giovedì 18 luglio 2013

Chi ben comincia... #38

Buondì lettori, come state? Come avrete visto dalle mie risposte ai vostri commenti, ieri ho deciso di cambiare la mia immagine profilo di blogger, in onore del blogtour, in onore della mia tappa, l'angelo meccanico di Tessa mi accompagnerà per un po' e lasciatemelo dire, quanto vorrei avere un ciondolo esattamente uguale *___*
Sto un po' fuorviando, me ne rendo conto, ma dato che sono una bravissima bambina, torno subito sulla retta via ed inizio la nuova puntata della mia rubrica incipittosa → (non chiedetemi da dove mi è venuta fuori questa parola obbrobriosa °-°)
Le poche regole della rubrica:
- Prendete un libro qualsiasi contenuto nella vostra libreria
- Copiate le prime righe del libro (possono essere 10, 15, 20 righe)
- Scrivete titolo e autore per chi fosse interessato
- Aspettate i commenti



Questa settimana ho scelto l'incipit per voi in base ad una pubblicazione molto attesa da tantissime fan, si tratta di un nuovo capitolo di una serie molto amata, ma che io devo ancora iniziare. Ho aspettative altissime su di essa e sinceramente non so come mai non mi sono ancora decisa ad iniziare il primo libro... dopo aver aspettato mesi, finalmente ce l'ho fra le mani, ma ancora non è giunto il suo momento...
Intanto delizio me e voi con il suo incipit :)


 Black Friars - L'Ordine della Spada
di
Virginia De Winter

Scendeva la sera mentre i Frati dell'Ordine della Spada si disponevano per la parata annuale della Vigilia di Ognissanti. I cavalli sbuffavano attendendo che i cavalieri li guidassero per le vie della città; i palafrenieri e i novizi avrebbero seguito il corteo a piedi.
I Frati Neri, com'erano comunemente chiamati gli appartenenti all'Ordine della Spada, indossavano la tradizionale divisa da lutto: il mantello, nero come l'uniforme militare, la spada sul fianco e al collo la Fides Armata, la croce a forma di spada rovesciata.
I novizi, che avevano la consegna del silenzio, si scambiavano gesti consultandosi sulla situazione del tempo senza emettere alcun suono: il pallido violetto che tingeva il cielo, ancora chiaro sulla linea dell'orizzonte, era solcato da nuvole che non sembravano promettere pioggia.
L'oscurità calava sulle facciate dei palazzi, le luci si accendevano dietro le finestre, le torce e le luminarie intorno ai portali e sui davanzali tenevano a bada il buio.

***********

Lo chiamerei un incipit di preparazione, non viene svelato niente, semplicemente capiamo che questi Frati Neri dovranno sfilare per la città... Ma è inutile dire che la mia curiosità è altissima, proprio perché voglio conoscere il mondo creato dalla De Winter e conoscere i suoi personaggi... In moltissimi mi hanno detto che è un libro pieno zeppo di descrizioni (e credo si capisca già da questo incipit), alcuni le considerano super prolisse, altri invece sono rimasta coinvolti e ammaliati da questa capacità descrittiva... io ancora non lo so xD
Sono una a cui piacciono molto le descrizioni minuziose, ma devono essere ben strutturate e non messe a casaccio, devono comunque essere utili per avere un quadro sempre più ampio della storia e devono essere incastrate bene nella narrazione.
Confermo che sono ispiratissima da questo libro e spero prima della fine dell'estate di riuscire a leggerlo.
Voi invece cosa mi dite? Lo avete già letto, vi è piaciuto oppure no? Per chi come me è ancora fuori dal mondo di Black Friars, sapete che aspetto le vostre impressioni su queste prime righe :)

28 commenti:

  1. *_* siii anche tu con Black Friars!!! Allora ti posso dire che questo primo volume è pienissimo di descrizioni, spesso non proprio necessarie. Questa cosa è stata fatta notare all'autrice che le ha ridotte notevolmente dando spazio a più dialoghi nei libri successivi. Quindi tieni duro che ne vale la pena!!!! Sto leggendo adesso (non in questo preciso istante) proprio L'Ordine della Croce!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì Debs, devo assolutamente iniziare questa serie, ho sentito un sacco di pareri super positivi e non posso più tirarmi indietro *_*
      Sicuramente l'enormità del libro un pochino spaventa all'inizio e sapere che l'autrice è riuscita a ridurre le descrizioni per dare spazio ai dialoghi, mi fa felice, perché anche in questo caso, se costruiti bene i dialoghi sono essenziali per lo svolgimento della storia, ci vorrebbe sempre il giusto equilibrio fra descrizioni e dialoghi:)

      Elimina
  2. Nemmeno io ho ancora iniziato questa saga, nonostante sia in lista da un pezzo! Mi incuriosisce tantissimo, anche perchè ne ho sempre sentito parlare benissimo!! Adesso che è uscito l'ultimo libro non ho più scuse...cercherò di iniziarla al più presto!! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mariki, io ho iniziato ad interessarmi a Black Friars un paio di mesi fa, prima ne sentivo parlare ma non mi aveva mai interessato più di tanto...
      Però mi piacerebbe sapere come mai, avendolo in WL da un sacco, non lo hai ancora letto, cosa ti frena? :)

      Elimina
    2. Probabilmente perchè ho già fin troppi libri da leggere e troppo poco tempo!! D:
      Infatti tendevo a dare priorità a saghe già iniziate...soprattutto per poi non trovarmi ad iniziare l'ennesima saga e dovere aspettare un'eternità per il seguito!! Ora che è uscito l'ultimo però posso dedicarmi a questa saga senza interruzioni (anche se prima devo dare la precedenza ad un altro paio di libri che mi guardano dalla mensola da troppo tempo poverini...tipo Chaos xD) e tra l'altro l'uscita dell'ultimo libro cade proprio a pennello dato che oggi ho dato l'ultimo esame e finalmente sono in vacanza fino ad ottobre!!xD Direi che una bella scorpacciata di letture ci sta come premio dopo mesi di fatica!!XD

      Elimina
  3. Anche io ancora non ho letto questa serie ma è sempre lì che m'intriga. Essendo cresciuta coi grandi classici le descrizioni non mi spaventano affatto, se funzionali mi aiutano a calarmi nel mondo del libro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alessandra, esatto le descrizioni se ben costruite, interessanti e appunto funzionali, sono perfette per la storia, perché ci danno un quadro sempre più completo del libro che stiamo leggendo.
      Spero potrai leggerlo presto e spero ti piacerà :)

      Elimina
  4. Ciao Ale, io non la conosco questa serie.. strano è?!?
    Le descrizioni dettagliate che si dilungano un po' mi spaventano.. questo incipit devo dire che mi solletica la curiosità proprio perchè, come hai detto tu, non anticipa niente ed è impossibile non chiedersi "ma dove andrà a parare?!"

    L'incipit che ti lascio oggi è tratto dal libri La zona cieca di Chiara Gambarale, che leggo anch'io per la prima volta adesso: "Amici ascoltatori, benvenuti a una nuova puntata di Sentimenti Anonimi. E' venerdì sera e molti di voi sapranno benissimo cosa farsene, di questo week end. La mia amica Silvia no. La mia amica ha trentadue anni, un figlio che da qualche giorno ha imparato a dire mamma, scrive romanzi per la collana Harmony con lo pseudonimo di Azzurra Cristalli e anche se quando incontra Pietro pensa che il suo matrimonio era già in crisi da un pezzo, in realtà fino a quel momento fra tutti gli uomini che conosceva avrebbe sempre scelto suo marito."

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noooo, non ci credo, davvero non la conosci?! Beh ma allora ti ho dato un nuovo spunto per un acquisto :)
      Dunque, io con le descrizioni vado a momenti, credo ci siano libri che hanno bisogno di descrizioni lunghe e dettagliate e che esistano altri libri che sono più immediati e che non necessitano per forza di tutti quei dettagli.
      Sinceramente non so come sarà Black Friars, ma spero proprio di non trovare le descrizioni noiose :)

      Carino il tuo incipit, possiedo un libro della Gambarale da leggere e trovo sempre questo pizzico di simpatia nelle trame e negli incipit, che mi piace moltissimo *_*

      Elimina
    2. Aspetto la tua recensione e poi (sì, lo so già 'gh!!!) lo metterò in WL '-.-

      Se mi parli di descrizioni, a me viene subito in mente "La spiaggia infuocata": per poco non mi sono persa una storia stupenda, ho rischiato di abbandonarlo per colpa di tutte le infinite e inutilissime descrizioni, per poi scoprire che, dopo pagine e pagine spese e sprecate con minuziosi dettagli fini a sé stessi, Smith mi ha donato una vera perla *amoreprofondo*

      E' vero la Gamberale ha uno stile particolarissimo, di suo ho letto Le luci nelle case degli altri ed è stata una lettura particolare, interessate e piacevole.

      Elimina
  5. Da qualche parte credo che vendano il ciondolo di Tessa anche se non ho la minima idea su quanto possa venire a costare! xD

    Non ho ancora iniziato la serie Black Friars ma mi sono imposta di recuperare!! Per una volta che una bella serie è Made in Italy, non posso farmela scappare no?
    L'incipit mi piace molto, si vede che a Virginia piace descrivere! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anna, TU.NON.PUOI.DIRMI.COSI'. Lo sai??????????
      Adesso il tuo compito sarà scovarmi un link dove posso trovare questo ciondolo... oddio lo voglioooooooooooo!!!

      Ma possiedi già il primo libro della serie, ed è lì che ti aspetta? Oppure devi ancora decidere quando comprarlo? xD

      Elimina
    2. Ahah, un link l'avrei anche trovato!! Sei sicura di volerlo vedere?
      Guarda che poi la compri sul serio :P

      Ce l'ho in ebook, è lì che mi aspetta ma ci sono così tante altre serie che mi fanno "gola"! Sono certa che una volta iniziato, leggerò tutta la serie in pochissimo tempo! Di solito è così, ci metto tanto per iniziare il primo libro e poi.. finisce tutto troppo in fretta! xD

      Elimina
    3. Voglio vedere il ciondolo <*<

      Elimina
    4. In questo sito ci sono due versioni, se non ho capito male quello più costoso ha parti vere di orologio xD
      http://www.hebeldesign.com/Tessas-Clockwork-Angel-Pendant-Replica-MICAT1.htm
      http://www.hebeldesign.com/Tessas-Clockwork-Angel-Pendant-MICAT.htm

      Elimina
  6. Risposte
    1. Ahahhaah aggiungi aggiungiiiiiiiii xD

      Elimina
  7. Ahahahah tesoro! Sembra quasi fatto a posta :D mi è arrivato proprio oggi!
    Presto lo leggeremo u_u <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah, pensa... vedi che siamo Parabatai? *________________*

      Dobbiamo assolutamente metterci d'accordo per fare il nostro personale e segreto GdL u.u
      ahahahaha

      Elimina
    2. Ahahaha concordo *A* parabatai o parabatae?! LOL

      Elimina
  8. Ciao Aleee! Anche io non ho ancora letto questa serie ma sono curiosissima e so che prima o poi lo farò! Solo che ho già troppi libri da leggere al mio ritorno e Black Friars.. Come posso dire, per quanto bellissimo mi sa di autunno! XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh in effetti è un bel mattone di libri e probabilmente in autunno e inverno si legge meglio, non so :)
      Ma prima pensa a leggere i libri che hai già, non far crescere troppo la pila di libri, altrimenti crolla xD

      Elimina
  9. Il genere non mi attira molto, ma sarebbe una lettura interessante per imbattere in generi mai affrontati prima!
    Visto anche il tuo entusiasmo, davvero proverò anche io ad aprire questo libro!!

    Posso segnalarti un concorso letterario?
    E' sul mio blog
    http://parolemageccetera.blogspot.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Marghe, credo che esistano libri in grado di farci innamorare di un nuovo genere che prima non prendevamo nemmeno in considerazione.... Forse questa potrebbe essere la volta giusta per te, ti avviso che è un mattone di libri, è davvero enorme xD

      Grazie per la segnalazione, se riesco ci faccio un salto :)

      Elimina
  10. Anche io non vedo l'ora di dedicarmi a questa serie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Simo, hai già comprato il primo libro? Sicuramente tutti i pareri super positivi invogliano a leggerla e anche l'incipit mette curiosità...
      A me piace moltissimo anche la cover *_*

      Elimina
  11. eccoti pronta a cadere nella rete! ho letto la saga recentemente e non posso che confermarti che ne vale la pena. In corso d'opera, arriva a toccare vette altissime. Anche secondo me il primo ha alcuni problemi, le descrizioni non sono solo lunghe sono anche un po' ripetitive, non nel lessico, che è caleidoscopico, ma nella sostanza. L'autrice non ti permetterà di dimenticarti di che colore sono gli occhi di Asthon, ma se superi quelle settecento pagine cogliendone l'incanto, aldilà dei virtuosismi, poi è fatta: sei dentro. E, davvero, non sono molti gli autori capaci di stringere un simile patto col lettore.
    quindi buttatici, cara, senza esitare :)

    RispondiElimina

Lasciate un segno del vostro passaggio, sono sempre felice di leggere e rispondervi ♥