lunedì 17 febbraio 2014

Recensione: "Sette minuti dopo la mezzanotte" di Patrick Ness

Buongiorno e buon inizio di settimana a tutti voi. Anche febbraio se ne sta andando, abbiamo già passato abbondantemente la metà e ci avviamo già verso marzo. Quest'anno non posso lamentarmi perché ha nevicato pochissimi (e sapete quanto io e la neve ci odiamo), ma sono comunque contenta di avvicinarmi alla primavera, sinceramente tutta questa pioggia e tutti i danni che ha fatto mi hanno stancato. Credo che un po' di sole e qualche germoglio che spunta dalla terra non potrà fare che bene al nostro umore e al nostro stato d'animo generale.

Oggi vi presento la seconda recensione che avete votato nel sondaggio precedente, un titolo che era già da un po' che infilavo nei sondaggi e che per un motivo o un altro non riusciva mai a vincere... non ha vinto neanche questa volta, ma ci ho pensato io a far vedere la luce ai miei pensieri su di esso :)
Con 16 voti e il 30% di preferenza (poco meno del vincitore) oggi vi presento Sette minuti dopo la mezzanotte di Patrick Ness, pubblicato da Mondadori nella collana Libellule, l'8 gennaio 2013, al prezzo di 12 euro per 182 pagine.

Trama:
Una notte di luna e brezza leggera, il piccolo Conor si sveglia di colpo sentendo bussare alla finestra della sua cameretta. Terrorizzato, allunga l'orecchio per cogliere qualche rumore sospetto dal piano di sotto. Nulla. Sono passati sette minuti dalla mezzanotte. D'un tratto, sente chiamare il suo nome...
Conor è preso dal panico: potrebbe essere l'apparizione spaventosa che da giorni to tormenta nel sonno, l'incubo che viene a trovarlo da quando sua madre ha iniziato le cure mediche. Invece, quando si fa coraggio e si sporge dalla finestra, trova ad attenderlo un mostro. Un mostro tutto particolare, però, senza artigli o denti aguzzi. E' semplicemente un albero. Antico e selvaggio, una creatura che sembra uscita da un altro tempo.
Il mostro è pronto a stringere un patto con lui: nelle notti successive racconterà a Conor tre storie, di quelle che aiutano a uccidere i draghi che ognuno di noi nasconde nel fondo del proprio animo, storie che spingono ad affrontare le paure più grandi. Ma in cambio la creatura misteriosa vuole da lui una quarta storia, un racconto che deve contenere e proteggere la cosa più pericolosa di tutte: la verità.

Il mio pensiero:
Sono stata attratta da questo libro tempo fa, però ricordavo che sulla copertina compariva anche un altro nome appartenente ad un autore, e non capivo come mai su questa nuova versione della Mondadori non ci fosse. Per fortuna, nella nota dell'autore ad inizio libro ho capito il motivo. Questa storia aveva iniziato a scriverla Siobhan Dowd, un'autrice inglese che purtroppo è morta prima di riuscire a portare a compimento quest'opera, così è stato chiesto a Patrick Ness di farlo per lei. Non sto qui a raccontarvi tutto, ma posso garantirvi che già la nota dell'autore fa capire che tipo di persona sia Ness e quanto cuore c'è in questo libro.

Cover originale rilegata
Sette minuti dopo la mezzanotte racconta di Conor, un ragazzino di dodici anni e della sua vita complicata e dura. Conor vive un incubo straziante ogni notte, in cui un mostro va a fare visita a lui e sua madre e lo sconvolge così tanto, che ogni notte si sveglia urlando. Conor vive con sua madre, ma la donna è molto molto malata e Conor dovrà farsi in quattro per aiutarla con le faccende di casa e dovrà farsi in quattro anche per aiutare se stesso a crescere. Finché un giorno un "vero mostro" non andrà a far visita a Conor e allora le cose cambieranno completamente per lui. Il mostro gli promette di raccontare 3 storie che lo aiuteranno (ovviamente Conor non sa in che modo), ed alla fine sarà proprio Conor a dover raccontare una storia al mostro e sarà la storia della verità, una verità che Conor nasconde a tutti e che lui stesso cerca di non vedere né percepire.

Un riassunto di questo libro è impossibile farlo bene, perché "Sette minuti dopo la mezzanotte" è un libro fatto di sentimenti ed emozioni. E' straziante e sconvolgente, proprio perché racconta la realtà, la realtà di una famiglia qualunque in cui il bambino deve fare i conti con la malattia e la morte di un proprio caro, ancora prima che sia cresciuto. Ovviamente non racconta una "storia vera", ma racconta in modo vivido ed emozionante la storia di qualsiasi bambino in questa situazione.
Cover originale brossura
E' un romanzo di formazione così potente che ha sconvolto anche me, che ragazzina non sono più. Dopo le prime pagine del libro, in gola si forma un magone che il lettore si porterà dietro fino alla fine, quando Conor svelerà la sua verità e allora in quel momento le lacrime potranno scendere indisturbate.
Lo stile di Ness è davvero particolare, perché riesce a raccontare una storia devastante con toni delicati e dolci. E proprio questo stile rende "Sette minuti dopo la mezzanotte" ancora più emozionante, proprio perché viene da pensare subito all'innocenza di questo bambino, che viene deformata e "rubata".

Conor è entrato nel mio cuore di sua spontanea volontà e mi ha davvero fatto provare sensazioni fortissime, è uno di quei personaggi in grado di sconvolgere la mia emotività. Per il suo modo di affrontare la sua difficile vita, tutti lo compatiscono e provano pena per lui per la sua situazione, ma nessuno si rende conto che Conor vorrebbe essere trattato come qualsiasi altro bambino, vorrebbe avere una punizione se fa qualcosa di sbagliato, vorrebbe che i professori si arrabbiassero con lui per i compiti non fatti. L'unica persona che realmente lo vede e lo vorrebbe ascoltare, lui non la vuole intorno, perché lo ha tradito e lo ha fatto soffrire. Reagisce a tutto con indifferenza, come se non gli importasse nulla, mentre dentro di lui urla di dolore per il segreto che nasconde e che non può rivelare a nessuno. E' meraviglioso il rapporto che si viene a creare fra Conor e il mostro, che ai suoi occhi assumerà una figura quasi paterna e lo aiuterà ad affrontare i suoi problemi. Il loro è un rapporto particolare che inizia con diffidenza e sfiducia, sia da una parte che dall'altra, le cose cambiano piano piano: quando Conor comprende che il mostro vuole aiutarlo realmente e quando il mostro comprende che Conor ha realmente bisogno di aiuto e "normalità".

Cover italiana rilegata
Un libro che mi ha sconquassato il cuore, che mi ha fatto soffrire, ma mi ha intenerito tantissimo.
Un libro che mi rimarrà dentro, con un protagonista a cui è impossibile rimanere indifferenti.
"Sette minuti dopo la mezzanotte" è un romanzo per ragazzi, ma ha la capacità di scatenare fortissime emozioni anche in un adulto. Una lettura che va affrontata con calma e quando non si ha l'umore sotto i piedi, perché altrimenti lo sconvolgimento dato dalla lettura sarà devastante.


E ci ritroviamo a parlare di cover. La cover italiana della mia edizione mi piace alla follia, i suoi colori sono splendidi e l'albero riporta direttamente alla storia raccontata. 
La cover originale è molto particolare, sembra un disegno, ma non la trovo completamente adatta, la vedo troppo cupa, mentre in realtà in questo libro troviamo aliti di speranza. La cover brossura non mi piace per niente, completamente fuori dalla storia non ci trovo nessun tipo di nesso, infatti secondo me allontana l'attenzione. Ed infine ho messo la cover italiana (che è la stessa tedesca) dell'edizione rilegata, mi piace molto anche questa, ricca di particolari è perfetta per la storia raccontata.
La mia classifica: cover italiana rilegata, cover italiana brossura, cover originale, cover brossura.

Il mio voto per questo libro:


Cosa ne pensate ragazzi? Avete letto il libro?
So che c'erano alcuni di voi ansiosi di scoprire i miei pensieri sul libro di Ness, ora che vi ho accontentato mi piacerebbe leggere nei commenti cosa vi ha trasmesso la recensione, se vi è piaciuta e se il libro vi ispira.

29 commenti:

  1. Ciao Ale, il libro mi ispira moltissimo, l’avevo votato nel sondaggio infatti ;-) sono molto contenta di aver letto la tua recensione, è molto poetica e dolce e rende moltissimo l’idea di quanto questo debba essere un libro ricco di sentimenti ed emotività. Sicuramente come dici tu non è un libro adatto a qualsiasi stato d’animo, ma mi attira molto e non vedo l’ora di leggerlo. Grazie perché mi dai sempre l’occasione di scoprire bei libri che altrimenti non avrei modo di conoscere e apprezzare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nadia, sono felicissima che anche questa volta la mia recensione ti sia piaciuta e sia riuscita a trasmetterti i miei pensieri.
      Io sono una persona che si fa prendere molto dai libri, sono anche molto lunatica, ma mi sono resa conto che nonostante mi emozioni moltissimo, molto spesso riesco a leggere libri "pesanti" e molto profondi anche in momenti in cui il mio stato d'animo non è al top...
      Spero comunque che potrai leggerlo presto, ma la speranza più grossa è che qualche CE si decida a portare in Italia qualche altro libro di Ness...

      Elimina
  2. Mmm è un pò ansioso sto libro no???? Devo leggerlo da una vita ma non mi sono ancora decisa :(
    Non so mi sa che dovrò essere emotivamente pronta...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, mette un po' di ansia, ma soprattutto tristezza. Ma alla fine dona anche grande speranza.
      Se possiedi già il libro, allora il mio consiglio è proprio quello di aspettare il momento giusto e lo stato d'animo giusto, così da poterti godere la lettura senza problemi ;)

      Elimina
  3. Per prima cosa sappi che la pioggia ha stufato anche me.. speriamo che smetta molto presto!
    Comunque anche io ho letto Sette minuti dopo la mezzanotte e devo dire che concordo in pieno con la tua recensione, questo romanzo è riuscito a farmi immedesimare completamente nella situazione di Conor che si trova a dover affrontare una situazione molto pensante pur essendo solo un bambino. Anche io ho l'edizione con l'albero in copertina ed è magnifica, però invidio l'edizione illustrata in lingua ;D
    Bellissima recensione :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sophie, qui da me le mie preghiere sono state ascoltate, ieri e oggi il sole mi sta facendo compagnia, spero sia lo stesso anche da te *_*
      Sì l'edizione illustrata in lingua la invidio moltissimo anch'io e non capisco perché non hanno mantenuto le illustrazioni anche nell'edizione italiana -.-

      Elimina
  4. Finalmente! Era un po' che votavo questo libro! Mi ha incuriosita la trama e non vedevo l'ora di sapere cosa ne pensavi. Peccato che a quanto dici non sono nell'umore giusto per leggerlo...
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ellie e finalmente ti ho accontentato ;)
      Io ti consiglio di leggerlo, nel momento giusto ovviamente, ma leggilo perché ti donerà moltissimo emozioni e potrà essere un'esperienza di lettura meravigliosa.

      Elimina
  5. Ecco la recensione!
    Avevo votato per leggerla ** ero curiosa di confrontare il tuo parere con quello di Denise visto che l'ha letto anche lei. Se avrò l'occasione di leggerlo ben venga, non sembra affatto male! **

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh sì Ledina, sapevo che eri curiosa di conoscere il mio pensiero su questo libro ^_^
      Io e Deni in questo caso abbiamo avuto pareri un po' contrastanti sul libro, ma io personalmente ti consiglio di leggerlo, magari aspettando il momento giusto :)

      Elimina
  6. Come sai l'ho letto e mi è piaciucchiato :3 non mi ha fatto impazzire purtroppo... e non so nemmeno io perchè XD probabilmente l'ho letto nel momento sbagliato e non sono riuscita a farmi prendere al punto giusto dalla storia! Non vedo l'ora di leggere altro di Ness però!
    Per quanto riguarda le cover devo dire che mi piacciono tutte abbastanza, non ne ho una preferita :3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Deni, non so neanch'io come mai non ti sia piaciuto. Io ero convinta lo avresti adorato, ma ultimamente capita spesso che io non ci azzecchi minimamente con i tuoi pensieri riguardo ad una lettura ahahaha sto perdendo dei colpi :O
      Anch'io sono curiosa di leggere altro di Ness, peccato che sembra che in Italia non abbiano nessuna intenzione di portarne altri :(

      Elimina
  7. Bellissima recensione!
    Conoscevo già questo libro, lo ha letto mia sorella e se ne è letteralmente innamorata. Me lo ha consigliato più volte, ma io non mi sento di leggerlo. Apprezzo molto i temi trattati, tuttavia sono una persona troppo emotiva e sensibile, difatti tendo a leggere quasi sempre libri "spensierati" o che mi facciano riflettere, ma in modo pacato. Alcuni libri per me sono "proibiti" perché sarei capace di starci male per giorni e giorni. A parte questo, sono contenta che questa lettura ti abbia appassionato, è sempre bello quando succede =)
    Un abbraccio, e ancora complimenti per la bella recensione!

    PS: concordo con te sulla classifica delle cover ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mirial :)
      Oh no, se apprezzi le letture spensierate questo è proprio completamente fuori dal genere, purtroppo è un libro molto "pesante" sotto certi punti di vista ed estremamente sconvolgente.
      Nonostante la storia sia meravigliosa non te lo consiglio, dato che sei una persona così emotiva, un conto è leggere storie splendide, un conto è starci male poi dei giorni, non ne vale la pena :(

      Un abbraccio anche a te :*

      Elimina
  8. Che bella recensione, mi hai fatto venire voglia di leggerlo *_*
    Adoro i libri di questo genere (sono masochista, ma forse lo avevi già capito XD), inoltre ho sentito parlare molto bene dell'autore, quindi se dovessi mai leggere qualcosa di suo, credo inizierò da questo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sìììì Laura, sono contentissima di averti fatto venire voglia di leggerlo. Sono convinta ti piacerà, siamo tutte e due un po' masochiste sotto questo punto di vista e secondo me questo libro potrebbe emozionarti davvero moltissimo.

      Elimina
  9. L'ho comprato sabato. Pronto da leggere questa settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grande Michela, spero proprio potrà piacerti :)

      Elimina
  10. Sembra interessantissimo, lo comprerò di certo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ile, sì è davvero un libro che merita attenzione. Spero ti piacerà quando avrai l'occasione di leggerlo ^_^

      Elimina
  11. Bellissima recensione! Grazie a te lo leggerò di certo :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Vally, sono contentissima di essere riuscita a convincerti a leggerlo :)

      Elimina
  12. Risposte
    1. Dany, che commento essenziale ma ricco di significato xD

      Elimina
  13. La tua recensione mi ha incuriosita... soprattutto perché è bello vedere quanto un libro possa emozionare, appassionare, far vibrare le corde del proprio essere più profondo. Proprio oggi sul mio blog (appena nato, tra l'altro) parlavo di qualcosa del genere, vista la semplificazione di tanti romanzi sia nella storia che nei personaggi e nello stile di scrittura, e forse anche nell'immaginario che tali libri suscitano. Leggere riporta a uno spazio immenso, almeno lì dovremmo poter ancora sognare cose immense :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, è incredibile come i libri possano aprirci un mondo infinito fatto di emozioni e sensazioni irripetibili. Questo è uno di quei libri, almeno io l'ho vissuto così.
      Ma anche i libri semplici e magari banali possono donare qualcosa al lettore, credo che molto dipenda sempre dallo stato d'animo con cui iniziamo un certo tipo di lettura :)

      Elimina
  14. Ma che meraviglia Ale, ho trovato il libro da comprare il primo di marzo ^_________^
    Mi è piaciuta un sacco la tua recensione, già la trama è invitante, ma dopo aver letto il tuo pensiero non posso farne a meno. Lo prendo e aspetto di essere nella condizione mentale adatta!!
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. *Esulta* evvai Michy, sono contentissima che sono riuscita a convincerti fino a questo punto. Il primo marzo poi mi aggiornerai e mi dirai se lo hai comprato oppure se ti sei fatta attirare da altro xD
      E spero che la condizione mentale adatta arrivi prestissimo, così potrò sapere cosa ne pensi di questo libro *_*

      Elimina
  15. Hello, hello... Io ho appena finito "Punto di fuga Wallenberg" di Davide Amante, si trova su amazon. 148 pagine di ritmo, passione ed erotismo raffinato, sullo sfondo della Seconda guerra mondiale.
    Ma soprattutto il romanzo narra una storia d’amore ad alta intensità fra una ragazza e un uomo, un amore che diventa assoluto quando si ritrovano da vecchi. Il romanzo è ambientato fra Budapest, Stoccolma e New York. Breve, veloce, il romanzo ha un ritmo impressionante! Basato su una storia vera – la vita e la fuga misteriosa o forse la morte di Raoul Wallenberg – il romanzo prende una direzione imprevedibile e narra una storia d’amore appassionante fino a spiegare il senso della vita attraverso lo stupore di un bambino. Ve lo consiglio!!.... Finalmente un nuovo scrittore italiano!

    RispondiElimina

Lasciate un segno del vostro passaggio, sono sempre felice di leggere e rispondervi ♥