lunedì 23 settembre 2013

Recensione: "Il profumo del pane alla lavanda" di Sarah Addison Allen

Oggi devo riempirvi di "buon"... buongiorno, buon lunedì e buon autunnooooo... ebbene sì, è ufficialmente iniziata da un giorno una delle stagioni che più amo, con i suoi colori caldi e rassicuranti, i suoi profumi forti di natura e di vita, lo scricchiolio delle foglie sotto i piedi quando si cammina, le temperature che si abbassano ma che non congelano, iniziare a tirare fuori dall'armadio le coperte un po' più pesanti e gli abiti morbidi e caldi fatti di lana (o simili), il piacere di riscoprire il relax con una bella coperta sulle gambe e una cioccolata calda (o thè, decidete voi xD) fra le mani... insomma, sono tantissime le cose che adoro di questa stagione.
E a voi piace questa stagione? Ditemi la cosa che più amate dell'autunno... dai cambiamo un po' argomento, così nei commenti avrete più da scrivere :)

Ovviamente non posso scrivere un post sul blog senza parlare di libri ed oggi è il turno di un libro che ho finito un po' di tempo fa e che mi ha ossessionato positivamente per un sacco di tempo. Vi avviso che la recensione sarà un po' lunga, dunque spero di non annoiarvi e che riuscirete ad arrivare fino alla fine :)
Il profumo del pane alla lavanda di Sarah Addison Allen, pubblicato in Italia dalla Sonzogno, io possiedo l'edizione economica pubblicata il 4 gennaio 2013, al prezzo di 9,90 euro, per 283 pagine.

Trama:
Claire è una Waverley e conosce bene le magiche proprietà di frutti e fiori che crescono nel suo giardino. Dalla nonna, Claire ha ereditato la grande casa in cui vive sola e ricette preziose che possono cambiare il destino delle persone. I nasturzi inducono a mantenere i segreti, le bocche di leone spengono la passione e la lavanda... Tuttavia, la sua è una vita tranquilla. Almeno fino al giorno in cui la sorella Sidney, scappata di casa dieci anni prima, bussa inaspettatamente alla porta e fa vacillare il muro che Claire ha costruito attorno al proprio cuore.

Il mio pensiero:
La mia storia con questo libro è un po' strana, ne sentii parlare mesi fa dalla mia amica Sonia, che mi convinse a metterlo in wishlist con i suoi pensieri decisamente positivi. Le diedi ascolto, poi il libro rimase a riposare nella wishlist, senza che io lo prendessi in considerazione, per un bel po' di tempo.
Un giorno entrando in libreria trovai i primi due libri di quest'autrice in un edizione tascabile rilegata con sovraccopertina, ad un prezzo decisamente economico, così senza pensarci due volte li ho comprati tutti e due; di solito quando inizio a leggere per la prima volta un autore, cerco sempre di comprare un solo libro, perché non posso mai sapere come andrà a finire, se mi piacerà o no... con la Allen è stato un bisogno simultaneo a cui ho dato ascolto, comprando i due libri quasi a scatola chiusa.
Arrivati a casa sono rimasti a "vegetare" nella libreria per un bel po' di tempo, fino al momento in cui ho deciso in modo improvviso che volevo leggere il suo primo libro, appunto "Il profumo del pane alla lavanda".

Cover Americana
La storia racconta di Claire e Sydney Waverley, due donne con un passato difficile, che hanno scelto strade completamente diverse, che si sono allontanate per troppi anni e che faticano a "riconoscersi" e a capirsi nel momento in cui si rincontrano.
Le due sorelle hanno "poteri" particolari che le fanno sentire strane e alcune volte incomprese, soprattutto Sydney, memore degli anni della gioventù, si sente a disagio a Bascom, crede di essere considerata ancora stramba e da tenere alla larga... ma le cose cambiano e le due sorelle hanno imparato magistralmente a trarre profitto dai loro poteri e a farsi apprezzare per quello che sono realmente.
Il passato ritorna, bussa, crea confusione, e le due sorelle dovranno imparare a fare i conti con loro stesse, con le loro paure e i loro desideri, con i loro cuori e con il caro albero di mele che si diverte a bombardarle costantemente e a fare loro scherzi.
Se Claire è la sorella maggiore, che ha accettato la propria natura e che ama essere se stessa, è anche quella che ha il cuore chiuso, che ha paura dei sentimenti e delle novità; Sydney è la sorella minore, che non ha mai accettato il suo "dono" e il suo essere se stessa, ha sempre cercato di fuggire da Bascom e da quello che rapprensetava per lei e la sua famiglia, ma è anche la sorella più solare, che riesce a convivere con i sentimenti e le conseguenze di essi.
Insieme si aiuteranno, si riscopriranno, si confideranno e si "cambieranno".

Cover UK
Un riassunto della trama un po' particolare in effetti, ma è quello che ho pensato mentre riflettevo su questo libro; avevo aspettative molto alte su questa storia, ma il piacere della lettura ha superato di gran lunga quello che speravo di avere leggendolo.... Il profumo del pane alla lavanda mi è piaciuto alla follia, me ne sono innamorata e l'ho letto con foga, senza rendermi nemmeno conto che ero arrivata alla fine; dopo di che avrei voluto ritornare all'inizio e iniziarlo di nuovo, ancora e ancora.
Sarah Addison Allen ha uno stile tutto suo, particolare ma molto coinvolgente. La sua narrazione è fresca e solare, minuziosa e sentimentale; ma in certi momenti anche divertente e sempre con un occhio di riguardo verso i sentimenti e le parole non dette.
E' magico il modo in cui riesce a fondere la realtà di una famiglia "comune" con alcuni elementi fuori dall'ordinario, che in alcuni attimi potrebbero anche essere considerati paranormali... di certo le capacità delle Waverley e in generale le credenze popolari degli abitanti di Bascom, non possono essere etichettati come normalità. Ogni famiglia ha un tratto distintivo ed è bello scoprire piano piano le stranezze che si è inventata l'autrice; il bello però, è che tutto questo non viene vissuto come paranormale, viene vissuto dal lettore come parte integrante della vita dei personaggi e dell'ambiente, percepiamo un sentore di magia, ma l'autrice ha mischiato così magistralmente realtà e magia che non ne siamo sconvolti, anzi questi due aspetti si uniscono e ci accompagnano come una strada dritta e semplice verso il finale.

Cover Fracnese
Ho amato il carattere chiuso e pratico di Claire, con la sua enorme paura di abbandono che tiene celata agli Claire e Sydney si scontrano e si ritrovano e in modi completamente diversi iniziano a vivere realmente, mettendo da parte paure e dubbi. E tutto questo non sarebbe stato possibile senza l'arzilla e simpatica vecchietta Evanelle (cugina alla lontana delle sorelle) che dona oggetti a chiunque incontri per un bisogno impellente che non può mai rifiutarsi di ascoltare; e non mi dimentico di certo della meravigliosa Bay (la figlia di Sydney) che appena tocca la terra di Bascom si sente a casa, che lei sa sempre il posto giusto delle cose, ma anche dei cuori delle persone e sa che quel posto è giusto per lei e sua madre; la piccola e dolcissima Bay che si sente finalmente spensierata e che non ha paura dello strano giardino della zia Claire, con il suo melo dispettoso con cui inizia un legame tutto particolare e unico. La piccola Bay che, grazie ad un sogno decisamente reale, capisce che finalmente il dolore e le paure si sono allontanate per sempre dalla sua famiglia e che sa potrà vivere in pace la sua giovinezza circondata da persone che la amano davvero, come potranno vivere in pace sua madre e sua zia.
occhi dei più, ed ho amato il modo in cui si "scontra" con il carattere completamente diverso della sorella Sydney, aperta e chiacchierona, ma con un profondo malessere interiore e con un enorme disagio con se stessa e quel posto. Se la prima si "annulla" per non provare dolore a causa delle perdite delle persone che ama, la seconda si "annulla" per proteggere la figlia e per assicurarle un futuro migliore.....
Due parole anche sui tre personaggi maschili: Tyler, l'uomo che porta scompiglio e novità, l'uomo che appena incontra gli occhi di Claire sente un legame con lei che si tramuterà via via in qualcosa di sempre più solido, Tyler che è immune alle stranezze del giardino di Claire, e ai piatti prelibati che lei prepara con i frutti della sua terra. Henry, l'amico d'infanzia di Sydney, un uomo buono con alle spalle una vita fatta di lavoro e di pace, quell'uomo che potrebbe renderla felice e potrebbe donarle il futuro che mai si era aspettata, ma che desidera ardentemente. Ed infine Fred, gay e amico di Evanelle, con le sue insicurezze e il suo bisogno di essere guidato come se si trovasse sempre in un tunnel buio, riuscirà a rendere le giornate e la vita della vecchia signora migliori e allegre.

Cover Portoghese
Le vite di tutti questi personaggi si intrecciano fra loro e danno vita ad una storia imperdibile, ricca di emozioni e sentimenti, ricca di sensazioni quasi palpabili, ricca di magia e di amore.
Mi ripeto "Il profumo del pane alla lavanda" è uno dei libri migliori che ho letto quest'anno, sono rimasta estremamente colpita dalla facilità con cui l'autrice riesce a far legare indissolubilmente le vite dei personaggi e come riesce a rendere Bascom e i suoi abitanti un'unica anima che respira insieme; fino ad arrivare al punto in cui, anche le vecchie cattiverie, i vecchi problemi e paure scompariranno per lasciare spazio alla bontà e alla pace.
Mi sono piaciute moltissimo le ultime pagine in cui troviamo i significati dati alle erbe e ai fiori dalla famiglia Waverley, è un modo carinissimo per concludere il libro e per riassumere tutte le varie pietanze che prepara Claire nelle varie situazioni.

Consiglio assolutamente questo libro a tutti voi, non ci sono problemi di età, nonostante i personaggi siano adulti (e vaccinati) questo libro può benissimo essere letto anche da un'adolescente, proprio perché è dolce ed estremamente scorrevole, coinvolgente e appassionante.
Sicuramente continuerò a leggere tutti i libri di quest'autrice, perché con la sua semplicità e con la sua capacità di unire realtà e magia, di unire ambientazione e personaggi, mi ha stregata e catturata completamente; il suo stile mi fa impazzire e mi fa venire voglia di continuare a leggere i suoi libri senza fermarmi mai. 

Per finire (perché anche se la recensione è già molto lunga, non posso evitare di parlarne), affrontiamo il discorso cover xD
Avendo molto spazio, ho deciso di mettere a confronto diverse edizioni. Ho deciso di mettere che cover sono nella didascalia per evitare casini. Devo ammettere che la cover italiana mi piace moltissimo, la ragazza sdraiata sul terreno dona un senso di connessione vero e proprio con la terra e quelle farfalle trasmettono pace e bellezza. La cover americana mi piace, ma avrei preferito che fosse un po' più armoniosa, invece di trovare la parte sotto così staccata dalla parte sopra, con  quella riga netta e quel cambio di colori che proprio non mi piace. La cover inglese è carina, ma non vedo dove sia la connessione con la storia del romanzo, quell'abito bianco che sbarluccica proprio non mi piace, anche se apprezzo molto quel disegno stilizzato che attraversa tutta la cover. La cover francese mi piace molto, ma mi ricorda un po' troppo una storia per adolescenti e una possibile Biancaneve, cosa che con il libro non ci azzecca niente di niente. Ed infine la cover portoghese, credo sia la peggiore con quegli elementi infilati quasi a caso nell'immagine, un fiore qui, qualche bacca là, no non mi piace. Facendo una classifica finisce al primo post la cover italiana, seguita da quella americana, poi francese, inglese ed infine portoghese.

Il mio voto per questo libro:
E ammetto che se avessi potuto, avrei aggiunto almeno altri 5 gufi.
Perché il libro se li merita assolutamente tutti quanti!


Credo di avervi trattenuto abbastanza per oggi, non mi sono resa conto di aver scritto una recensione così lunga, fino a quando non l'ho riletta un paio di volte per pubblicarla sul blog.
Ora tocca a voi :) Conoscete l'autrice e questo libro? So che alcuni di voi hanno letto altri suoi libri, ma sono curiosa di sapere cosa ne pensate di questo e della mia recensione. E poi direi che avete un bel po' da guardare con tutte le cover che ho messo, sono proprio curiosa di sapere quale sarà la vostra classifica di gradimento xD
Io ho già pronto che mi aspetta il secondo romanzo dell'autrice e conto di leggerlo entro la fine del prossimo mese, sperando che poi la Sonzogno non faccia aspettare troppo per avere le versioni economiche degli altri libri della Allen.

33 commenti:

  1. Ale, bellissima recensione! *__*
    Della Allen ho letto soltanto il giardino dei raggi di luna che mi è proprio piaciuto, soprattutto per lo stile davvero davvero particolare! Quindi sono curiosissima di peggere questo libro, già in wishlist :P
    E anche io amo l'autunno!! Mi piacciono soprattutto i colori caldi, la pioggia e il fresco che non è qncora terribile freddo! *__*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Frannie :)
      Io vorrei leggerli in ordine di uscita, ma ho visto che per pubblicare la versione economica dei primi due libri hanno fatto passare un paio d'anni :( Spero che ci metteranno un po' meno per gli altri due se no mi impicco :(

      Elimina
  2. La Allen ce l'ho in attesa da un sacco.... mi ispira moltissimo e dopo la tua recensione credo proprio che le darò presto una chance!!!
    Tra tutte preferisco la cover francese... mi piace tantissimo!!! Il prato, il contorno, il carattere, la ragazza.. tutto tutto!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Debs, devi assolutamente leggerla. Quale libro hai in attesa di essere letto?
      Io non vedo già l'ora di tuffarmi nel suo secondo libro che già possiedo e poi ne parlano tutti così bene *__*
      Sì, la cover francese fa sicuramente effetto, ma come ho scritto per me è un po' troppo distante dalla storia raccontata :)

      Elimina
  3. Questo libro l'ho conosciuto un pò di tempo fa, grazie a uno dei libricini gratis della Mondadori dove ci sono tutte le ultime uscite e devo dire che mi aveva colpito. Lo metto nella wishlist :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima, fai assolutamente bene a metterlo in WL, non fartelo scappare, e poi il prezzo è decisamente conveniente *_*

      Elimina
  4. Non ho mai letto nulla della Allen...dovrò per forza rimediare vista la tua recensione entusiasta!!!
    Ma che belle le cover di questo libro!!!!
    Prima o poi qualcuno dovrà spiegarmi perchè devono storpiare i titoli in italiano...come può garden spells diventare il profumo del pane alla lavanda???? Non si possono limitare a farne la traduzione letterale? mahhhhhhhh

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dany, sì devi rimediare, mettiti subito in riga e compra qualcosa della Allen, secondo me ti piacerà *_*
      Ahhahahah in effetti il titolo italiano è completamente diverso dall'originale, ma a modo suo ci sta a pennello con la storia :)

      Elimina
  5. Ora tu spiegami, dopo una recensione come questa, come faccio io a non acquistare libri secondo il "Fioretto"/PATTO stretto ieri!!! Mi presti la tua copia?? XD
    Bellissima recensione, un libro che entra subito nella mia WL. Se devo scegliere una cover mi piace molto quella Francese :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma infatti ahahahah XD adesso come facciamo?!

      Elimina
    2. aiuto ragazzeeeeeee!!! troppi libri da comprare!!!!!! ^^'

      Elimina
    3. Per me dobbiamo andare in terapia tutte insieme.. magari riescono a guarirci da questa follia! XD

      Elimina
    4. ahahahhaha magari...anche se non so se voglio veramente guarire!!! hihihihihihi
      facciamoci una rubrica invece ahahahahahahah ;)

      Elimina
    5. Ahahahah, zia non mi sgridare dai, non è colpa mia, è colpa della Allen e voi due diavolette non mettevi d'accordo con Monica che poi mi date tutte contro ahahahah

      Io non voglio entrare in terapia è così bello sclerare grazie ai libri *____*
      *discorsi di una folle lettrice*

      Elimina
  6. Bella recensione =) anche io ho letto questo libro qualche mese fa, rimanendone completamente rapita! Hai descritto benissimo le sensazioni che si provano leggendo la Allen, in tutti i suoi libri si respira questo connubio tra magia e realtà, che caratterizza tutta la sua produzione letteraria. Personalmente, credo che il mio preferito sia Il giardino dei raggi di luna =) di questa autrice mi manca solo l'Albero dei segreti, uscito quest'anno, ma non ancora acquistato per via del prezzo. Buone letture, e a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mirial, rapita è la parola adatta. Il libro riesce a trasportarti nel mondo descritto dalla Allen e non ti libera più fino alla fine della storia, splendido davvero.
      Beh, leggendo il tuo commento non posso fare altro che acquistare tutti i suoi libri e sperare che la Sonzogno continui a pubblicarli e che la Allen non smetta mai di scrivere *_*

      Elimina
  7. Questo libro è nella mia WL da parecchio tempo! Ora spero sarà "presto" nelle mie manine *-*
    Hai superato te stessa con questa recensione!
    Della Allen ho letto Giorni di zucchero fragole e neve, che mi era davvero piaciuto un sacco, e anche il questo libro la Allen si diletta magistralmente a rendere reale ciò che è magico.

    Che bella la cover francese!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sììììììììììì Michy, compra compra e manda a farsi benedire il fioretto/patto ahahahah tu puoi, io no xD
      Grazie, sono così contenta quando le mie recensioni ti piacciono *_*
      Benissimoooooooooooo, Giorni di zucchero fragole e neve è proprio il libro che già possiedo e che vorrei leggere presto...
      Però ho paura a leggerlo "troppo" presto, perché poi rimarrò in astinenza, sempre per il solito motivo che voglio i libri tutti nelle stesse edizioni xD

      Elimina
    2. Ho fatto un giuramento e lo mantengo..parola di lupetto! ahahahah
      Si be poi a dicembre ci metto un secondo a recuperare il tempo perso, sempre che io non finisca prima i libri da leggere, nel qual caso sarei autorizzata allo shopping ;)

      Anche secondo me è meglio che aspetti..per un po' avrai ancora la bella sensazione che ti ha lasciato Il profumo del pane alla lavanda, goditi quella, poi quando sarà sfumata buttati sull'altro!!!!

      Elimina
    3. Ahahah, sputiamoci sopra la mano per consolidare il patto dai e poi ce la stringiamo a distanza °-°
      Secondo me i libri che hai arretrati li finisci prima di dicembre e così non terrai fede al giuramento, faccio il gufo che gufa sulla tua spalla xD

      Elimina
    4. ahahahahah il patto con lo sputo ahahahah Ale mi sono ribaltata dalla sedia uuuuahahah

      se ingrano bene la marcia li finisco sì ;.;

      Elimina
    5. Beh, che c'è... il patto con lo sputo è perfetto per noi u.u

      Ahahhahaha, non voglio che ti ribalti dalla sedia, per l'amore del cielo, dopo ho sulla coscienza qualche rottura, non so un polso o una caviglia e non voglio assolutamente xD

      Elimina
  8. Nonostante la tua bellissima recensione, non credo sia proprio il mio genere D:
    Stranamente mi piace tantissimo la cover francese :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Simo grazie per i complimenti che mi fai sempre ♥
      Io spero che fra un po' di tempo questo libro ti ricapiterà davanti agli occhi e magari scatterà quella scintilla del colpo di fulmine che ti farà venire voglia di leggerlo :)

      Elimina
  9. Io ho letto un libro solo della Allen Il giardino dei raggi di luna e l'ho trovato proprio delizioso :3 adoro il modo in cui scrive questa donna! Veramente *__*
    E senz'altro prima o poi leggerò anche i suoi altri libri, non ci piove! Poi dopo queste belle parole come si fa a non leggerli?! u__u
    La mia cover preferita comunque è senza dubbio la francese!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il giardino dei raggi di luna ispira da impazzire anche me, ma anche tutti gli altri, li voglio tutti e sempre di più xD
      Spero potrai leggere presto qualche altro suo libro, magari proprio "Il profumo del pane alla lavanda" *_*

      La cover francese è stracciato tutte le altre concorrenti xD

      Elimina
  10. wow quanto è bello il tuo blog.. mi ha subito catturata! io sono nuova nel mondo blog libri... ne ho appena aperto nuova da grande appassionata ;) questo libro non lo conosco..ma mi sembra molto interessante.. ;) se ti va passa per un saluto :) http://lastanzadimimmi.blogspot.it/

    baci e buona giornata (e buona lettura) :****

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh Mimmi, grazie *__* Sono contentissima che il mio blog ti piaccia :) e benvenuta nel mondo dei lit-blog.
      Sono felice di averti fatto conoscere un nuovo libro e spero avrai modo di leggerlo presto :)
      Sono super-impegnata in questo periodo, ma spero di riuscire a passare da te.

      Buone splendide letture anche a te :)

      Elimina
  11. Ero SICURISSIMISSIMISSIMA che ti sarebbe piaciuto così e sono felice che finalmente tu abbia dato alla Allen un'occasione ♥
    non ti deluderà mai! (e giorni di zucchero fragole e neve *_*)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sonia, sì sì sì sì, grazie, grazie per avermi parlato della Allen per la prima volta, probabilmente senza di te non l'avrei mai conosciuta o presa in considerazione.
      Aaaaaah, adesso con il tuo commento sono arrivata al limite, devo leggere un altro suo libro.
      Un bacione!!!! ♥

      Elimina
  12. Adoro la cover inglese, peccato che sia poco inerente alla trama!! Sono contenta di vedere un'altra recensione soddisfatta e piena di gufetti! Quest'anno hai scelto dei bellissimi libri! Meno male che Sonia te l'ha consigliato! ;)
    Ora voglio leggerlo pure io!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anna, sì ammetto che le mie letture di quest'anno per ora vanno molto bene, a parte un paio di periodi in cui non mi soddisfava quasi niente :/ ovviamente non può piacermi tutto, ma il 2013 si sta rivelando ottimo come letture, spero continui così fino alla fine.

      Elimina
  13. Un romanzo delizioso, onirico, buffissimo......nella mia fattoria ho un melo proprio cosi!!!!!

    Ciao a tutte!

    RispondiElimina

Lasciate un segno del vostro passaggio, sono sempre felice di leggere e rispondervi ♥