martedì 10 dicembre 2013

Valy Weekly Review: IL PRINCIPE PERDUTO di Jennifer A. Nielsen

Rubrica di recensioni curata da Valy. E' una rubrica settimanale, ma un po' particolare...
infatti viene postata sempre in giorni diversi, e ad ogni giorno corrisponde un genere letterario diverso.


Buongiorno carissimi! Finalmente adesso posso rilassarmi, esame fatto e crisi pre-esame superata! :D A gennaio avrò una nuova sessioni d’esami quindi vi dico già adesso che è praticamente certo probabile che tra qualche settimana vi ritroverete a fare i conti con quel lato di me che non regge molto bene lo stress. Pardon! Ma torniamo al nostro argomento preferito: i libri. Oggi, essendo MARTEDÌ, la rubrica “Valy Weekly Review” prevede la recensione di un FANTASY e la mia scelta è ricaduta su un libro che ho letto ormai quasi due mesi fa (come vola il tempo!): Il principe perduto di Jennifer A. Nielsen.

Editore: Feltrinelli (collana Feltrinelli Kids)
Prezzo cartaceo: 16,00 €
Pagine: 317

Trama:
Tra false identità, la competizione per il trono (e per la vita), la promessa di risvolti romantici e l’ambientazione fantasy, un romanzo in cui prevalgono l’avventura, l’azione e i dialoghi, con personaggi perfettamente caratterizzati e un ritmo narrativo che trascina il lettore fino all'ultima pagina, senza perdere un colpo. Sage, scaltrissimo orfano di strada, viene reclutato insieme ad altri due ragazzi da Conner, un nobile che vuole formarli a immagine e somiglianza del principe Jaron, rapito dai pirati e presumibilmente morto da tempo. La famiglia reale è stata assassinata e, prima che qualche reggente possa avanzare la pretesa del trono, Conner è deciso a presentarsi a corte con un sosia del principe perduto. Ha solo due settimane per far diventare i tre ragazzi colti, educati e abili con la spada come un principe. Poi ne sceglierà uno. Gli altri due saranno solo scomodi testimoni.

Il mio pensiero:
Foto fatta dal libro di Valy
Ho comprato questo libro praticamente a scatola chiusa pochi giorni dopo la sua uscita, quando in giro sul web ancora non si trovavano recensioni su di esso. Non sapevo proprio cosa avrebbe potuto riservarmi questa lettura e per questo le mie aspettative erano pari a zero. Vi è mai capitato di acquistare un libro, di cui non avevate mai sentito parlare fino a quel momento, solo perché è l’istinto che vi porta a farlo? Beh, a me con Il principe perduto è successo proprio così. In un periodo in cui avevo voglia di tuffarmi tra le pagine di un libro fantasy mi è capitata sott’occhio questa bella copertina e, dopo averne letto la trama, nella mia mente è scattato qualcosa che mi ha spinto ad acquistarlo immediatamente senza pensarci  troppo. Risultato? Il mio istinto ha fatto centro! Non essendo partita prevenuta ho avuto modo di assaporare la storia passo dopo passo e lasciarmi trascinare dagli eventi narrati senza essere stata influenzata precedentemente da possibili preconcetti.
Non aspettatevi di ritrovarvi catapultati in un mondo costellato da draghi, magia, stregoni o altro. No, qui troverete soltanto  terre lontane, re, regine, complotti, lotte per il potere e, per coronare il tutto, tre semplici ragazzi. Orfani senza più niente da perdere tranne che la loro vita, i quali, senza volerlo e non per una loro scelta, si troveranno coinvolti in una fitta rete di inganni. Rete tessuta, a detta di qualcuno, per il bene della patria.
È un libro molto scorrevole che si lascia leggere con estrema facilità. Complice di questo sono sia lo stile semplice dell’autrice, che ha scelto di narrare gli eventi in prima persona dal punto di vista del protagonista Sage, sia la sua abilità di stuzzicare la curiosità del lettore spingendolo a proseguire sempre più nella lettura. Non vi posso negare che ad un certo punto mi ha sfiorato il dubbio che la storia potesse prendere una brutta piega sfociando nel banale o nello scontato, ma pagina dopo pagina,  soprattutto dopo aver superato la metà del libro, la Nielson mi ha piacevolmente sorpresa con numerosi colpi di scena e un risvolto finale decisamente sorprendente curato nei minimi dettagli. Per far questo ritengo che sia stata bravissima nel tenere nascosti fino all’ultimo molti dei particolari fondamentali per poi lasciarli affiorare poco alla volta al momento giusto.
Infine veniamo a Sage. Questo ragazzo mi ha incantata fin da subito: ladro, bugiardo, terribilmente irrispettoso e sprezzante nei confronti di qualsivoglia forma di autorità, capace di esasperare chiunque gli capiti a tiro utilizzando buone dosi di sarcasmo e astuzia. Giusto per darvi un’idea: il libro si apre proprio con lui al mercato mentre cerca di sfuggire all’ira di un macellaio, al quale ha appena rubato un bel pezzo di carne. Inoltre è dotato di un forte senso di giustizia e lealtà, anche verso chi non si comporterebbe in maniera altrettanto corretta con lui. Questo insieme di caratteristiche contrastanti ha dato origine ad un personaggio ben articolato ed estremamente interessante.
Ottimo inizio per una serie che sono molto curiosa di sapere come continuerà.

E come sempre Valy mi incanta con le sue recensioni. Avevo notato l'uscita di questo romanzo, ma non ci avevo dato grande peso, ma ora eccome che gliene dò.
Come sapete sono in un periodo in cui i fantasy mi attirano da impazzire e questo non è diverso. E poi cavolo ha anche la mappa all'inizio del libro... DEVE ESSERE MIO *_*
Alla settimana prossima con una bella recensione di un bel distopico.

10 commenti:

  1. Ho addocchiato questo libro proprio l'altro giorno ed è finito immediatamente nella mia wishlist!
    La tua recensione è fantastica e non vedo l'ora di leggerli!! :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, anche con me è stato amore a prima vista XD. Oddio, non è certamente un capolavoro o il libro dell'anno però io l'ho travato molto carino lo stesso =D e poi Sage è fantastico!

      Elimina
  2. Ahahah, questo è il periodo del fantasy *__*
    Mi piace la tua recensione, penso che lo leggerò in futuro, magari aspetto che escano i seguiti :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì, poi la cosa particolare di questo fantasy è che non c'è niente di magico. Sia chiaro, adoro quel lato in una storia, ma qui la mancanza di questo elemento non è qualcosa di negativo. Mi sembrava quasi di leggere una storia ambientata nel medioevo XD

      Elimina
  3. Questo libro l'avevo già visto diverse volte in libreria ma non mi aveva colpito particolarmente, però la tua recensione mi ha fatto cambiare idea, sembra promettente!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. =D Spero che piacerà anche a te allora :D

      Elimina
  4. questo libro non mi aveva colpito molto ma grazie alla tua bella recensione ho cambiato idea... lo aggiungo subito alla WL! :)

    RispondiElimina
  5. Io non ne avevo sentito parlare!! però la recensione mi ha convinto!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, non se ne parla molto sui blog italiani. Ho fatto un giro su quelli americani e lì questa serie spopola. Se non ricordo male dovrebbero essere già usciti tutti e tre in patria :)

      Elimina

Lasciate un segno del vostro passaggio, sono sempre felice di leggere e rispondervi ♥