lunedì 11 novembre 2013

Gruppo di Lettura: Perfetto di Alessia Esse (Recap 1° tappa - Inizio 2° tappa)


Buondì, con un pizzico di ritardo, eccomi qui con voi :) E' già passata una settimana e noi tutti abbiamo iniziato a leggere/rileggere Perfetto di Alessia Esse.
In questa puntata troverete un recap della 1° tappa, dunque esporremo i nostri pensieri sui primi 7 capitoli che abbiamo letto del libro, inoltre Alessia Esse ci darà un paio di extra che hanno a che fare proprio con questi primi capitoli. Infine darò il via alla seconda parte della lettura del libro, dal capitolo 8 al capitolo 15, comunque in fondo al post vi copierò di nuovo il calendario per rinfrescarvi meglio la memoria xD
Spero apprezzerete e vi divertirete a chiacchierare tutti insieme della lettura, come è successo finora :)


Dal capitolo 1° al capitolo 7° cosa è successo:

Klaudia Pulik alias Lilac
Perfetto inizia subito facendo capire al lettore in che situazione si trovano i nostri personaggi. Se il mondo in
cui vivono può sembrare perfetto (per l'appunto) in realtà non è così. Tanti piccoli problemi portano scontento e tristezza, soprattutto se si è ribelli come Baguette. Ma se in realtà ti accontenti di quello che hai e non cerchi risposte a domande che sorgono quasi spontanee, allora hai la possibilità di vivere bene e in pace.
Scopriamo che le donne sono in grado di procreare da sole, ma con dei rischi che potrebbero portarle alla morte; possono crearsi abiti grazie ad un po' di stoffa, ad un tablet e un cilindro; ogni pasto che mangiano è composto da pillole che hanno il sapore del cibo; l'unico posto dove possono ascoltare musica è grazie a Jeanette, con canzoni create appositamente per questo mondo senza uomini; non possiedono macchine ma biposto che vanno con un motore ad aria; vivono grazie all'energia solare e a batterie che ricaricano ai distributori; la vegetazione, seppure bellissima, è tutta artificiale.... Sicuramente Alessia Esse in queste prime pagine ci ha fatto subito capire che la popolazione si è evoluta e che per sopravvivere ha dovuto rinunciare a tanti piccoli piaceri della vita, ma ha anche sostituito le cose peggiori migliorandole, come ad esempio l'uso dell'energia solare.
Lady Gaga alias Vega G.
Credo che il mondo "futuristico" creato in Perfetto, non sia poi così tanto difficile da visualizzare nella nostra mente, ecco perché il libro entra dentro il lettore lasciandolo spiazzato. Sappiamo che esistono già macchine che non vanno più a benzina o gasolio, sappiamo che esistono già cibi particolari creati per gli austronauti.... quelli che faccio sono solo esempi, che inconsciamente ci fanno pensare a Perfetto come a qualcosa di possibile.
Grazie alla ribelle Baguette, scopriamo anche la parte "marcia" di questa società, tutte le regole che esistono, tutti i divieti e le restrizioni. Se sei una persona nata dopo La Sindrome e il Periodo Buio, allora non dovrebbero esserci problemi a considerare il mondo un posto perfetto, ma se (come ad esempio la nonna di Lilac) sei una persona sopravvissuta al Periodo Buio, allora credo sia molto molto complicato riuscire a vivere lasciandosi alle spalle il passato e tutto quello che esisteva prima, sia per quanto riguarda gli uomini che lo stile di vita e il modo di vivere che si avevano prima.

In questi primi capitoli conosciamo tanti personaggi "importanti": Lilac, Baguette, Francesca, Rose, Vega G, Mister, Elia. Francesca e Rose sono indispensabili per arrivare alla scoperta della verità e cioè che l'Italia non è chiusa e che gli uomini esistono ancora e subito arrivano colpi di scena, quando per esempio scopriamo che i genitori di Lilac sono ancora vivi. Allo stesso tempo Mister ed Elia sono importantissimi perché aprono nuovi orizzonti alla storia, grazie a loro Lilac e Baguette inizieranno un viaggio, una vera e propria avventura che continueremo a scoprire nei prossimi capitoli che leggeremo.

Guardie personali di Vega G.
Mi sto dilungando troppo, dunque chiudo esprimendo un piccolo parere e facendovi qualche domanda.
Credo che l'autrice sia stata davvero bravissima a farci conoscere così bene, grazie a scene diverse, il mondo in cui vive Lilac, le sue convinzioni che piano piano crollano, il suo modo di vedere le cose che cambia quasi repentinamente. Così come è stata grandiosa a bilanciare la "perfezione" della società, e le falle che esistono all'interno di essa. Mette nel lettore fin da subito il dubbio, lo porta a chiedersi se davvero le cose sono tutte rose e fiori come sembra e questo percorso lo compiamo insieme alle protagoniste.
Il momento in cui il lettore si rende conto davvero che le cose non vanno proprio alla perfezione è il momento in cui Baguette porta Lilac a casa della Vecchia, a casa di Rose. Quando Lilac ascolta per la prima volta vera musica, io mi sono completamente fusa con lei e ho immaginato come sarebbe scoprire la musica vera. Oppure quando Lilac scopre e poi si trova davanti due uomini, le sue reazioni sono forti e reali ed io anche in questo caso mi sono sentita in sintonia con lei, cercando di immaginare come mi comporterei io in quei momenti.
Ho apprezzato moltissimo la descrizione dell'ambientazione, dei personaggi e delle situazioni. Capire come sia possibile vivere in un mondo simile, capire tutto quello che ruota intorno alla figura di Vega G, comprendere i segreti che si fanno strada nella storia.
Ed ora qualche domandina per voi, mi piacerebbe sapere qual è stato il vostro capitolo preferito, il vostro personaggio preferito e la scena che più vi è rimasta impressa di questi primi capitoli.





Alessia Esse: L'inizio di Perfetto nella prima bozza.

Jared Connaughton alias Elia
La più grande differenza fra la primissima bozza di Perfetto e il libro che avete letto (o state leggendo) sta nell’inizio.
Nel primo capitolo, infatti, Lilac si recava al distributore di energia solare per ricaricare le batterie datele dalla nonna. Al termine, quando usciva dal negozio e saliva sulla sua biposto, trovava sul sedile accanto al suo un contenitore pieno di oggetti proibiti. Fra di essi c’era una penna USB. Lilac la inseriva nel tablet, e così scopriva un video. Quel video era stato girato da un ragazzo (Elia, che in principio era completamente diverso dal ragazzo di cui avete letto o state leggendo; si chiamava Jonathan, ad esempio; aveva i capelli ricci, ed era estremamente magro), il quale parlava con rabbia di ciò che le donne “avevano fatto” e di come lui e gli altri “si sarebbero vendicati”.
Quella era la prima volta che mettevo su carta i tanti appunti presi nel corso dei mesi precedenti, e il risultato fu un capitolo frettoloso in cui succedevano troppe cose. Avevo un luogo (Malorai), avevo una protagonista ben definita, ma non ero convinta al 100% del resto.
Scrissi quel capitolo e lo misi da parte. Lo ripresi dopo un paio di mesi e cancellai tutto.
A quel punto avevo avuto il tempo di far maturare altre idee nella testolina, e avevo ben chiara la prima scena del libro.
All’inizio del capitolo 6 di Perfetto, Lilac rientra a casa dal distributore di energia solare; ho incluso questo dettaglio in onore della primissima bozza.


Alessia Esse: Perché usare il Viano come mezzo di trasporto.

Il Viano presente in Perfetto.
Quando ho deciso che Lilac avrebbe viaggiato verso l’Italia, mi sono fatta una domanda: Che mezzo
useranno, lei e gli altri, per spostarsi fino a Pontenero?
Avevo bisogno di un veicolo abbastanza grande da ospitare quattro persone, i loro bagagli e diversi bidoni d’acqua e benzina (non dimentichiamo che Elia e Mister compiono anche il viaggio d’andata). La mia prima scelta ricadde su un comunissimo camper, e per un po’ ho immaginato e scritto alcune scene con “Il camper” al posto de “Il Viano”. Poi, però, all’inizio del 2012, in una delle mie passeggiate pro-ispirazione al porto del mio paesello, ho incontrato un signore alla guida di un Viano.
Mi fermai a guardare il veicolo (completamente bianco, a differenza di quello usato in Perfetto) e mi resi conto che era proprio quello che cercavo. Spazioso, moderno, e adatto ad un lungo viaggio.
Mi avvicinai al Viano e iniziai a spiare al suo interno. Volevo capire com’erano fatti i sedili, quanto spazio c’era nel portabagagli. Il signore alla guida, che nel frattempo era sceso per la sua passeggiata pro-nonsocosa, mi vide e tornò indietro. La conversazione andò più o meno così:
Lui, fra il minaccioso e l’incuriosito: Che stai facendo?
L'interno del Viano in Perfetto.
Io, avvampando: Niente, perché?
Lui, ora sospettoso: Perché stai guardando nel furgone?
Io, ad un passo dal tuffarmi in acqua e rivivere gli ultimi minuti della vita di Virginia Woolf: E’ per un libro. Sto scrivendo un libro, e mi serve un furgone. Sto cercando un bel furgone che possa resistere a quasi quarant’anni di viaggi e bombe.
Non so se sia stato il mio velato complimento o se quel signore abbia semplicemente avuto pietà di una povera pazza, fatto sta che ha aperto le porte del suo Viano per me. Mi ha mostrato il retro, il posto del guidatore, e per dieci minuti mi ha parlato dei vari modelli simili prodotti dalla Mercedes. Il suo Viano non aveva un tavolino come quello di Perfetto, ma i sedili erano tutti girevoli.
Alla fine di quella passeggiata ho ritrovato l’ispirazione e sono tornata a casa con un nuovo veicolo per Lilac & Co.



Il calendario del GdL:

Iscrizioni dal 26 ottobre al 2 novembre
4 novembre: post di inizio
Contenuti: Biografia dell'autrice, incipit del libro. Alessia Esse parla dell'idea iniziale di Perfetto e ci mostra le cover di Perfetto prima di arrivare a quella definitiva.
Dal 4 novembre al 10 novembre lettura dei capitoli dal 1° al 7°

11 novembre: inizio seconda tappa - recap della prima
Contenuti: Discussione dei capitoli letti. Alessia Esse racconta com'era l'inizio del libro nella sua prima bozza e ci parlerà di un aneddoto simpatico riguardo la scelta del mezzo di trasporto che troviamo nel libro.
Dall' 11 novembre al 17 novembre lettura dei capitoli dall'8° al 15°

18 novembre: inizio terza tappa - recap della seconda
Contenuti: Discussione dei capitoli letti. Alessia Esse ci racconta come la storia di Michael sia cambiata, poco prima della pubblicazione del libro. E ci racconterà un simpatico aneddoto collegato al miele, spiegandoci perché ha scelto di parlarne nel libro.
Dal 18 novembre al 24 novembre lettura dei capitoli dal 16° al 23°

25 novembre: post conclusivo - piccola sorpresina.
Contenuti: Discussione dei capitoli letti. Alessia Esse ci parlerà del finale particolare del libro e ci spiegherà le sue scelte.


E per concludere vi auguro buona lettura, ci rileggiamo tra una settimana con il recap della seconda tappa e l'inizio della terza e penultima. Spero il libro vi stia piacendo finora e che avrete voglia di condividere tutti i vostri pensieri con me e Alessia Esse.

35 commenti:

  1. ciao Alessia ( o alessie) il capitolo che mi ha convinto di più è 'michelle' che da la misura di quanto si sia perso, in questa nuova società, di cosa sia stato sacrificato in nome di un utopia di perfezione. le scene che maggiormente mi hanno colpito sono state le reazioni delle ragazze di fronte agli uomini. Le urla di Liliac e la confusione di Baguette che non sa come rivolgersi a creature quasi mitologiche come gli uomini. la domanda sui personaggi me la tengo per dopo ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Marghe, con un immenso ritardo arrivo nella risposta. Hai ragione, credo che Michelle sia uno dei capitoli più belli e "potenti" di tutto il libro, perché riusciamo ad immedesimarci in Lilac, nella sua meraviglia, curiosità e timore di fronte a tutti quegli oggetti proibiti e "di fronte" alla musica proibita.

      Elimina
  2. Ammetto di essermi presa in ritardo, sono riuscita ad iniziare Perfetto solo ieri sera e, non essendo ancora arrivata al settimo capitolo, tornerò più tardi a leggere il post! :D
    I primi capitoli mi sono piaciuti tantissimo, se il romanzo continua così sono certa che lo adorerò! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come promesso, rieccomi qui!! :D
      Stavolta sono stata un po' più brava, non solo ho recuperato i capitoli che mi mancavano per questa tappa ma ho anche concluso tutti i capitoli per la prossima!! Non ho vie di mezzo, o mi prendo in ritardo o in anticipo... mai una volta che io sia in perfetto orario! xD
      Comunque... come avevo scritto prima, questi primi capitoli mi hanno convinta immediatamente!! Adoro i personaggi anche se devo ancora capire chi preferisco tra Lilac e Baguette.. forse di più quest'ultima visto che nel capitolo che ho preferito, Michelle, è stata Baguette a colpirmi con la sua vulnerabilità e la sua adorazione per gli oggetti proibiti. È evidente che ogni singolo oggetto, seppur sconosciuto, ha per lei un significato ben preciso ed è stato bellissimo leggere la realizzazione di Lilac. Mi è piaciuta molto anche Rose, me la immaginavo come una vecchietta scontrosa ed invece è stata gentile ed enigmatica. Sono proprio curiosa di vedere quando Lilac saprà rispondere al suo "indovinello"!
      Cosa posso dire del settimo capitolo?? Wow, meno male che mi ero presa in ritardo altrimenti non credo che sarei riuscita a interrompere la lettura!! :D

      Elimina
    2. Anna, sono felice che ti sei messa in pari, altrimenti ti avrei mandato Vega G. come punizione xD
      Guarda, secondo me Lilac e Baguette non potevano essere più diverse e più complementari con i loro caratteri, credo che Alessia abbia fatto un lavoro splendido a creare questi due personaggi, perché ci si trova spesso in difficoltà a scegliere quale si preferisce, tanto che io sono arrivata a pensare di adorare in egual modo tutte e due :)
      Rose è uno di quei personaggi che mi lascia con un mucchio di pensieri in testa, poco approfondito, ma con un importanza chiave per il romanzo... Spero che in Segreto potremo scoprire qualcosa di più su di lei.

      Elimina
  3. Uhhhhhhhhh finalmenteeeeeeeeeeee....
    *dany manda subito un messaggio su whatsapp a Michy per dirle che il post è online...hihihi è tutta mattina che lo aspettiamo!!!*

    Allora...da dove comincio?
    Adoro adoro adoro adoro adoro il modo in cui sono descitti i personaggi in questo libro!!! Si è capito che lo adoro??? hihihihihhi
    Sul serio, leggevo e mi sembrava di averli in fianco a me, ognuno con le sue caratteristiche! Una descrizione perfetta, molto dettagliata ma non stancante, bellissimo davvero!

    Il capitolo più bello? non è facile...forse Michelle...scoprire insieme a Lilac e Baguette il tesoro della signora Johnson - la vecchia!!! ahahahaha - fa pensare a quante cose preziose abbiamo nella vita di tutti i giorni, cose che forse non apprezziamo neanche quanto meritano!
    E' semplice farsi rapire da questo mondo fatto di sole donne perchè Alessia ha la capacità di non lasciare mai niente al caso, ogni cosa ha una spiegazione ed è possibile; più si legge più si comincia a credere che un mondo del genere sia veramente reale, nascosto chissà dove, da qualche parte.

    Il colpo di scena dei genitori vivi e degli uomini ancora in vita non me lo aspettavo davvero ed è da lunedì che aspetto di sapere come andrà il viaggio delle due amiche del cuore!!!!!

    Bello, bello, bello! Fino ad ora è tutto... PERFETTO!!!! hihihihi battutaccia hihihihihihi

    Grazie per gli aneddoti in più che ogni settimana ci regalate, è veramente carino pensare a come questo libro possa essere nato ed evoluto.
    Per ora mi fermo, ma se mi verrà in mente altro torno!!! Intanto vado a leggere l'ottavo capitolooooooooo!!!!
    :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah tu e Michy mi farete impazzire, ma mi fate sentire apprezzata e vi amo per questo, davvero, soprattutto ultimamente ne ho davvero bisogno :)
      Dany, sono davvero felice che questo libro ti stia coinvolgendo così tanto, inizialmente non pensavo sarebbe stata una lettura "perfetta" per te, ma leggendo i tuoi commenti credo si stia rivelando proprio così e non hai idea di quanto mi faccia piacere sapere che, in un certo senso grazie a me, hai scoperto un libro che ti piace così tanto.
      Mi ripeto, il mondo distopico creato da Alessia è così dettagliato e così realistico, che è impossibile rimanere indifferente e fermare i pensieri che il nostro cervello formula leggendo la storia e immaginando di vivere in un mondo simile...

      Elimina
    2. Ahahahahahah Aleeeeeeeee....con me e Michy mi sa che hai trovato due matte al prezzo di una!!! :))))))
      E' vero, non fosse stato per te non avrei mai letto questo libro! Non amo molto il genere ma sono sempre disposta a ricredermi quando trovo qualcosa di dispotico ma non impossibile!
      Grazieeee!!! E attendo il post di oggi hihihihihihi

      Elimina
  4. Ciao a tutte!
    Con il capitolo 7 siamo entrati nel vivo dell'azione e non vedo l'ora di andare avanti nella lettura, ho troppe domande che mi frullano per la testa^__^.
    Il mondo di Perfetto è affascinante, ma anche terribilmente triste.
    Il modo che si conosceva è stato devastato, non è rimasto praticamente niente, solo donne, sole, che si sono dovute reinventare completamente.
    Ciò che mi ha sconvolto di più è stato il fatto che tutto è artificiale e tecnologico. Solo le donne sono vere e anche poche, il cui unico modo di procreare è quello di mettere a rischio la propria vita.
    Baguette ha fatto bene a porsi la domanda "Ma perché devo mettere al mondo un figlio in questo mondo?", perché in quel modo ci sono troppe regole che ti stringono alla gola, sono poche le cose che ti fanno sentire vivo. Anche noi abbiamo i tablet e i telefonini, ma possiamo mangiarci una lasagna sentendo il suo sapore e la sua consistenza oppure andare al parco e respirare l'aria e il profumo dell'erba e degli alberi.
    E' per questo motivo che mi piace Baguette, lei è curiosa, vuole scoprire tutto quello che è andato perduto, perché sono le cianfrusaglie a casa di Rose a essere la vera Storia, piccole cose che ti facevano felice andate perdute, anche se devo ammettere che tirare fuori l'iPod proprio davanti a Vega G. è stata una mossa DECISAMENTE stupida.
    Ed è qui che parlo anche di Lilac, esatto opposto di Baguette: ligia al dovere, segue le regole perché sa che c'è una motivazione dietro ad ognuna di esse e cioè di alleviare il dolore di coloro che sono sopravvissute, come Francesca (ma sarà veramente questa la motivazione?).
    Penso che le due si completino a vicenda, diventano una persona sola quando sono insieme, mi piacciono tanto.
    Per quanto riguarda Elia e Mister non so ancora dire, aspetterò la seconda tappa.
    Il capitolo che mi è piaciuto di più è Michelle: mentre le ragazze girovagavano per casa sentivo il bisogno di curiosare anch'io, volevo vedere con i miei occhi cosa conteneva quel museo dell'illegale.
    La scena che più mi ha colpito invece, può sembrare stupido, ma è stata quella della cena tra Francesca e Lilac: una pillola di lasagna e tutto finito. Come si può sentirsi sazi e appagati da una misera pillola con un po' d'acqua?
    Alla prossima settimana!
    P.S. chissà che imbarazzo con il tizio del viano, io sarei morta xD e VOGLIO il cilindro crea vestiti!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Laura, hai ragione, il capitolo 7 segna una specie di svolta inaspettata e importantissima per la storia e credo capiti a pennello, né troppo presto lasciando così il lettore con dubbi sul mondo di Lilac, né troppo tardi rischiando di annoiare con la "presentazione" del mondo di Lilac.
      La scena in cui Baguette a quella "crisi", è stata, per me, una delle scene più forti e dolorose, nella sua semplicità il personaggio si pone domande che frullavano già in testa al lettore e così rende il tutto ancora più reale.
      Hai ragione, Lilac e Baguette si completano e sono due personaggi perfetti con un legame fortissimo che coinvolge completamente il lettore.

      Il cilindro crea vestiti lo vorrei anch'io in effetti *_*

      Elimina
    2. Penso che tutte ci troviamo daccordo su questo punto... tutte vogliamo il cilindro dei vestiti!!!!! :-) e poi dicono che le donne non sanno mettersi daccordo... :-) :-P

      Elimina
  5. Nonostante abbia iniziato anche io la lettura piuttosto tardi (causa una piccolissima e insignificante svista sulla data di inizio del GDL...) eccomi qui: ho fatto i compiti a casa e ho finito i primi 7 capitoli.

    Devo fare una premessa: in genere adocchio un libro, leggo la trama, cerco recensioni e se poi passa la selezione (ahimè, la passano quasi tutti) lo metto in lista. Poi passa una marea di tempo prima di poterlo leggere e puntualmente dimentico la trama. E non me la vado a leggere prima di cominciare il libro: tanto avevo già deciso che mi piaceva, così ho anche l'effetto sorpresa.
    Bene, devo dire che non ricordavo praticamente nulla della trama di Perfetto, quindi quando ho capito che si parlava di un mondo futuro senza uomini è stata una piacevole sorpresa.
    Confesso infatti di aver immaginato tante volte un mondo senza maschietti. E anche che il cibo fosse sostituito da comodissime pillole! Quindi questo è proprio il mio libro!

    La scrittura è piacevole e anche se ho trovato l'inizio non troppo rapido, non mi sono annoiata.
    Devo ancora inquadrare Lilac e per ora non posso esprimere un giudizio sul suo conto.
    Il personaggio che mi è piaciuto di più è Rose e avrei tanto voluto scoprire cosa aveva da dire se Lilac avesse azzeccato la risposta alla sua domanda!
    Non sapendo nulla della trama, mi ha stupita la piega improvvisa che prendono gli eventi alla fine del sesto capitolo.
    Non so se Elia sarò il "nostro uomo" ma per ora non mi dispiace, anche se non amo i libri in cui la protagonista incontra il grande amore della sua vita fin da subito (che peraltro sono quasi tutti!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravissima cara, io e Vega G. siamo proprio contente che sei riuscita a metterti in pari... lei aveva già preparato le sue guardie per farti venire a prendere, ma le ho detto di avere pazienza xD *delirio mode-on*
      Beh, è interessante il tuo metodo di non leggere la trama, dovrei fare così anch'io con i libri che possiedo da tanto, più effetto sorpresa di così, non si può *_*
      L'inizio è un po' lentino, ma credo sia necessario per farci entrare nel mondo particolare di Lilac, per non tralasciare niente e non far venire dubbi al lettore nel proseguimento della lettura...
      Rose, nonostante sia una fugace apparizione, credo abbia lasciato molti di noi lettori affascinati, io sono una di quelle e spero potremo conoscerla meglio e sapere qualcosa di più :)
      Ecco, per quanto riguarda il cibo, non sono d'accordo con te, nonostante il mio odio per l'azione di cucinare, in realtà amo mangiare e per me sarebbe un vero dramma dovermi nutrire solo con delle pillole...
      Elia e Lilac e colpo di fulmine... non so, credo nella prossima tappa parleremo di loro due, e sono proprio curiosa di scoprire cosa commenterai a riguardo :)

      Elimina
  6. Mi sa che sono arrivata in ritardo! Mi sarebbe piaciuto partecipare! Peccato, vuol dire che lo leggerò per conto mio ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusy, nooooooooooooooooo! Sono dispiaciutissima, ti direi di iniziare a partecipare adesso, ma andrei contro le mie stesse regole e non mi piace farlo...
      Mi farebbe comunque un'enorme piacere sapere il tuo parere personale una volta che lo avrai letto, dunque spero ti ricorderai di tornare sul mio bloghettino per dirmi come è andata la lettura...

      Elimina
  7. Ciao ad entrambe le Alessia! :)
    In primis voglio dire che è stato molto faticoso fermarmi al settimo capitolo... ma confesso di aver dato una sbirciatina all'ottavo, ma solo alla prima pagina giuro :P ;) Già da questo si capisce cosa ne penso per ora di questo romanzo, se si fa fatica a staccare gli occhi dalle pagine vuol dire che è un bel romanzo con una trama interessante e una scrittura semplice e scorrevole. Questo libro rientra perfettamente in questi parametri. Mano a mano che leggevo mi si creavano nella mente mille pensieri di cui volevo poi parlare quindi mi sono ritrovata per ogni capitolo a scrivermi degli appunti. So che sembra assurdo ma è così lo giuro...
    Comunque a parte gli scherzi parliamo di cose serie: inanzi tutto di nuovo complimenti ad Alessia per il post di oggi e ad Alessia Esse (mamma mia quante Alessia che confusione :P) per il romanzo e le curiosità dietro il libro. Ti è andata bene che non ti ha preso per una malvivente, la maggior parte degli uomini non reagisce bene quando vede qualcuno avvicinarsi alla sua nuova adorata auto sopratutto se è una "maldestra" (a loro detta) donna...
    Devo dire che questi primi capitoli sono stati molto intensi, in poche pagine ci viene esposta la rigidità del mondo perfetto creato da sole donne dove non esistono più i cibi veri ma ci si nutre con delle semplici pillole, dove un azione normale come il bagnare le piante viene surclassato dall'utilizzo di piante artificiali perfette nella loro perfezione senza bisogno di cure o attenzioni. Questi sono solo alcuni esempi dei molti che incontriamo durante la lettura dei capitoli. Mentre leggevo pensavo a me in quel mondo, a me ridotta a non poter ascoltare la mia tanto amata musica quando voglio ma a dover sottostare a delle ferree regole. Io poi che sono cresciuta con la musica nelle orecchie (Backstreet Boys, Tiziano Ferro, Vasco Rossi, etc) come rifugio quando sono felice, triste, arrabbiata... Forse impazzirei, sopratutto sapendo cosa mi perderei del vivere a "nostro modo". Pensando a mente lucida capisco allora il significato del personaggio di Baguette, lei è l'impersonificazione del passato e del trasgressivo, la miccia necessaria affinchè Lilac capisca che il mondo in cui lei crede tanto non è poi così tanto perfetto e che nascosto alla sua vista c'è un mondo enorme ancora da scoprire: l'uomo. Infatti il 6° e il 7° capitolo ci mettono la pulce nell'orecchio (fino a che non ho finito di scrivere qui non posso esaudire la mia curiosità) perché fanno partire Lilac e Baguette in un lungo viaggio assieme a due uomini diretti verso la madre e il padre di Lilac. Tutte incognite a cui lei non può ancora dare una risposta perché non la conosce, e io calandomi perfettamente nel personaggio sono in trepidante attesa come lei di avere le risposte. Temo non mi aspetti altro che leggere i restanti capitoli...
    In conclusione il mio personaggio preferito è Baguette con la sua esuberante trasgressività, il mio capitolo preferito è il primo perché è quello che mi ha scioccato di più, l'autrice è riuscita a farci capire la rigidità di questo mondo perfetto con un'unica frase: " parlare degli uomini e del passato è illegale, è vietato per legge". Invece la scena che mi è rimasta più impressa e quando Lilac incontra per la prima volta un uomo e la prima cosa a cui pensa e alla loro voce, a come sia diversa a quella che ha sempre sentito chiedendosi il perché di quella diversità. Se ci penso questo è un romanzo che solleva moltissime domande che creerebbero un dibattito infinito di argomenti.

    Grazie ancora per la buona lettura alla prossima tappa!
    Erica
    La Biblioteca Infinita

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Erica, sorry per il ritardo nella risposta, ma sono stata super-indaffarata :(
      Perfetto ha la capacità di rapire il lettore, creando così quella tipica situazione del "non voglio più fermarmi, a qualsiasi costo continuerò a leggere" e complimenti per essere riuscita a rispettare i capitoli decisi per il gdl :) Ti sei presa appunti per ogni capitolo? Credo tu sia la lettrice che ogni autore vorrebbe avere, io non prendo mai appunti e mi piace molto come idea :)
      Quando ripenso ai capitoli letti, mi viene subito in mente la particolarità della mancanza di uomini, del cibo in pillole e della musica proibita, sono forse le cose di maggior impatto, poi riflettendo a distanza di giorni, mi rendo conto che una natura completamente artificiale mi ucciderebbe. Non poter sentire la freschezza delle piante, i profumi della natura, i loro colori che non potranno mai essere ricopiati in modo perfetto... Questo credo sia uno di quei pensieri che ti coglie dopo, ma che destabilizza per la sua forza.
      Anche il primo incontro di Lilac con gli uomini mi ha colpito molto, come dicevi tu, non capiva la diversità della loro voce e anche dei loro movimenti, anche questa è una scena fortissima che crea nel lettore una confusione positiva, proprio perché si immedesima nella protagonista.

      Buona lettura a te Erica, a domani con la nuova tappa ;)

      Elimina
    2. Tranquilla non c'è poblema anche io sono ritornata solo ora...
      Si sono un maniaca degli appunti, forse esagero? forse un po' ma la mia memoria non è mai stata il mio forte...
      Alessia Esse è stata abile nel descrivere ogni emozione o novità!!
      ciao
      La Biblioteca Infinita

      Elimina
  8. Ciao Alessia! Questa è la prima volta che leggo questo libro e lo sto trovando davvero carino *-*. Il capitolo che mi è piaciuto di più é stato sicuramente Michelle, ho amato il modo in cui Alessia Esse è riuscita a descrivere gli oggetti . La parte che mi è piaciuta molto è stata quella a pagina 22, dove Lilac spiega cosa era successo nel periodo buio (e lì mi sono venuti i brividi). Il mio personaggio preferito per adesso è Baguette (Margot) e mi piace moltissimo il nome Elia :). Non vedo l'ora di continuare a leggerlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Arya, sono davvero felice che il libro ti stia piacendo e ti stia lasciando sensazioni positive. Spero continuerà così fino alla fine :)
      Vedo che Michelle è il capitolo che forse è piaciuto di più a tutti voi e avete proprio ragione... E' uno di quei capitoli potenti che lascia immagini che sembrano imprimersi nella mente del lettore, facendolo impersonare nella situazione e facendolo riflettere.

      Buona lettura, a domani :)

      Elimina
  9. Bene bene..finalmente possiamo dare sfogo ai nostri pensieri su i primi 7 capitoli di Perfetto!!!
    La trama mi ha incuriosito davvero tanto..poi tutti quei pareri super positivi... :D
    Insomma la lettura è iniziata subito con il piede giusto, e dopo un piccolissimo tentennamento dipeso da non so cosa - non l'ho capito, forse dovrei provare a rileggere i primi capitoli per farmi un'idea più chiara - mi è piaciuto sempre più, per poi farsi amare alla follia dal sesto capitoli in poi!!!

    Ahhh quell'aggeggio per crearsi i vestiti lo vooooooglio! Fa anche le scarpe, rendiamocene conto!!!!

    Questo nuovo mondo perfetto può essere perfetto proprio solo per chi non ha conosciuto il vecchio mondo!!! I modi di Vega G mi hanno già fatto saltare i nervi (uuuhahauhah e dire che nella vita ho davvero una pazienza infinita, evidentemente i libri sono la mia valvola di sfogo!), le varie leggi/restrizioni/regole mi hanno subito fatto alzare gli occhi al cielo! E per questo non vedo l'ora di scoprire il mondo che penso si riveli piano piano nel corso della storia..

    Mi piace la semplicità dello stile di Alessia Esse.

    I personaggi...vediamo...... Ho una piccola sottospecie di antipatia a pelle verso Baguette ma ufffffffffffffffffffffffffffffffff bo, forse perchè mi da l'idea della ribelle fin troppo incosciente che crede di poter cambiare/salvare il mondo con un mp3, un po' troppo piena di sè. Be, Baguette a parte, per ora non ho una predilezione per qualche personaggio in particolare, penso già che mi innamorerò di Elia, Mister mi da un gran senso di protezione.
    Che bellino era Elia nella prima stesura? Con i suoi riccoli? Ihihihhihihi! (Tralascio qualunque commento su quel bicipite tatuato che ho visto lassù O,,O non vorrei apparire una mandrillona ahahahaha)

    Il mio capitolo preferito? Direi il 7! Perchè è qui che la storia prende la piega che tanto aspettavo..si cambia scenario e inizia l'avventura.




    RispondiElimina
    Risposte
    1. Michy, forse il tuo tentennamento è venuto dai primi capitoli che, nonostante l'enorme massa di informazioni che viene data, sono comunque un po' lenti e forse questo ti ha fatto storcere un po' il naso, boh non so... per fortuna poi ti sei sentita più catturata e hai iniziato ad apprezzare la storia *_*
      Michy, ecco il cilindro che crea vestiti è una delle pochissime cose che invidio del mondo di Lilac, oltre ai motori ad aria e allo "sfruttamento" dell'energia solare.
      Baguette ti sta antipatica?! Oooooh una voce fuori dal coro, credo tu sia l'unica finora che ha provato antipatia per questo personaggio... Credo nei prossimi capitoli capirai che Baguette non è poi così ribelle :)

      Michy, sei già apparsa con una mandrillona facendo notare a tutti noi il bicipite tatuato lassù ahahahahah

      Elimina
    2. Io penso che all'inizio ero un po' distratta da quell'altro libro XD e poi avevo fretta che si entrasse nel vivo della storia..ecco forse il motivo principale è stato questo, sapendo quanto è apprezzato Perfetto mi scocciava "perdere tempo" con le presentazioni....... pardon!

      Elimina
  10. Allor... da dove comincio? Intanto dico subito che il libro mi sta piacendo molto :3 di solito non mi sbilancio troppo dopo così pochi capitoli, ma lo sto adorando :3 sisi!
    Il mio capitolo preferito? Non saprei... ma forse come ha detto Bianca, quello in cui Baguette porta Lilac a casa della Vecchia... è stato proprio bello! Vedere gli oggetti che noi diamo tanto per scontati sotto una nuova prospettiva... geniale :3

    Adoro il mondo distopico creato da Alessia! Ha fatto un ottimo lavoro con tutto... è credibilissimo... mi piace proprio e immergercisi è un piacere! Il mio personaggio preferito? Per ora direi Baguette - di cui adoro il nome proprio, Margot - però è ancora presto per dirlo con certezza!

    Vega G... me la immaginavo più vecchia e impostata di Gaga ahahah XD
    Invece per la parte riguardo al Viano mi sono fatta una risata immaginando la scena! Fortissima :3

    Non vedo l'ora di proseguire la lettura *___*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Deni, sìììììììììììììì sono felicissima che il libro ti sta piacendo... inoltre sapere che lo hai in parte grazie a me e al mio blog, mi rende ancora più felice e più "vicina" a te *_*
      E' questo che spiazza nella storia di Alessia: il mondo da lei creato è così realistico e credibile che il lettore è quasi "costretto" a porsi domande e ad immaginarsi in questo mondo non così tanto lontano...
      Infatti quando Alessia mi ha detto di Lady Gaga per Vega G. mi ha subito chiarito che ovviamente Vega G. a qualche anno in più xD

      Elimina
  11. Ciao a tutte! Ciao ale ^_^ ho ADORATO in tutto e per tutto il 7* capitolo! Ho quasi dimenticato di respirare!! Devo essere sincera i primi capitoli mi sembravano monotoni anche se l'ambientazione mi ha colpito fin da subito...ma con gli ultimi colpi di scena ho cambiato idea totalmente! non vedo l'ora di scoprire chi sono i genitori di lilac e perche' hanno deciso di non vederla crescere. Ho adorato la scena in cui baquette descrive l'amore per gli oggetti proibiti, è stato come sentire la nostalgia per gli oggetti comunissimi per noi...il mio personaggio preferito è sicuramente baguette, ma devo dire che la nonna francesca mi incuriosce molto!! Un bacio ale, alla settimana pfossima!!♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ale, credo che in ogni libro ci voglia qualche capitolo di introduzione, in cui l'autore cerca di farci comprendere che mondo ha immaginato e come si muovono i personaggi in questo mondo, altrimenti il lettore credo si sentirebbe un po' "abbandonato a sé stesso" xD
      Ma come dici tu, Perfetto si riprende alla grande e in pochissimo tempo e andando avanti con la lettura credo avremo capito tutti che i primi capitoli sono stati fondamentali per capire meglio certo reazioni e modi di comportarsi di Lilac e Baguette :)

      Buona lettura Ale, a domani ;)

      Elimina
  12. Ciao a tutte...il mio capitolo preferito è Michelle...ho adorato il modo in cui semplici oggetti per noi di uso comune siano descritti come antichi manufatti, mi ha affascinata...avendo già letto tutto il libro (molto prima del gruppo di lettura, non ho infranto nessuna regola..) so già come prosegue la storia e cercherò di stare attenta a quello che dico...personalmente trovo il personaggio di Lilac un po' antipatico...forse perché troppo lontano dal mio carattere, è un'eroina in cui non riesco ad identificarmi bene, preferisco di gran lunga l'intraprendente Baguette...fantastico il modo in cui si è presentata a Elia e Mister e come si rapporta con loro! Lilac invece mi è sembrata un po' troppo ligia alle regole, perfettina, chiusa...Nonostante questa mia antipatia verso la protagonista ho comunque amato il romanzo. La capacità di Alessia di farti entrare in questo mondo perfetto (che poi di perfetto ha ben poco) è straordinaria...nella mia mente sono riuscita a visualizzare tutto...macchine, vegetazione artificiale, strade e case frequente solo esclusivamente da donne, la sensazione che mi ha dato è quella di un mondo completamente asettico, freddo e privo di colori e di sapori!!! Certo è che di questo mondo di sole donne in cui odierei vivere salverei assolutamente l'idea del cilindro fabbrica vestiti....LO VOGLIOOOOOO!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sara, il capitolo che hai citato è meraviglioso proprio per quello: ci fa capire come reagiremmo se non conoscessimo la musica o tantissime altre cose, bellissimo e di grandissimo impatto.
      Mmm, io non ritengo Lilac un'eroina, o per lo meno non in questi primi capitoli... è molto fragile, anche se spesso dimostra di essere sicura di sé stessa, diciamo che vive la sua vita cercando di farlo nel migliore dei modi, e dunque cercando di non farsi incuriosire dal mondo proibito, forse perché vede la sofferenza della nonna... poi Lilac e Baguette hanno due storie completamente differenti alle spalle e probabilmente è proprio questo a renderle così diverse :)

      Elimina
  13. Che meraviglia rileggere questo romanzo... Rituffarmi nel mondo di Lilac mi sta permettendo di recuperare dettagli che avevo scordato (incredibile ma vero non ricordavo i capelli rossi di Lilac e neanche la divisa delle guardie) e di notarne altre che nella foga della prima lettura mi erano sfuggite ^^ Certo fermarmi al 7° cap è stato difficile ma è bello parlarne tutte insieme. Il mio capitolo preferito è quello a casa di Rose e la scena che più mi ha emozionata eil ballo di Lilac e Baguette: vedere le reazioni della protagonista davanti a suoni e immagini di ciò che per noi è normale è molto toccante... E soprattutto fa riflettere su quanto spesso diamo tutto per scontato, anche se un giorno potrebbe esserci portato via o vietato: brrr... Terrificante! Sono contenta che Alessia Esse abbia modificato la prima bozza perché il risultato finale è di gran lunga migliore.
    Bellissimo l'aneddoto del Viano... Quasi l'autrice rischia di passare per una che voleva rubare nella macchina pur di cogliere i dettagli XD... Avrei voluto esserci per vedere le facce! Ammetto cmq che prima di Perfetto non avevo idea di cosa fosse e come fosse fatto un Viano.
    Che altro manca? Ah, il personaggio preferito è sicuramente la bionda e ribelle amica di Lilac... Baguette 4ever!!
    Spesso nella vita mi è capitato di dire che senza uomini staremmo meglio, ma dopo la versione di Alessia Esse devo ricredermi... Non sopporterei mai di vivere in un mondo dove tutte le cose più belle sono proibite, anche a costo di rinunciare a tecnologie che potrebbero migliorare la vita. Quella che più detesto è la pillola-pasto: certo nei giorni più frenetici quando sì fa tutto di corsa, sarebbe comodo mandare giù una pillolina con un sorso d'acqua, ma volete mettere la gioia di un pranzo in famiglia, seduti a chiacchierare?? E poi ad esempio non mi direte che ingoiare qualcosa all' aroma di pollo dà la stessa soddisfazione di sgranocchiare un vero pollo arrosto bello croccante? Mmmh mi viene già fame :-P
    E con questo direi che ho parlato abbastanza... Alla prox settimana ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo, hai perfettamente ragione... Rileggere questo libro è un'esperienza meravigliosa e posso apprezzare ancora di più certe parti, scelte e situazioni... Io mi ricordavo la divisa delle guardie perché mi era piaciuta un sacco come idea e nella mia mente l'avevo visualizzata più o meno come Alessia Esse ce le ha mostrate :)
      Bellissimo il ballo tra Lilac e Baguette, oltre a sensazioni ed emozioni è bellissimo scoprire il forte rapporto che lega questi due personaggi. Sono diverse, si scontrano, ma si vogliono un bene dell'anima.
      Perfetto è uno di quei libri che rende possibile una riflessione reale dall'inizio alla fine, la storia entra nelle ossa e mette in movimento tutte le rotelle del nostro cervello: fantastico.
      Sai che io invece sapevo come fosse un Viano, ma non avevo idea si chiamasse così e ultimamente, dopo aver iniziato la rilettura di Perfetto, mi rendo conto che visualizzo dei Viano in continuazione in giro per il mio paese e quello vicino... C'è anche un mio vicino di casa che possiede un Viano xD
      Anch'io ho pensato spesso ad un mondo senza uomini, credo sia quasi un pensiero normale e involontario in una donna, come probabilmente lo è negli uomini, ma al contrario. Ma in effetti Alessia ci fa capire con tanti piccoli particolari che sarebbe un dramma sia una vita senza uomini che senza donne.

      Elimina
  14. Capisco i sentimenti contrastanti in merito all'inizio del libro.
    Quando scrivi una storia ricca di elementi nuovi è necessario "introdurre": i personaggi, i legami, i luoghi, un po' di storia, e la tecnologia, nel caso di Perfetto.
    Da lettrice non amo gli inizi "lenti" fini a se stessi. Non li amo neanche da autrice, e per questo posso dirvi che tutto ciò che avete letto finora (anche i passaggi iniziali in cui sembra non accadere nulla) avranno un significato e uno scopo. Più avanti in Perfetto, in Segreto (il secondo libro della trilogia), e perfino nel volume finale.
    Michelle è stato uno dei capitoli più divertenti da immaginare. Uno degli aspetti più belli dello scrivere con la voce di Lilac è quello di pensare spesso a: Come reagirei se non sapessi cos'è un giradischi? Se non avessi mai visto un dvd, o una vecchia lampada? Mi sono divertita molto a creare un salotto pieno di oggetti comuni per noi, ma proibiti per Lilac.
    Sono contenta che abbiate appressato il mondo di Rose Johnson. La Vecchia ha tante sorprese in palio, promesso.

    Buona continuazione con il GdL; il meglio sta per arrivare ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alessia, come ho scritto in altri capitoli, personalmente credo i primi capitoli di Perfetto siano necessari come introduzione, appunto, e danno modo al lettore di non sentirsi in confusione durante la lettura, fanno comprendere subito e meglio certi atteggiamenti dei personaggi e certe scelte.
      Ale, tu ti sei divertita a scrivere Michelle e noi ne siamo rimasti tutti soddisfatti e completamente incantati, sei riuscita totalmente nel tuo intento di farci mettere nei panni di qualcuno che non aveva mai visto un giradischi o ascoltato musica "maschile".

      Grazie di tutto Ale, non vedo l'ora sia domani per parlare dei nuovi capitoli di Perfetto e per leggere i commenti dei partecipanti *_*

      Elimina
  15. Ogni volta che rileggo questo libro non posso fare a meno di emozionarmi. è impossibile, secondo me, non sentire sulla propria pelle tutte le emozioni che prova Lilac. Per questo i capitoli che più ho preferito sono quelli che mi hanno coinvolta maggiormente sul piano emotivo. Scegliere uno solo dei due che ho in mente mi è troppo difficile quindi li scrivo entrambi :D. Uno è quello in cui Baguette mostra a Lilac la casa di Rose, ricca di tutti quegli oggetti proibiti legati ad un passato ormai perduto. Oggetti che recano con sé ricordi dolorosi ma allo stesso tempo bellissimi. L'altro è proprio l'ultimo della prima tappa, il settimo. L'incontro tra Lilac e i due uomini è qualcosa di incredibile. La reazione della ragazza è credibilissima (se fossi stata al suo posto avrei reagito alla stessa maniera, shock completo). L'apparizione di due appartenenti a quella parte di umanità creduta morta da anni fa crollare tutte le certezze di Lilac riducendo la sua vita, e quella di tutte le donne di Malorai, in una grande bugia.
    Il personaggio che più mi è piaciuto è Baguette, troppo simpatica, e una delle scene che ho preferito di questi primi capitoli vede coinvolta proprio lei. Si tratta di quella in cui lei, dopo essere stata nella casa di Rose con Lilac, si confida con l’amica per strada. È una scena che mi ha toccato molto perché Baguette cerca di farle capire il fascino che gli oggetti proibiti esercitano su di lei. Non si tratta di qualcosa di superficiale ma il suo è un pensiero molto profondo perché tali oggetti hanno un significato molto importante per lei. Rappresentano un’altra vita. La vita che vorrebbe, l’unica che potrebbe renderla felice e veramente libera. Ciò che dice Baguette mi ha fatto molto riflettere sulla società di Perfetto ed è proprio da qui che Lilac inizia a porsi qualche domanda e ad aprire lentamente gli occhi sulla realtà delle cose.
    Sono felice che Alessia Esse abbia scelto di posticipare l’ingresso in scena di Elia (o comunque del ragazzo che aveva in mente). È stato molto avvincente leggere i primi capitoli sulla vita quotidiana di Lilac e venire a conoscenza dell’esistenza di uomini ancora in vita sulla terra solo in un secondo momento e in modo così inaspettato. Così facendo ho potuto capire meglio il mondo in cui Lilac è cresciuta e comprendere più a fondo lo sconcerto che l’ha colta nell'attimo in cui ha scoperto la verità.
    Troppo carino il racconto su come è nata la scelta del Viano!!! XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, tutti e due i capitoli sono molto forti e rimangono nella mente, per esempio, io ho trovato molto più credibile (e forse nelle mie corde) la reazione di Lilac davanti a quegli uomini in carne ed ossa, piuttosto che la reazione di Baguette.
      Hai ragione di nuovo, mi ha emozionato moltissimo lo sfogo di Baguette con Lilac, perché comprendiamo subito meglio il personaggio e capiamo che Baguette non è solo esuberanza, energia e simpatia, ma un personaggio in un certo senso fragile, profondo e molto triste, che si sente completamente fuori posto in quel mondo.

      Elimina

Lasciate un segno del vostro passaggio, sono sempre felice di leggere e rispondervi ♥