venerdì 21 marzo 2014

Recensione: "POD - Perle di orrore e distruzione" di Stephen Wallenfels

Buongiorno lettori, la sfiga continuaaaaaaa. Se volete scommettere quanto continuerà a perseguitare me e la mia famiglia, vi aspetto al botteghino per darmi le vostre scommesse. :(
Ieri vi avevo detto nel mezzo del mio delirio liberatorio (nella puntata di Chi ben comincia) che Marco ha la passione per la bici e che se gli venisse tirata via sarebbe come tirare via a noi lettori la nostra intera libreria. Ecco, ieri sera ha rischiato di distruggere la bicicletta e vi lascio solo immaginare come era il suo stato d'animo. Per fortuna la cosa si è risolta, ma siamo veramente al limite di pazienza e ottimismo. E mi impongo di non pronunciare più una sola parola (in questo caso scrivere) sull'argomento della mia sfiga dell'ultimo periodo. Basta, vi ho rotto abbastanza e di certo parlarne e lamentarsi non mi aiuterà a risolvere i problemi.

Voglio parlare di libri, sentirmi leggera e rilassata e soprattutto felice e in pace con me stessa; solo i libri riescono a donarmi tutto questo in modo incondizionato e in qualsiasi momento della giornata (o nottata xD).

Oggi vi propongo la recensione che avete votato maggiormente al sondaggio che si è chiuso ieri. In realtà come sospettavo è arrivato il tanto temuto pari merito xD
Con 20 voti e il 28% di preferenza, ho scelto POD - Perle di orrore e distruzione di Stephen Wallenfels, pubblicato dalla Piemme Freeway, il 5 novembre 2013, al prezzo di 17 euro per 291 pagine.
Se vi interessa saperlo, avete votato questo libro a pari merito con "Il mio disastro sei tu" di Jamie McGuire, recensione che credo pubblicherò la prossima settimana :)

Trama:
Quando in cielo compaiono all'improvviso gigantesche sfere nere rotanti, che polverizzano in lampi di luce azzurra chiunque sia stato sorpreso in strada in quel momento, i superstiti barricati in casa saranno tutti costretti a rispondere alla stessa domanda: "Cosa sono disposto a fare per sopravvivere?". POD è la storia di un cataclisma globale, narrato dal punto di vista di Megs, una ragazzina dodicenne intrappolata nel parcheggio sotterraneo di un hotel a Los Angeles, e di un sedicenne di nome Josh, bloccato in una casa a Prosser, nei pressi di Washington, con suo padre, un uomo affetto da manie ossessivo-compulsive. Per entrambi, cibo, acqua e tempo stanno esaurendosi. E intanto un nemico extra-terrestre, che ha inspiegabilmente dichiarato guerra all'umanità, attende paziente sospeso sopra di loro... Ce la farà Megs a sopravvivere abbastanza a lungo da rivedere sua madre? Riusciranno Josh e suo padre a sopravvivere l'uno all'altro?

Il mio pensiero:
La pubblicazione di questo romanzo è passata un pochino inosservata e quei pochi che l'hanno notata l'hanno anche snobbata, sarà per colpa della cover orrenda? O del titolo che non attrae per niente? Non lo so, fatto sta che anch'io all'inizio non ero per niente attirata da questo libro, poi ho cambiato idea piano piano e ho deciso di dargli una possibilità.

Cover prima edizione originale
POD racconta la storia di due adolescenti, Megs e Josh. La prima in fuga con la madre, il secondo in procinto di iniziare una normale giornata, in casa con il padre. Improvvisamente e dolorosamente arrivano le POD, queste sfere enormi e fluttuanti che si posizionano nei cieli di tutto il mondo. E' subito chiaro a tutti che queste sfere non sono innocue, infatti appena una persona mette piede fuori da qualsiasi edificio, viene risucchiata da un raggio luminoso che la fa scomparire simultaneamente. Josh rimane chiuso in casa con un padre ingegnere, devoto alla pulizia e con una mente pratica e organizzata. Megs rimane sola nella macchina scassata della madre, dentro ad un garage a più piani di un hotel. Josh vive questa "invasione aliena" in modo più tranquillo, grazie ad un padre che con le sue stramberie lo tiene impegnato con la mente facendolo spesso diventare pazzo, ma niente potrà evitare il suo orrore e dolore di fronte alla sparizione di "un'amica" oppure di fronte alla disperazione del condominio che si trova di fronte casa sua. Megs invece si ritroverà a dover sopravvivere sola e impaurita, dentro ad un garage pieno di macchine abbandonate e mezze fracassate, non potrà entrare nell'hotel perché è popolato da persone poco raccomandabili e soprattutto non potrà uscire per cercare da mangiare e da bere.

Mi sto dilungando troppo me ne rendo conto e ho preferito "troncare" così il mio riassunto.
POD è un libro strano, per prima cosa all'inizio non sopportavo l'idea che i due protagonisti non si incontrassero (lo sapevo dopo aver letto una recensione), ma alla fine ho iniziato ad apprezzare questo aspetto, perché l'autrice ci dà una veduta più ampia di quello che succede nel mondo e ci fa capire meglio come questi due ragazzi riusciranno a sopravvivere.
Cover UK
Come seconda cosa, abbiamo una narrazione che può risultare quasi fredda e meccanica, ma che riesce a tenere incollato il lettore ad ogni riga; la storia diventa come una droga, provoca un'ansia incredibile e il lettore si sente spinto in modo sempre più evidente a voler sapere sempre di più. Di solito sapete che se un romanzo non riesce a provocare in me emozioni è rarissimo che mi piaccia, questo è uno dei pochi casi. Non mi sono emozionata molto leggendo POD, o per lo meno, le uniche emozioni che ho provato sono state ansia, paura e un pizzico di dolore, ma niente di più, solo che queste emozioni le ho provate in modo così vasto che mi sono bastate per sentirmi completamente catturata. Inoltre lo stile dell'autore è molto fluido e si legge davvero con facilità, questa è una cosa che aiuta con una storia così particolare.

Josh e Megs non vengono analizzati in modo molto profondo, impariamo a conoscerli, questo è vero, ma solo grazie a piccole scene o dialoghi, ma anche in questo caso non ho sentito il peso di questa "superficialità", non è una storia introspettiva, ma una storia di sopravvivenza.
L'unica cosa che non ho apprezzato molto è stata quella di non sapere per quale cavolo di motivo sono arrivate queste sfere, da dove vengono, cosa sono e perché sono lì. Potevo solo basarmi sui ragionamenti di Josh e del padre (Megs era troppo occupata a sopravvivere per pensare in modo ragionevole alle POD) e provare a dare ragione all'uno o all'altro, infatti dopo aver finito il libro ho ragionato su questo e sono arrivata alla conclusione che secondo me l'autore ha voluto creare la storia proprio in questo modo: arriva un'invasione (forse aliena chi lo sa), ma è ovvio che i personaggi che vivono questa invasione non ne sappiano niente, così il lettore si sente ancora più in sintonia con loro,  l'ansia e allo stesso tempo la paura di sapere sono ancora più vividi e intensi. 

Cover originale brossura
Non è di certo il migliore libro dell'anno che ho letto, ma si difende bene. Con una storia che all'inizio può risultare banale e poco interessante, questo libro si è rivelato essere una storia interessante, ben scritta e ben studiata. Il finale dà pochissime risposte, ma riesce a far tirare un piccolo sospiro di sollievo ai protagonisti e ai lettori, con una cappa di ansia che aleggia sulle loro teste e nella nostra mente, con mille domande senza risposta, credo che il prossimo libro della serie sarà ancora migliore e ancora più interessante. Spero che Megs e Josh si incontreranno e credo proprio accadrà grazie ad un colpo di scena che nel finale mi ha steso.
Sicuramente lo consiglio, provate a dare una chance a questo libro, secondo me potrà stupirvi.

Momento cover. Come ho già detto, la cover italiana è veramente orrenda a mio parere, nonostante sia completamente in linea con la storia, in quanto rappresenta i due protagonisti, secondo me è stata studiata proprio male.
La cover originale mi piace, è semplicissima, ma credo riesca a mettere quella punta di curiosità e di ansia che appartengono anche alla storia.
La cover UK mi piace abbastanza, anche in questo caso tutto è basato sulla semplicità, molto minimale, forse un po' troppo.
Ed infine la cover originale, ma in brossura. E' sicuramente la più ricca di dettagli ed è anche molto intrigante, ma non so, non la sento completamente in sintonia con la storia, non riesco a capire bene il perché; ma fa di certo il suo effetto.
Classifica finale: cover originale, cover originale brossura, cover UK, cover italiana.

Il mio voto per questo libro:


Oddio, ma quanto è bello il mio nuovo rating??? Non vedevo l'ora di utilizzarlo *___*
Bando alle ciance, cosa ne pensate di questa recensione ragazzi? Vorrei sapere se lo avete letto, oppure se, come era capitato a me, lo avete completamente snobbato. Ora che avete anche il mio parere (oltre ad altri in giro per la rete, ovviamente) state cambiando idea?

26 commenti:

  1. mmmmmm capisco il tuo disappunto per la sfiga continua...non so se questo possa esserti di consolazione ma anche io sono perseguitata quindi sei in buona compagnia.
    Per quanto riguarda il libro, continua a non ispirarmi anche se ho letto volentieri la tua recensione!
    E' proprio un libro che al momento non mi attira.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dany, diciamo che è un libro un po' particolare e forse fuori dalle tue corde e se non ti ispira dopo le recensioni che puoi aver letto in giro, allora è proprio il caso che tu e POD proseguite su due strade diverse ;)

      Elimina
  2. La pensiamo allo stesso modo su questo libro ;) Anche io all'inizio lo avevo snobbato (quella cover non si può guardare.. il titolo poi..) ed invece sono contenta di averlo letto! Mi sono piaciuti di due POV, nonostante la lontananza alla fine tutto si intreccia.. peccato non aver capito cosa volessero veramente gli alieni e soprattutto che cos'è quella cosa che spunta dal mare alla fine? *O* io devo sapereeeee..
    Visto che l'autore sta ancora scrivendo il secondo libro, chissà quando potremo leggerlo -.- Ottima recensione Ale, io voto la cover UK mi sembra la migliore!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mamma mia zia, la cover è orrenda... il titolo è stato mantenuto dall'originale, ma l'autore poteva sforzarsi un pochino di più, a parte questo è uno di quei casi in cui cover, titolo e anche la trama (un po') non rispecchiano quello che realmente è contenuto nella storia.
      Anch'io sono curiosissima di capire meglio e continuare a leggere la storia, speriamo che l'autore non se la prenda troppo comoda con la stesura del secondo libro e soprattutto speriamo che la Freeway avrà voglia di continuare la serie, dato che non credo abbia avuto un gran successo in Italia :(

      Elimina
  3. Allora, recensione FAN-TA-STI-CA. Davvero. Questo libro mi ispirava meno di un cartone del latte lasciato fuori frigo in un ferragosto torrido. Il titolo mi sembrava veramente bruttino e la cover peggio, hai ragione. Infatti non l’avevo votato… Ma, come quasi sempre mi capita, leggendo i tuoi pensieri e le tue riflessioni la voglia di leggerlo è cresciuta in maniera esponenziale. Lo metto in WL, assolutamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nadia, wow, addirittura fantastica? Ma grazie tesoro *_*
      Ok, ehm... hahahah la tua descrizione della poca ispirazione che avevi si è capita alla grande, ahahahah ho iniziato a rotolare dal ridere quando ho letto il tuo commento xD
      Sono troppo felice che la mia recensione ti abbia convinto a metterlo in WL, ti assicuro che cover e titolo sono molto molto inferiori al contenuto della storia.

      Elimina
  4. Bha questo libro non mi ispira proprio.. partendo dal titolo -.-, la trama e poi il fatto che i due protagonisti non si incontrino mai non mi convince. Però accidenti gli hai dato 4 stelle!!
    mmmmmm mi stai tentando :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Laura, è vero i due protagonisti non si incontrano mai, ma ti assicuro che questa cosa non è un peso né un problema, anzi è un modo per vivere a tutto tondo l'intera storia :)

      Elimina
  5. Il rating è bellissimo!! *-*
    Ammetto di essere una di quelle che hanno snobbato il libro, però già leggendo la recensione di Monica aveva iniziato a incuriosirmi un pochino!! :) anche ora continua a incuriosirmi, ma non a tal punto da volerlo leggere al più presto...però credo che gli darò una possibilità appena ne avrò occasione!! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai visto tesoro??? Piace un sacco anche a me *_*
      Credo che questo libro sia stato snobbato da un sacco di lettori, un vero peccato perché se fosse stato fatto un lavoro migliore con la cover, forse avrebbe attirato qualche sguardo in più...

      Elimina
  6. tesoro sono contenta che ti sia piaciuto! *O* anche io all'inizio non sopportavo il fatto che i protagonisti non si incontravano e non capivo il collegamento! solo alla fine si capisce qualcosa! niente male, spero che il seguito migliori!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Leda, a mente fredda, il fatto che i due protagonisti non si incontrano la trovo una genialata perché il lettore riesce a dare uno sguardo più ampio a tutta la storia e in un certo senso è come se avessi la possibilità di conoscerli per quello che sono davvero senza l'influenza dell'altro protagonista...

      Elimina
  7. Questo libro è nella lista degli "da acquistare" da un mesetto. Lo avevo notato proprio per la cover un po' insolita e la trama mi aveva intrigato parecchio. Non lo ho ancora acquistato ma penso che succederà presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lucy, cavolo credo che tu sia una delle pochissime che è riuscita a sentirsi attratta da questa cover fuori dall'ordinario, ma dammi ragione, decisamente bruttina....
      Spero potrai comprarlo presto e soprattutto apprezzarlo :)

      Elimina
    2. Credo che sia stata proprio la sua bruttezza o lo sguardo inquietante del protagonista ad attrarmi ahaha

      Elimina
  8. Dunque dunque dunque... leggendo questa recensione mi è quasi parso di rileggere quella di The Returned, cioè è più un libro di che "fa riflettere" che altro... non sapevo che fosse il primo di una serie, magari aspetterò di sapere come saranno i seguiti, perché sinceramente non mi ispira molto :(

    P.S. quando ero più piccola a volte sentivo le persone dire "l'amore è cieco, ma la sfiga ci vede benissimo", cavoli è proprio vero, lo sperimento pure sulla mie pellaccia -__-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda Laura, è completamente diverso da "The Returned", nel senso che questo è molto più coinvolgente e avvincente... anche se le emozioni sono pochissime, quelle poche che si vivono ti lasciano sbigottito *_*
      La sfiga ha in dotazione un cannocchiale di quelli tipo dell'esercito. °___°

      Elimina
    2. Ahahahahaha intendi quelli da cecchino? è molto probabile xDDDDDDD

      a bhè, se mi dici così allora lo metto il WL, però quella cover... è abbastanza brutta da farti perdere la voglia di leggerlo :/

      Elimina
  9. Questo libro lo avevo notato da un po' di tempo per la copertina e per il libro che a me sono piaciuti molto e mi hanno catturato. Sono contenta che alla fine questo libro ti abbia colpito positivamente e credo che a questo punto salirà la mia WL ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima, anche tu sei rimasta colpita dalla cover? Ma dai, siete davvero pochissimi... mi sa che posso contarvi sulle dita di una mano xD
      Spero potrai comprarlo presto :)

      Elimina
  10. Sinceramente la cover è proprio brutta il titolo insignificante e la trama pure... (mi sento un po' cattiva a parlare così =D) ma la tua recensione invoglia davvero a leggerlo! Lo metto in WL perché secondo me alla fine mi piacerà!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vally, per cover e titolo ti do ragione, ma alla fine il titolo è identico a quello originale, dunque il problema è proprio alla fonte xD
      Beh, mi sento davvero orgogliosa, la trama non ti piace, la cover neanche, il titolo nemmeno, ma grazie alla mia recensione hai deciso di metterlo in WL lo stesso *___*

      Elimina
  11. Penso sia il titolo più antipatico che abbia mai letto!! Mamma mia, perchè? Perchè??????
    La trama umm.. niente di particolarmente invitante per me. Ma la tua recensione riuscirebbe a smuovere anche il più scettico degli scettici!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah Michy, hai ragione... Forse senza sottotitolo sarebbe stato leggermente meglio, ma non so...
      Dai, è uno di quei libri strani a cui secondo me dovresti provare a dare una possibilità tesoro :)
      Purtroppo non si sa niente del seguito, che l'autore sta ancora scrivendo e spero davvero si dia una mossa, ma soprattutto spero la CE italiana deciderà di non troncare la serie :(

      Elimina
  12. Ho scoperto questo libro esattamente due minuti fa, sul sito della Piemme, e dalla trama che c'è scritta sul sito non ho capito molto. Quindi ho cercato una recensione e ho trovato la tua... che dire? Mi hai incuriosita... :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quanto mi piace trovare commenti a post così "datati" *___*
      A me il libro è piaciuto, è vero che è molto particolare, ma mi è piaciuto proprio.
      Spero solo che non bloccheranno la pubblicazione della serie :(

      Elimina

Lasciate un segno del vostro passaggio, sono sempre felice di leggere e rispondervi ♥