martedì 21 gennaio 2014

Recensione: "Rot & Ruin" di Jonathan Maberry

Buongiorno e buon martedì a tutti voi che passate di qui :)
Oggi torno con un'altra recensione, come sapete sto cercando di recuperare un po' (meglio che non dico tutte) di recensioni arretrate. Di solito pubblico la recensione che era stata votata come seconda nel sondaggio precedente, ma visto che voglio prima "togliermi di mezzo" le recensioni di settembre e la seconda votata era di ottobre, per questa volta non vi riuscirò ad accontentare :)

In un certo senso sono un po' dispiaciuta, perché questa recensione ha sempre preso pochissimi voti mentre in realtà vi parlerò di un libro che ho adorato e che vorrei poter consigliare ad ognuno di voi.
Rot & Ruin di Jonathan Maberry, è il primo della serie "Benny Imura", pubblicato dalla Delos Books, il  24 giugno 2011, al prezzo di 15,90 euro per 368 pagine.

Trama:
Nell'America post-apocalittica infestata dagli Zombie dove Benny Imura vive, ogni adolescente deve trovarsi un lavoro al compimento del quindicesimo anno di età, o dimezzare per sempre la propria razione quotidiana di cibo. Benny, però, non è interessato a portare avanti il business di famiglia, ma non ha scelta visti i precedenti fallimenti lavorativi; così accetta di diventare un cacciatore di zombie come quel vigliacco di Tom, il suo fratellastro. Il ragazzo si addentra nella desolata Rot & Ruin, il territorio in cui sono confinati gli zombie, con riluttanza, convinto di svolgere un lavoro noioso e pressoché inutile... prima di imbattersi in un terra senza dio, che gli aprirà gli occhi su un mondo totalmente diverso dalla vita a cui era abituato. Conoscerà il suo passato, i lati nascosti della personalità di Tom e il motivo per cui viene considerato da tutti come un eroe: perché là fuori, lontano dalle recinzioni del fortilizio, le distese aride di Rot & Ruin pullulano di rinnegati assassini a caccia di adolescenti, di segreti mortali, di zombie e di bellezze cresciute nelle oscurità del tempo. Rot & Ruin è molto più che un deserto senza vita.

Il mio pensiero:
La mia prima esperienza con Maberry è avvenuta qualche mese fa, grazie ad un libro che era uscito da pochissimo "La notte degli zombie", spinta dai commenti positivi che leggevo sui libri di quest'autore, ho voluto provare a leggere qualcosa di suo, ma che fosse autoconclusivo, senza imbarcarmi in una serie, come quella di Benny Imura.
Dopo aver adorato quel libro, ho deciso che dovevo assolutamente riparare alle mie mancanze e dovevo leggere la serie di Benny Imura e così ho fatto.

Cover originale
Rot & Ruin è il primo romanzo di questa serie, è ambientato in un mondo post-apocalittico, in cui gli zombie hanno distrutto tutto e hanno continuato a moltiplicarsi infestando il mondo intero. In mezzo a tutto questo disastro esiste però un piccolo angolo sicuro, il paese di Benny Imura, il protagonista di questa storia. Un ragazzo adolescente che vive con il fratello più grande, ha perso i genitori durante la Prima Notte (il primo giorno in cui gli zombie hanno iniziato ad infettare il mondo) e odia con tutto se stesso quelle creature ciondolanti e sempre affamate, così come odia il fratello che ritiene un codardo.
Il paese in cui vive non è certo ricco, e così ogni ragazzo a 15 anni deve trovare un lavoro per potersi assicurare la sua razione di cibo giornaliera. Benny inizia la sua ricerca, e vorrebbe in tutti modi evitare di finire a fare il lavoro di suo fratello: il cacciatore di zombie.
L'inevitabile accade proprio il primo giorno in cui Benny varcherà i confini di Ruin (tutto quello che esiste al di fuori del recinto del suo piccolo paese) con suo fratello. La sua vità cambierà per sempre, i suoi pensieri si modificheranno alla velocità della luce, le sue esigenze muteranno e soprattutto conoscerà tutto quello che fino ad ora gli era stato tenuto nascosto, imparerà ad affrontare gli zombie e a conoscerli sul serio.
E in un mondo dove si crede che il male più grande siano gli zombie, si scoprirà che sono gli uomini (come al solito) che portano dolore, paure e terrore, ancor più degli zombie.

Cover tedesca
Credo che, da come parlo della trama, si capisca fin da subito che questo libro l'ho amato moltissimo. Ho provato un pizzico di noia solo per le prime 50 pagine, quando la storia è fatta della quotidianità di Benny e della sua ricerca del lavoro. Dal momento in cui decide di lavorare con suo fratello Tom, tutto cambia, il ritmo della narrazione si fa incalzante e ogni pagina è una scoperta nuova, un mistero svelato e un dubbio che si forma nella nostra mente di lettore.
La cosa che più amo dello stile e delle storie di Maberry è che non sono solo ed esclusivamente violente, i protagonisti non sono gli zombie e basta; ma la storia è fatta di tantissime sfaccettature e ogni personaggio viene analizzato nel modo migliore.
Impariamo a conoscere Benny, ad apprezzarlo e ogni tanto ci viene anche voglia di prenderlo a schiaffi; conosciamo Tom in modo molto profondo; abbiamo la possibilità di conoscere sempre meglio Nix (una cara amica di Benny), e nonostante compaia pochissimo abbiamo la possibilità di conoscere un personaggio che mi è rimasto nel cuore.
E ben presto capiamo che i veri antagonisti di tutta la storia non sono gli zombie, bensì gli uomini, conosciamo il loro male e i loro desideri di morte, perché in fondo la morte è collegata alla vita e viceversa.
Le ambientazioni sono un'insieme favoloso di dettagli, il paese in cui vive Benny, ma soprattutto Ruin, con le sue strade abbandonate, le case diroccate e le foreste rigogliose e ricche di colori, che si discostano così tanto dal mondo infetto degli zombie, che lasciano incantato il lettore.
Ma in questo libro possiamo trovare una gamma così ampia di emozioni e sentimenti, da fare invidia a qualsiasi altro romanzo di narrativa. Rot & Ruin è una storia di zombie, viene considerata una storia horror, ma è molto molto di più.

Cover francese
Il lettore vive emozioni molto forti, fatte di paura e terrore, di dolore e lacrime (personalmente ho sfiorato il pianto 3/4 volte), di amore e amicizia, di fiducia e coraggio. I momenti più belli, però, sono quelli che ci portano a conoscere i nostri personaggi e il loro passato e vedere il modo in cui cambiano e crescono. Benny muta carattere così tanto, che alla fine della storia sembra essere un'altra persona, compie una crescita così dolorosa e importante che il lettore arriva a sentirsi fiero di lui e avrebbe solo voglia di abbracciarlo e fargli i complimenti. Ma il cambiamento arriva anche in Tom (già adulto e in teoria fatto e finito), nel momento in cui i due fratelli si "riuniscono" le cose cambiano per tutti e due, nel bene e nel male. Ci sono scene e dialoghi nel libro che fanno riflettere in modo molto profondo, tutto è attinente al mondo post-apocalittico in cui vivono i personaggi, ma certe riflessioni sono adatte al nostro mondo "normale" in cui viviamo e soprattutto le emozioni possono essere forti e penetranti, anche se circondate da un pianeta fatto di zombie.


Con un ritmo incalzante, capace di far provare ansia a chiunque, con scene d'azione ben costruite e struttrate, con un cuore pulsante fatto di emozioni e sensazioni, con colpi di scena e intrighi magistralmente portati avanti, con quel velo di horror che permea in tutta la storia, Rot & Ruin è un libro completo sotto tutti i punti di vista. Certamente non è adatto ad ogni tipo di lettore, ma vi prego di non soffermarvi sulla copertina così spaventosa, e non soffermatevi nemmeno sulla parola zombie, provate a guardare oltre, provate a dare una possibilità a questo libro e sono certa che vi sorprenderà e vi emozionerà così tanto da rimanervi dentro al cuore.
Ho già in progetto di comprare il secondo romanzo della serie Dust & Decay e non vedo già l'ora di scoprire quali avventure affronteranno Benny e i suoi amici, riusciranno a trovare un po' di pace e un po' di libertà dalle loro paure? Io lo spero con tutto il cuore, ma allo stesso tempo so che gli zombie e le difficoltà saranno una costante apprezzatissima dalla sottoscritta.

Parliamo di cover :)
La cover italiana non mi piace molto, è sicuramente adatta e lo sguardo del personaggio è intrigante, ma non mi convince al cento per centro. La cover originale è molto particolare, con il titolo del libro che prende tutto il posto, ma lo fa in modo leggero, infatti mi piace il modo in cui sembra dissolversi di fronte all'occhio impaurito, ma con un verde così brillante che mi fa subito pensare alle terre di Ruin.
La cover tedesca mi piace, ma non mi convince (stranamente °_°), mi piacciono molto i colori, ma non la trovo adatta, sembra quasi più la cover di un libro che parla di guerra. Mentre la cover francese secondo me è la peggiore, troppo semplice e banale, non attira per niente la mia attenzione e non apprezzo il fatto che abbiano cambiato il titolo.
Classifica finale: cover originale, cover italiana, cover tedesca, cover francese.

Il mio voto per questo libro:


Ve lo ripeto, quando leggerete il titolo di questo post, quando vedrete la cover del libro e quando leggerete la trama, non fatevi "intimidire", non provate ribrezzo, vi prego, leggete tutta la recensione, data una possibilità a questo libro, ve lo consiglio con tutto il cuore! Se fosse stato per me avrei messo in grassetto tutta la recensione, perché credo che ogni frase che ho scritto sia importante per capire quanto ho amato il libro e quanto caldamente lo consiglio.
Spero davvero di avervi interessato e incuriosito e spero qualcuno mi farà sapere il suo parere, sia se avete letto il libro, sia se non ne avete ancora avuto la possibilità.

24 commenti:

  1. Ho letto Rot&Ruin perchè le storie di zombie mi piacciono molto. E' un libro particolarissimo, che mi ha coinvolta molto. Adoro Tom Imura XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi trovo d'accordo con te, ma in generale credo sia lo stile di Maberry e il suo modo di costruire storie che sia particolare, ha una visione ampia delle cose e gli zombie per lui non sono semplicemente figure ciondolanti assetate di sangue, così come i suoi personaggi non sono solo in fuga dagli zombie, terrorizzati e in guerra con loro.

      Elimina
  2. Non conoscevo questo libro D:
    la trama è molto interessante, adoro il genere, e dalla tua recensione ho capito che ti è piaciuto molto..devo leggerlo! *-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh sì, Lehena devi assolutamente farti trasportare da questa storia, soprattutto se ti piace il genere, vedrai che Rot & Ruin riuscirà a darti qualcosa in più *_*

      Elimina
  3. Caspiterina Alessia che bella recensione, l'ultima parte in grassetto poi basta e avanza per convincermi a leggerlo °_°
    Questo libro lo avevo adocchiato quando era appena uscito in patria, mi piacciono gli zombi ed ero nel mio periodo massimo di YA, poi però l'ho lasciato perdere e me ne ero dimenticata... che errore.

    Credo gli darò una possibilità :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Laura, in effetti rileggendola sono contenta della mia recensione (non capita molto spesso), credo non avrei potuto esprimere meglio i miei sentimenti.
      Dagli mille possibilità tesoro, ti sorprenderà, non dimenticarti più di lui, fallo per il mio cuore di "mamma adottiva" verso Benny e la sua storia e degli altri personaggi.

      Elimina
  4. Come al solito sei stata bravissima e hai trasmesso tutto il tuo amore per questo libro, al punto che se lo avessi tra le mani lo comincerei subito :-) ho solo una domanda: ma perché non può essere un libro autoconclusivo, uffi!!! Sai che ho dei problemi con le serie, a meno di non avere tutti i libri già in mio possesso... altrimenti finisce che mi dimentico, mi disamoro e perdo delle occasioni :-( ok, la smetto di lamentarmi ehehehe

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Nadia, sono contentissima di esserci riuscita, perché ci tengo particolarmente a questo libro e farlo conoscere a più persone possibili.
      Ahahahha Nadia, non farti fermare dal fatto che è una serie, perché credo che Benny e gli altri avranno tanto da raccontarci e tanti modi per tenerci incollati alle loro avventure e ai loro sentimenti. Inoltre di questa serie qui in Italia sono già usciti 3 libri, manca solo quello conclusivo che spero la Delos deciderà di pubblicare quest'anno. Ho dato un'occhiata a Goodreads, più che altro una rinfrescata, e ho notato che tutti e 4 i libri hanno rating decisamente alti.
      Leggili Nadia, ti prego.... ♡

      Elimina
  5. Forse ero una delle poche che ha votato per questo romanzo.. non ne sono certa però, ops!
    Comunque ora mi interessa più che mai..

    Che amara verità, è sempre l'uomo il nemico peggiore :(

    Cover: italiana, francese, originale, tedesca!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Michy, davvero hai votato per questo? Sai che non ti avrei mai fatto tipa da zombie, non so perché xD

      Sììììììììììì, leggilo leggilo leggilo tesoro, davvero non te ne pentirai, merita tutta la tua attenzione *_*

      Elimina
    2. Beneeeeeeeeeeee, adesso il passo dalla Wishlist all' "averlo tra le mani" dovrà essere brevissimo e istantaneo *_*

      Elimina
  6. Non preoccuparti U.U The walking dead è il mio telefilm preferito e non mi faccio intimorire per nulla dagli zombie :3
    Beh niente da dire... se non che hai fatto salire il libri in cima alle mie priorità *__* brava come sempre tesoro! Per le cover concordo con te... anche io penso la migliore sia l'originale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benissimo Deni, inoltre gli zombie di Maberry non solo intimoriscono, ma impietosiscono, è proprio questo il bello *__*
      Cazzarola, Deni dai, devo venire lì da te con Tom Imura a prenderti a badilate???? Leggi Rot & Ruin, fallo ti pregooooooooo!

      Elimina
  7. Non puoi capire quanto mi hai resa felice oggi :D
    E' un po' di tempo che avevo voglia di leggere qualcosa sugli zombie, non so perchè ma mi stanno simpatici (?)
    Ho letto la recensione d'un fiato e l'ho adorata. Rot e Ruin entra dritto dritto nella lista dei libri che voglio leggere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lucy, e tu non puoi capire quanto mi rendi felice con questo commento... Il libro capita proprio a fagiuolo se hai voglia di storie sugli zombie... Se in generale ti stanno simpatici, quelli di Maberry ti spezzeranno il cuore e ti faranno piangere.
      Spero avrai modo di procurarti prestissimo questo libro e spero avrai voglia, una volta letto, di venirmi a dire che ne pensi *_*

      Elimina
  8. Ho una relazione un po' combattuta con gli zombie ma si vede che hai amato davvero moltissimo questo libro. In un momento più favorevole proverò a vedere di dargli una opportunità

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh sì, se non fosse stato per quelle prime pagine avrei dato un voto pienissimo a questo libro.
      Spero davvero troverai l'umore giusto per leggere questo libro, perché ti giuro che ti sconvolgerà e ti sorprenderà!

      Elimina
  9. Questo libro l'avevo già visto in giro ma non ci avevo mai prestato particolare attenzione (più che altro perché gli zombies non mi piacciono un granché) ma mi hai fatto venire una gran voglia di leggerlo!!! *__*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come sono contenta di averti fatto venire voglia di leggerlo, nonostante gli zombie non siano i tuoi preferiti. Vedrai che, se lo comprerai e leggerai, non ti deluderà!

      Elimina
  10. Nel sondaggio avevo votato proprio per questa recensione per farmi un'idea più precisa del libro =). Gli zombie, tranne che in Alice in zombieland, non mi attirano proprio per niente e questa copertina non facilita certo le cose (è inquietante!) però la trama un pochino di curiosità me l'aveva messa quindi la mia indecisione su questo libro era davvero alle stelle. Brava Ale! sei riuscita a farmi prendere una decisione, questo libro finisce dritto dritto nella mia wishlist =D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aaaawww Valy, perfetto allora, ti ho accontentato alla grande *_*
      Sì gli zombie sono difficili da amare, diciamo che non si impegnano molto, ma a me piacciono proprio per questo e Maberry riesce a renderli così reali, anche per la storia che esiste dietro alla loro trasformazione, che ti giuro questo libro ti farà piangere e preoccupare per loro, te lo giuro. E se dopo che lo avrai letto, non sarà stato così, ti autorizzo a venirmi a prendere a casa mia e riempirmi di insulti xD

      Elimina
  11. Bella recensione! Io vivrei a pane e zombie quindi questo titolo lo conosco bene e mi era piaciuto molto. Ammetto che il seguito non mi aveva entusiasmata altrettanto, ma nutro alte aspettative per il terzo che devo decidermi a comprare. Mi piace un sacco lo stile di Maberry... Peccato per le cover italiane che trovo decisamente bruttine.
    Però mi sa che devo darti una brutta notizia... Anche La notte degli zombie prevede un seguito ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Lò... ma dai, non sapevo di questa tua passione per gli zombie *_*
      Davvero il seguito ti è piaciuto meno? Oddio, spero non mi deluderà allora :(
      Ma non mi dai una brutta notizia, anzi, mi piace così tanto come scrive Maberry che sono contentissima di sapere che anche per "La notte degli zombie" ci sarà un seguito... in realtà mi sa che lo avevo visto anch'io in giro, ma ai tempi in cui scrissi la recensione, probabilmente non me ne ero accorta :3

      Elimina

Lasciate un segno del vostro passaggio, sono sempre felice di leggere e rispondervi ♥