venerdì 20 settembre 2013

Recensione: "Schegge di me" di Tahereh Mafi

Buon pomeriggio sniffatori di libri xD
Ieri ho passato una bellissima serata in compagnia di una mia amica, qualcosa di tranquillo. Una cena a base di couscous (a casa sua) e poi ci siamo guardati un film, lei ne ha tantissimi fra cui scegliere e alla fine ho optato per Burlesque, che ho sempre avuto voglia di vedere, ma che non ho mai avuto l'occasione di farlo.
Un film carino e piacevole in cui la storia è molto banale, ma in cui musica e canzoni la fanno da padrone e alla fine mi hanno coinvolto e fatto apprezzare il film. Tirando le somme, sono proprio contenta di aver passato quella serata, la prossima volta organizzerò qualcosa di simile a casa mia, anche se io possiedo molti meno dvd di lei, sicuramente riusciremo a trovare qualcosa da guardare xD
Bene, dopo avervi lanciato questa padellata di affari miei, con cui spero di non avervi annoiato, passiamo al libro di cui voglio parlarvi oggi :)

Schegge di me di Tahereh Mafi, primo della serie Shatter Me, è stato pubblicato in Italia dalla casa editrice Rizzoli, il 2 maggio 2012, al prezzo di 17 euro, per 365 pagine.

Trama:
264 giorni segregata in una cella, senza contatti con il mondo. Juliette non può parlare con nessuno, e nessuno deve avvicinarla, perché ha un potere terribile: se tocca una persona la uccide. Agli occhi dell'organizzazione che l'ha rapita il suo potere è un'arma stupefacente, per lei è una maledizione. Un giorno però nella cella viene spinto Adam. Juliette non vuole fargli del male, e così lo tiene a distanza. Ma Adam non sa del suo potere, e mentre lei dorme in preda agli incubi la prende tra le braccia per confortarla. Da quel momento tutto cambia, perché Adam, immune al tocco di Juliette, è l'unico che può accettarla così com'è. Insieme progettano la fuga, alla ricerca di un mondo che non la consideri più né un'arma né un mostro, ma una persona speciale, che con il suo potere può fare la differenza.

Il mio pensiero:
Finalmente anch'io ho trovato questo libro e sono riuscita a dedicarmi totalmente alla lettura; dopo aver letto un bel po' di recensioni super positive, dopo aver sentito i pareri e i consigli di amiche blogger, non ho più saputo resistere e mi sono tuffata su questa storia con aspettative decisamente alte.

Schegge di me racconta di Juliette, una ragazza che si trova rinchiusa in un manicomio prigione, in cui per
quasi un anno ha cercato di cavarsela senza soccombere, non è mai uscita, non ha mai incontrato nessuno, l'unica sua compagnia sono i suoi pensieri e le urla di altri prigionieri; tutto cambia quando Adam viene sbattuto in cella con lei e così il mondo appartenuto a Juliette fino a quel momento, ora è sconquassato da questo giovane uomo attraente e alle apparenze molto sicuro di sé.
Anche in questo caso però niente è come sembra, e qualcuno farà irruzione nella cella catturando Juliette e Adam e portandoli in un posto sfarzoso, tutto l'opposto del mondo devastato che lo circonda. Juliette scoprirà che il suo potere maledizione è desiderato in modo quasi folle, si ritroverà a dover affrontare una nuova vita, dovrà fare i conti con il suo passato e dovrà cercare di comprendere se stessa, i suoi desideri e bisogni...

Eeeeeh, come l'ho tirata per le lunghe... scusatemi, avrei voluto scrivere un pochino di più, ma ho preferito fermarmi, e mi sembra di non aver scritto niente di spoileroso, sono proprio brava xD
Schegge di me è la storia di Juliette, anzi potrei quasi dire che Juliette E' Schegge di me, è lei il libro e la storia; la conosciamo così bene che sentiamo i suoi pensieri farsi strada nella nostra mente e le sue emozioni entrano nel nostro cuore in modo quasi prepotente.
Lo stile della Mafi è così particolare e fuori dagli schemi, è estremamente poetico e con un lessico ricchissimo, ci sono una marea di metafore e similitudini e sono tutte una più bella dell' altra; i sentimenti di Juliette sono molto vividi e reali, proprio come se appartenessero a noi e non a un personaggio di un libro. 

E' difficile farvi capire cosa si prova leggendo questa storia, perché è molto intensa e basata soprattutto su sensazioni ed emozioni, gli occhi di Juliette sono i nostri occhi, il suo cuore diventa il nostro e la sua mente viaggia in parallelo con la nostra; così che arriviamo a sentirci un'entità unica con quella della protagonista; è una sensazione stranissima e molto molto particolare, credo sia la prima volta che mi capita leggendo un libro. Ecco perché non trovo le parole giuste per spiegarmi.
Juliette è caratterizzata perfettamente, ma anche altri personaggi entrano a far parte di noi, come ad esempio Adam che conosciamo molto bene e in alcuni momenti ci aiuta a capire meglio la protagonista e tutta la storia. Anche James (non so se posso dire chi è senza fare spoiler) nonostante compaia per poche pagine del libro, riusciamo a conoscerlo e ad amarlo. Stessa cosa vale per l'antagonista del libro, Warner, non è uno dei protagonisti, ma grazie ai pensieri di Juliette si materializza di fianco a noi, e devo ammettere che ho provato un pizzico di simpatia anche nei suoi confronti, anzi avrei voluto scoprirlo sempre di più, scoprire cosa si cela dietro tutta la sicurezza e la cattiveria che traspare dalla sua persona.

E' un libro che coinvolge nel profondo, che ci soffoca con le sue emozioni e manda in frantumi il nostro cuore insieme a quello di Juliette, il dolore e la solitudine, la paura e l'ansia sono percepiti in modo così reale che ci lasciano sconvolti.
Uno stile originale e incalzante, un modo di narrare diverso in cui i pensieri taciuti della protagonista vengono quasi messi in primo piano, dove la realtà del cuore e della mente di Juliette, vengono sovrapposti alla realtà vera che vivono e sentono tutti gli altri personaggi...
C'è una cosa però, che non ho apprezzato a pieno: la parte finale, in cui mi è sembrato di rivivere alcune scene del film X-Men, nonostante abbia apprezzato anche quella parte e sono curiosissima di conoscere i nuovi personaggi e come l'autrice porterà avanti questa idea; il fatto che fosse così simile a certe scene viste in quel film, mi ha fatto storcere un po' il naso... leggendo un libro completamente originale (almeno per me), mi aspettavo un finale con idee un pochino meno banali.
Ma a parte questo è un romanzo che promuovo quasi a pieni voti, un romanzo che consiglio a tutti voi, un avvertimento però: se siete molto emotivi o ansiosi, non so se questo libro faccia al caso vostro. Rimane comunque il fatto che "Schegge di me" è originale, coinvolgente, emozionante, appassionante, sconvolgente ed estremamente vivido.

Per parlare della grafica, girando su goodreads, mi sono resa conto che questo libro ha un sacco di edizioni e tantissime cover diverse, è stata dura scegliere quale mettere nella mia recensione per confrontarle fra loro.
Alla fine ne ho scelte tre, la prima è la cover originale, bellissima, attraente, intrigante, con quell'occhio che sembra aprirsi su un mondo e quei colori così particolari che si fondono fra di essi.
Ovviamente non poteva mancare la cover tedesca, che è la seconda che vedete, mi piace moltissimo lo sfondo e il modo in cui il vestito della ragazza si dissolve come fumo, ma avevo il presentimento di aver già visto questa cover in giro e non mi sbagliavo, infatti è praticamente identica alla cover di Carrier of the Mark di Leigh Fallon, l'unico elemento cambiato è lo sfondo, un vero peccato, perché non apprezzo mai molto queste mancanze di fantasia.
Ed infine per ultima vedete la cover francese che secondo me è molto bella, ma che non ci azzecca niente con la storia, cioè quella finestrella dovrebbe ricordare la prigione di Juliette nel libro, ma la ragazza con quel vestito sfarzoso proprio non ci sta. Nonostante i colori siano molto belli, non la vedo attinente con la storia.
In conclusione, la mia preferita sarebbe stata quella tedesca, se non avessi scoperto che la cover è praticamente copiata, invece credo che quella originale possa prendersi tutti i meriti di essere innovativa e diversa dal solito, proprio come risulta il libro. La cover scelta per l'edizione italiana è carina, ma non mi dice niente di particolare e soprattutto non capisco cosa c'entrino quelle piume nere che coprono il viso della ragazza.
 
Il mio voto per questo libro:


Eccovi la mia recensione, rileggendola mi sono resa conto che sono stata abbastanza striminzita con i pensieri e le impressioni, mentre invece pensavo di essermi dilungata di più, spero comunque che apprezzerete e che capirete tuttte le mie sensazioni riguardo al libro, che non è stato semplice trascrivere "su carta". 
Mi piacerebbe scoprire chi di voi lo ha letto, cosa vi ha trasmesso; e vorrei sapere chi di voi non lo ha ancora letto e il motivo per cui non si è ancora buttato in questa storia. E non dimenticatevi i vostri pareri sulle varie cover che ho esposto :)

35 commenti:

  1. Bella recensione come al solito Ale!!
    Io ancora non ho letto questo libro ma mi hai incuriosito molto...chissà...
    Per quanto riguarda le cover: era già una tristezza che quella italiana fosse una copia ed ora viene fuori che lo è anche quella tedesca...che tristezza!!!!!!

    Se ti va di passare da me...chi ben comincia #3 è online!!! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Dany :*
      Diciamo che non fa parte dei generi che di solito leggi, ma potresti iniziare a variare e provare proprio con questo :)
      No aspetta, la cover italiana di Schegge di me non è quella copiata. E' la cover de "L'angelo caduto" che è stata spudoratamente copiata da questa :)

      Elimina
  2. Alessia io ho adorato quel libro, è uno dei miei preferiti. Lo stile particolare dell'autrice l'ha reso indimenticabile. Adoro come scrive e la storia in sé mi è piaciuta tantissimo. Non vedo l'ora di leggere il seguito

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Leda, hai perfettamente ragione. Infatti spero che la Rizzoli si dia veramente una mossa, perché non è possibile far passare tutto questo tempo da una pubblicazione all'altra.. capisco se fosse un libro che non ha avuto successo, ma così non ha senso :(

      Elimina
  3. Ciao Aleee! Io ho postato la recensione di questo libro proprio ieri! L'ho letto, adorato e amato! E' tra i miei preferiti in assoluto, ho stretto una fortissima empatia sia con Juliette che, strano ma vero, con Warner!
    Lo stile della Mafi è assolutamente incredibile ed originale e non vedo l'ora di leggere i seguiti! *_____*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao tesoro, davvero? Ma allora siamo proprio in sintonia noi due *_*
      Credo sia quasi impossibile non sentirsi legati a Juliette, è l'anima del libro e riesce a farlo vibrare nel nostro cuore. Anche a me Warner interessa molto e spero di conoscerlo sempre meglio...

      Elimina
  4. Davvero bellissima recensione!! :)
    Ho adorato questo libro (tanto che alla fine l'ho comprato anche in versione cartacea dopo averlo letto in ebook). Inizialmente ho fatto un po' fatica a capire se lo stile dell'autrice mi piacesse o meno, ma andando avanti me ne sono innamorata!! Non vedo l'ora di leggere i seguiti...spero non ci facciano attendere troppo!!
    La mia cover preferita è in assoluto l'originale (ho un debole per le cover di questa saga)...anche la tedesca è bella, però ormai io la associo a The Mark!! Chissà che cover ci aspetterà per il seguito...incrocio le dita, anche se non potrà mai eguagliare l'originale!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara :3
      Beh, credo sia obbligatorio per chi ama davvero la lettura avere le versioni cartacee dei libri che ha amato. Io ho presente una mia amica che prende in prestito un sacco di libri e quelli che le piacciono poi corre a comprarli di tasca sua :)

      Elimina
  5. Ciao, nuova lettrice! Sto leggendo l'ennesima entusiastica recensione su questo libro e davvero non posso fare a meno di pensare che lo devo leggere, assolutamente! Ora vado a leggermi qualcun altro dei tuoi post, a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vale, benvenuta sul mio blog, spero ti troverai bene :)
      Sì, ammetto che sono pochissime le recensioni negative su questo libro, in realtà credo di non averne mai lette, ma forse perché non ho cercato bene.
      Devi leggerlo assolutamente, sì sì :)

      Elimina
  6. Bene bene *A* quattro stelle e parole bellissime! Mi spiace che il finale ti abbia un po' delusa... a questo punto sono proprio curiosa di vedere un po' cosa ne penserò io *___* ma di sicuro mi piacerà questo libro... ho letto solo cose positive!
    Le cover tutte e tre bellissime... concordo con te la tedesca è davvero bello, peccato sia una copia :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma, non è stata proprio delusione quella provata nel finale, non so esprimere in altri modi le mie sensazioni, rimane il fatto che pur avendolo vissuto come qualcosa di "già visto e sentito", credo che sia perfetto per il libro e che porterà a svolte meravigliose nei seguiti.

      Elimina
  7. Ricordo quanto mi fu difficile scrivere la recensione di questo libro bellissimo. non trovavo mai le parole adatte e ci misi un pomeriggio intero :/ AHAH
    by the way io ho adorato Juliette ed Adam, Warner mi stava antipatico perché antagonista ma credo che potrebbe dimostrarsi diversamente. Staremo a vedere, non vedo l'ora di leggere il sequel :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti capisco benissimo Vero, quando i libri ci entrano nel cuore così tanto è sempre complicato esprimere le nostre emozioni e sensazioni e sono quasi sicura che nelle nostre parole ci finisca appena la metà di quello che abbiamo provato realmente, il resto rimane nel nostro cuore.
      Warner credo sia un perfetto antagonista, ma anche un personaggio che può essere sviluppato magnificamente in diversi modi...

      Elimina
  8. entra ed esce dalla WL, perché io e l'introspezione spinta non andiamo molto d'accordo. E neanche io e le metafore. Però adoro gli X-men ;)
    Bella recensione in ogni caso, come sempre :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tesoro mmmm, sicuramente questo libro è fatto di emozioni della protagonista, dunque non so proprio dirti se potrebbe piacerti... ma l'ambientazione e la storia sono meravigliose, secondo me potresti provare....

      Elimina
  9. Bella recensione... Mi hai proprio fatto venire voglia di leggerlo! Il libro è finito in WL appena uscito in libreria, ma ne ho rimandato l'acquisto all' infinito. Ora ce l'ho in ebook ed è l'unica cosa che mi frena: ero certa fosse un libro che mi sarebbe piaciuto e la lettura digitale nn mi da ancora la stessa gioia del cartaceo! Ora però devo proprio decidermi a leggerla...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lò, come mai hai rimandato l'acquisto del libro se ti ha sempre interessato fin dall'inizio? Hai ragione, la lettura digitale non da neanche un millesimo di quello che da il cartaceo, almeno io la vedo così... Potresti sempre provare a fartelo prestare da qualcuno o da una biblioteca e poi se ti piace comprarlo per averlo sempre con te... così eviteresti la lettura in ebook :)

      Elimina
  10. La penso come te, a me era piaciuto molto, aveva quel non so che di "diverso dal solito", poi il finale l'ha reso "uguale a tutti gli altri" :P Cmq aspetto il seguito!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No Silvia, uguale a tutti gli altri no, perché secondo me pur essendo simile a X-Men, per me potrebbe sviluppare l'idea in modo da mantenere l'originalità e comunque ha preso spunto e ci sta bene, sempre secondo me...
      Se la Rizzoli si spicciasse a pubblicare sto benedetto seguito potremmo scoprire se continua con "uguale ali altri" o con "diverso dal solito" :)

      Elimina
  11. Questo è uno di quei libri che ho adorato dopo una lunga riflessione... dopo la prima lettura c'ero rimasta un po' male, mi aspettavo di più e forse non avevo capito bene qual erano le intenzioni dell'autrice! È stato grazie al seguito che ho rivalutato il primo libro! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anna, sul serio? Ma perché non ti sei sentita coinvolta dalla protagonista, oppure è un discorso più generale?
      Non mi parlare del seguito che tu lo hai già letto e io dovrò aspettare di diventare vecchia e nonna se la Rizzoli continua così :((

      Elimina
    2. Ma, non saprei nemmeno dirti perchè non mi aveva convinto all'inizio.. cioè, mi era piaciuto ma non mi aveva entusiasmato! Vedrai che il secondo arriverà!! u.u E se non vogliono darcelo, guai! :P

      Elimina
    3. Se non ci daranno il seguito organizziamo una sommossa popolare... forconi e bastoni infuocati, tutti contro alla Rizzoli u.u
      A mali estremi estremi rimedi xD

      Elimina
  12. Sono contentissima che ti sia piaciuto! Come sai io l'ho adorato e tra i distopici è uno dei miei libri preferiti =) Sì è vero, nel finale ci sono alcuni richiami agli X-Man ma, essendo il contesto molto diverso, non mi hanno dato fastidio e inoltre mi ha riempito di gioia sapere che Jiuliette non si senta più sola (non voglio fare spoiler ma, dato che tu lo hai letto, credo che tu possa capire a cosa mi riferisco) =) Non vedo l'ora che il secondo volume esca finalmente anche in Italia!
    Comunque le cover che preferisco sono le due originali, soprattutto quella della versione in brossura se non sbaglio, ovvero quella con la ragazza in primo piano e la miriade di schegge che si infrangono dietro di lei. è quella che secondo me rispecchia di più il contenuto del libro :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, leggendo il libro ci si sente così connessi a Juliette che è inevitabile provare un po' di pace e gioia nello scoprire che non sarà più "sola", è il giusto finale per lei e alla fine anche per noi lettori.
      Sarebbe ancora meglio se scoprissimo cosa capita nel seguito... e qui la pianto di blaterare su questo perché in ogni commento ho espresso la mia delusione e incazzatura per le scelte della Rizzoli... -.-

      Elimina
  13. L'ho appena iniziato... Vediamo se la penserò come te ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uuuuh sì, poi fammi sapere qui nei commenti :3

      Elimina
  14. Riferendomi a "schegge di me". Una parola? FIGATAGGINE

    RispondiElimina
  15. sei brava
    mi piace molto questo sito e la trama di questo bel romanzo
    spero di trovare il libro su forma elettronica su net
    perche non l'ho trovato cui in Marocco ne in francese E SICURAMENTE NON C'e in italiano

    RispondiElimina
  16. Ma questo libro non è fantasy. Non è neanche distopico a dirla tutta. È un'accozzaglia di poteri presi a caso dagli X-Men (la protagonista ha un potere tale e quale a quello di Rogue), scritto con una prosa piuttosto scadente e con similitudini diciamo... coraggiose. Non è poetica questa, è solo mettere parole a caso, sperando che venga fuori qualcosa che sembri vagamente profondo (un po' come fanno Le Luci della Centrale Elettrica, per dire). La storia è praticamente inesistente, la vita carceraria descritta nel carcere è assolutamente risibile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Andrea, ognuno ha i suoi pensieri, il tuo è sicuramente diverso dal mio e da tanti altri... forse un po' esagerato, ma non posso di certo farti cambiare idea :)

      Elimina
    2. Che questo libro sia scritto male, non è un opinione, è un fatto. Non so se sia colpa della traduzione o dell'autrice, ma certe frasi non hanno alcun senso compiuto. Ripetizioni sul lessico, l'uso fantasioso della punteggiatura, il modo stesso di scrivere è sbagliato in lingua italiana.

      Elimina

Lasciate un segno del vostro passaggio, sono sempre felice di leggere e rispondervi ♥