mercoledì 26 febbraio 2014

Valy Weekly Review: DIVERGENT di Veronica Roth

Rubrica di recensioni curata da Valy. E' una rubrica settimanale, ma un po' particolare...
infatti viene postata sempre in giorni diversi, e ad ogni giorno corrisponde un genere letterario diverso.


Buongiorno compagni di letture! Finalmente la sessione di esami è finita e ora mi posso rilassare... certo, come no! è proprio adesso che dovrei studiare di più perché sono quasi in dirittura di arrivo, ma nonostante questo qualche sano giorno di riposo non me lo toglie nessuno XD
Per la puntata di questo MERCOLEDÌ vi voglio parlare di uno dei miei libri preferiti di genere DISTOPICO. Libro di cui il mese prossimo uscirà sia il terzo e ultimo capitolo della serie sia il film tratto da esso, che non vedo l'ora di andare a vedere. Ebbene sì, parlo proprio di Divergent di Veronica Roth.

Editore: De Agostini (collana Le gemme)
Prezzo cartaceo: 14,90 €
Prezzo Ebook: 8,99 €
Pagine: 480


Trama:
Dopo la firma della Grande Pace, Chicago è suddivisa in cinque fazioni consacrate ognuna a un valore: la sapienza per gli Eruditi, il coraggio per gli Intrepidi, l'amicizia per i Pacifici, l'altruismo per gli Abneganti e l'onestà per i Candidi. Beatrice deve scegliere a quale unirsi, con il rischio di rinunciare alla propria famiglia. Prendere una decisione non è facile e il test che dovrebbe indirizzarla verso l'unica strada a lei adatta, escludendo tutte le altre, si rivela inconcludente: in lei non c'è un solo tratto dominante ma addirittura tre! Beatrice è una Divergente, e il suo segreto - se reso pubblico - le costerebbe la vita. Non sopportando più le rigide regole degli Abneganti, la ragazza sceglie gli Intrepidi: l'addestramento però si rivela duro e violento, e i posti disponibili per entrare davvero a far parte della nuova fazione bastano solo per la metà dei candidati. Come se non bastasse, Quattro, il suo tenebroso e protettivo istruttore, inizia ad avere dei sospetti sulla sua Divergenza...


Il mio pensiero:
Non c’è che dire, Divergent rimane in assoluto uno dei migliori, se non “il” miglior distopico che io abbia mai letto. Ogni volta che mi rituffo tra le sue pagine esso non smette mai di emozionarmi, di affascinarmi e coinvolgermi come ha fatto la prima volta, se non di più, perché ad ogni nuova lettura colgo qualche piccolo particolare che precedentemente mi era sfuggito e che me ne fa apprezzare maggiormente la lettura. Si tratta di un libro che offre tantissimi spunti su cui riflettere e meditare. Parla di temi sociali e temi legati alla natura umana che possono essere applicati benissimo anche alla nostra società attuale e al nostro vivere quotidiano. Ha un significato profondo, che permette di “far pensare” il lettore e questo secondo me lo fa rientrare perfettamente nei canoni del genere distopico.

La prima cosa ad avermi colpita di questo libro è stata l’originalità con cui la Roth ha tratteggiato questo mondo futuristico. Una società fortemente suddivisa in base a linee di pensiero diverse che ha dato luogo a cinque categorie distinte in cui raccogliere le persone. Cinque fazioni, ognuna delle quali persegue credi diversi e i cui membri coltivano qualità dell’animo diverse a seconda della fazione di appartenenza: coraggio per gli intrepidi, onestà per i candidi, intelligenza per gli eruditi, altruismo per gli abneganti e tranquillità per i pacifici.
«Decine di anni fa i nostri antenati capirono che le guerre non erano dovute a ideologie politiche, fedi religiose, divisioni di razza o nazionalismi. Scoprirono che l’origine stava nella natura dell’uomo, nella sua inclinazione al male, in qualunque sua forma. Così si divisero in fazioni, per cercare di sradicare quei comportamenti che pensavano fossero la causa del disordine nel mondo.»

A sedici anni ogni ragazzo (e ogni ragazza) deve affrontare la “cerimonia della scelta”, un rituale di passaggio che segna la fine dell’età infantile e l’inizio di quella adulta. Rituale in cui si va incontro al proprio futuro occupando un proprio posto nella società. Rito in cui il ragazzo sceglie una delle cinque fazioni e, dopo aver superato una serie di prove, ne diventa membro a tutti gli effetti. Non è assolutamente detto che la fazione scelta debba essere per forza quella in cui si è nati e in tal caso l’iniziato, ovvero l’aspirante membro, viene definito trasfazione. Proprio una trasfazione è la nostra protagonista, Tris. Una ragazza nata e cresciuta nella fazione degli abneganti ma, nonostante trovi bellezza nei piccoli gesti quotidiani compiuti dai suoi familiari in favore del prossimo, veda armonia in quel genere di vita e vi trovi conforto, non riesce a fare totalmente proprio tale modello. È difficile riassumere in poche parole la personalità e il carattere di Tris. Nelle prime pagine vediamo una ragazza combattuta tra scelte e vite diverse: confermarsi abnegante e rimanere con la propria famiglia oppure abbandonarla iniziando una vita nuova e sconosciuta. Con lo scorrere delle pagine e con il susseguirsi delle difficoltà e prove che la vita le pone dinnanzi emerge sempre di più il suo vero “io” e il suo carattere si rafforza. Si dimostrerà una ragazza forte, perspicace, determinata, coraggiosa e sì, anche altruista.

Assolutamente degno di nota è anche il modo in cui l’autrice ha delineato i propri personaggi. Nonostante la protagonista  sia una sola e la storia sia narrata unicamente dal suo punto di vista, ogni personaggio presente ha la sua importanza e una sua precisa caratterizzazione. In questo libro non ci troveremo mai di fronte a personaggi che fungono solo da semplice comparsa ma ognuno di loro avrà un ruolo e una collocazione propri nella storia.

Ma ciò che più mi ha conquistata e ha collocato questo libro tra i miei libri preferiti, è stata la carica emotiva che è riuscito suscitare in me e a trasmettermi. Emozioni e sensazioni di ogni genere sono riuscite a trasportarmi letteralmente all’interno della storia dandomi l’impressione di star vivendo tutto direttamente sulla mia pelle.

Ci tengo subito a scusarmi con tutti voi e con Valy, infatti i più attenti avranno notato che la puntata della settimana scorsa è saltata. Purtroppo ho avuto molti impegni e il tempo era così poco che non riuscivo nemmeno a connettermi ad internet col pc... di conseguenza tutti i vari appuntamenti sono saltati, compresa questa rubrica.
Sono davvero davvero molto dispiaciuta e ho già fatto le mie scuse a Valy un sacco di volte, ci tenevo a farlo anche con voi.
Detto questo, spero la recensione vi sia piaciuta. Io ho amato Divergent e sono in trepida attesa per Allegiant e per il film, che spero potrò vedere al cinema.
Fateci sapere le vostre impressioni e ricordatevi la puntata della settimana prossima, con una nuova interessante recensione ;)

26 commenti:

  1. bella recensione! :)
    ti devo confessare con non ho mai letto Divergent... lo so, penso di essere una delle poche, se non l'unica, a non averlo letto... :(
    ormai aspetto che esca in italia anche il volume conclusivo della trilogia, almeno me li posso godere tutti e tre insieme! XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Manca davvero poco all'uscita del terzo =D e a quel punto non avrai più scuse per rimandare questa bellissima lettura..e poi lo sai, vero Fede, che ti stresserò tutti i giorni fino a che non lo avrai iniziato?!?

      Elimina
  2. Anche io non ho mai letto questo libro - quindi siamo già in due - e non sono per niente attirata dal farlo. Purtroppo non è proprio il mio genere...
    Sicuramente deve essere ben fatto visto quanto tutti lo amano!!!! :)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Peccato :( però ti capisco, se mi consigliano e sento parlare molto bene di un libro che però non rientra tra i generi che mi piacciono è difficile che lo legga.. Comunque se un giorno vorrai provare un distopico ti consiglio questo =)

      Elimina
  3. Bellissima recensione *O* hai espresso perfettamente il mio amore per questo libro *_* il miglior distopico letto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Leda =D A dirti la verità ho trovato davvero difficile scrivere questa recensione perché quando un libro mi colpisce e conquista così tanto, trovare le parole giuste per descriverlo non è facile e anche in questo caso di cose da dire ne avrei ancora molte :)

      Elimina
  4. Ho preso il libro quando ho visto che usciva sia il film che il capitolo conclusivo. Da poco mi sono avvicinata ai distopici ma mi stanno piacendo molto, leggendo la recensione credo che lo inizierò presto perchè la parte emotiva per me è fondamentale. Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non vedo l'ora di vedere il film :D Di solito non amo vedere un film di cui ho già letto il libro da cui è tratto perché a volte mi è capitato di rimanere molto delusa dalla trasposizione cinematografia, però il trailer promette davvero bene e gli attori somigliano tantissimo all'idea che mi ero fatta dei rispettivi personaggi perciò sono molto fiduciosa =)

      Elimina
  5. *_____________* io lo sto rileggendo proprio in questi giorni, e rileggerò anche il secondo libro .. mi voglio preparare al meglio per il finale *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prima del 18 anche io voglio dedicarmi alla rilettura dei primi libri della serie però se non avrò abbastanza tempo mi limiterò solo a quella di Insurgent (mi è piaciuto tantissimo anche quello, l'ho trovato il degno seguito dei Divergent =D...)

      Elimina
  6. Devo proprio decidermi a iniziare questa saga! Quando esce il film?
    I distopici mi entusiasmano, questo è piaciuto praticamente a chiunque!! Valyyy lo voglioooo sì, deve essere mio..e poi Insurgent..e poi Allegiant.. e poi?? Ahahahah
    Ho già deciso che sarei una pacifica!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sììììì Michy!!!! Iniziala, non te ne pentirai!!!!! XD Anche Insurgent è stupendo e poi hai visto che copertine?!? Sono bellissime =D
      Allora il film in America esce il 21 marzo e fino a due secondi fa pensavo che fosse anche la data italiana, invece ho appena controllato e qui da noi arriverà il 3 aprile :'( uffa dovremo aspettare ancora un mese prima di poterlo vedere al cinema :'(

      Elimina
  7. Devo ancora leggerlo, non vedo l'ora di acquistarlo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava! ;) e poi, iniziando la serie adesso, non dovrai neanche aspettare troppo prima di poter stringere fra le mani l'ultimo libro conclusivo :D

      Elimina
  8. Bella recensione! *_* Ho amato tantissimo questo libro, e ancora di più il secondo. A meno che il terzo, che credo sia il libro che quest'anno aspetto di più, non rovini drasticamente la mia classifica, questa trilogia è sicuramente tra le mie preferite. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio quanto ti capisco!!!! Pure io sono terrorizzata da quello che potrebbe contenere Allegiant! E soprattutto sono già triste se penso che non potrò leggere altre avventure su Tris e gli altri ragazzi :'(

      Elimina
  9. Bellissima recensione!! *-* Anch'io l'ho adorato!!!! Uno dei miei distopici preferiti!!! *-* Non vedo l'ora di leggere Allegiant!!!! *-* Vorrei prima rileggere Divergent e Insurgent, ma non credo di averne il tempo!! :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie :D Sì anche io vorrei rileggerli (anche se li ho riletti giusto il mese scorso ma che vuoi farci? non potrebbe mai venirmi a noia questa serie, è stupenda! :D) Comunque se proprio vedo che il tempo si restringe mi limiterò solo alla rilettura di Insurgent (bellissimo)... =D

      Elimina
  10. Dopo questa recensione ho tantissima voglia di iniziare questa saga, complimenti sei riuscita a trasmettere appieno le emozioni che ti ha suscitato questo libro!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Laura =) Penso che questo sia un libro "completo" sotto il punto di vista emotivo e la capacità della Roth di trasmettere al lettore quelle stesse emozioni vissute dai personaggi è uno dei (tanti) punti forti del libro :)

      Elimina
  11. Io ho letto la serie in inglese e quando sono arrivata alla fine ho avuto la crisi da "non so più che senso ha la mia vita". Di solito indica una serie che mi ha presa particolarmente bene :D
    L'ho iniziata scettica, lo proseguita incuriosita, l'ho finita moralmente devastata. Yay!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nooooo, non dirmi così!!!! Questo mi è successo quando ho finito di leggere Green della Gier, l'ultimo libro della trilogia delle gemme..sono rimasta per una settimana intera in stato catatonico e ogni qual volta realizzavo che avevo finito la serie mi salivano le lacrime agli occhi, pure adesso che ci ripenso :'( A questo punto prevedo che mi succederà anche stavolta :'(

      Elimina
  12. Ho finito dei rileggere Divergent giusta la settimana scorsa, così da potermi dedicare a Insurgent ed esattamente come dici tu, questo libro è "il" distopico per eccellenza, inoltre ci sono molto affezionata per il fatto che è stato il secondo distopico che ho letto (primo The Hunger Games).
    Bella recensione, capitata a "fagiolo" XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pure io lo lessi la prima volta qualche anno fa e se non ricordo male proprio poco dopo aver letto la trilogia di HG..La serie di Hunger games mi è piaciuta molto ma quella della Roth ha un posto speciale nel mio cuoricino <3 Bella, bella, bella =D
      Buona lettura per Insurgent allora!!! =)

      Elimina
  13. L'ho letto qualche tempo fa e mi era piaciuto , anche se per me "il" miglior distopico che abbia mai letto è Beauty ;)
    Beh non vedo l'ora che esca il film di Divergent! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho ancora letto la serie di Beauty, prima o poi però lo farò ;D
      Pure io non vedo l'ora di andarlo a vedere! Il trailer promette molto bene =)

      Elimina

Lasciate un segno del vostro passaggio, sono sempre felice di leggere e rispondervi ♥