venerdì 27 dicembre 2013

Recensione: "Taken" di Erin Bowman

Buongiorno a tutti, qualche giorno di relax prima dei festeggiamenti per l'ultimo dell'anno. Cosa avete organizzato di bello? Farete qualche bella cena e festeggiamenti con gli amici? Io purtroppo quel giorno lavorerò fino alle nove di sera e mi sa che anche in questo caso, come per Natale, a festeggiare saremo solo io e il mio Marchino, anche perché lui il mattino dopo deve svegliarsi presto che parte per andare a trovare i suoi genitori e di certo non possiamo metterci a fare baldoria...
Per il blog io ho avuto una piccola idea che spero piacerà un po' a tutti :)

Veniamo alla recensione di oggi *_*
Questa settimana, nonostante il Natale e tutti gli impegni avete votato in 45 (ma quanto vi addorroooooooooooooo), devo dire che questa settimana le votazioni sono state abbastanza bilanciate... Il vincitore con 16 voti e il 35% di preferenza è stato Taken di Erin Bowman, primo libro della serie omonima, è stato pubblicato in Italia dalla Sperling & Kupfer, il 27 agosto 2013, al prezzo di 16,90 euro per 324 pagine.

Trama:
A Claysoot, una piccola comunità isolata dal resto del mondo da alte mura, tutti i ragazzi scompaiono alla mezzanotte del giorno del loro diciottesimo compleanno. Non appena scocca l’ora fatidica, la terra trema, il vento infuria e del giovane non rimane traccia. Ecco perché, a pochi mesi dal suo compleanno, Gray si prepara ad affrontare il terribile destino che lo attende. Ma, un giorno, trova per caso una misteriosa lettera della madre, morta ormai da molti anni, che lo spinge a reagire. Insieme con Emma, la ragazza di cui è innamorato, decide quindi di fuggire dalla città per scoprire che cosa si nasconde dietro le invalicabili mura di Claysoot. Gray non sa che là fuori lo aspetta un segreto inquietante…

Il mio pensiero:
Appena uscito Taken aveva attirato subito la mia attenzione, la cover e la trama mi intrigavano, ma non sono riuscita a leggerlo subito dopo la sua uscita e così ho iniziato a leggere pareri sempre più negativi e le mie aspettative si sono abbassate decisamente tanto.  Su goodreads il romanzo ha una media appena superiore delle tre stelline e mezzo, mentre per il secondo volume le aspettative sono altissime... e questo mi fa ben sperare che le cose migliorino con l'avanzare della serie; perché il primo libro, Taken, non è piaciuto nemmeno a me, ma il discorso è molto più complicato ed ora proverò a spiegarmi meglio.

Ho iniziato a leggere questo libro con poca curiosità, ma con il bisogno di sapere se anche a me avrebbe smosso sensazioni negative, oppure sarei stata una voce fuori dal coro.
E devo ammettere che la mia esperienza con Taken è stata altalenante e poco equilibrata, al punto da trovarmi in difficoltà a parlarne e addirittura a dargli un voto. Ma credo che il problema non sia mio, credo che sia proprio il libro ad essere altalenante.
Partiamo con un'idea di base interessante e originale, su cui si sarebbe potuto lavorare benissimo e si sarebbe potuto creare un libro ottimo. Il problema è che la Bowman ha usato una narrazione abbastanza superficiale in alcuni punti, per poi riempire le pagine di dettagli e informazioni in altri. Alcune cose non coincidono, altre sono approfondite così poco che durante la lettura arriviamo a dimenticarcene. In questo modo il lettore perde interesse e curiosità, perché la narrazione è confusionaria e dona pochi indizi, e le vicende si susseguono senza però coinvolgere e senza lasciare emozioni.
Nonostante questo, in alcuni punti avevo così tanta curiosità di scoprire cosa sarebbe successo nelle pagine successive che avrei avuto voglia di divorare il libro, e questi sono stati i momenti buoni, che poi venivano disturbati di nuovo dalla poca attenzione ai dettagli e alle emozioni dei personaggi.
Tante cose collidono fra di loro e questo crea disturbo e dubbi nel lettore. Tante cose vengono semplicemente solo accennate e anche in questo caso il lettore perde interesse e arriva al punto di innervosirsi.

Mi ritrovo davvero in difficoltà a parlarvi delle mie sensazioni, perché mettendo da parte tutti questi problemi, in alcuni punti mi sono sentita coinvolta, ma in realtà non sono mai riuscita ad emozionarmi molto. Di emozioni ce ne dovrebbero essere tante nel libro: amore, amicizia, paura, dolore, indecisione, coraggio, intelligenza, novità... e potrei continuare, ma nessuna di queste mi ha sfiorato, anche nei momenti più forti e intimi, sono rimasta abbastanza indifferente.... e di nuovo mi trovo a dire che nonostante questo in alcune scene scoppiava la mia voglia di sapere, gli occhi mi si illuminavano perché speravo che da quel punto in poi il libro sarebbe migliorato e invece venivo delusa di nuovo, con altri dettagli mancanti e altra superficialità.
Il protagonista, Gray è ben caratterizzato, ma tutti gli altri personaggi che ruotano intorno a lui sono trattati con più leggerezza. Alcuni di loro sono veramente interessanti, come ad esempio Bree e Bo, ma riceviamo solo piccoli frammenti del loro carattere e anche quando l'autrice prova a spiegarci il loro passato e alcuni tratti del loro carattere non siamo più interessanti perché lo fa con troppa leggerezza e senza prestare attenzione ai particolari.
La narrazione sembra proseguire a scatti, in alcuni punti non è nemmeno scorrevole, nonostante sia decisamente semplice, forse troppo... alcune scene infatti le avrei viste benissimo in un libro per bambini da quanto erano banali e narrate in modo elementare.

Il punto è che, come dicevo all'inizio, l'idea di base del romanzo è meravigliosa, e quando l'autrice riesce a farci assaporare cosa realmente sarebbe dovuto accadere per tutto il romanzo, lo fa solo in poche pagine e questo lascia un grande amaro in bocca al lettore, perché si ritrova davanti una storia che poteva essere fantastica, vediamo scorci di questa meraviglia, che poi vengono oscurati dalla semplicità estrema e dalla poca attenzione alla narrazione, alle vicende e ai dettagli.
La curiosità di capire se il seguito sia migliore è tanta, proprio perché desidero con tutta me stessa che la storia si incanali sui binari giusti, che prenda il via e appassioni chiunque in modo naturale.
Mi rendo conto che la mia recensione è un un po' caotica, ma credo sia esattamente il riflesso di quello che ho provato leggendo il libro. E' complicato parlarvi dei miei pensieri quando tutta la lettura è stata un'altalena di delusione e curiosità, è difficile quando i sentimenti sono rimasti assopiti per maggior parte del tempo, per poi scoppiare e sentirmi coinvolta solo in brevi istanti. Spero comunque di essere riuscita a trasmettervi quello che ho provato e come ho vissuto il libro.

Ho deciso di riportare nella recensione anche la cover originale, molto simile a quella italiana ma nonostante questo migliore per i colori scelti e le prospettive. L'unica altra cover da farvi vedere è quella tedesca, perché per tutte le altre edizioni è stata mantenuta la cover originale. Mi piace questa cover, anche se la trovo un pochino troppo "thriller", non credo rispecchi a pieno il contesto della storia, ma nonostante questo, credo che i tedeschi si diano sempre un gran daffare per creare cover intriganti e sapete bene quanto sia difficile per me "snobbare" una cover tedesca xD
Classifica, mmm direi, cover originale e poi cover tedesca e italiana a parimerito. Anche in questo caso, non capisco perché in Italia hanno voluto mantenere la cover originali, cambiando però alcune cose, perché devono cambiare, cosa gli costava lasciare tutto come in quella originale????

Il mio voto per questo libro:
Forse con qualche millesimo di voto in meno, sarebbe più adeguato dargli un 3 meno.


Cosa ne pensate ragazzi? Siete soddisfatti della recensione? Vi aspettavate questo pensiero o pensavate in qualcosa di meglio o peggio?
Voi avete letto il libro, oppure siete ancora indecisi se prenderlo o no?
Fatemi sapere tuuuutto quello che provate e non dimenticatevi dei vostri pareri sulle cover :)

23 commenti:

  1. Tesoro ottima recensione! Anche io come te trovo l'idea di base di questo libro davvero ottima! Originale.. poteva essere un libro meraviglioso, ma quello che mi è piaciuto poco sono i personaggi che trovato praticamente trasparenti, poco caratterizzati. Un peccato.. Non credo che leggerò il seguito :/
    Che idea hai avuto per il blog? curiosissima io **

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille :3
      Purtroppo mi è capitato (non troppo spesso) di trovare libri con idee di base originalissime e che poi venivano sviluppate in modo banale e troppo superficiale, un vero e grande peccato. Io per il secondo un pochino di curiosità ce l'ho, vedrò come si esprimeranno i lettori quando uscirà in America.
      L'idea per il blog tu la conoscevi già quando mi hai scritto il commento xD

      Elimina
  2. Bella Recensione! A me non aveva mai ispirato più di tanto quindi non so se lo leggerò in futuro. Di certo adesso ho un pò di letture arretrate quindi darò sicuramente la precedenza ad altro :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Clà, come consiglio spassionato ti dico che ci sono decine di altri libri che meritano i tuoi soldi e l'attenzione più di questo... al massimo puoi aspettare e vedere quando e se uscirà il seguito qui in Italia per vedere come saranno i pareri di chi lo leggerà...

      Elimina
  3. Bella recensione! Sì capisco e perfettamente il rapporto contrastante che hai avuto con questo libro. Io continuo ad esserne incuriosita, ma tutte le recensioni negative che ho letto frenano un tantino gli entusiasmi. Mi sa che a questo punto aspettero' esca il seguito per scoprire se è una saga per cui vale la pena spendere i soldi :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lò, grazie mille ^_^
      Mi è capitato altre volte di avere un rapporto altalenante con un libro, ma mai così tanto... quando le mie letture sono così mi innervosiscono perché poi non so mai precisamente come inquadrarle.
      Ti consiglio anch'io di aspettare il seguito per vedere come andrà e se l'autrice riuscirà ad essere un po' più coinvolgente ed emozionante.

      Elimina
  4. Mi dispiace tu debba lavorare fino a tardi anche l'ultimo dell'anno, però vedrai che passerete lo stesso una bella serata!! ^_^

    Taken all'inizio mi ispirava parecchio, ma non sei la prima a non parlarne poi così bene!! Infatti ho perso abbastanza interesse nei confronti di questo libro...magari gli darò un'ooprtunità prima o poi, ma senza grandi aspettative!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Marika, guarda ormai sono abituata, l'anno scorso mi andò bene, ma quest'anno mi tocca, anche perché ho chiesto il giorno di riposo il primo gennaio perché arriva mia mamma.
      Taken all'inizio ispirava un sacco a tanta gente (anche a me), purtroppo si è rivelata una di quelle storie che colpiscono con trama e cover, ma che a livello di contenuto sono molto scarne.
      Io continuo a sperare che il seguito sia migliore...

      Elimina
  5. Bella recensione :)
    Ho assegnato anch'io 3/5 come voto, però proseguirò con Frozen, sperando che l'autrice gestisca meglio le sue idee.
    L'idea di base era perfetta: appena letta la trama, le mie aspettative sono salite alle stelle. Peccato però che, proprio come te, ho visto sempre più recensioni negative che positive. Ho rimandato la lettura di circa due mesi, perché avevo paura che mi deludesse.
    Devo dire che lo scorrere degli eventi e la narrazione mi sono piaciuti, a differenza dei personaggi, che li ho trovati inesistenti, trasparenti, per niente caratterizzati. Odiarli o affezionarsi a uno di loro è impossibile, perché non esistono!
    Come già detto, spero che con Frozen le cose migliorino! :)
    Buone feste :)
    Francesco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Francesco :)
      Anch'io sono curiosa di leggere il seguito, anche se non ho aspettative molto alte, ovviamente.
      Il punto è questo, l'idea iniziale era grandiosa e si poteva sviluppare in mille modi molto più originali e coinvolgenti. Personaggi che lasciano completamente indifferenti e non è mai una bella cosa quando succede, dato che sono loro che ci devono accompagnare nella storia...
      Un vero peccato.
      Buone feste anche a te caro :)

      Elimina
  6. Ho avuto le stesse sensazioni da te riportate, all'uscita (anzi, ancor prima dell'uscita) sentendo parlare del libro e della sua trama e vedendo la cover ero quasi convinta al 100% nell'acquisto. Poi però la me razionale ha voluto farmi aspettare e leggere prima qualche parere. Conclusione: ancora ora non ho il bel libro tra le mani.
    Ho letto molte recensioni così così :/ quindi per ora lascio stare e passo ad altro!
    Cover: idem. Adoro quella americana e nonostante sia molto somigliante a quella italiana, quella originale rimane più bella :D (sarà ormai che sono piena di pregiudizi riguardo alle cover ahah) mentre quella tedesca a me non piace :/ forse si, troppo "thriller".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io nel momento in cui ricevetti l'anteprima dalla casa editrice ne rimasi folgorata, poi dopo poche pagine di lettura la folgorazione passò, lasciando il posto alla delusione e allo sconcerto.
      Io ti consiglio di aspettare a comprarlo, forse fino a quando non uscirà il seguito per vedere se sarà migliore...

      Elimina
  7. Io invece come al solito faccio la pecora nera XD a me Taken è piaciuto nonostante ammetto che non è provo di diffetti, anzi ma non vedo l'ora di leggere il secondo ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahah Debora, per fortuna che c'è qualcuno che lo ha apprezzato e che aspetta con ansia il secondo. Io sono curiosa, ma ho le aspettative basse, dunque non so come andrà quando lo leggerò (sempre che decideranno di portarlo in Italia -.-)

      Elimina
  8. Inizialmente questo libro mi attirava tantissimo, la trama prometteva davvero bene...poi però sono uscite le recensioni (negative o comunque poco positive come la tua) e il mio entusiasmo ha avuto un brutto colpo. In pratica il libro è uscito dalla mia wishlist. Ma..se davvero il seguito risulterà essere così promettente come hai visto da goodreads allora magari gli un'opportunità quando anche in Italia uscirà il secondo volume :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Valy, quasi in tutti commenti è stato detto che all'inizio attirava tantissimo, è uno di quei romanzi che mi piace chiamare libro-bufala. Nel senso che trama e cover attirano come fossero calamite, poi il contenuto lascia molto a desiderare...
      Ah non so, su goodreads per ora parlano per aspettative perché il libro sembra uscirà nel 2014, io spero sceglieranno di tradurlo anche in Italia, perché sono curiosa di vedere se l'autrice sarà migliorata o no...

      Elimina
  9. Ciao Alessia, trovo che la tua recensione abbia reso benissimo quello che AVRESTI voluto provare secondo me, si vede che un po' ti ha lasciata delusa, dopotutto quando un libro ha una trama così misteriosa ci si aspetta di restare con il fiato sospeso per tutta la durata della lettura... spero che il seguito lo risollevi un po' questo libricino :)

    Io ho avuto lo stesso problema di dare un voto con Alice nel paese della vaporità, è talmente particolare che non capivo se alcune cose mi davano fastidio o mi piacevano perché mi davano fastidio... credo che non sia un libro adatto a tutti (alla fine della fiera, l'ho abbastanza apprezzato), ma trovo che il bello di quel libro è che "osa" in tante cose, soprattutto l'immaginazione... sembra di trovarsi in un incubo incredibile! lo stile inoltre, l'ho trovato molto maturo e mi è piaciuto un sacco, sono curiosa di sapere quale sarà la tua opinione :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Laura, sono contenta che la mia recensione sia riuscita a rispecchiare il mio stato d'animo e la mia delusione... spero anch'io che con il prossimo libro le cose andranno meglio.

      Guarda io dopo "L'età sottile" provo una sorta di adorazione per Francesco Dimitri, credo sia geniale. Alice nel paese delle vaporità in moltissimi mi hanno detto che è incredibilmente strano, ma a me è bastato leggere queste tue due frasi: "ma trovo che il bello di quel libro è che "osa" in tante cose, soprattutto l'immaginazione... sembra di trovarsi in un incubo incredibile!" e "lo stile inoltre, l'ho trovato molto maturo e mi è piaciuto un sacco"

      Lo leggerò, sì e vorrei leggere anche un altro libro di Dimitri: Pan

      Elimina
    2. Pan attira tanto anche me... ma prima leggerò L'età sottile, è già sulla libreria che mi aspetta *_*

      Elimina
    3. Oooooooooh sì, non vedo l'ora di conoscere il tuo parere su "L'età sottile", quando lo avrai finito lascia un commentino da qualche parte sul blog, o nella recensione o in qualsiasi altro post che sono curiosissima di leggere i tuoi pensieri *_*

      Elimina
  10. Sono contenta che abbia "vinto" questa recensione perchè è da moltissimo tempo che ho puntato gli occhi su Taken, per poi ignorarlo in seguito ai numerosi pareri negativi o comunque insoddisfatti!
    Ti sei spiegata benissimo, ora che ho capito cosa non ti ha convinta del romanzo penso di poter decidere se leggerlo (e sperare nel seguito) o se lasciarlo perdere definitivamente!
    Caspiterina, se non fosse per quella bellissima cover non avrei così tanti problemi! A proposito delle cover, nemmeno io capisco perchè la nostra sembra essere passata per lo zoom di una fotocamera! Non poteva restare tale e quale all'originale? Certe cose non so proprio spiegarmele... xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anna, ed anche questa volta sei stata accontentata sulla recensione che volevi leggere xD
      Sono felice di essere riuscita ad esprimere bene i miei pensieri su questo libro e farti capire cosa non mi è piaciuto con le motivazioni, è quello che vorrei per ogni recensione che scrivo.
      Non chiedermi il perchè la cover di sto libro è stata zoomata, proprio come dici tu, non ne capisco il senso e il significato, la domanda è sempre la stessa: PERCHE' LE CE ITALIANE SI OSTINANO A CAMBIARE, ANCHE SE DI POCO, LE COVER ORIGINALI? -.-

      Elimina
    2. Secondo me i nostri "scleri" che riguardano le cover li divertono, e per questo continuano a cambiarle! :P Capisco (ma non condivido) la scelta di cambiare completamente una cover, così da non dover acquistare i diritti e tutto ciò che ne consegue, ma... perchè modificare la cover originale? Bah....
      Uno dei cambiamenti più brutti che io abbia mai visto riguarda la serie Across the Universe di Beth Revis.. Negli Stati Uniti hanno modificato le copertine quando la serie era ancora in corso, così chi ha acquistato i primi due libri si ritrova con un terzo volume che non combacia! Ok.. volendo possono acquistare i primi due con le cover modificate ma.. sono tanto più brutte! D:

      Elimina

Lasciate un segno del vostro passaggio, sono sempre felice di leggere e rispondervi ♥