venerdì 18 ottobre 2013

Recensione: "The Summoning" di Kelley Armstrong

Buongiorno a tutti e buon venerdì, finalmente il weekend è arrivato e abbiamo già superato la metà del mese di ottobre. Come vi state organizzando per questi giorni? Farete qualcosa di particolare?
Io domani sarei dovuta andare al cinema, ma purtroppo le finanze piangono molto questo mese e ho preferito mettere da parte il cinema per potermi concedere una cosa ben molto più importante venerdì prossimo (e non svelo nient'altro perché sicuramente sul blog ne parlerò). E poi esattamente fra nove giorni sarò in ferie, ma credo proprio che questa volta riuscirò ad essere presente sul blog, se le cose dovessero cambiare ovviamente vi avviserò prima di partire :)

Ma veniamo alla recensione di oggi che è un po' diversa dal solito, anzi, mi spiego meglio... La recensione non è diversa dal solito, ma il motivo per cui ho deciso di leggere questo libro proprio in questo periodo e il motivo per cui ho deciso di pubblicare quasi subito la mia recensione, queste sono cose diverse dal solito e adesso mi spiego ancora meglio xD
Io e la mia dolce Deni un po' di tempo fa avevamo avuto una piccola idea, che sicuramente non è originalissima, ma che ci ha gasato molto. Nonostante la distanza che ci separa avevamo deciso di leggere un libro insieme, nello stesso momento, iniziandolo e finendolo insieme. Poi questa idea è stata accantonata per lasciare spazio a letture più importanti, fino a quando la settimana scorsa abbiamo deciso di scegliere un libro insieme e leggerlo. Ovviamente, come potete capire, la scelta è ricaduta su The Summoning, libro che possiediamo tutte e due e che avevamo voglia di leggere entrambe :)
Abbiamo deciso il giorno in cui iniziare, ci siamo date un tot di pagine da leggere al giorno e alla fine di ogni giornata ci sentivamo per email per chiacchierare del libro e scambiarci pareri e impressioni "a caldo". L'idea, come ho detto prima, ci ha gasato moltissimo ed è stato bello vedere come lo stesso libro ci sia piaciuto in modo differente e ci abbia attirato per motivi diversi. Capirete le differenze leggendo la sua recensione, infatti abbiamo deciso di pubblicarle nello stesso giorno. E vi dirò di più, ci siamo trovate così bene con questa piccola esperienza che sicuramente la ripeteremo presto *_*

Se volete leggere la recensione di The Summoning scritta da Denise, eccola qui!

The Summoning di Kelley Armstrong è il primo volume della trilogia "Darkest Power", pubblicato in Italia da Fazi nella collana Lain il 13 gennaio 2011, al prezzo di 10 euro, per 343 pagine.

Trama:
Chloe Saunders, una teenager come tante. Pochi sogni nel cassetto, ancora nessuna particolare aspirazione, se non quella di diplomarsi con un voto decente, avere molti amici, magari trovare un ragazzo da amare. Sebbene le sue aspettative siano basse nei confronti della vita, mai avrebbe potuto immaginare che nel bagno della scuola, invece di ragazze che si rifanno il trucco, o parlano del giocatore di football che le ha invitate al ballo, le sarebbe apparso il bidello della scuola, il bidello morto. Chloe infatti può vedere i fantasmi, e loro possono vedere lei. La sua vita non sarà mai più la stessa. Molto presto gli spettri sono ovunque, le richiedono attenzione, invocano il suo aiuto. E' troppo per lei: la ragazza ha un crollo nervoso, tanto da essere internata in una casa per ragazzi disturbati. Lyle House, "un posto per ritrovare la serenità", reciterebbe una brochure, se ne esistesse una. Purtroppo la realtà si rivela presto meno patinata e tranquilla, quando Chloe conoscerà meglio gli altri pazienti - le due compagne di stanza: la detestabile Tori, una persona sin troppo elettrica, e Rae, che ha un "problemino" col fuoco, l'affascinante Simon e l'ombroso fratello Derek, la cui ostilità nei suoi confronti si stempererà lentamente, come ghiaccio al sole, sbocciando in un affetto che nessuno dei due avrebbe previsto - la ragazza inizierà a realizzare che c'è qualcosa di strano e sinistro che lega tutti loro, che non si tratta dei soliti "ragazzi interrotti", che c'è una vena molto più oscura che si cela nelle fondamenta di Lyle House...

Il mio pensiero:
Possiedo questo libro da un annetto circa, comprato a metà prezzo su Libraccio, praticamente a scatola chiusa... Avevo letto la trama, la cover mi ispirava e ho deciso di comprarlo... e ancora più a scatola chiusa ho comprato anche il secondo, di solito non mi arrischio mai a comprare i volumi successivi al primo se non ho ancora iniziato quella serie, ma in questo caso ho fatto uno strappo alla regola di cui spero non dovrò pentirmi.

The Summoning racconta la storia di Chloe, un'adolescente che crede di essere normale, che con tutte le sue forze vuole dare credito alle voci adulte, parenti e psicologi, tutti loro dicono che soffre di schizofrenia, e lei vorrebbe fosse così, mentre invece dovrà ricredersi presto, dovrà accettare la sua "anormalità", perchè Chloe può vedere, sentire e parlare con i fantasmi. La strada per arrivare a questa consapevolezza non è di certo semplice, ma venire spedita alla Lyle House (un istituto per ragazzi problematici) l'aiuterà verso questo percorso difficile. Lì conoscerà ragazzi con problemi come lei e piano piano scoprirà di non essere l'unica ad avere doti fuori dal normale. Tra amanti del fuoco, tra oggetti che levitano e tra sensi iper-sviluppati, Chloe troverà il suo piccolo mondo, troverà amici e nemici e troverà il coraggio per affrontare i fantasmi che sembrano non volerla lasciare in pace. Lyle House però nasconde segreti ancora più grossi di quelli che i ragazzi vorrebbero tenere al sicuro nei loro cuori, segreti devastanti e pericolosi che li metteranno tutti in una situazione molto complicata.

La mia esperienza con questo libro è stata altalenante, perché in alcuni momenti mi sentivo trasportata dalla storia e dai personaggi e in altri momenti sentivo la narrazione così fredda e distaccata che tutto mi scivolava addosso senza lasciare il minimo segno.
Lo stile della Armstrong è indubbiamente scorrevole e semplice, dona attenzione ai particolari senza però dilungarsi troppo su di essi, ma in alcuni momenti sembra quasi avere fretta di scrivere e non trovare le idee giuste per poi abbandonarsi ai soliti cliché e banalità.
Per mia fortuna ci sono alcuni colpi di scena nel libro che mi hanno fatto brillare gli occhi e mi hanno quasi fatto urlare: "genio" all'autrice, poi la mia esaltazione andava di nuovo scemando incontrando scene banali, lette e rilette.
Chloe è un personaggio molto semplice e a mio parere non riesce a lasciare il segno, è come se fosse una di quelle persone che nonostante incontri tutti i giorni non ti rimangono mai in mente, per nessun particolare; ed essendo lei la protagonista del libro, è davvero deludente che abbia così poco effetto sul lettore. Per fortuna ci sono alcuni personaggi secondari che colmano l'indifferenza che lascia la protagonista. Quello che in assoluto mi ha colpito di più è Derek il "gigante" scontroso del gruppo, quello da cui tutti si tengono alla larga, che tutti temono e deridono, ma che in realtà è il più intelligente e sveglio, mi ha piacevolmente colpito in diverse scene del libro. Così come sono rimasta affascinata dal rapporto che c'è fra lui e il fratello Simon, si completano a vicenda. Simon carino e amato dalle ragazze, Derek considerato brutto e sfigato, Simon più allegro e aperto, Derek più chiuso e silenzioso, Simon preferisce gli sport, Derek ama leggere e studiare e potrei continuare. Ho amato il loro rapporto un po' complicato, in cui spesso si scontrano ma in un modo o nell'altro spunta sempre fuori l'affetto che provano tra di loro.
Non posso dire lo stesso del rapporto "d'amore" che l'autrice ha cercato di creare tra Simon e Chloe, un vero buco nell'acqua secondo me, per niente emozionante e poco approfondito. E anche in questo caso, per fortuna che c'è Derek, il rapporto che si crea tra lui e Chloe lo trovo molto più interessante e intrigante di quello di cui vi parlavo poco fa. Posso però dire che non esistono colpi di fulmine in questa storia, niente sfolgoranti sguardi ammaliati, niente cuori che battono all'impazzata dopo un solo sguardo, niente di tutto questo... I rapporti tra i personaggi si instaurano e crescono lentamente, come è giusto che sia.

Altra cosa che ho apprezzato molto è il modo in cui l'autrice ci presenta i fantasmi di Chloe, sono scene sempre molto coinvolgenti e raccontate con un ritmo veloce e scattante, in alcuni momenti sembra sfiorare l'horror proprio per i dettagli che ci dona e per l'atmosfera cupa che riempie quei momenti. Nello stesso modo ho apprezzato come conosciamo i poteri di Derek, vi giuro che fino alla fine non avevo assolutamente capito dove volesse andare a parare l'autrice.

Insomma, riassumendo un po' le mie idee, credo che "The Summoning" sia un libro piacevole e scorrevole, ma che l'autrice non sia riuscita a sviluppare a pieno l'idea di base, ci sono momenti molto banali, alcuni personaggi abbastanza piatti, scene che rovinano un po' altre scene... In compenso però ci sono colpi di scena collocati in modo perfetto, ci sono altri personaggi che appassionano. Il finale mi è piaciuto, lascia completamente aperta la mia fantasia, anche se un po' sono rimasta delusa, non vedo l'ora di poter leggere il secondo libro della trilogia, per capire se lo stile della Armstrong non sarà così altalenante e potrà appassionarmi dall'inizio alla fine e non solo in alcuni momenti e soprattutto sono curiosa di vedere se riuscirà ad essere un po' più originale nel secondo libro, abbandonando cliché e banalità.

Ed ora parliamo di cover *_* Ho deciso di mettervi la cover originale e quella tedesca, oltre a quella italiana ovviamente. La cover italiana mi piace molto, non capisco il motivo per cui abbiano mozzato la testa alla ragazza, ma ci sta, l'attenzione vuole essere portata sulla collana col ciondolo di rubino, che durante la storia compare e viene nominata spesso (e che secondo me ha un significato che scoprirò nel secondo), ma la cosa che mi piace di più è lo sfondo che hanno deciso di dare. La cover originale non mi piace, la trovo troppo semplice e non riesce ad attirare la mia attenzione, anche qui vediamo comparire la collana con il rubino, ma non mi attira; l'unica cosa che apprezzo di questa cover è il font usato per il titolo che mi piace molto. Ed infine la cover tedesca che si discosta completamente dalle prime due (ma che novità xD), nonostante non mi piaccia la modella che hanno deciso di usare, quella labbra spropositate stonano proprio, mi piace moltissimo lo sguardo e il colore che hanno dato alla pupilla; così come mi piace molto lo sfondo con Lily House che appare ai nostri occhi e sembra attirarci verso quella luce che brilla al suo interno; adoro i colori, freddi e scuri che creano un alone di mistero perfetto. Insomma, tirando le somme, la mia classifica è: cover tedesca, cover italiana e cover originale. Avrei voluto mettervi un'altra cover per arricchire ancora di più la recensione, ma tutte le altre edizioni hanno la cover praticamente identica all'originale.

Il mio voto per questo libro:
Sono stata indecisa fino alla fine, volevo dare un mezzo punto in più, poi mi sono resa conto che in confronto ad altri libri non se lo meritava e così mi sono fermata a tre ombrellini :)


Oggi volevo riuscire ad essere un po' più riassuntiva e breve, ma vedete con i vostri occhi che non ci sono riuscita... E' più forte di me, un po' di chiacchiere "pre-recensione" devo sempre farle e oggi avevo la scusa di dover presentare questa cosa fatta insieme a Deni, dunque spero mi perdonerete per la lunghezza del post e soprattutto spero arriverete alla fine per potermi dire cosa ne pensate della recensione e se avete letto il libro cosa ne pensate della storia e dei personaggi.
Un bacione a tutti.

24 commenti:

  1. Io the Summoning l'avevo apprezzato, mi piace come scrive la Armstrong, ma il terzo capitolo che ho in lettura mi sta un po' annoiando... uffi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono proprio curiosa di leggere il secondo, a te era piaciuto? E spero proprio non mi deluderà alla fine la serie :(

      Elimina
    2. Sì, mi era piaciuto anche il secondo, a mio avviso da leggere attaccato al terzo. Questa è una di quelle serie che non puoi pubblicare a distanza di un anno e mezzo, anche perchè la vicenda stessa si svolge nell'arco di pochi giorni.

      Elimina
    3. Allora direi, per fortuna che ho deciso di iniziare a leggerlo quando anche il terzo era già stato pubblicato, così nel caso in cui mi piacerà, potrò procurarmi subito anche l'ultimo volume :)

      Elimina
  2. Io ho appena finito il primo libro e lo sto amando **

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero Vanessa? Allora forse sono io che non sono riuscita ad entrare bene in sintonia con la storia e i personaggi... mmmm!

      Elimina
    2. Alla fine ogni libro lo vediamo un po' tutte a modo nostro xD Spero che la lettura della serie prosegua bene :D

      Elimina
    3. Hai ragione, ed è proprio questo il bello *_*
      Spero anch'io che il secondo mi piaccia e mi convinca di più, per ora ho aspettative nella media, anche se la curiosità è tanta :)

      Elimina
  3. Ho appena letto la recensione di Denise e ora sono venuta a sbirciare la tua!
    Stesso voto ma diverse! è una bellissima idea!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sìììì Leda, è stato proprio bello fare questa lettura di coppia e poi come ha scritto Deni nella sua recensione, abbiamo avuto pensieri simili per tutta la lettura, tranne quando una rivelazione ha fatto allontanare i nostri pensieri... lei ha virato sul negativo e io sul positivo :)

      Elimina
  4. Avete avuto proprio una bella idea...e poi è sempre interessante leggere pareri diversi riguardo lo stesso libro!! :)
    Come ho già scritto nel blog di Denise, questa saga non mi ha mai attirata molto e anche la tua recensione mi ha convinta a lasciare perdere!! Ho sin troppi libri nella TBR e sono un po' stanca delle solite scene banali, lette e rilette!! Preferisco concentrarmi su altre letture più originali, che sappiano conquistarmi completamente!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì Mariki, siamo orgogliose di noi e poi è un modo per sentirci ancora più vicine *_*
      Se il libro non ti attrae e non ti smuove qualcosa dentro è inutile anche metterlo in wishlist, forse arriverà un giorno in cui ripenserai a questo libro e ti verrà voglia di leggerlo :)

      Elimina
  5. Awww è stato bello fare questa cosa insieme *__* dobbiamo assolutamente rifarlo! L'impresa sarà trovare il libro...
    Maushua comunque da quando ho iniziato a leggere la review pensavo che ti volevo proprio parlare della collana v.v ma alla fine... che c'azzecca cavolo?! XD
    È in bella mostra nella cover italiana (a me la testa mozzata non piace D:) e ancora più in mostra nell'originale... ma alla fine oltre a parlarne un po' ogni tanto, non dicono altro o_o pensavo gli avrebbero dato più attenzione, ma forse come dici tu se ne saprà di più nel seguito...
    Comunque pensavo gli dessi tre e mezzo, invece gli hai dato tre anche tu LOL <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nooooooo Deni, secondo me riusciremo a trovare un libro... in realtà ne avevamo trovato un altro, ma per leggere quello insieme diventerebbe dura secondo me, essendo così tanto grosso °-°
      Secondo me quella collana qualcosa c'entra, gliel'ha data sua madre quando era piccola, ma visto in che casini è coinvolta la zia, secondo me la mamma sapeva qualcosa e secondo me è morta a causa di questo qualcosa che sapeva.... Poi magari sono io che viaggio con la mente in una direzione sbagliata, ma mi sembra strano dare così attenzione alla collana, quando alla fine non significa niente... secondo me gatta ci cova u.u
      Quale delle tre cover ti piace di più tesoro? Sono curiosa di saperlo :)

      Ho dato tre senza il mezzo, proprio perché ho fatto un confronto con altri libri letti (adesso mi viene in mente Tenebre e Ghiaccio) e facendo questo piccolo confronto e pensando a quello che mi ha trasmesso il libro, non mi sembrava corretto aggiungere quel mezzo punto in più :)

      Elimina
  6. Eccomi qua, sono riuscita a trovare 10 minuti :D
    Mi piace molto l'idea della doppia recensione! Dopo vado anche da Deni :)
    Comunque vedo che su questo libro alla fine la pensiamo allo stesso modo, anche io l'ho trovato carino ma niente di più. L'idea di base mi piace molto ma non è stata sfruttata benissimo e alcune cose sono molto banali. Derek è il personaggio che preferisco pure io ed è quello meglio caratterizzo o meglio, con una personalità più interessante di tutti. Il secondo libro io l'ho trovato migliore, gli eventi sono meno "statici" e i personaggi cominciano a mostrare un po' più di carattere e più spessore (però siamo ancora lontani dalla perfezione)... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Derek spero verrà portato avanti nel migliore dei modi nel prossimo libro e spero che anche Chloe riuscirà ad essere un po' meno anonima e prenderà un po' di carattere e una sua posizione :)
      Sei d'accordo con me quando dico che è una lettura altalenante? Nel senso che alcune idee sono grandiose e alcuni colpi di scena calzano a pennello, poi magari vai avanti 10 pagine e ti trovi scene banalissime e cliché su cliché...
      Beh tesoro, se mi dici che il secondo è migliore, allora la voglia di leggerlo presto sale di qualche gradino *_*

      Elimina
    2. Sì, infatti non mi ha coinvolta tantissimo anche per quello, per fortuna c'è Derek e quando c'è di mezzo lui non si può mai sapere cosa aspettarsi :) Nel secondo lui mi è piaciuto anche di più. Comunque in generale il seguito l'ho trovato migliore ma se al primo come voto do 3 stelle al secondo gliene darei 3 e mezzo per farti capire :)

      Elimina
    3. Ooooh, ma se nel secondo Derek migliora ancora, allora sarà sicuramente il personaggio migliore di tutto il libro. Sì ti è piaciuto di più il secondo, ma non ti ha comunque fatto impazzire... vedremo quando lo leggerò cosa succederà xD

      Elimina
  7. Ciao ho aderito anch'io alla tua simpatica rubrica "Chi ben comincia" Se vuoi passa a vedere ^__^
    http://cafelitterairedamuriomu.blogspot.it/2013/10/chi-ben-comincia-1.html
    Ah, ho anche aggiunto il tuo banner al mio blog!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, mi fa molto piacere... Nella puntata di domani allora inserirò il tuo blog nella big family, così tutti gli altri sanno che hai adottato la rubrica.

      Ti ringrazio moltissimo :)

      Elimina
  8. Non mi piacciono queste cover.. forse quella italiana è quella che mi piaciucchia un pochino di più,

    La trama non mi ispira.. e la tua recensione mi fa desistere, un tre non mi basta ahahha come sono esigente!!!! XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh Michy, diciamo che ci sono libri che meritano sicuramente più di questo e se uno può scegliere è giusto che scelga quello che più lo attira e lo intriga. Non sei esigente, sei una buona lettrice *_*

      Elimina
    2. Grassie stella :*
      Ho assoluto bisogno fisico di shopping..quando scade il nostro fioretto?

      Elimina
    3. Il mio fioretto scade a Dicembre, il tuo non lo so ahahahaha

      Elimina

Lasciate un segno del vostro passaggio, sono sempre felice di leggere e rispondervi ♥