mercoledì 30 ottobre 2013

Paint your Books #1

Buonsalve a tutti e benvenuti in questa nuova rubrica.
Grazie al mio blog ho conosciuto (e sto continuando a conoscere) persone meravigliose con cui sto instaurando rapporti splendidi e speciali... una di queste persone è Michy, che avrete sicuramente notato tra i commenti del blog, diciamo che è una delle mie seguaci più agguerrite, nel senso che non si perde un post del blog ed è sempre un piacere leggere i suoi bellissimi commenti.
Abbiamo iniziato a chiacchierare anche fuori dal blog, e piano piano mi è venuta questa idea della rubrica, che poi le ho proposto. Lei non possiede un blog e non è molto tecnologica, ho provato a convincerla ad aprirne uno, ma non possiede un pc in casa (sì, so che è impossibile, ma è proprio così) e le creerebbe non pochi problemi gestire il blog dal suo posto di lavoro; accantonata questa idea, per evitare che venisse licenziata in parte per causa mia, ho pensato di darle un piccolo spazio sul mio blog.
Io amo chiacchierare di libri insieme a lei (e non solo di libri, in realtà amo chiacchierare insieme a lei, punto e basta xD) e amo il modo in cui lo fa e così ho pensato avrebbe potuto far innamorare altre persone dei libri che legge.
Michy vi proporrà alla fine di ogni mese la recensione di uno dei libri letti nello stesso mese, ma non si limiterà a chiacchiare con noi di questo libro, cercherà infatti di associare un colore ad esso, vedrete che riuscirà ad essere originale, simpatica e appassionante... non contente, abbiamo pensato di dare un piccolo spazio anche alle altre letture di quel mese, giusto per darvi un'idea completa delle sue letture, dei suoi gusti e dei suoi pensieri a riguardo. Ora la smetto di blaterare e lascio il posto alla stella della rubrica.
Rubrica mensile a cura di Michy.
Presenterà la recensione di un libro associandolo ad un colore e ci parlerà in breve delle sue letture mensili.


Ciao a tutti appassionati lettori di Profumo di libri!
Prima di tutto devo sbaciucchiare pubblicamente e stritolare in un abbraccio calorosissimo la mia amica Alessia, per avermi regalato questo spazio sul suo bellissimo blog.

Alessia mi ha definito “così aperta e frizzante e così sconclusionata a volte” e questa descrizione mi piace un sacco, quindi la uso per presentarmi a voi! Non vi nascondo che sono esaltatissima..e anche parecchio emozionata! Ma veniamo a noi…

Il libro di cui voglio scrivervi oggi è La donna con l’anello di Rubini di Jane Corry.

Trama: Laura Marchmont è una giovane donna ancora alla ricerca dell 'uomo giusto. Adora i bambini ma ha troppa paura di costruire una famiglia, e quindi preferisce la solitudine. Fino al giorno in cui incontra l'affascinante architetto Charles Haywood e se ne innamora follemente. Poco prima delle sue nozze, la nonna le fa dono di un antico ricamo che reca le misteriose iniziali MRM. Cosa significano? Chi si nasconde dietro quelle tre lettere? Per soddisfare la propria curiosità, Laura inizia a ripercorrere la storia della propria famiglia, finché non si imbatte nella vicenda della piccola Mary Rose… Mary Rose è soltanto una bambina quando sua madre muore. Rimasta sola con il padre, cerca come può di consolarlo e di risollevarlo dallo sconforto in cui è caduto. Le cose sembrano migliorare quando Ralph decide di assumere una giovane governante francese, Veronique Laville. All 'inizio Mary Rose la adora: la ragazza le insegna a ricamare e la sua presenza porta aria nuova in una casa piena di dolore. Ma presto si accorge che la ragazza ha ben altre mire: in poco tempo seduce infatti Ralph con una freddezza calcolatrice e si fa sposare. Il colpo, per la piccola Mary Rose, sarà scoprire che il padre ha regalato a Veronique l 'anello di famiglia, quello stesso anello di rubini che la madre, prima di morire, aveva chiesto a Mary di custodire. Ma la bambina non può sospettare che quello sia l 'amaro presagio di tragedie che incombono sulla sua famiglia. Più di cento anni separano Mary Rose da Laura. Eppure qualcosa le unisce. Qualcosa che, al di là del tempo, può legare due destini. E forse cambiarli…


Recensione: Ne La donna con l’anello di rubini, Jane Corry alterna e unisce passato e presente in modo sublime, con uno stile che incanta.
La storia ruota intorno a segreti e peccati di famiglia, con l’amore, la speranza, la perfidia e l’ingiustizia che ne fanno da contorno dolce e amaro.
La sensazione più forte che ho provato mentre leggevo questo romanzo è piuttosto bizzarra, perché, a dispetto delle brutture e della prepotenza in cui spesso sprofonda la storia, fra le pagine respiravo sempre un certo non so che di pace e tranquillità, come se fossero lì dietro l’angolo ad aspettare che fosse tempo per il loro ingresso trionfale e come se davvero, senza alcun dubbio, l’amore avrà la meglio su tutto.

L’ambientazione è a dir poco fantastica: l’antica tenuta della famiglia Marchmont è una favola, con quei bellissimi giardini e la vista mozzafiato, così come la nuova residenza che prende il suo posto nel presente e che, nonostante l’ovvia modernizzazione, conserva lo splendore originario agli occhi del lettore, con tutta probabilità grazie alla magia che vi si cela e che soffia come una leggera brezza primaverile scaldando ogni dove e ripulendo l’aria dai sentimenti più cattivi che lì si nascondono.
Ho amato proprio tanto la caratterizzazione dei personaggi. Mi è piaciuto come la Corry abbia reso particolare, in bene o in male, ognuno di loro, e abbia dato loro qualità singolari, conferendo talvolta tratti inaspettatamente buoni e affettuosi (come nel caso di Eliza, un’amica un po’ speciale di Mary Rose), e suscitando, altre volte, sospetto e triste sfiducia (come con Eloise e Hannah, le figlie di Charles, che sembrano proprio non voler accettare la nuova moglie del padre).
Sebbene anche Laura si riveli una coprotagonista genuina, dolce e sincera, cui ci si affeziona in un attimo, ho trovato la perfezione in Mary Rose, questa ragazzina sfortunata dal grande cuore, che passa le giornate nel ricordo della povera mamma morta da poco, facendo il possibile per donare al padre tutto il suo amore, disposta poi a subire angherie e violenza, mentali e fisiche, in nome della dignità, della verità e dell’infinito bene che tiene chiuso nel suo cuore; ho intravisto in lei qualcosa di diverso sin da subito, una profondità d’animo che me l’ha fatta amare ancora di più.

Due piccoli aspetti del romanzo non mi sono piaciuti granché: la storia d’amore di Laura e Charles, decisamente frettolosa, a momenti un po’ troppo smielata, e il finale, che mi è sembrato spezzasse l’armonia che ho riscontrato in tutto il racconto; si tratta comunque del classico “pelo nell’uovo”.
La cover, ah la cover!! Non mi piace, soprattutto perché quell’anello non è come viene descritto nel libro!! Anche il volto e lo sguardo, che campeggiano fra piume e perle, non rappresentano, a mio avviso, la pura semplicità che fa da padrona nel romanzo.
Direi, infine, che in questa storia il passato entra nel presente, oggi va a caccia di ieri, per svelare cosa nascondono i bei ricami di Mary Rose e le sue filastrocche (che sono un po’ inquietanti, devo ammetterlo).. perché tutti, anche chi ormai non c’è più, alla fine, possa ascoltare qual è la verità.

Il colore del libro: Ed ora è il momento di colorare, sììììì!! Coloriamo questo libro! Mi sento di usare una matita di un bel lilla ingrigito, che mi da l’idea di una calma serena e pacificatrice, con quel tocco di grigio che ne smorza i toni più vivaci. E’ un colore che mi sembra adatto alla storia di Mary Rose, rispecchia la gioia che racchiude nel suo cuore infelice e sconsolato. Ecco! Avrei messo in copertina la foto di una ragazza intimidita dal volto triste, ma con gli occhi di questo colore, radiosi quanto basta per ammaliare con un briciolo di speranza. Immagino inoltre un meraviglioso cespuglio di lavanda ad arricchire quei giardini deliziosi, ci starebbe proprio bene!



Le altre letture del mese di Ottobre:



Facciamo finta che non sia successo niente di Maddie Dawson, bel libro! Argomento forse stra-usato, ma la proposta che ne fa l'autrice lo rende interessante e non banale, con piccolezze e sfumature saporite, che intrigano. Ci troviamo davanti ad un'alternanza continua fra passato e presente, il tutto accompagnato da frasi spesso brevi, essenziali e spicce..insomma uno stile che non lascia spazio alla distrazione. Personaggio da 10 e lode: Grant! Ho un debole per lui da pag. 1!

Unwind La divisione di Neal Shusterman, in una scala da 1 a 5 gli do un bel 4,8! Manca un'anticchia a far sì che sia memorabile..accattiva e appassiona, con un linguaggio semplice. La storia raccontata ha dell'incredibile e spiazza nelle descrizioni che, mai eccessivamente minuziose ma comunque precise, danno al lettore tutto lo spazio per ricreare a proprio piacere immagini, volti, sfondi e situazioni. Ho adorato questa frase: "Connor farà la cosa sbagliata solo quando sarà la cosa giusta da fare". (E' un mezzo dramma per me non avere i due sequel!).

La custode di mia sorella di Jodi Picoult, è uno di quei libri che "...è tardi-mi si chiudono gli occhi dal sonno-cerco di resistere (ancora un capitolo, uno!)-decido di dormire-spengo la luce..e non appena chiudo gli occhi inizio a chiedermi con quale frase Anna, Brian, Campbell o chi per loro, inizierà il capitolo successivo.." Ha un ritmo incalzante e dinamico, dettato dal continuo cambio di point of view. Tutti i personaggi ci fanno conoscere il loro passato, che è inserito nella narrazione corrente senza troppi problemi: un'interlinea un pochino più alta separa ciò che successe un tempo da ciò che sta succedendo ora, semplice! Ma questo non crea la benché minima confusione! E' un libro che ti mangia viva..fa una paura boia, fa emozionare, soffrire, commuovere, e anche ridacchiare a momenti (uno di quei sorrisi alla "ridiamoci su" parecchio tristi e nostalgici, che inteneriscono). Durante la lettura, ogni due righe, mi ritrovavo schierata ora da una parte, ora dall'altra; è una decisione straziante, assolutamente impossibile da prendere. I personaggi sono tutti perfetti, tutti si fanno amare e odiare..ma alla fine si amano. Il finale è disarmante e scioccante, mi ha spaesato. Avrete capito che ho amato questo libro, nonostante mi abbia strappato il cuore in mille pezzi, lasciandolo indolenzito.

Innamorata di un angelo di Federica Bosco, a malincuore devo dirmi parecchio delusa da questo libro. La storia d'amore? Così smielata da far impallidire Winnie the pooh. Le litigate? Esagero un po' dicendo che ce n'è una ogni due pagine, ma era quello che mi aspettavo! Litigi spaventosi, al limite della sopportazione, che poi si risolvono magicamente in baci e abbracci e una pioggia di cuoricini.. Tutti i personaggi mi sono risultati antipatici! Che peccato! Ho amato la Bosco in altre letture, ma stavolta no, ho faticato a terminare il libro, mi ha innervosito e i sequel mi spaventano..e non poco.

Amore è una parola di Claire Calman, ma che bella cover! Viene da soffiarci sopra, vero? Rappresenta benissimo la storia che la Calman racconta in modo genuino ed essenziale. Laura, la protagonista, ha un peso insopportabile che le schiaccia la coscienza, e un dolore devastante, nel quale si sta perdendo. Ho trovato alcuni capitoli, e a volte anche Laura, un po' pesantucci, ma il libro torna ad essere piacevole nel giro di poche pagine (ho letto alcune frasi degne di citazione). E' una storia carina, velata di tristezza, con un bel finale anche se un po' prevedibile.

Il segreto della collana di perle di Jane Corry, dopo la bellissima esperienza con La donna con l'anello di rubini, ho sperato di ri-innamorarmi anche con questo libro..ma ahimè non è successo. Storia mediocre, raccontata in modo mediocre, personaggi mediocri, né carne né pesce. Anche qui si alternano passato e presente, ma è tutto un po' approssimativo e incerto, mi dimenticavo del presente leggendo il passato e viceversa..insomma forse mediocre è anche troppo.



Che ve ne pare delle mie letture? Sono già nella vostra libreria? Avete già letto questi libri? Ditemi il vostro parere,quali sono le vostre prime impressioni e se ho stuzzicato la vostra curiosità o no.
Si conclude qui il primo appuntamento con “Paint your books”. Spero che le mie parole facciano trapelare il mio enooooorme entusiasmo, sono curiosa di sapere cosa pensate di questa nuova rubrica e, incrociando tutte le dita delle mani e dei piedi e facendovi l’occhiolino, mi auguro di essere una buona nuova compagnia per voi.

Da Michy è tutto, ci rileggiamo fra un mesetto.

33 commenti:

  1. *_* Ma che bella questa nuova rubrica, appena arrivo a casa leggo tutto per bene e commento in maniera più incisiva! Benvenuta Michy!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie ^.^ ..allora aspetto il commento incisivo!!!

      Elimina
  2. Questa nuova rubrica è a dir poco splendida!
    Seppur "La donna con l'anello di rubini" non appartenga al genere che solitamente leggo, devo ammettere che fra la trama e la tua recensione mi hai fatto venire la curiosità di leggerlo. Chissà, magari in futuro...
    Comunque benvenuta Michy!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello! Mi piace l'idea di incuriosirti, a me è piaciuto davvero un sacco.
      E qual è il genere che leggi di solito?

      Elimina
  3. Bellissima idea! Che bello vedere il crearsi di tutte queste amicizie *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con Ale si è creato subito un feeling particolare!
      Grazie Cristina, spero di rileggerti presto ;)

      Elimina
    2. Sono contentissima per voi!
      Adoro la tua foto profilo !

      Elimina
  4. Ciao Alessia, e benvenuta alla nuova arrivata!
    Ho letto Unwind ed è il romanzo distopico young adult che preferisco in assoluto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quel capitolo sulla divisione......... :O
      Questo genere mi affascina, e Unwind è stato un acquisto d'impulso ma azzeccatissimo!

      Elimina
  5. Ciao Alessia e Michy!
    La tua recensione mi è piaciuta molto, hai un stile descrittivo davvero particolare, quasi poetico!
    Purtroppo "La Donna con l'Anello di Rubini" non è il mio genere di libro, ci penserò su perché mi piacciono i libri che collegano passato e presente...
    Tra i libri di ottobre, io ho letto solo "La custode di mia sorella", che mi ha commosso tantissimo, soprattutto durante la conclusione "a sorpresa", avevo i lacrimoni ;__;.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Laura.. uuuuh wow poetico *-*
      Ne La donna con l'anello di rubini lo scambio passato-presente è fatto proprio bene!
      Quante lacrime e quanto dispiacere con quelle due sorelline, mi viene la pelle d'oca solo a pensarci!

      Elimina
  6. Risposte
    1. Grazie Frannie! Che bello il tuo cappuccino :P

      Elimina
  7. Ciao Ale!!! Ti adoroooooooooo!!!
    E adoro Michy che è davvero una persona speciale!
    Qundi super entusiasmo per questa nuova, bella rubrica!!!!
    Super baci a tutte e due!!! :**********

    Ed ora parliamo dei libri:
    Peccato sapere che la cover de La donna con l'anello di rubini non rispecchi per niente l'atmosfera del libro perchè credo che se l'avessi vista in libreria mi avrebbe sicuramente attirato!!!
    Degli altri libri mi ispirano molto La custode di mia sorella e Amore è una parola.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dany grazieeeeeeeeeeeee, anch'io sono entusiasta e agitata e ansiosa e felice e strafelice ed emozionata e... :effettopallinarimbalzina-modeoff: XD

      Ormai è il nostro pane quotidiano chiederci il perchè di alcune scelte "sbagliate" delle CE per le cover... bah!!!!
      La custode di mia sorella è un libro duro, scegli il momento giusto per affrontarlo.
      Mentre l'altro è più soft, è anche abbastanza breve..può essere un intermezzo piacevole fra altre letture più corpose.

      Un bacione a te, e uno anche ad Ale va, affetto a gogò!!

      Elimina
  8. Che carina sei stata a dare un angolino a una tua lettrice accanita! Peccato non abbia un blog perché da questo post è emerso tutto l'amore che ha per la lettura....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ale è stata una gentildonna gentilissima!
      Grazie Francy, è vero: amo leggere! Sono una lettrice neonata fra l'altro.. ho iniziato a leggere da poco meno di due anni, quindi sono nel pieno della passione.

      Elimina
  9. Bellissima rubrica!!*-*
    non ho letto questo libro perché non è il mio genere ma la recensione è veramente bella!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, sono proprio contenta che ti sia piaciuta..detto da te poi è una gran cosa ;)

      Elimina
  10. E' davvero bellissima questa nuova rubrica *A*
    Ci piace ;)
    Welcome Michy!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Thank you very very very much! :michyfeliceee:

      Elimina
  11. Stupenda idea *-*
    Per quanto riguarda le letture ho nel mio scaffale Innamorata di un Angelo e Unwind... Per quanto riguarda il libro della Bosco non condivido il tuo punto di vista perché a me piaciuto quel libro, nonostante abbia notato anche io che ogni litigata si risolveva troppo facilmente! per quanto riguarda Unwind devo dire che non l'ho ancora letto però la trama mi fa impazzire dalla curiosità :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando leggerai Unwind poi mi dirai..sono curiosa di avere altri pareri!

      Della Bosco ho letto altri libri (Pazze di me, Mi piaci da morire, L'amore non fa per me, L'amore mi perseguita) e mi hanno divertito un sacco.. questo no e mi è spiaciuto sai? :( però mi piace toccare con mano gli effetti differenti che può suscitare lo stesso libro.

      Elimina
  12. Ma che bella idea!!! È stato un primo post molto interessante!! ;)
    Al momento sono un po' fusa, perdonatemi se non scrivo un commento decente!! xD
    Mi limito a dare un gran benvenuto a Michy! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Anna!!
      Sei perdonata, per stavolta! Anche se trovo che i commenti in modalità fusa siano i migliori XD

      Elimina
  13. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  14. Che bella rubrica! :) L'idea è veramente interessante e la recensione è molto bella. Complimenti a entrambe! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma grassie, sono felice ti si piaciuta ;)

      Elimina
  15. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  16. Ehi Michy, ciaoooo! Ma che bella questa nuova rubrica!!!! Tanti tanti complimenti!
    La recensione che hai scritto mi piace molto e mi hai proprio incuriosita. Non conoscevo questo libro quindi lo metto subito in wishlist! Delle altre letture del mese conosco solo "Unwind La divisione", che non ho ancora letto, e "Innamorata di un angelo" che ho letto e ho avuto le tue stesse impressioni. Mi ha fatto venire l'orticaria, meglio se non ci ripenso, per fortuna non ho mai letto i seguiti XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ecco, esatto: l'orticaria!!!!!un nervoso guarda '-.-

      grazie mille per i complimenti..è bello che tu abbia aggiunto il libro alla wl ihihihi :michyemozionata:

      Elimina
  17. Come. Sono. Contenta. Che. Questa. Rubrica. Piaccia. Cosí. Tanto.
    Dopo aver chiarito questo concetto posso commentare come un qualsiasi altro follower xD

    La donna con l'anello di rubini, non mi ispirava molto, ma dopo la tua bellissima recensione ho cambiato idea e appena avró modo aggiungeró il libro in WL.
    Degli altri libri ho letto Innamorata di un Angelo e a me é piaciuto, anche se gli altri due della trilogia mi hanno convinto un po' meno.
    Mentre sono sempre piú curiosa x Unwind e prima o poi lo leggeró, anche se vorrei la Piemme si decidesse x il seguito....

    Michyyyyyy, ti mando un bacione enormeeeeeee!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. i-o-t-i-a-d-o-r-o!!!!!! anch'io sono felicissima :D

      Unwind devi leggerlo Ale, è un ordine!!! ahahahah n

      Allora i due sequel di Innamorata li lascio ad ammuffire nel file degli e-book O.O

      Un bacio anche a te e grazie-grazie-grazieeee

      Elimina

Lasciate un segno del vostro passaggio, sono sempre felice di leggere e rispondervi ♥