giovedì 30 gennaio 2014

Paint your Books #4

Rubrica mensile a cura di Michy.
Presenterà la recensione di un libro associandolo ad un colore e ci parlerà in breve delle sue letture mensili.


Buondì carissimi accaniti lettori! Sono gioiosa di presentarvi la quarta puntata della mia rubrica, ci sono molto affezionata ormai e spero che anche per voi continui/inizi ad essere un piacere trovarmi qui! Gennaio è stato un mese lungo e infatti ho parecchio da raccontarvi.
Ma procediamo con ordine.
Non sono ancora sicurissima di quel che sto per fare perché non sarà semplice recensire il libro che ho scelto. Io ho ben chiaro in testa quel che penso, ma..bo.. ...insomma ce la metterò tutta per esprimermi al meglio.

Ho deciso di dedicare Paint Your Books #4 a Peccato Originale: L'innocenza, Il gioco, Il padrone di Tiffany Reisz.

Trama: Nora Sutherlin, famosa scrittrice di romanzi erotici, è una donna bellissima e un'esperta dominatrice. Gli uomini restano soggiogati dal suo fascino e dalla sua potente sensualità, ma lei è rimasta troppo scottata dalla storia d'amore con Soren, l'uomo più importante della sua vita, e non si sente ancora pronta ad abbandonarsi di nuovo ai sentimenti. Zachary Easton, il seducente editor che si occupa di rileggere il suo ultimo romanzo, e Wesley, un giovane studente con cui Nora divide l'appartamento, riescono però ad aprire una breccia nel suo cuore... Ma insieme alle emozioni tornano alla luce torbidi e pericolosi segreti sepolti da molto tempo.

Recensione: Questo bel mattoncino (si tratta di tre libri messi insieme, per un totale di più di 900 pagine) mi è stato regalato a Natale da un'amica, che non si è nemmeno accorta che fosse un romanzo erotico-sensuale. Sulle prime sono rimasta un po' così nel ricordo sfocato delle clamorose sfumature di grigiorossogialloverdeblu, poi però ho letto pensieri positivi e a quel punto la curiosità è aumentata, anche se comunque ancora non sapevo bene cosa aspettarmi (!!!).
Tutto inizia in modo piuttosto pacato, i personaggi, gli ambienti e le situazioni vengono presentati con semplicità e simpatia. Con questo atteggiamento la Reisz cattura l'attenzione e placa "la paura" che tutto sconfini nel volgare. Poi, dopo qualche capitolo la storia parte in quarta. La protagonista, Nora, ci fa subito capire di che pasta è fatta: schietta, sincera, dura.. e ovviamente bellissima e seducente - così come lo sono tutti i personaggi: lei è la donna che non deve chiedere mai, anzi chiede e ottiene tutto ciò che vuole, prima o poi. Eppure lei sta cercando di tornare ad una vita normale dopo anni e anni di sottomissione consensuale con Soren, l'uomo più potente e affascinante del mondo sommerso (così come viene chiamato nel libro l'insieme di circoli ricreativi e club privati dove si praticano tecniche sadomaso, kinky, ecc. senza limiti... ma consensuali!). E' un uomo misterioso, soprattutto nel primo libro della trilogia, che ricopre nella società un ruolo che fa a cazzotti con la sua seconda vita (ma grazie a questo suo immenso potere, ci persuade ad abbuonargli tutto); può sconcertare forse nella sua natura di Dominatore spietato che incute un timore reverenziale solo con la sua presenza, però offre una spiegazione per tutto, svelandoci il suo passato difficile, dimostrando con le parole e con i fatti che l'Amore è Amore, in qualunque forma sia vissuto e consumato.
Filo conduttore di tutta la trilogia è una sorta di gioco delle coppie, in cui la donna è sempre la fortunata Nora, mentre il ruolo maschile è più variabile (ahahah!). In questo continuo via vai, conosciamo uomini interessanti, frizzanti e simpatici, che si fanno volere bene e che diventeranno poi, ognuno a modo proprio, un punto fermo nella vita di Nora.

L'autrice ci apre le porte del luogo di perversione per eccellenza, ma ha il grande pregio di mostrare ciò che
sta all'origine di queste pratiche, dove dolore e piacere sono sulla stessa lunghezza d'onda, il dominatore non è il cattivo e il sottomesso non è la vittima indifesa. Non è facile entrare in quest'ottica ma non si può certo dire che non sia vera: c'è davvero una colpa se vengono soddisfatti dei desideri? Qualsiasi essi siano? Il sottomesso trae piacere da una sua libera scelta. Il fatto poi che questo gioco di ruolo non si limiti alle pratiche sessuali è un altro paio di maniche, ma la domanda mi sorge spontanea: è davvero così sbagliato e brutto appartenere totalmente anima e corpo alla persona che amiamo e che mi ama incondizionatamente? Chi siamo noi - o almeno io, i dolci e teneri addetti al sesso vanilla (termine adorabile, non trovate?), per screditare e condannare quel tipo di vita?
Con i tasti più scottanti della tastiera, vi confesso che, a mio avviso, le scene di sesso non sono squallide e sono diligentemente diluite fra tutte quelle pagine; non mi hanno infastidita, non mi hanno fatto alzare gli occhi al cielo per la noia e la ripetitività, non ho letto nulla di scioccante o maleducato. Certo non mancano pepe e peperoncino, ma sono ben dosati e ci stanno bene.

Ne L'innocenza mi è piaciuto un sacco Zach e l'inserimento di spezzoni del libro che sta scrivendo Nora, il continuo battibeccare nel loro rapporto cane-gatto.
Ne Il gioco ho adorato la storia d'amore inaspettata, così romantica nonostante tutto quel dolore fisico. Ne Il padrone ho apprezzato l'alternanza passato-presente-diversi pov, grazie alla quale la storia è notevolmente approfondita.

La cover non è granché, però meglio le piume delle manette XD.
Ciò che lascia molto a desiderare è il finale. Dopo aver letto quasi 1000 pagine ci si ritrova persi nel nulla, la fine non è la fine ma sembra quasi l'inizio con pochissimi segreti svelati. Il mistero più importante rimane un mistero. Tutto ciò perché (l'ho scoperto dopo aver finito il libro, leggermente innervosita, grr!!) Peccato Originale non è una trilogia, bensì una.. umm.. bè consta di 5 libri, di cui il quarto appena uscito in Italia (è inutile dirvi che deve essere mio al più presto!).

Il colore del libro: Per dare un tocco di colore a Peccato Originale ho pensato di prendere una polverina brillante, colorata di.....lussuria! Credo sia il centro focale di tutto il romanzo e per me questo peccato ha il colore dell'oro e la sua lucentezza. La solidità dell'oro mi da un'idea di forza, e qui ce n'è molta, mentre la sua rarità, e conseguentemente il suo valore, lo rendono simbolo di potenza e ricchezza. Non trovo niente di più perfetto che una mela dorata per rappresentare Peccato Originale.



Le altre letture del mese di gennaio:



Quattro etti d'amore, grazie di Chiara Gambarale, è stato bello vedere quanto sia facile immaginarsi la vita degli altri e quanto, ahimè, sia facile sbagliarsi! Carinissimo che le due protagoniste si spiino il carrello della spesa a vicenda e da lì inizino a fantasticare, raccontandoci la loro vita.

Shadowhunters - Il Codice di Cassandra Clare, bellissima cover e packaging (si dice così?), nel senso che è adorabile il fatto che ci siano le correzioni e i commenti dei nostri amati personaggi. Dare un'opinione su questo libro è un pochino difficile, perché è stato come tornare insieme a Clairy sui banchi di scuola per studiare storia. Molto interessante.. sembra proprio di leggere storia vera.

Il giardino segreto di F. H. Burnett, è una favola che mi è sempre piaciuta, c'era anche il cartone animato, che adoravo! Mi sono imbattuta nel film durante il periodo natalizio e ho voluto rivivere la bellissima storia di Mary e Colin che da piccola mi ha tanto incantata. E' una garanzia!

Dentro Jenna di Mary E. Pearson, lettura concitata che mi ha subito coinvolta davvero tanto, per poi scemare un pochino verso metà libro, ma con una ripresa sul finale che ha fatto alzare di molto il mio giudizio. Jenna è emozione e sensibilità. Dettagli e dubbi trovano tutti la propria location.


Come potete notare è stato un mese senza delusioni, quindi posso considerarmi soddisfatta! Ora sono alle prese con The Returned di Jason Mott del quale vi parlerò prossimamente, ma posso già esprimermi parzialmente in positivo.
Sono sempre curiosa di sapere cosa pensate delle mie chiacchiere, se avete già letto questi libri o se avete intenzione di farlo. Sarò contentissima di rispondere ai Vs. commenti per un interessante scambio di opinioni.

Arrivederci a presto e un bacio a tutti.

16 commenti:

  1. Ho adorato immensamente i libri di Tiffany Reisz, letti in lingua originale perché l'ultimo capitolo ancora non era uscito in Italia. Niente in confronto alle tanto criticate '50 Sfumature', che hanno riscosso un tale successo che si meriterebbe tutto la Reisz! Non vedo l'ora che escano 'Gli anni bianchi', cioè i quattro libri che raccontano gli anni prima, quando Nora era ancora una ragazzina che perde la testa per Soren... e poi tutti sappiamo com'è andata a finire :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio che notiziona quella su Gli anni bianchi! Grazie per avermelo detto!
      Appena mi capita compro Il ritorno, e poi aspetterò la pubblicazione del capitolo conclusivo.
      Concordo con te, ha ben poco a che fare con Le (varie) Sfumature, per fortuna ;)

      Elimina
  2. Finalmente è il 30!!! Ormai aspetto questo giorno con ansia ogni mese per poterti leggere!
    Te l'ho detto io...ti sei data all'erotico!!! ahahahahha
    No dai, a parte gli scherzi, mi è molto piaciuta la tua recensione perchè hai cercato di andare oltre...
    Mi hai incuriosito e magari prima o poi questi libri provo a leggerli...certo che una serie di 5 libri mi spaventa forse più del fatto che siano erotici!
    Degli altri libri non ho letto nulla.
    Ho quello della Gamberale da più di un anno sul mio scaffale - oltretutto dovrei anche sbrigarmi a leggerlo perchè me lo ha prestato un'amica - ma fino ad ora non è riuscito a chiamarmi abbastanza!
    Degli altri conosco poco e nulla a parte il codice...che non so se è proprio il genere di libro adatto a me insieme agli altri della serie!
    :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah non mi fermo davanti a niente! Che me frega di leggere qualche zozzeria se la storia in sè è carina? Come dici tu, basta andare oltre.. poi comunque è una lettura "leggera", così come Quattro etti d'amore, grazie.
      Grazie :*


      Elimina
  3. Via, devo incominciare a leggere Shadowhunters! Ho i libri nell'ereader da un po' ormai e mi chiamano a gran voce!
    Belli anche gli altri titoli!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io te li consiglio! Il Codice mi sembra più uno spin-off, permettimi il termine, nel senso che non racconta le avventure dei nostri amati personaggi, ma proprio la storia passata dei primi cacciatori e delle varie fasi di addestramento, le regole e tutto quanto. E' proprio un manuale.

      Elimina
  4. Ciao Michy! Cavoli, quanti libri! Devo dire che Peccato originale non mi ispira molto, credo che faticherei a leggere una “pentalogia” (si dirà così? Sennò ho inventato un altro neologismo :-P) su qualsiasi argomento, e forse a maggior ragione su questo, credo mi annoierei… per esempio con le 50 sfumature mi era piaciuto abbastanza il primo, e poi l’interesse era scemato con il secondo per poi esaurirsi del tutto con il terzo :-) Per quanto riguarda le altre tue letture, mi ispira moltissimo Dentro Jenna, che è già in WL, e comincio a incuriosirmi verso Shadowhunters il codice. Credevo fosse un po’ una trovata per sfruttare il successo della serie, ma sentirne parlare bene da voi potrebbe farmi decidere di dargli una possibilità!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Su "pentalogia" mi sono impiastricciata anch'io.. ahahahah comunque ci siamo capite! Anche per me comunque non è il massimo! Però me l'hanno regalato.. (ho la tua stessa opinione sulle 50 sfumature).
      Dentro Jenna è una lettura piacevole, anche dopo averlo letto, sapendo quindi che non tratta di alieni, continuo ad avere la fissa che Jenna abbia dentro un alieno ahahah
      Secondo me Il Codice è una trovata pubblicitaria, sì, ma è ben fatto!

      Elimina
  5. Ahhhh Michy, lo sai che mi hai incuriosita molto con "Peccato originale"????
    Sembra molto carino, inoltre guadagna punti per il fatto che il sesso non sia eccessivo e "commerciale" :)
    Degli altri libri io ho letto solo "Il giardino segreto" anni fa, anch'io guardavo il cartone e il film quando ero piccola, e mi è piaciuto tanto!
    Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No non è eccessivo, cioè quando ne parla è abbastanza forte, ma non è un tormento che ci salta fuori in ogni pagina. Il discorso va sempre a finire lì, ma ci gira bene intorno prima di arrivarci. Si adatta ad un po' di svago non impegnativo. Se decidi di leggerlo fammi sapere come lo trovi.

      Uhhhh il cartone animato, che bello! Sono andata a rivedermi la sigla su youtube :bimbainside:


      Elimina
  6. Risposte
    1. Grazie Ilenia, mi fa piacere che ti piaccia ^.^

      Elimina
  7. Purtroppo non ho letto ancora nulla della Reisz, e dire che mi hai incuriosito ancora di più su questi libri!!
    Li leggerò presto, o almeno spero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai dai prendilo! È anche in offerta ;)
      Quando avevo poco tempo per leggerlo, ci facevo nottata.. è un buon segnale!

      Elimina
  8. Bella recensione anche se per questo libro passo, non è esattamente il mio genere =|
    "Quattro etti d'amore, grazie" lo avevo visto in libreria tempo e la trama mi aveva incuriosita, prima o poi penso che lo leggerò. Non vedo l'ora di prendere il codice (l'ho visto, l'ho sfogliato e l'ho adorato!) però prima voglio leggere Città delle anime perdute e per farlo voglio aspettare ancora qualche mese così non dovrò aspettare troppo per l'uscita dell'ultimo (gioia immensa e tristezza profonda mescolate per l'arrivo dell'ultimo libro conclusivo della serie...)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Valy!
      Della Gambarale ora voglio Per dieci minuti, la trama mi ispira un sacco, e poi di suo ho già letto Le luci nelle case degli altri, particolare e carino!
      Oh mamma non farmi pensare a quanto libri della serie degli Shadowhunters O.O

      Elimina

Lasciate un segno del vostro passaggio, sono sempre felice di leggere e rispondervi ♥