, ma in giro ho letto abbastanza recensioni di persone rimaste deluse...
      In The Hunt ci sono piccoli dettagli che possono ricordare HG, ma non sono così marcati e come ho detto anche nella recensione, dopo metà libro si è completamente catturati dal ritmo di narrazione e dalle scelte prese dall'autore :)

      Elimina
  9. Ok, ho deciso, non ce lo metto in lista. Non mi convince molto questo libro però forse potrei dargli un'opportunità quando usciranno i seguiti. Magari, proprio come dici tu, quelli saranno migliori e più chiari =)
    ps. la cover scelta però mi piace tanto! Anche l'altra americana è molto bella. Per l'ultima che hai inserito, quella inglese se non sbaglio, concordo, è proprio brutta =S

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Valy, guarda... Potresti provare a leggere altre recensioni, c'è a chi è piaciuto molto di più, alla fine è piaciuto anche a me, ma alcune cose non mi hanno convinto. Sono quasi sicura che i seguiti saranno meglio e sono stracuriosa di sapere come l'autore continuerà la storia.

      Elimina
  10. molto bello l'ho letto in pochissimo è mi ha preso immediatamente quando esce il 2 libro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ivan, il secondo libro intitolato The Prey uscirà in Italia, sempre dalla stessa casa editrice, a Novembre di quest'anno :)

      Elimina
  11. Hey Ragazzi! sapete che Fukuda sarà ospite del festiva letterario Mare Di Libri a Rimini?!?! Sabato 14 giugno ci esporrà il suo nuovo libro, non mancate! Ecco il programma dle festival, l'evento di Fukuda è il n°12
    http://www.maredilibri.it/il-festival/programma/

    RispondiElimina
  12. Io ho appena chiuso il libro.
    Sono piena di domande e di perplessità,
    ad esempio: come può un'eminide femmina riuscire a sopravvivere in un mondo dove una goccia di sangue viene fiutata a chilometri di distanza? (Spero capiate a cosa mi riferisco)

    RispondiElimina

Lasciate un segno del vostro passaggio, sono sempre felice di leggere e rispondervi ♥