martedì 22 ottobre 2013

Recensione: "L'angelo caduto" di Susan Ee

Buongiorno miei cari, ieri il blog si è preso una pausa, a causa di un lunedì un po' troppo turbolento e impegnativo, ma oggi ho il tempo da dedicarmi a voi e ai libri. In questi giorni sto organizzando un paio di cosine che spero saranno piacevoli sorprese e sto cercando di organizzare qualche post per la settimana che sarò in vacanza, ma non credo riuscirò a fare molto :/

Adesso vi parlo di un libro che ho letto già da un bel po' (da quasi due mesi), per svariati motivi non sono riuscita a pubblicare la recensione prima, ma stava vegetando da troppo sul mio pc e così ho deciso di pubblicarla oggi :)
L'angelo caduto di Susan Ee, è il primo della serie Penryn & the End of Days, ed è stato pubblicato in Italia dalla Fanucci nella collana Tif Extra, il 25 luglio 2013, al prezzo di 12 euro, per 320 pagine.

Trama:
 Un esercito di angeli sterminatori ha attaccato la Terra: dopo poche settimane la violenza dilaga ovunque, insieme alla paura e alla superstizione. Nella Silicon Valley ostaggio delle gang, la diciassettenne Penryn cerca di sopravvivere e proteggere la sua famiglia, fino a quando gli angeli guerrieri non rapiscono sua sorella minore, la più fragile, la più indifesa. L’unico modo per salvarla è affidarsi a un nemico, un angelo che ha perso le ali in combattimento e ora ha bisogno, come Penryn, di raggiungere la roccaforte delle crudeli creature alate a San Francisco. Nel viaggio che li porterà alla città, Penryn e Raf impareranno a contare solo l’una sull’altro, in un deserto in cui regnano la devastazione e il sospetto e in cui il pericolo è dietro ogni angolo.

Il mio pensiero:
Ho iniziato a sentir parlare di questo libro un po' prima che uscisse in Italia, tutti erano entusiasti e non stavano più nella pelle per poterlo leggere e io non ho resistito e mi sono unita a questo desiderio, quando la cover italiana è stata svelata ho avuto un piccolo calo di interesse e soprattutto ho provato una grandissima delusione (ma parleremo alla fine delle cover del libro). Così ho provato subito a richiederlo alla casa editrice che è riuscita ad accontentarmi; all'inizio volevo leggerlo subito appena ricevuto, poi la voglia pazza di leggerlo è scemata un pochino e ho rimandato la lettura per un paio di settimane, alla fine mi sono decisa e l'ho letto.

L'angelo caduto si svolge in uno scenario apocalittico in cui Penryn (la nostra protagonista) lotta per sé stessa e la sua famiglia, per riuscire a scampare ai pericoli che le circondano e trovare un posto sicuro. La Terra è invasa dagli angeli, che non sono carini e "pucciosi", sono assassini a sangue freddo, distruggono quello che incontrano e voglio impadronirsi del mondo (almeno così sembra).
Penryn li odia, come tutti gli altri abitanti della Terra, ma le cose cambiano quando incontrerà Raf, un angelo in difficoltà attaccato dai suoi simili, lei con coraggio e in modo decisamente avventato lo aiuterà, ma la sua sorellina verrà portata via e lei ne perderà le tracce.
Così Penryn e Raf inizieranno un viaggio insieme, alla ricerca della sorella di Penryn e alla ricerca di qualcuno che possa aiutare l'angelo e riattaccargli le sue ali. I due non avranno vita facile, soprattutto perché l'odio che provano l'uno per l'altro si farà sentire molto spesso, i rapporti saranno complicati e instabili, anche se sembra legarli un filo invisibile fatto di lealtà e anche qualcos'altro...

Questo libro è ricchissimo di azione, non si ha un attimo di respiro e relax, c'è sempre qualcosa che può far scoppiare l'ansia, il panico o la paura, la narrazione scattante e fluida coinvolge molto il lettore che non si lascia sfuggire nessun particolare e che divora le pagine come fossero pane.
Il personaggio di Penryn e quello di Raf sono sviluppati molto bene, impariamo a conoscerli sempre meglio, fino a comprenderne le scelte e le decisioni; con Penryn ho avuto un rapporto un po' "squilibrato", c'erano momenti in cui l'ammiravo e in cui dentro di me la sostenevo con incitamenti, mentre in altri momenti l'avrei presa a schiaffi con tutti i suoi dubbi e le sue domande ripetute. Raf è un personaggio molto particolare e ben caratterizzato, mantiene la sua aria superiore e furba, è scaltro e intelligente, ma i suoi occhi ogni tanto si incupiscono e il suo cuore sembra nascondere molto di più in confronto alla facciata che l'angelo usa, quasi come protezione.
Insomma, è stato piacevolissimo per me scoprire sempre più sfaccettatture di questi due personaggi e imparare ad amarli e capirli; un altro personaggio che mi è piaciuto molto è stata la madre di Penryn, compare poco durante il libro, ma quando compare lascia il segno e lascia il segno anche il rapporto che la figlia ha con lei, è particolare e difficile, ma nonostante questo si conoscono si capiscono e si amano, come solo madre e figlia sanno fare.

Le scene d'azione sono scritte divinamente, si ha l'impressione di osservare da vicino quei momenti e alcune volte sembra quasi di farne parte integrante, sono davvero scene potenti e ben descritte nei minimi dettagli, e soprattutto molto scorrevoli.
Questo libro però, per me non è stato tutto rose e fiori. Infatti nonostante mi sia sentita coinvolta, e abbia apprezzato alcuni personaggi, non sono riuscita ad entrare in sintonia, in alcuni momenti ho trovato un po' troppa freddezza nella narrazione e questo ha fatto in modo che non mi sentissi emozionata come avrei voluto. Anche per quanto riguarda i dubbi che attanagliano Penryn per gran parte del libro, spesso sono ripetuti e mi hanno appesantito la lettura, dopo un po' ero stanca di leggere i mille punti interrogativi che aleggiavano nella mente della protagonista.
E poi voglio scrivere qualche riga sulla traduzione (almeno spero si parli di traduzione e non di libro scritto direttamente male), i tempi verbali vengono mandati a quel paese fino a più della metà del libro, ho trovato intere frasi scritte al presente, con in mezzo dei verbi al congiuntivo senza senso; spesso rileggevo le frasi per capire se mi sfuggiva un significato nascosto, così facendo perdevo tempo e mi innervosivo... poi ci sono un sacco di errori di "distrazione", insomma un piccolo disastro. Per fortuna i tempi verbali dopo la metà del libro vengono rispettati, ma il resto degli errori non mancano di certo.
Non sono una lettrice che si sente molto disturbata dagli errori, ma quando si tratta dei tempi verbali e quando viene creato caos come in questo libro, allora proprio non lo sopporto, perché mi appesantisce la lettura, mi rallenta e mi fa venire un diavolo per capello.

Voglio concludere parlandovi del finale. Abbiamo un piccolo lieto fine, ma anche momenti dolorosi e struggenti, l'apocalisse non avviene solo nelle ambientazioni, ma la ritroviamo anche nei cuori dei nostri personaggi. Sono pieni di domande, con piccoli sprazzi di leggera felicità e tanti dubbi e dolore intorno a loro.
Il finale è la parte che mi è piaciuta di più in assoluto, l'autrice è stata originalissima ha giocato alla perfezione le sue carte, attirando ancora di più il lettore e coinvolgendolo... lasciandolo straziato, ma con un bagliore di speranza. Insomma è stata geniale, infatti sento già il bisogno impellente di leggere il seguito e capire come deciderà di continuare e cosa succederà.

In definitiva il libro mi è piaciuto, ma non quanto mi ero aspettata, mi ha coinvolto ma mi ha emozionato poco, la scrittura scorrevole aiuta a farsi catturare dalla trama, ma a mio parere manca qualcosa, quel qualcosa che fa scattare la scintilla di "amore", con me non è successo.
E' un libro che consiglio perché piacevole ed originale, e nonostante tutto il mio voto è abbastanza alto proprio perché il finale merita davvero tantissimo. 

Parliamo delle cover dei libri? Potrei scrivere un'intero post solo su questo, perché cavolo la Fanucci ha preso una cover già molto famosa in Italia (quella di Schegge di me) e l'ha cambiata in peggio, aggiungendo quella figura che dovrebbe essere un angelo ma che assomiglia molto di più ad una fatina, perché hanno fatto tutto questo?
Niente a che vedere con la cover originale che è meravigliosa e molto intrigante, no dico, non potevano mantenere almeno in minima parte lo stile della cover originale? Perché hanno cambiato tutto così in modo orrendo?
Ho deciso di mettervi anche la cover tedesca e quella russa (rispettivamente la penultima e l'ultima. Credo sia la prima volta che la cover tedesca non mi piace, il modo in cui è stato scritto il titolo è troppo evidente e sembra di trovarsi di fronte ad un titolo di una spy-story di bassissimo livello; mentre la cover russa, nonostante sia ricca di dettagli, non mi piace proprio è troppo finta e strutturata male secondo me. C'era altre cover che volevo mettervi per farvi capire quanto hanno rovinato e storpiato la bellezza della cover originale, ma mi sono accontentata di queste -.-
Non ci sono dubbi, la cover migliore è quella originale, mentre le altre tre, praticamente a pari merito, sono orrende.

Il mio voto per questo libro:


La mia recensione è arrivata tardi e so che molti di voi hanno già letto questo libro, cosa ne pensate? Avete avuto le mie stesse sensazioni, oppure vi è piaciuto di più o ancora di meno. Fatemi sapere cosa ne pensate e non dimenticatevi di lasciarmi un parere sulle cover...

20 commenti:

  1. Sono completamente d'accordo con la tua recensione! Il libro a me è piaciuto, ma quella traduzione era veramente pessima.. ogni tanto tornavo indietro e dicevo con tuo zio "Ma questo non si dice in Italiano" XD Che disastro! Fortuna che da metà libro in avanti il problema sembra essersi risolto! Il finale mi ha lasciata a bocca aperta, soprattutto per quanto riguarda la sorellina di Penryn e Rafe *O* spero di poter leggere presto il seguito, ma soprattutto di avere tante risposte da parte dell'autrice! La cover più bella è quella originale.. che gli costa alle CE mantenere quella? BAH..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io spero che questo caso di traduzione pessima sia isolato, anche perché ultimamente i libri di Fanucci mi ispirano un bel po' e sapere che non dedicano abbastanza impegno nella traduzione mi fa imbestialire... cosa lo traduci a fare un libro se devi farlo in questo modo orrendo?

      Elimina
    2. Sì in effetti ci fanno proprio una pessima figura -.-

      Elimina
  2. Anche a me, come già sai, è piaciuto abbastanza, ma non è riuscito del tutto a catturarmi... spero però in un miglioramento nel seguito!
    Comunque c'è poco da fare XD la cover italiana è la più brutta... l'originale la migliore... le altre due si guardano più della nostra v.v

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me è proprio lo stile dell'autrice che non riesce a coinvolgere fino in fondo, perché la storia è comunque interessante e ricca di spunti, ma se la narrazione è fredda e distaccata c'è poco da fare, il libro non arriva al lettore come dovrebbe....

      Elimina
  3. Alessiaaa nuuuu :(
    Questo libro l'ho amato alla follia, c'è stata la "scintilla d'amore"!
    Mi ha emozionato e coinvolta al 100%! Di certo l'azione è pane per i miei denti e i punti di domanda con cui mi ha lasciato non hanno fatto altro che incuriosirmi!
    Io non vedo l'ora di leggere il seguito!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Leda, ma dai.... Pensa quanto possono essere diversi i gusti ^_^ Con te è scattata la scintilla, con me no... ma nonosntate questo ho tanta curiosità e spero che la casa editrice non ci farà diventare vecchi in attesa del seguito...

      Elimina
  4. devo decidermi a leggerlo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Deoris, il mio consiglio è di aspettare l'esatto momento in cui sentirai un forte desiderio di leggerlo, perché se così non fosse ho paura che potrebbe non coinvolgerti e lasciarti indifferente :)

      Elimina
  5. ho terminato proprio ora un libro che parla di angeli caduti, che coincidenza ^__^
    e anche nel libro che ho letto gli angeli non sono affatto come ce li si aspetta, ma qualcosa di cui avere timore...
    I libri con molta azione però non sono troppo nei miei gusti, infatti le scene d'azione, anche nei film, sono sempre quelle che "spero finiscano al più presto" XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uuuuh, quale hai terminato? Adesso sono curiosa di conoscere il titolo xD
      A me al contrario i libri così pieni di scene incalzanti mi piacciono molto, ma devono essere strutturate sempre nel miglore dei modi, altrimenti rischiano di annoiare facilmente :)

      Elimina
  6. La mia cover preferita è quella tedesca, seguita subito dopo dall'originale. Sinceramente non riesco a capire che problema abbiano gli editori italiani, questo riciclo di immagini per le cover è snervante. Il fatto che si tratti di libri young adult non significa che le cover debbano essere a prova di quindicenne!
    Penso che lo leggerò, ma il lingua originale, non sopporto i libri tradotti male, già normalmente si tratta di libri dallo stile molto semplice, se poi li traduciamo male perdono di qualsiasi attrattiva!
    Comunque non vedo l'ora di procurarmelo e leggerlo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alexiel, hai ragione... per fortuna non solo in Italia riciclano le cover, ma almeno all'estero lo fanno con un po' più di gusto e di stile, e soprattutto rimangono almeno un pochino fedeli alla storia contenuta nel libro.... Se uno dovesse prendere questa cover e toglierci il titolo, il primo pensiero sarebbe quello di un libro che parla di fate -.-
      Se hai la possibilità e riesci a leggerlo in lingua, sicuramente sarebbe molto meglio, con la traduzione pessima italiana ha perso molto e forse è colpa anche di questo se non è piaciuto a tanti lettori.

      Elimina
  7. L'unica cosa carina della cover italiana è la fatina (sì, perchè quella è una fatina, al massimo può essere un fatino, ma un angelo proprio no!) e non ci azzecca nulla con il libro!! Che senso ha aver copiato da Schegge di me? Ahhh i misteri delle cover.... La più bella, per me, è quella originale. Le altre non mi piacciono, troppo materialone e pesanti.

    La trama non mi ispira più di tanto, la tua recensione un po' mi incuriosisce, ma ho sicuramente altri libri in attesa che mi attirano di più.

    Un bacio Ale :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahha è un controsenso, ma hai ragione, la fatina è caruccia ma non c'entra un'emerita.........
      Le piume nere c'entrano con la cover per esempio, ma ci stanno proprio male, insomma sicuramente si potevano impegnare di più e tirare fuori qualcosa di più carino u.u
      Fai bene a dare la precedenza ai libri che ti ispirano di più, questo forse, prima o poi, chissà lo leggerai :)

      Un bacione anche a te tessoro *_*

      Elimina
  8. Mm..da dove inizio?! Sulla cover direi che è meglio stendere un velo pietoso...quella originale era (è) assolutamente perfetta! Ci sta benissimo che una CE decida di cambiare la cover di un libro, va bene ma che senso ha cambiarla con una che, oltre a non avere niente a che fare con quella d'origine, è praticamente la copia (ma in versione più brutta) di una di un altro libro sempre pubblicato in Italia? Proprio non me lo spiego.. =|
    Il libro invece a me non è piaciuto :( sono rimasta un po' delusa dalla storia e penso che se non avessi avuto tutte quelle aspettative ci sarei rimasta meno male e mi sarebbe piaciuto un di più. Errori ortografici e grammaticali a parte, è un libro davvero scorrevole, l'ho letto in due giorni scarsi. Per i personaggi la penso esattamente come te (Raf mi è piaciuto molto e anche il rapporto con Penryn) ma la storia non mi ha convinta granché: passino gli angeli e la parte distopica ma quei "bambini" no, li ho trovati inquietanti! Comunque probabilmente il seguito lo leggerò lo stesso giusto per curiosità :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io direi di stenderci proprio una coperta pietosa, il velo è troppo sottile, potrebbe trapelare qualcosa......
      Mi piacerebbe davvero mandare un'email a chi si occupa delle cover italiane e chiedere che cosa cribbio passa per le loro teste -.-

      Aaaaah, avevi aspettative troppo alte allora... beh la storia è scorrevole e scattante, alcuni personaggi sono interessanti, ma non basta questo per far sì che una storia rimanga nel cuore del lettore... ci vorrebbe meno freddezza e più emozione.

      Elimina
    2. Io l'ho riletto due volte invece.. Lo assolutamente ADORATO. Poi ovvio, i gusti son gusti ;-)

      Elimina
  9. Io l'ho trovato stupendo. Il libro più bello che ho letto nel 2013.. E ne ho letti parecchi.
    Mi ha catturato completamente. Quando lo finito mi sono disperata perchè non ho idea di quando porteranno il secondo e di quanto mi faranno aspettare. Io lo consiglio davvero a tutti. Peccato per la traduzione davvero pessima e la cover che fa schifo -uguale a quella di "schegge di me"-.

    RispondiElimina

Lasciate un segno del vostro passaggio, sono sempre felice di leggere e rispondervi ♥