giovedì 31 gennaio 2013

Recensione: "Il bacio della sirena" di Pasquale Capraro

Non pensavo di riuscire a scrivere questa recensione oggi e invece sono riuscita a riordinare le idee ed eccomi qui a parlarvi della mia ultima lettura conclusa.

"Il bacio della sirena" è un libro dell'italianissimo Pasquale Capraro, pubblicato da Edizioni Cinquemarzo, nel novembre 2011, al prezzo di 12,00 euro.

Trama:
La trama è quasi cinematografica e, comunque, invita il lettore ad un coinvolgimento "visivo" della trama, come pennellate che piano piano vengono fissate su tela: protagonista è Danilo, un appassionato della macchina fotografica che inaugura una mostra con i propri scatti. Una ragazza sconosciuta si sofferma su ogni immagine chiedendo spiegazioni, sensazioni ed emozioni; Danilo si lascia trasportare dai ricordi e racconta la propria storia, fotogramma per fotogramma, senza chiedersi il perchè di tanto interesse. Parla di Simona, il suo sogno d'amore e del suo struggente ricordo... fino a quando la sconosciuta non si rivela come personaggio chiave di questo giallo sentimentale che ammalia ed emoziona accompagnando il lettore a visitare quelle foto che sembrano scattate dal destino.



Il mio pensiero:
Prima di tutto vorrei chiedere scusa all'autore, che mi ha gentilmente inviato il suo libro e che ha aspettato davvero tantissimo tempo prima di poter leggere la mia recensione; purtroppo sono stata investita da altre pubblicazioni e dai miei desideri e così mi sono fatta trascinare e non ho più pensato a questo "libricino" che era incastonato fra una marea di altri libri. Sono una persona che quando si prende un impegno ci tiene a rispettarlo, ecco perché ora mi sento davvero un vermiciattolo ed ecco anche il motivo per questa piccola parentesi alla recensione. Spero solo che l'autore avrà ancora voglia di leggere il mio pensiero sul suo libro.

Veniamo a "Il bacio della sirena", sono rimasta attrata fin da subito dalla trama così particolare, una storia raccontata tramite fotografie, un amore fulmineo, strano, doloroso... Un amore raccontato grazie alle fotografie del protagonista, Danilo, che grazie ad un viaggio a Venezia conosce la bella e sfuggente Simona; si conoscono e si capiscono, sembrano sulla stessa lunghezza d'onda, iniziano a frequentarsi, fino a quando per Danilo questa relazione diventa come aria; ma Simona e altilenante, misteriosa e spesso triste e purtroppo non racconta tutta la verità a Danilo... E così il loro rapporto si incrina, fino ad arrivare al finale del libro.

Raccontata così la storia di questo libro sembra semplice, una di quelle lette e rilette; ma solo per il fatto che questo amore viene raccontato grazie a delle fotografie e viene raccontato ad una sconosciuta, rende il tutto molto più originale e interessante.
Lo stile di Capraro è scorrevole, si legge senza intoppi e senza noia, ogni capitolo racconta una fotografia e ogni fotografia racconta una parte importante della storia d'amore di Danilo e Simona e così il lettore è come se passeggiasse per questa galleria d'arte ed ascoltasse con le proprie orecchie il racconto di Danilo.
E' un libro corto, appena 126 pagine, ma in queste pagine sono contenuti una marea di sentimenti, il carattere dei personaggi e le loro sensazioni sono amplificati all'ennesima potenza, l'autore si è dedicato a questo e lo ha fatto in maniera intrigante e mai ripetitiva.
Ci tengo a dire che questo libro sembra quasi una lunga poesia, il lessico è molto ampio e curato, la capacità che ha avuto l'autore, di spiegare e raccontare le svariate sensazioni che crea l'amore, è notevole e non lascia di certo il lettore indifferente.
Purtroppo - già c'è un purtroppo - non mi sono emozionata come avrei voluto, ci ho provato e riprovato - lo ammetto - ho riletto alcuni passaggi, non perché non mi fossero chiari, ma semplicemente perché non capivo il motivo per cui non riuscivo ad emozionarmi e tuttora non sono in grado di spiegarvi questa cosa. Posso fare supposizioni, pensare che forse la storia non mi apparteneva, forse non l'ho letto nel momento giusto, forse non gli ho dedicato abbastanza attenzione; non lo so, fatto sta che sono arrivata alla fine delusa, non dall'autore e dalla storia, ma dalla mia incapacità di comprendere fino in fondo e tra le righe questa storia, perché l'unica spiegazione che mi so dare per il mio poco coinvolgimento è questa.
Voglio precisare che è stata una bella lettura e una bella scoperta (non conoscevo l'autore) e sono già molto curiosa di leggere il suo nuovo libro, Il tessitore di stelle, uscito a dicembre del 2012, e spero riuscirò a leggerlo presto, perché sono certa che questo autore riserverà a noi lettori piacevoli sorprese, proprio grazie alla sua capacità di narrazione e di raccontare le sensazioni.

La gufo giuria ha espresso il suo voto:

Spero di poter leggere qualche vostro commento, sapete che ci tengo in modo particolare alle recensioni che parlano di libri di autori italiani, perché spero sempre che una recensione dia modo di farsi conoscere un po' di più all'autore in questione. Non credo di essere una critica letteraria o che il mio blog influenzi così tanto il parere dei lettori, ma spero sempre che una piccolissima parte di lettori italiani passi di qui e magari trovi interessante i miei pensieri.

Chi ben comincia... #20

Dopo le premiazioni della prima tappa del contest a tema di San Valentino organizzato da me e Giuls, eccoci con la rubrica di oggi.
Siamo alla ventesima puntata di "Chi ben comincia..."??? Waaaaaa, ma che bello, sono troppo felice. La rubrica continua e va alla grande, per fortuna riesco ad attirare la vostra attenzione ed è bellissimo scoprire l'incipit dei libri insieme a voi, commentarli e ritrovarsi super curiosi di conoscere il resto della storia.

Le poche regole della rubrica:
- Prendete un libro qualsiasi contenuto nella vostra libreria
- Copiate le prime righe del libro (possono essere 10, 15, 20 righe)
- Aspettate i commenti
Oggi ho deciso di lasciarvi l'incipit di un libro famosissimo e amatissimo, è il secondo volume di una trilogia, dunque spero di non fare spoiler per nessuno. Questa è una trilogia che devo ancora completare, ma della quale possiedo già tutti e tre i libri; so che molti di voi mi diranno: "datti una mossa, cosa aspetti a leggerli, sono bellissimi ecc ecc", e so benissimo che avete ragione, ma abbiate pazienza, arrivo anch'io con i miei tempi xD
 Hunger Games - La ragazza di fuoco
di 
Suzanne Collins

Stringo il thermos tra le mani, anche se il calore del tè si è ormai dissolto nell'aria gelida. I miei muscoli sono contratti per combattere il freddo. Se in questo momento comparisse una muta di cani selvatici, le probabilità di riuscire ad arrampicarmi su un albero non sarebbero a mio favore. Dovrei alzarmi, muovermi, massaggiarmi le membra irrigidite. E invece rimango seduta, immobile come il masso che sta sotto di me, mentre l'alba comincia a rischiarare i boschi. Non posso lottare contro il sole. Posso solo osservarlo con un senso di impotenza mentre mi trascina in una giornata che temevo da mesi.
A mezzogiorno saranno tutti nella mia nuova casa, al Villaggio dei Vincitori. I giornalisti, le troupe televisive, persino Effie Trinket, la mia vecchia accompagnatrice, arriveranno da Capitol City al Distretto 12. Mi chiedo se Effie porterà ancora quella stupida parrucca rosa o se, per il Tour della Vittoria, sfoggerà qualche nuovo, strano colore. 

Quanta curiosità mi mettono queste prime righe *_*
Avendo letto il primo libro ovviamente il desiderio di sapere come continua la storia c'è e ci sarà finché non prenderò in mano "La ragazza di fuoco" e lo leggerò fino alla fine. Voi amanti di questa trilogia, cosa provate a rileggere l'incipit di questo romanzo? E chi non lo ha ancora letto cosa ne pensa? Vi ispira?

Un Cuore da Sfogliare: Premiazione 1° tappa

Buongiorno, se ricordate bene la 1° tappa del contest "Un Cuore da Sfogliare" si è conclusa proprio ieri.
Avete partecipato in tanti e io e Giuls siamo contentissime, ogni vostra citazione era bellissima e sapete che se fosse per me premierei ognuno di voi. Ma io e Giuls abbiamo deciso di estrarre il vincitore con il sito random.org


Come sapete i vincitori di questa tappa sono due.
Mariki93
Monica
Complimenti ragazze, avete vinto un pacchetto di 6 ebook.
Vi scriverò un'email in cui vi manderò i file e in cui potrete dirmi se possedete già
uno degli ebook in palio, dopo di che potrete sceglierne altri da una lista alternativa.
(ecco l'immagine presa dal sito)


Un piccolo avviso, per chi non vedesse il proprio nome nella lista qui sopra, è semplicemente perché due partecipanti non hanno rispettato TUTTE le regole del contest ed ovviamente sono state squalificate, avevo avvisato che le cose sarebbero andate così, mi dispiace molto, ma le regole qui sono uguali per tutti.

Ed infine un'ultima cosa....
Vorrei ricordare a tutti voi, che chi parteciperà a tutte le tappe di questo contest, avrà la possibilità nel finale di essere estratto nuovamente a random per ulteriori premi a tema libresco. Sul blog di Giuls, la seconda tappa è ancora in corso e avete ancora tempo per partecipare. Non so voi, ma io mi precipiterei ad iscrivermi, perchè vi assicuro che i premi sono molto carini e inoltre sono regali effettivi miei e di Giuls :)

Grazie a tutti voi per la partecipazione e per il sostegno e speriamo che questo contest continuerà ad interessarvi e piacervi.
Un bacione da Ale e Giuls :)

mercoledì 30 gennaio 2013

WWW...Wednesdays #32

Ben ritrovati amici miei, vorrei iniziare questo post ringraziando ognuno di voi, ultimamente vedo sempre più commenti e persone interessate ed ovviamente tutto ciò mi sprona a fare sempre meglio e sempre di più. Grazie mille!

Dopo i ringraziamenti - se fosse per me li farei in ogni post del blog xD - è arrivato il momento di dedicarci alla rubrica fissa del mercoledì, fra poco vi presenterò le mie letture appena terminate, quelle in corso e quelle che prevedo di fare....

Le regole della rubrica:
- What are you currently reading? (Cosa stai leggendo?)
- What did you recently finish reading? (Cos'hai appena finito di leggere?)
- What do you think you'll read next? (Cosa pensi leggerai in seguito?)
 
Cosa stai leggendo?
 "Il bacio della morte" di Marta Palazzesi, l'ho iniziato ieri sera prima di mettermi a dormire, non ho letto molto a causa di un fortissimo mal di testa, ma non credo sia un libro che mi prenderà molto tempo, dunque sicuramente nella settimana leggerete la mia recensione :)

Cos'hai appena finito di leggere?
Ho letto i libri proprio nell'ordine in cui li vedete.
"Petali di Sangue" ebook inviatomi direttamente dall'autrice Emma K. Clarke, un buon urban fantasy, con un buon ritmo, ma con qualche piccolo disturbo, se vi interessa potete leggere la mia recensione.
"Cuorenero" di Elisa Puricelli Guerra, un libro per ragazzi che ha scavato un solco dentro di me e che mi ha fatto innamorare con un colpo di fulmine poi confermato durante la lettura, la mia recensione.
Ed infine ho letto in poche ore il libro "Il bacio della sirena" inviatomi direttamente dal gentilissimo autore Pasquale Capraro, sicuramente domani o giovedì vi lascerò i miei pensieri su questo romanzo di poche pagine, ma con tantissimi sentimenti al suo interno.

Cosa pensi leggerai in seguito?
 Mi credete se vi dico che questa volta scegliere è stato molto molto difficile? Ultimamente sono usciti moltissimi libri che vorrei leggere istantaneamente, e ne ho altrettanti di meno nuovi che mi aspettano, ma per questa volta le mie prossime letture saranno "Odyssea" di Amabile Giusti, ho sentito parlare benissimo di quest'autrice e la trama di questo suo nuovo libri mi attrae come la calamita attrae il ferro. "Io prima di te" di Jojo Moyes, praticamente tutti - o quasi - quelli che lo hanno letto
 me ne hanno parlato bene, un libro che emoziona tantissimo e così mi sono fatta trasportare e non vedo l'ora di iniziarlo.


Finish :)
I vostri commentini alimentano il mio blog, ma soprattutto alimentano il mio cuore, dunque spero di trovarne tantissimi e poi ormai tutti voi sapete quanto la mia voglia di curiosare fra le vostre letture, sia spropositata xD

martedì 29 gennaio 2013

Recensione: "Cuorenero" di Elisa Puricelli Guerra

Buongiorno lettori accaniti, state bene? Ormai gennaio è alle battute finale e febbraio sta arrivando... Mi piacerebbe farvi una domanda, in realtà sono due e spero risponderete nei commenti :)

Cosa salvereste di questo primo mese del nuovo anno?
Cosa invece buttereste volentieri nella spazzatura?

Ad una prima occhiata forse queste due domande potrebbero non c'entrare niente con questo post, ma a parte la mia curiosità, ad una di queste domande io rispondo che sicuramente di questo gennaio 2013 salverei la lettura del romanzo che sto per recensirvi, infatti dopo svariate recensioni semplici, vi avviso che questa sarà forse molto caotica da parte mia, perché è un libro che mi ha emozionato tantissimo e ha smosso molto dentro di me.

Cuorenero è un libro per ragazzi - sulla copertina c'è scritto dai 10 anni - dell'autrice italianissima Elisa Puricelli Guerra, è stato pubblicato da Piemme nella collana Battello a Vapore, il 15 marzo 2011, al prezzo di 17,50 euro.

Trama:
La famosa scrittrice per ragazzi Cornelia Wyndham è scomparsa lasciando incompleto l'ultimo volume della serie che ha come protagonista Narcissus Spark, il tenebroso cantante rock idolo di migliaia di ragazzi. Sua nipote Viola comincia a indagare quando, per una strana coincidenza, si ritrova sulla porta di casa niente meno che il bal diciassettenne appena uscito dalle pagine del libro della zia... Con l'aiuto di un'eccentrica bibliotecaria e un pomposo investigatore francese, i due ragazzi iniziano un viaggio avventuroso per le strade di Londra, inseguiti a ogni passo da uno spietato nemico deciso a trovare Cornelia prima di loro. Tutti gli indizi li portano all'oscuro cimitero di Highgate, fino a un angelo di pietra sul cui polso è incisa la scritta Cuorenero. Solo scoprendo il segreto di questa parola, Viola potrà riannodare le fila della storia e, forse, conquistare il cuore dell'inafferrabile Narcissus.


Il mio pensiero:
Come posso iniziare? Come avrete capito da quello scritto poco fa, questo libro mi è piaciuto da morire. Sicuramente rimarrà uno dei migliori libri del 2013. E' un romanzo per ragazzi a partire dai 10 anni, ma credo sia adattissimo a qualunque pubblico, dal bambino in cerca di una storia da batticuore, all'adolescente che ama ancora cullarsi fra amori "impossibili", dalla mamma nella sua pausa di relax dalla quotidianità dei suoi figli, all'uomo in carriera che durante il tragitto in treno per tornare a casa si prenderà una pausa da questo mondo che va a tremila.
Insomma, tutti possono e dovrebbero leggere "Cuorenero".

Questo romanzo ha risvegliato quella parte bambina e adolescenziale che sonnecchia dentro di me. Mi ha fatto sentire in balia di emozioni pure e semplici, proprio come quelle che si provano fino ad una certa età, prima che il mondo che ci circonda intacchi il nostro pensiero e le nostre azioni.
"Cuorenero" è un romanzo semplice, con un lessico appropriato per la fascia di età per cui è consigliato, è ricco di descrizioni sia delle ambientazioni che dei personaggi, ma anche dei sentimenti.
L'autrice è riuscita a creare una storia assolutamente originale, in cui il mondo reale viene a contatto con la fantasia dei libri, quei libri che tanto ci coccolano e ci sostengono nelle nostre giornate, in questo libro la lettrice incontra il suo personaggio preferito, quello che le ha rubato il cuore.
E chi di noi non sogna una cosa del genere? Forse è per questo che mi sono subito affezionata a Viola, adolescente con poca voglia di crescere e tanta voglia di buttarsi nel suo mondo fatto di libri e storie inventate; oppure a Narcissus il ben tenebroso protagonista del libro, che magicamente si materializza di fianco a Viola, che arriva in un mondo simile al suo, ma diverso, un mondo in cui tutti lo conoscono e conoscono tutto di lui, ma lui non conosce nessuno; oppure la simpatica e strampalata bibliotecaria Gertrude, amante dei libri e dello stile vittoriano, e grande conoscitrice dei segreti contenuti in ogni libro.
Gli elementi per fare di "Cuorenero" un grande romanzo per ragazzi ci sono tutti, ma non è solo un romanzo per ragazzi. "Cuorenero" è un libro magico, un libro in grado di far sentire il proprio lettore importante e compreso, un libro in cui noi "topi di biblioteca" potremo ritrovarci completamente, saremo rapiti dalla storia narrata a tal punto che vorremmo avere la possibilità di vedere uscire dal libro Viola e tutti gli altri protagonisti.

Avrei voluto prendermi un bel té in compagnia di Viola e di Gertrude, sfogliando un libro e commentandolo insieme, avrei voluto potermi scambiare messaggi segreti tramite i libri con i personaggi e avere amicizie profonde nate proprio grazie alla lettura e portate avanti negli anni.
Elisa Puricelli Guerra riesce a infondere in questo romanzo quel pizzico di mistero e "magia" quanto basta ad intrigare il lettore e tenerlo incollato alle pagine; riesce a trasmettere emozioni forti e pure attraverso la sua scrittura così fluida, corretta e particolareggiata; riesce a catturare il lettore e a farlo sentire parte della storia.
Leggendo "Cuorenero" è come se mi fossi sentita di nuovo fra le braccia dolci e prottettrici della mamma;  come se fossi stata accoccolata fra le coperte del mio letto con il mio papà che mi racconta una dolce storia prima di darmi la buonanotte con un bacio sulla fronte; come se fossi stata sdraiata in un giardino fiorito insieme alla mia migliore amica ad ammirare le stelle e annusare i profumi, semplicemente tenendoci per mano e trasmettendoci tutta la nostra amicizia tramite quel semplice tocco....
Le emozioni sono state tantissime e non credo di trovare altre parole per esprimermi, voglio concludere semplicemente consigliando a tutti voi questo libro; a chi a voglia di tornare un po' bambino; a chi non ha paura delle emozioni pure e semplici nonostante l'età adulta; a chi ama lasciarsi trasportare da storie magiche che sono in grado di rimanere nel cuore per un tempo indeterminato.

Prima di passare ai miei commenti sulla parte grafica vorrei parlare del finale, che è completamente aperto, che lascia immaginare miliardi di modi in cui poter continuare la storia di Viola e Narcissus, e così spero e prego che l'autrice avrà la voglia necessaria per continuare a scrivere questa vicenda, perché merita una conclusione meravigliosa, come il suo inizio e tutto il resto del romanzo.

Essendo un libro italiano non avevo metri di paragone con copertine straniere, e così ho deciso di fotografare tutta la parte grafica del libro, perché la trovo magica come il contenuto. Tutto in "Cuorenero" è curato nei minimi dettagli, la cover è magnifica in tutta la sua completezza, l'inizio di ogni capitolo è splendido e la parte interna della copertina è ancora più bella. 

La gufo giuria ha espresso il suo voto:
Tocca ai vostri pensieri e sensazioni. Forse alcuni di voi avranno già letto questo libro perché non è recente, ma forse molti di voi avranno accantonato l'idea pensando fosse un libro per "mocciosi" :)
Ora che avete letto i miei pensieri cambierà qualcosa, oppure no? Aspetto con tanta curiosità i vostri commenti.
***
Questa recensione partecipa alla Hogwart Reading Challenge
sarà l'ultima recensione per questa challenge, in quanto alla fine di gennaio si concluderà e mi mancherà da morire :(

lunedì 28 gennaio 2013

Un cuore da sfogliare: 2° tappa

Buonaseraaaaaaa, arrivo un po' in ritardo in confronto alla mia amica Giuls, ma anch'io sono qui per ricordarvi che il contest "Un cuore da sfogliare", organizzato insieme al blog Paper Dreams Below Fingers continua a gonfie vele.



La seconda tappa del nostro contest è iniziato proprio stamattina sul blog di Giuls. Cosa fate ancora qui, correte sul suo blog e date un'occhiata in cosa consiste questa seconda tappa, sono certa la vostra partecipazione sarà alta ed entusiasta.


Vi ricordo che qui sul mio blog ci rileggeremo fra 3 giorni per le premiazioni.
E ci tengo a ricordarvi un'altra cosa decisamente importante, chi deciderà di partecipare a tutte le tappe di questo contest, nel finale avrà l'occasione di essere estratto dalla sorte per vincere premi molto molto succulenti.

In bocca al lupo a chi parteciperà e a presto! 
Qui sotto vi lascio il calendario creato da Giuls per ricordarvi tutti gli appuntamenti :)

Un mondo di parole #10

Ciao a tutti e buon inizio settimana.
Per me è come il continuo della settimana appena passata, dopo un weekend a dire poco devastante, spero di riuscire a rilassarmi un po' di più in quest'ultima settimana di gennaio.....
Per fortuna il sole ha accompagnato gli ultimi giorni, anche se io non ne ho potuto godere perché sono sta praticamente sempre a lavorare, speriamo continui così....
Siamo arrivati alla decima puntata della mia rubrica dedicata alla citazioni, dopo mesi di stallo ho deciso di usare "Un mondo di parole" per allietare i lunedì di tutti noi.
Questo lunedì ho deciso di lasciarvi qualche citazione da uno dei libri della mia amata Cassandra Clare. "Città delle anime perdute", quinto volume della saga "Shadowhunters", se volete potete leggere la mia recensione fatta a novembre.  Per quanto sono affezionata a questa serie, avrei voluto trascrivere praticamente tutto il libro, infatti le citazioni che ho raccolto sono così tante che oggi ve ne metterò solo alcune, se poi siete interessati potrei fare un'altra puntata con le restanti citazioni :)


Perché accade sovente, con ciò che viene perso e ritrovato, che lo si scopra diverso da come lo si era lasciato.
Per te morirei. E lo sai. Ma uccidere un'altra persona, un innocente? E se fossero molte vite innocenti? O magari il mondo intero? E' davvero amore dire a qualcuno che, se dovessi scegliere tra lui e qualsiasi altra vita sul pianeta, sceglieresti lui?
L'amore non è morale o immorale. E' amore e basta. [...] Ma i gesti che compiamo in nome dell'amore, quelli sì, sono morali o immorali.
Ciò che sei troppo giovane per capire è che tutti nascondiamo qualcosa. Lo nascondiamo a chi amiamo perché vogliamo mostrare soltanto il meglio di noi, ma anche perché, se si tratta di vero amore, ci aspettiamo semplicemente di essere capiti senza bisogno di chiederlo. In un rapporto sincero, di quelli che durano nel tempo, esiste una tacita comunione.

Spero di avervi fatto emozionare, per chi segue la serie, so quasi per certo che vi saranno venuti gli occhi lucidi, mentre per chi non si è ancora soffermato ad osservare i libri di Cassandra Clare, spero vi verrà un pizzico di voglia di leggerli. Io mi emoziono ogni volta che leggo i suoi libri e lo stesso succede con queste citazioni che vi ho trascritto.

domenica 27 gennaio 2013

Wandering Blogs #3

Buondì e buona domenica :)
Qui stanotte ha fatto freddissimo e vorrei poter rimanere tutto il giorno sotto le coperte (sono una pigrona, lo so xD), ma purtroppo anche oggi sarò a lavorare praticamente tutto il giorno, avrei bisogno di un po' di ferie, ma fino all'inizio di aprile me le scordo :(

Terza puntata di Wandering Blogs, rubrica che ho ideato per aggiornarvi sulla settimana appena trascorsa, su quello che è successo qui sul blog e su quello che è successo sui blog amici, questa settimana non ho avuto molto tempo per vagabondare nei blog amici, ma "qualche" link interessante riesco comunque a darvelo xD

Questa settimana su "Il profumo dei libri":
  • Questa settimana è iniziato il contest "Un cuore da sfogliare" organizzato da me e Giuls, post d'introduzione1° tappa del contest con tante possibilità di vincere premi a tema libresco.
  • Rubriche: Il lunedì si inizia con "Un mondo di parole", in cui vi ho lasciato qualche citazione da "Little Gods" di Anna Richards.  WWW... Wednesdays ci tiene compagnia, come sempre, al mercoledì ed è un aggiornamento sulle mie letture. "Chi ben comincia..." al giovedì, vi ho presentato l'incipit dell'interessante e intrigante "Odyssea" di Amabile Giusti. "Shopping Books" al sabato, è una rubrica che serve per aggiornarvi sui libri arrivati sui miei scaffali nell'ultima settimana.
  • Recensioni: "La discendente di Tiepole" di Alessandra Paoloni, che come rating ha meritato 4 gufetti, un libro che mi è piaciuto davvero tanto. "Petali di Sangue" di Emma K. Clarke, ha meritato 3 gufetti, un libro d'esordio interessante che spero avrà un seguito ancora migliore.
  • Nessun anteprima questa settimana, ma vi ho presentato una nuova collana per la Newton Compton, "Live" che ci darà la possibilità di comprare libri cartacei a meno di 1 euro; una notizia che ha illuminato molti di voi.

Questa settimana sui miei blog amici:

  • Ho conosciuto due nuovi blog questa settimana, Reading at five o'clock di Giovanna e School of movies di Irene. Due blog molto interessanti che consiglio a tutti di visitare.
  • Veronica e il suo blog "On the Read" hanno raggiunto i 100 follower e volevo congratularmi con lei. Inoltre ci allieta con una bellissima recensione di "The Raven Boys" di Maggie Stiefvater, inedito in Italia per cui Veronica ha creato una petizione. Se andate sul post trovate anche il link per votare.
  • Bellissima recensione dello splendido "Divergent" di Veronica Roth da parte di Janeisa sul suo blog "Reading at five o'clock".
  • Fra del blog "I love books" ci aggiorna su tantissime uscite avvenute in questi giorni, molti libri quasi imperdibili.
  • Morna recensisce "Hunger Games" di Suzanne Collins, considerandolo una pietra miliare del genere distopico, ovviamente questo avviene sul suo blog "Forgotten Pages".
  • Jerry del blog "Libri in pantofole" ci lascia le sue emozioni e impressioni su "L'isola dell'amore proibito" di Tracey Garvis Graves, un libro che devo assolutamente leggere anch'io.
  • Clody, sul suo blog "La locanda dei libri" ci presenta la terza puntata della sua fantasiosa rubrica "Il tè dei matti" e ci presenta delle immagini meravigliose che fanno sognare.
  • Monica sul suo blog "Books Land" ci parla di "Delirium" di Lauren Oliver, aspettavo la sua recensione da tanto ed ora la mia voglia di leggere il libro è aumentata, se possibile, ancora di più.
  • Olivia e il suo blog "Appoggiato sul comodino" raggiungono i 100 follower. Tantissimi complimenti a lei, svolge un "lavoro" splendido, facendo trapelare la sua passione libresca e non solo.
  • Mik sul suo blog "Mr. Ink: Diario di una dipendenza", torna con la sua rubrica di segnalibri, mi era mancata. Sono tutti molto belli e li crea lui, complimenti.
  • Matteo di "Storie dentro Storie" ci emoziona di nuovo con la sua bellissima rubrica "Dedicated to..."
  • Federica ha indetto una challenge molto interessante per questo 2013 sul suo blog "La Fede Librovora". Mi sono iscritta proprio ieri e la challenge si chiama "Io leggo Italiano".
E le notizie non mancano mai, i miei amici blogger sono sempre molto laboriosi e appassionati, spero passerete su ogni link che vi ho lasciato perché posso assicurarvi che tutto il materiale è molto interessante....
Ed ovviamente, se vi è sfuggito qualcosa da "Il profumo dei libri", potrete trovare tutti i link qui sopra.
Un bacione a tutti voi.

PS: Ancora niente banner... Chiedo scusa, ma la mia amica che li crea gentilmente per il blog, è molto impegnata e con la linea che va e viene :(

sabato 26 gennaio 2013

Recensione: "Petali di Sangue" di Emma K. Clarke

Sono di nuovo con voi, voglio cercare di fare tutto prima di andare a lavorare e soprattutto voglio riuscire a parlarvi il prima possibile della mia ultima lettura, perché poi rischio di perdere nei meandri del mio cervello, i concetti che voglio esprimere.

Petali di Sangue è autopubblicato dall'autrice Emma K. Clarke, è il suo libro d'esordio ed è disponibile sia in ebook che in formato cartaceo.
Per acquistarlo:


Trama:
L’armonia del mondo si conserva negli anni grazie al delicato equilibrio che si è generato tra immortali, umani, creature sovrannaturali e magiche. Questa pacifica convivenza giungerà al termine quando alcuni immortali verranno assassinati nella dimora del loro sovrano Henry Carter, vampiro dal XVII secolo. A indagare su quanto accaduto sarà Giosy Mc Grey, “Amministratrice nazionale degli affari pubblici tra umani e creature immortali magiche”, capo del Distretto di Polizia della città e ultima discendente della più antica stirpe di streghe della nazione.







Il mio pensiero:
Voglio partire subito ringraziando l'autrice che è stata gentilissima ad inviarmi il suo romanzo.
Per me è sempre un piacere leggere libri di autori emergenti e dargli la possibilità di farsi conoscere un po' di più.
La seconda cosa che vorrei dire è che ho avuto qualche bel problema nella lettura dell'ebook, l'impaginazione era tutta sfalsata, mi capitava spessissimo di trovare frasi interrote, per poi ritrovare il seguito delle stesse frasi dopo 4 o 5 righe; mi sono confrontata con altri blogger che avevano letto "Petali di sangue", ma loro non hanno avuto questo tipo di problema, è ovvio che la sfiga sia stata la mia, ho portato a termine comunque il romanzo, nonostate questo problema e nonostante il nervosismo che mi è preso dopo un po', ma non è colpa né mia né dell'autrice... Probabilmente è la mia poca esperienza con il Kindle, oppure ho beccato un file un po' così io... Insomma, ci tenevo a dirlo perché comunque fa parte della mia esperienza di lettura.
Passando oltre a questo problema, la lettura è stata molto piacevole, scorrevole, semplice ma mai banale.
Lo stile dell'autrice è semplice, ma nonostante questo il libro gode di una narrazione piena di particolari e di accenni storici che incuriosiscono il lettore e lo fanno arrivare alla fine sempre con più ansia di sapere tutto di tutti.
I personaggi sono ben caratterizzati, soprattutto Carter e Giosy (i due protagonisti), e abbiamo la possibilità di conoscerli così bene proprio grazie alla narrazione divisa fra i loro due punti di vista, in modo che riusciamo sempre a comprendere i pensieri di uno e dell'altro.
Anche le ambientazioni sono ben descritte, ho apprezzato soprattutto i salti nel tempo che l'autrice racconta attraverso gli occhi dei due protagonisti, i particolari non mancano mai, ma non appesantiscono nemmeno la lettura. L'equilibrio è mantenuto per tutta la durata della lettura e la noia non sfiora mai chi sta leggendo.
La piccola pecca che ho trovato e che mi ha infastidito un po', sono i nomignoli che vengono usati dall'autrice: streghetta, lupetto, vampiretto ecc ecc.
Sono nomignoli che appaiono per grandissima parte del libro e non darebbero fastidio, se non fossero usati anche in momenti complicati, dove non c'entrano proprio niente a mio parere. Per esempio, Carter chiama Giosy "la mia piccola dolce streghetta" anche in momenti in cui si potrebbe benissimo evitare, dove magari i personaggi sono alle prese con situazioni di estrema ansia e nervosismo. Questo è l'unico punto a sfavore che ho trovato, perchè per il resto il libro mi è piaciuto molto.
E' un urban fantasy, dunque abbiamo la presenza di vampiri e lupi mannari, che ormai sono come pane quotidiano per chi leggere questo genere; ma abbiamo anche streghe e stregoni (sapete la mia passione per queste due figure), e l'insieme di queste figure non risultano mai come una cosa trita e ritrita, anzi l'autrice è riuscita a creare una storia originale, piena di colpi di scena e di pathos; la figura della strega è analizzata molto bene, facendo comprendere al lettore i problemi che la "stregoneria" ha vissuto nel passato, ma anche rendendola unica e importante nel presente del suo libro. Abbiamo questo bilanciamento fra mondo immortale e mondo umano, con regole da rispettare e ambasciatori che controllano quello che succede nel mondo sovrannaturale e cercano di mantenere i rapporti buoni fra tutte queste creature.
Prima di concludere vi vorrei dire un'altra cosa che non mi è piaciuta moltissimo ed è il personaggio di Carter, troppo spesso l'ho trovato "fragile" e sdolcinato, non amo molto i vampiri in questo modo; capisco che l'amore possa rendere buono e debole chiunque, ma per Carter c'è quasi un'esagerazione, mentre Giosy mantiene quasi sempre il controllo e risulta come una donna forte e coraggiosa, Carter è sempre troppo preoccupato e influenzabile dalla sua "dama".

A parte questi piccolissimi problemi, il romanzo è godibile, leggero, pieno di spunti originali e sicuramente con una storia che attira e incuriosisce. L'autrice è riuscita a creare un mondo "nuovo", con idee inedite e personaggi ben strutturati. Spero ci sarà un seguito di questo libro e spero che l'autrice avrà modo di essere notata da qualche casa editrice per poter far conoscere sempre meglio le sue opere.
Concludo augurano in bocca al lupo a Emma K. Clarke e sperando continui con la sua passione, perché di potenziale ce n'è tantissimo e le idee che ha sono fresche e originali.
Essendo un libro-ebook italiano, ho deciso di spulciare la pagina facebook dedicata al libro per trovare qualche immagine con cui accompagnare la recensione ed ho trovato la foto del libro cartaceo in cui possiamo vedere la copertina completa del libro.

La gufo giuria ha espresso il suo voto:

Ed adesso come sapete mi piacerebbe sapere cosa ne pensate di questo libro, avete intenzione di comprarlo? Vi asscicuro che sarebbero soldi spesi bene, oltretutto anche il cartaceo non costa molto, se avessi saputo che c'era il cartaceo avrei volentieri letto quello al posto dell'ebook :)
***
Questa recensione partecia alla Hogwart Reading Challenge

Shopping Books #32

Salve gufetti (potrei chiamarvi così d'ora in avanti xD), come state? E' iniziato bene il vostro weekend? Io per mia fortuna ieri ho avuto un giorno di riposo dal lavoro e sono riuscita effettivamente a riposare.
Oggi sarò a lavorare tutto il giorno, ecco perché prima di uscire di casa dovevo assolutamente parlarvi dei nuovi arrivi sui miei scaffali di questa settimana.

 Eccoli qui, dunque. "La ragazza dai capelli di fiamma" l'ho avuto grazie ad uno scambio su Anobii. Mentre "Alice in Zombieland" è una versione esclusivamente per la stampa e i blogger, infatti come tutti sapete purtroppo il libro uscirà solo in ebook (speriamo si ricredano). Con "Odyssea" inauguro una nuova collaborazione con "Baldini Castoldi Dalai Editore", e "Il bacio della morte" insieme a "L'amico immaginario" sono i primi libri che ricevo grazie alla mia collaborazione con "Giunti Y". Ringrazio tutti di cuore ovviamente per la possibilità che mi viene data di leggere questi libri.


Titolo: Alice in Zombieland
Autore: Gena Showalter
Serie: The White Rabbit Chronicles #1
Editore: Harlequin Mondadori
Data di uscita: 23 gennaio 2013
Prezzo: 6,99 € (Formato Ebook)

Trama:
Non avrò pace finché non avrò rispedito nella tomba tutti i morti che camminano. Per sempre. Se qualcuno mi avesse detto che la mia vita sarebbe cambiata in un momento, sarei scoppiata a ridere. E invece è proprio quello che è accaduto. Un attimo, un secondo, il tempo di un respiro, e tutto ciò che amavo è sparito. Mi chiamo Alice Bell, e la notte del mio sedicesimo compleanno ho perso la madre che adoravo, la mia sorellina e il padre che non ho mai capito finché non è stato troppo tardi. Quella notte ho scoperto che lui aveva ragione: i mostri esistono veramente. Gli zombie mi hanno portato via tutto. E adesso non mi resta che la vendetta...
Per realizzare i suoi propositi, Alice dovrà imparare a combattere contro i non-morti e fidarsi del peg- giore dei cattivi ragazzi della scuola, Cole Holland. Ma lui nasconde dei segreti. E quei segreti potrebbero rivelarsi persino più pericolosi degli zombie.

Titolo: La ragazza dai capelli di fiamma
Autore: Carolina De Robertis
Editore: Garzanti
Data di uscita: 6 settembre 2012
Prezzo: 16,40 €
Pagine: 275

Trama:
Buenos Aires, 2001. Perla Correa è sempre riuscita  a ingannare tutti quelli che la circondano. Ogni mattina si sveglia e lucida la sua superficie di studentessa modello, bella ragazza radiosa, irreprensibile figlia di buona famiglia. Sua madre è avvolta di bellezza e foulard importanti e suo padre è un uomo forte e fiero nella sua uniforme militare perfettamente stirata. Perla è sempre stata considerata molto fortunata ad averli come genitori. Eppure questa è solo una maschera che la ragazza indossa per nascondere il dubbio che le si agira dentro, e sul quale invano tenta di chiudere gli occhi. Un dubbio che si nutre di mezze frasi delle compagne di classe, sguardi impauriti dei vicini, libri di storia sui desaparecidos che suo padre le ha tassitavamente proibito di leggere. Ma una notte, mentre è sola in casa, un uomo entra nel suo salotto. Sembra solo, disperato e affamato. E' lì per raccontarle una storia. Una storia che narra di due ragazzi giovani che si amavano, di pesanti stivali neri che sfondano la porta di casa, di un carcere senza scampo e di un ultimo volo sul Rìo de la Plata. E che incendia la vita perfetta di Perla riducendola in fumo. Inizia così un viaggio che la costringe a confrontarsi con la vera sé stessa e con la storia più dolorosa del suo paese. Dove solo il fuoco del coraggio che ha sempre nascosto sotto una falsa tranquillità l'aiuterà a nascere una seconda volta dalle sue ceneri.

Titolo: L'amico immaginario
Autore: Matthew Dicks
Editore: Giunti A
Data di uscita: 19 settembre 2012
Prezzo: 12,00 €
Pagine: 383

Trama:
Per Max vivere è una faccenda piuttosto complicata: va in tilt se deve scegliere tra due colori, non sopporta il minimo cambio di programma, detesta essere toccato, persino da sua madre che vorrebbe abbracciarlo molto di più. Del resto ha nove anni ed è un bambino autistico. Per fortuna c'è Budo, il suo invisibile e meraviglioso amico immaginario che non lo abbandona mai e da molto vicino ci racconta la sua storia.
Finché un giorno accade qualcosa di terribile: Budo vede Max uscire nel cortile della scuola e sparire nell'auto della signora Patterson, la maestra di sostegno. Lo chiama, gli intima di fermarsi, lo rincorre, ma è tutto inutile. L'auto sfreccia via e per la prima volta Budo è solo. Da quel momento, di Max non si hanno più notizie. E quando a scuola arriva la polizia per interrogare gli insegnanti, Budo è l'unico a sapere con certezza che la signora Patterson non sta dicendo la verità. Ma nessuno al mondo può sentire le sue parole, nessuno, tranne il suo amico scomparso... Dov'è finito Max? Che cosa può fare Budo per risolvere un mistero più grande di lui e riaverlo con sé?

Titolo: Il bacio della morte
Autore: Marta Palazzesi
Serie: La casa dei demoni #1
Editore: Giunti Y
Data di uscita: 16 gennaio 2013
Prezzo: 12,00 €
Pagine: 383

Trama:
Quando hai diciotto anni, vivi nelle remote foreste della Romania e il tuo unico obiettivo è dare la caccia alle spietate creature che popolano il Mondo Sotterraneo, non puoi permetterti distrazioni. E questo Thea lo sa molto bene. Abile mezzo demone dotato del potere dei sogni, è una ragazza ribelle e irriverente. Ma quando riceve il pugnale con cui cacciare gli Azura, è più che determinata a impegnarsi fino in fondo negli allenamenti che la renderanno ufficialmente una Cacciatrice, mettendo da parte tutto il resto. Però non sempre le cose vanno come previsto e Thea si ritrova costretta non solo a combattere contro un nemico infido e crudele, ma anche a resistere al costante impulso di azzuffarsi col padre, dal quale ha ereditato i poteri da Incubo. Ma soprattutto deve cercare di contenere l'attrazione per il nuovo compagno di caccia, un affascinante mezzo Succubo dal passato oscuro. Inaspettate rivelazioni e inquietanti avvenimenti sconvolgeranno pericolosamente la vita di Thea, divisa tra il desiderio di seguire chi ama e compiere il proprio dovere.

Titolo: Odyssea
Autore: Amabile Giusti
Editore: Baldini Castoldi Dalai Editore
Data di uscita: 22 gennaio 2013
Prezzo: 15,90 €
Pagine: 361

Trama:
Se potesse, Odyssea sedici anni e nessuna bellezza, chiederebbe molte cose a sua madre. Ad esempio perché da anni sono costrette a vivere come fuggiasche, senza una meta, una casa stabile e, soprattutto, senza un padre. Finché una tiepida notte d'estate, attraversando un varco incantato nascosto nel bosco, sua madre la riporta a Wizzieville, dove è nata, e lei scopre di appartenere a una cerchia di persone speciali, dotate di rari poteri.
Incredula, Odyssea si immergerà in un mondo intriso di magia, dove ogni esperienza - per lei che è sempre vissuta lontano da tutti e da tutti - ha il sapore della prima volta, ma si accorgerà presto, suo malgrado, che dietro la facciata idilliaca e fatata di Wizzieville brulica il Male. Un nemico sanguinario - lo stesso che ha ucciso suo padre dodici anni prima - perseguita la sua famiglia da generazioni ed è tornato sotto mentite spoglie per attuare il suo crudele disegno.
Mentre la paura di non essere in grado di gestire i propri poteri arriverà a farle rimpiangere la vita fuori di lì - senza amicizie, né legami, né radici - e a temere per l'incolumità di chi ama, terribili, inconffesabili incubi la assaliranno come artigli di un doloroso passato.
Come se non bastasse, l'amore la coglie di sorpresa. Il misterioso e impavido Jacko, un giovanotto di poche parole che, a differenza di tutti gli altri, la tratta senza solennità e cerimonie, entra nella sua vita e devasta il suo cuore inesperto. Ma come mai tutti lo temono e lo disapprovano? Può fidarsi di lui?
Minacciata da un'oscura condanna, Odyssea dovrà crescere e trovare in sé la forza di difendersi. Non può concedersi errori. Il nemico è in agguato. Potrebbe essere ovunque, potrebbe essere chiunque.


Cosa ne pensate gufetti? Vi piacciono i libri che sono giunti fra le mie mani? Io sinceramente li adoro tutti e decidere quale leggere per primo sarà molto molto difficile. Voi, conoscete già qualcuno di questi romanzi? Quale di questi vi ispira di più?

venerdì 25 gennaio 2013

Nasce la collana "Live" in casa Newton Compton

Buongiorno carissimi, oggi voglio iniziare la giornata e l'intero weekend con una bellissima notizia per tutti noi accaniti lettori.

Credo che tutti voi conosciate la casa editrice Newton Compton e sicuramente vi sarete accorti che spesso offre libri a prezzi davvero convenienti... Beh la Newton questa volta si supera e fa nascere Live, una nuova collana.


Il 7 marzo infatti, Live farà la sua comparsa in tutte le librerie e ci offrirà libri di 130 pagine ad un prezzo minuscolo, APRITE BENE GLI OCCHI... 0,99 centesimi, meno di un euro.... A me sembra davvero incredibile ed un'occasione da non perdere, soprattutto per chi vuole possedere certi libri ma non ha la possibilità di comprarli a prezzo pieno in altre versioni.
Con Live potremo comprare grandi classici della letteratura mondiale, ma anche romanzi contemporanei di autori stranieri di grande successo o ancora, romanzi inediti di autori bestseller italiani. E vi ricordo che i libri saranno tutti in formato cartaceo, non parliamo di ebook, ma di inchiostro e carta da sfogliare.

Vi lascio la lista dei primi dodici titoli che verranno pubblicati con Live:
"L'arte di essere felici" - Seneca
"Il sogno" - Sigmund Freud
"Il grande Gatsby" - F. Scott Fitzgerald
"Le notti bianche" - Fedor Dostoevskij
"Lady Susan" - Jane Austen
"Amleto" - William Shakespeare
"Il ballo" - Irène Némirovsky
"L'arte della guerra" - Sun Tzu
***
"Il diario del vampiro, Il risveglio" - L.J. Smith
***
"I sotterranei della Cattedrale" - Marcello Simoni
"L'assedio di Roma" - Andrea Frediani


Ecco qua, sapete già quali di questi titoli comprerete cogliendo l'occasione del super prezzo a meno di un euro? Io sono molto tentata di prendere "Lady Susan" e "Il ballo", ma sono molto curiosa di vedere come sarà la veste grafica, sicuramente saranno in brossura....

giovedì 24 gennaio 2013

Chi ben comincia... #19

Dopo aver pubblicato e resi noti i dettagli della prima tappa del contest "Un cuore da sfogliare", organizzato con Giuls, ora è il momento della mia cara rubrica in cui vi presento l'incipit di un libro scelto a caso :)
Prima di iniziare vorrei festeggiare con voi una nuova adozione di "Chi ben comincia..." da parte della piccola e dolce Chiara nel suo blog "Il blog di Chiara", che inizia incuriosendoci con l'incipit di "Touched". Ringrazio Chiara per aver avuto il desiderio di iniziare questa rubrica che continua a fare il giro dei blogger *_*

Le poche regole della rubrica:
- Prendete un libro qualsiasi contenuto nella vostra libreria
- Copiate le prime righe del libro (possono essere 10, 15, 20 righe)
- Aspettate i commenti
 
 
Ieri è arrivato fra le mie mani un libro che desideravo moltissimo e così, presa dalla frenesia, ho deciso di postare proprio il suo incipit. Con una cover da sballo e una trama super intrigante, questo romanzo ha subito attirato la mia attenzione. Leggerò queste prime righe proprio insieme a voi e speriamo ci incuriosiscano come cover e trama.

Odyssea
di
Amabile Giusti

Odyssea si svegliò di soprassalto, spalancando gli occhi.
La prima cosa che vide furono macchie di umidità sul soffitto.
La seconda, la lampadina storta che pendeva come una coda.
La terza, il ragno che le ciondolava sopra la faccia.
La quarta, la finestra aperta.
Si sollevò reggendosi sui gomiti e prendendo fiato, col viso molle di sudore e le lenzuola  attorcigliate intorno alle gambe. Aggrottò la fronte e, per una frazione di secondo, ebbe il dubbio di stare ancora dormendo.
Le macchie grigie erano al loro posto, la lampadina non si era mossa di un millimetro, perfino la passeggiata del ragno era la solita, ma tutto il resto non le era per niente familiare. Il letto non doveva essere lì, non sotto la finestra, e la finestra non doveva essere aperta. Invece le imposte erano spalancate, e la tenda, uno scampolo di stoffa traforata come una rete da pesca, stava arrotolata dietro la cinghia che tirava su la tapparella.
Scendendo dal letto notò un altro insolito particolare. Il tappeto di rafia, così ruvido da graffiarle tutte le volte i talloni, era sparito. I suoi piedi nudi avvertirono solo il tepore del pavimento di finto legno.
Sicuramente è un incipit molto descrittivo che ci inizia allo stile dell'autrice. Forse non ci comunica molto attraverso queste poche righe, ma a dirvi la verità o la grandissima curiosità di scoprire come mai la camera di Odyssea non le sia familiare, perché ci sono oggetti fuori post e alcuni mancanti? E sinceramente un po' di inquietudine si è insinuata dentro me, leggendo tutti questi particolari, sembra che Odyssea sia tranquilla, ma forse non lo è...
Ok, anche questo è uno di quei libri che vorrei iniziare a divorare fin da subito, ma devo dare la precedenza ad altri (ho un mio stile nel scegliere le letture xD).
Voi cosa ne pensate? Vi ispira questo incipit? So che molti di voi erano intrigati da cover e trama, proprio come me, voglio sapere se la vostra curiosità continua anche dopo queste righe :)

Un Cuore da Sfogliare: 1° tappa

Buongiorno a tutti. Anche oggi sono su di giri, emozionata ed eccitatissima.
Non è di certo il primo concorso che organizzo qui sul blog, ma questo è speciale perché in collaborazione con la grandissima Giuls del blog Paper Dreams Below Fingers.
Se avete dei dubbi o delle incertezze, QUI trovate il post di introduzione a questo contest e avrete chiare un paio di cose in più.
Oggi ci dedichiamo alla prima tappa, che avverrà qui sul mio blog.

Cosa dovete fare in questa tappa?
Dovrete scovare una citazione d'amore (può venire da libri o film) e dovrete associarla ad una coppia scelta da voi.
Mi spiego meglio: se scegliete una citazione da "Romeo e Giulietta" non è detto che dovrete associarla per forza a questa coppia, ma a quella a cui secondo voi si addice di più, potrà essere una coppia famosa, o magari una coppia di amici, i vostri genitori ecc ecc.
L'importante è che spiegate il motivo della vostra scelta.

Quali sono le regole per partecipare:
  • Condividete il banner sui vostri blog, oppure il post sui vostri social network.
  • Dovete essere follower di entrambi i blog.
  • Commentate il post con lo stesso nickname con cui vi siete iscritti sul blog.
  • Lasciate la vostra email (se non volete renderla pubblica potete scrivermi ad: ale1285@gmail.com)
  • Seguite tutte queste regole, altrimenti la vostra partecipazione verrà annullata.

Cosa si vince?
I vincitori di questa tappa saranno sorteggiati a random. I vincitori saranno due ed ognuno di loro avrà la possibilità di vincere un pacchetto composto da 6 ebook. Ovviamente nel caso in cui abbiate già un ebook della lista potrete sceglierne un'altro da una lista alternativa.

Importante: Non è obbligatorio partecipare a tutte le tappe del contest (vi ricordo che saranno 3), ma se lo farete avrete la possibilità di essere sorteggiati nella finale per vincere un bel premio libresco messo in palio da me e Giuls. Solo chi parteciperà a tutte e tre le tappe avrà questa possibilità.

LA PRIMA TAPPA SI CONCLUDERA' IL 30 GENNAIO
Il giorno dopo io e Giuls estrarremo i due vincitori.

Durante la durata di questa tappa, avrete una sorpresina; infatti ogni giorno pubblicherò in questo post il titolo degli ebook contenuti nei pacchetti che due di voi potranno vincere.

Penso proprio di avervi comunicato tutto, ricordate che per qualsiasi problema potete scrivermi un email (ale1285@gmail.com) sarò ben contenta di rispondere ai vostri dubbi.

Ed ora in bocca al lupo a tutti voi, scovate delle belle citazioni e provate a fare le associazioni più fantasiose e appassionate, io e Giuls non vediamo l'ora di leggere i vostri commenti *_*

mercoledì 23 gennaio 2013

Recensione: "La discendente di Tiepole" di Alessandra Paoloni

Ed eccomi qui come promesso a raccontarvi la mia ultima lettura, ad esprimervi le mie emozioni e sensazioni, sperando di smuovere in voi la curiosità necessaria per arrivare a fine recensione e decidere di comprare il libro.

La discendente di Tiepole, romanzo di Alessandra Paoloni, è stato pubblicato dalla Butterfly Edizioni a fine novembre del 2012, al prezzo di 16,00 euro.

Trama:
Un paese fantasma dimenticato dalle carte geografiche, circondato da montagne, abitato da una popolazione inospitale. E' il ritratto di Tiepole, paese d'origine di Emma, ed è lì che la ragazza è costretta a tornare in occasione del funerale di suo nonno. Il suo soggiorno, però, vi trasforma in un incubo quando Emma legge la lettera che sua nonna aveva scritto per lei prima di morire e che il nonno non le aveva mai consegnato. Essa le svelerà un mondo di tenebra colmo di stregoneria e maledizioni, di faide tra famiglie e di lotte per il potere. Emma non sa ancora nulla, ma tutti i Tiepolesi sanno chi è lei, poiché la stavano aspettando.
Lei è l'erede della Strega.
Lei è la Discendente.
Lei  deve morire.
Il mio pensiero:
Grazie alla stessa autrice ed alla casa editrice ho avuto la possibilità di leggere "La discendente di Tiepole", un romanzo che mi ha subito incuriosito per la trama, per la presenza della figura di una strega (soggetti che mi attirano sempre moltissimo nei libri) e la copertina ha completato il mio desiderio di leggere questo libro.
Ci tengo subito a precisare che la storia è fantastica, l'ho trovata quasi perfetta. La narrazione ha sempre un buon ritmo, mai troppo lento causando la noia del lettore, e mai troppo veloce creando al lettore solo caos.
Chi legge ha la possibilità di seguire gli accadimenti in modo molto vivo e particolareggiato, ma questa ricchezza di particolari non appesantisce mai la lettura, creando così un equilibrio perfetto.
Ci sono scene che ti colgono di sorpresa e ti passano davanti agli occhi veloci, lasciandoti spiazzato, ma questo solo perché gli avvenimenti lo richiedono. Non si può raccontare di un rapimento con flemma e tranquillità, come del resto non si può raccontare una scena d'amore e dolce con un ritmo serrato.
La Paoloni è riuscita a creare questo equilibrio praticamente perfetto che mi ha fatto innamorare quasi subito del suo stile e dell'intera storia.
Lo stile della Paoloni è molto fluido e scorrevole, leggendo il libro non si trovano intoppi o punti poco chiari. Ha caratterizzato molto bene i personaggi, dato ovviamente più importanza a quelli principali, ma lasciando molti spunti anche per quelli secondari. Ha reso ogni ambientazione come un quadro dipinto, dando al lettore tutti gli elementi che capire al meglio in che posto si trovasse in quel momento.
E qui vorrei dire due parole in più sulle ambientazioni.
Tiepole è un paesino arroccato sulle montagne, fra distese di campi incolti e pareti rocciose che sembrano insormontabili. Un tipico paesino piccolo, con le sue stradine anguste e dissestate, le case attaccate una all'altra e una piazzetta che contiene tutta la vita del paese. L'atmosfera che si respira a Tiepole è di mistero, inquietudine e oscure presenze. Come in ogni piccolo paesino che si rispetti, tutti sanno tutto di tutti, ma i segreti più pericolosi sono custoditi con paura da tutti quanti, creando così un'atmosfera ancora più particolare e sinistra. 
Ho amato fin da subito l'ambientazione che l'autrice ha voluto dare al suo romanzo, dapprima ne sono rimasta leggermente intimorita chiedendomi cosa nascodesse questo posto, ma poi piano piano (come la protagonista Emma) ho iniziato ad apprezzarlo e rimanerne stregata. Le atmosfere oscure e misteriose mi hanno sempre affascinato, e questa lo è per eccellenza.
La caratterizzazione dei personaggi mi è piaciuta moltissimo, soprattutto il modo in cui scopriamo, mentre leggiamo, il carattere e le intezioni di Marta Vasselli, la strega che ha maledetto metà del paese e che è poi stata ammazzata dagli stessi suoi compaesani.
Un altro personaggio che mi è piaciuto molto è Empiréa, un personaggio di sfondo, una dei ragazzi maledetti, ma capace di una dolcezza e timidezza che mi hanno sciolto il cuore.
E potrei stare qui ad elencarveli fino alla fine, ma vorrei affrontare l'unico problema che ho riscontrato leggendo "La discendente di Tiepole".
Ho trovato molti cliché nella storia fra i due personaggi Emma e Christian. Lei, ragazza di città, che si trasferisce improvvisamente nel paesino che odia. Una ragazza nella media, senza una particolare bellezza, un po' imbranata e bisognosa di essere protetta. Christian, il ragazzo di paese, maledetto; il super bello e affascinante della situazione, quello pericoloso che però attira il desiderio delle ragazze.
I due si innamorano, ma sanno che Emma corre sempre il rischio che Christian perda il controllo e le faccia del male; e così il loro diventa un amore "proibito", quell'amore eccitante perché "sbagliato". 
Christian che prima vorrebbe uccidere Emma, ma che poi si accorge di amarla e non riuscirsci e così passa a volerla proteggere in modo quasi asfissiante...
E per finire, il migliore amico di Christian (amico anche di Emma), si innamora di lei ma mette a tacere il suo amore soffrendo in silenzio.
Ecco qua, vi ricorda qualcosa? A me sì e molto. E purtroppo questa piccola storia nella storia mi ha fatto storcere il naso più di una volta e ha fatto perdere di originalità un romanzo che secondo me ne era pieno.
L'ambientazione, l'idea che una strega abbia maledetto dei ragazzi, i personaggi stessi, era tutto molto originale, peccato per questa storia d'amore trita e ritrita.

Nonostante questa unica pecca ho apprezzato moltissimo il romanzo, ne sono rimasta affascinata e ho bevuto avidamente ogni parola stampata. Questo libro è stato un balsamo per la mia mente e il mio cuore, perché mi sono affezionata moltissimo agli avvicendamenti fra i personaggi, mi sono legata al paese e ho apprezzato sempre di più la narrazione.
Ho letto con concentrazione e interesse, interesse che per tutto il libro non è mai calato, perché i piccoli difetti che ho riscontrato sono passati completamente in secondo piano grazie alla trama intrigante e alla narrazione così scorrevole.

Il finale mi ha lasciato letteralmente boccheggiante, io che ho letto tutto il romanzo con la speranza di scoprire come andava a finire il tutto, sono rimasta molto sorpresa di scoprire che il romanzo è completamente aperto. Vengono date delle risposte, ma solo in minima parte e così ora sono qui che fremo per conoscere il seguito e sapere cosa succederà a Tiepole e ai suoi personaggi.
Infine voglio consigliare "La discendente di Tiepole" a tutte quelle persone che vogliono appassionarsi ad una bella storia, raccontata in modo originale. Questo libro merita di essere letto da più persone possibili.

Concludo comunicandovi che spero di poter fare una bella chiacchierata virtuale con l'autrice e riportare qui a voi le nostre chiacchiere :)

La gufo giuria ha espresso il suo voto:
E vorrei precisare che un altro mezzo gufetto 
ci starebbe alla grande.
Ora sta a voi farmi sapere cosa ne pensate. So che alcuni di voi hanno già letto questo romanzo e mi piacerebbe scoprire cosa vi ha trasmesso e vi ha lasciato. E per chi invece non conosceva "La discendente di Tiepole", vorrei sapere come vi sembra, vi ho convinto a comprarlo con la mia recensione?

***
Questa recensione partecipa alla Hogwart Reading Challenge

WWW...Wednesdays #31

Buondì miei cari amici, come state? Finalmente da me si sta sciogliendo tutta la neve e per fortuna la situazione strade e marciapiedi sta tornando alla normalità, per fortuna, perché ogni volta che si usciva a fare una passeggiata si rischiava di rompersi l'osso del collo -.-
Come sapete sono giorni che sono su di giri e sicuramente lo sarò anche nei prossimi, nonostante la mia salute faccia un po' cilecca, io vado avanti come un treno e non mi fermo, sono troppo felice *_*

Ma, suvvia non perdiamoci in chiacchiere e andiamo avanti con la rubrica, sono pronta ad aggiornarvi sulle mie letture.
Le regole della rubrica:
- What are you currently reading? (Cosa stai leggendo?)
- What did you recently finish reading? (Cos'hai appena finito di leggere?)
- What do you think you'll read next? (Cosa pensi leggerai in seguito?)
Cosa stai leggendo:
Ho iniziato questa mattina sul mio Kindle, il libro "Petali di Sangue" di Emma K. Clarke. L'ho appena iniziato e non posso esprimere nessun parere, sicuramente sono molto curiosa di continuare la lettura e di far leggere la mia recensione all'autrice che mi ha gentilmente inviato l'ebook.
Cos'hai appena finito di leggere?
Questa settimana ho ripreso il mio ritmo (che sta diventando abituale) di tre libri.
"Little Gods" di Anna Richards mi ha preso tanto tempo ed è stata una lettura con momenti di noia, ma con una storia profonda e molto potente (la mia recensione). "Il destino della sirena" di Tera Lynn Childs mi ha appassionato, ma l'ho trovato un po' sottotono in confronto al primo volume della trilogia (la mia recensione). Ieri sera ho finito il bellissimo "La discendente di Tiepole" di Alessandra Paoloni, in questi giorni farò la recensione e poi spero potrò parlarne direttamente con l'autrice.

Cosa pensi leggerai in seguito?
La settimana prossima vorrei buttarmi in due letture che sono certa mi faranno tornare un po' ragazza, ma che mi terranno una buonissima compagnia, creando un'atmosfera magica.
"Cuorenero" di Elisa Puricelli Guerra e "La bambina dai capelli di luce e vento" di Laura Bonalumi.


Ho concluso e sono proprio curiosa di sapere cosa ne pensate delle mie letture, avete già letto alcuni di questi libri?
Voi invece... Aspetto i vostri aggiornamenti *_*