giovedì 22 agosto 2013

Chi ben comincia #43

Ciao a tutti, le mie vacanze proseguono e anche se non posso prevedere il futuro (visto che questo post l'ho programmato sabato), so già che giunti a questo giorno, sarò già mezza distrutta dalle mie ferie xD
Sono 4 giorni che sono in ferie, e sicuramente sarò già più stanca di prima, ma è piacevole stare con la famiglia del mio moroso e con i suoi amici, e poi cambiare aria per un po' fa sempre bene; anche se gli urli della nonna di Marco non danno mai pace ai miei poveri timpani, infatti di solito quando veniamo in ferie qui, dopo circa un giorno e mezzo io inizio ad avere il mal di testa, per fortuna che riposando bene passa in fretta, altrimenti sarebbe un dramma xD

Le poche regole della rubrica:
- Prendete un libro qualsiasi contenuto nella vostra libreria
- Copiate le prime righe del libro (possono essere 10, 15, 20 righe)
- Scrivete titolo e autore per chi fosse interessato
- Aspettate i commenti


Per oggi ho scelto un libro pubblicato già più di un anno fa, un libro che tantissimi di voi conoscono e amano.
E' il primo libro di una serie di cui ho sentito parlare strabene, soprattutto i vari fangirlamenti di Glinda di Atelier dei Libri mi hanno fatto venire sempre più voglia di leggerlo, fino a quando non l'ho aggiunto in wishlist e la settimana scorsa mi è arrivato a casa dopo un ordine su IBS.
Ora è nella mia libreria e di certo non passerà molto prima che lo prenderò in mano e mi tufferò a pesce nella sua storia... Intanto però intrattengo me stessa e voi con il suo incipit, sicuramente a molti non sarà nuovo, ma spero sarà comunque un bel "ricordo" tornare a leggere le prime righe di questo libro.


Il segreto del libro proibito
di
Kare Marie Moning

Prologo

La mia filosofia è alquanto semplice: qualsiasi giorno in cui nessuno tenta di uccidermi è un buon giorno.
Ultimamente non ho avuto molti giorni buoni.
Non da quando i muri che separano l'Umano dal Fatato sono crollati.
Prima che Il Patto fosse siglato tra Umani ed Essere Fatati (intorno al 4.000 a.C., per chi non conosce la storia del Popolo Fatato) i Cacciatori di Unseelie ci davano la caccia per ucciderci come animali. Ma Il Patto proibì agli Esseri Fatati di versare sangue umano, perciò nei successivi seimila anni, secolo più secolo meno, quelli dotati della Vera Visione - persone come me che non si lasciano ingannare né dal fascino né dalla magia degli Esseri Fatati - erano ridotti in cattività e tenuti prigionieri fino alla morte nel Paese Fatato. Che grande differenza: morire o restare bloccati nel Mondo Fatato per tutta la vita. A differenza di altri che conosco, io non subisco l'incantesimo degli Esseri Fatati. Avere a che fare con loro è come affrontare una qualsiasi dipendenza: se ti arrendi, ti posseggono; se resisti, non riusciranno mai ad averti.

**********

Cosa ne pensate? A chi non lo ha mai letto: vi piace come prologo? A chi lo ha già letto: è piacevole tornare a quei momenti in cui apriste per la prima volta il libro e subito dopo ve ne innamoraste?
Fatemi sapere tutti i vostri pensieri, mi raccomando.
Io sono molto colpita da questo incipit, non nascondo la mia passione per i libri in cui compaiono le fate, purtroppo per me sono pochi i libri finora che mi sono piaciuti e spero sempre di trovare quello che mi farà brillare gli occhi; con questo incipit le premesse ci sono tutte, mi piace il modo in cui la Moning ha creato questo mondo fra Umano e Fatato e mi ispira moltissimo, spero quando lo leggerò non si rivelerà una delusione :)
Ai prossimi giorni con l'ultimo post programmato di questa settimana, un bacione a tutti!

22 commenti:

  1. Ho solo commenti positivi per questa serie! ♥
    L'unica cosa che ho notato è che i libri migliorano man mano che ci si inoltra nella storia! In questo momento sto leggendo Iced che, sebbene abbia come protagonista Dani e non Mac, può considerarsi il sesto libro della serie Fever! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anna, arrivo in ritardissimo con la mia risposta, ma se ricordo bene tu la serie la stavi leggendo proprio nel periodo in cui ho postato l'incipit giusto?
      Io non so ancora quando leggerò il libro, credo presto, ma spero mi piacerà, perché sono curiosissima di poter leggere l'intera serie *_*

      Elimina
  2. Io sono una delle poche che ancora deve iniziare la serie di Fever, ma spero di iniziarla presto soprattutto dopo aver assistito ai super fangirlamenti di Glinda :D
    Come incipit non è male :) Interessante. Non sono abituata ai libri sulle fate, ma mai dire mai.
    Un bacione Ale e divertiti, goditi queste vacanze!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Evvai Giò che ci facciamo compagnia e ci prendiamo a braccetto xD
      A me i libri sulle fate piacciono, anche se raramente ne trovo che mi coinvolgono fino in fondo, spero che questo sarà uno di quelli che mi farà impazzire *_*

      Elimina
  3. una delle saghe che più mi attira e che ancora non mi sono decisa a iniziare...i vari commenti sono entusiasti...dovrò metterla sul comodino:D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vale, siamo indietro noi... ci dobbiamo assolutamente dare una mossa ed iniziare a leggerla, almeno possiamo capire e entreremo a far parte dei super fangirlamenti oppure se lo odieremo xD
      Ma io non credo....

      Elimina
  4. Non ho ancora letto questa serie, il libro mi incuriosisce sì e no, sono molto indecisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Leda, come mai sei indecisa? Cosa non ti convince? Sai che sono curiosa xD

      Elimina
  5. Sei la mia rovina y___y ora lo voglio ancora più di prima D:
    *va a raggomitolarsi in un angolo*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Deniiiiiiiiiii, ormai tanti giorni sono passati e il tuo desiderio è stato esaudito, ora possiamo ritenerci soddisfatte entrambe xD

      Elimina
  6. Bello,l'incipit mi piace, ma ho troppe saghe che mi aspettano.... T___T

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aaaah Cristina le saghe/serie sono un problema comune, ormai sono rarissimi i libri autoconclusivi che vengono proposti qui in Italia, soprattutto se si tratta di urban fantasy e più in generale di YA...

      Elimina
  7. L'incipit sembra interessante, ma ammetto di avere sempre qualche remora a leggere libri con esseri fatati, non so perché...però chissà, magari più in là questo libro potrebbe farmi cambiare idea, perché la trama e l'incipit non sono affatto male!
    Buon proseguimento di vacanze!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh no Nicole, non puoi scrivermi che non ti convince per via delle fate e poi non spiegarmi il motivo... io devo sapereeeeeeeeeee xD
      Voglio capire cosa non ti convince, so che sembro una pazza, ma sono sempre curiosa di sapere cosa vi piace e cosa no e i perché xD

      Elimina
  8. Bello come incipit!
    E' intrigante, anche se non ho ancora letto nulla della Moning (rischio il linciaggio) è nella lista delle mie cose da fare! anche perché ho sentito più di una persona dire che i libri migliorano man mano che si prosegue, e non il contrario!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ale cara, tranquilla, non rischi il linciaggio, almeno non nel mio blog, se noti in molti commenti viene detto che questa serie non è ancora stata letta, dunque non siamo le sole e possiamo sentirci in buona compagnia xD

      Elimina
  9. Mi ero già ripromessa di iniziare la saga entro fine settembre...con questo incipit mi fai venire ancora più voglia!! Sarà sicuramente uno dei prossimi che leggerò...è già lì sul Kindle che mi aspetta!!*-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh Mariki, magari succederà che iniziamo a leggerla insieme...

      Elimina
  10. Il primo libro l'ho letto e mi era anche piaciuto, ma poi la saga ha perso interesse (almeno per me) e ho lasciato perdere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Zia sul serio? Sai che non sapevo neanche che avevi letto il primo della serie? xD

      Elimina
  11. mmmmmm....non è proprio il mio genere... ;)

    Nel penultimo giorno di vacanza ti lascio l'incipit - in realtà parte del prologo - del libro che sto quasi finendo: Utente anonimo di Veit Etzold.

    Numero dodici. Posò le due taniche con il liquido rosso scuro sul pavimento umido della cantina, si tolse la tuta di gomma nera, la appallottolò e la gettò nel fuoco. La plastica si coprì di bolle che si gonfiarono scoppiettando e sibilando, per poi rimpicciolire, mentre le fiamme divoravano il materiale e un odore pungente invadeva il locale.
    Buttò nel fuoco tutto ciò che indossava: la maschera, gli occhiali, le scarpe.
    Dodici tute.
    Dodici vittime.
    Dodici vite.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ormai conosco un po' i tuoi gusti e non assocerei mai questo libro alla tua persona xD

      Uuuuh, sai che quando si tratta di numeri ripetuti io vado in paranoia, ma nel senso buono; mi piacciono molto libri e film che hanno come protagonisti i numeri con i loro misteri, ecco perché questo incipit mi ispira *_*

      Elimina

Lasciate un segno del vostro passaggio, sono sempre felice di leggere e rispondervi ♥