sabato 7 giugno 2014

Recensione: "Non lasciarmi" di Kazuo Ishiguro

Buongiorno lettori accaniti e buon sabato. Cosa farete di bello oggi? ^_^
Questo post in realtà doveva essere pubblicato mercoledì, è quella famosa recensione che vi dicevo avrei dovuto pubblicare quel giorno, ma che alla fine ho cancellato per rabbia xD
Spero che oggi andrà meglio e riuscirò ad arrivare fino in fondo senza farmi scoppiare qualche momento nevrotico xD
E' da un po' che non pubblico recensioni, ma tra "giorni morti", iniziative, anteprime e giveaway non ho avuto tempo per altro... inoltre dalla settimana prossima vorrei riprendere le due rubriche settimanali che ho mantenuto (www... wednesdays e chi ben comincia), spero ci riuscirò; oltre alle due rubriche mensili, quella di Michy e quella in collaborazione con Leda :)

Trama:
Kathy, Tommy e Ruth vivono in un collegio, Hailsham, immerso nella campagna inglese. Non hanno genitori, ma non sono neppure orfani, e crescono insieme ai compagni, accuditi da un gruppo di tutori, che si occupano della loro educazione. Fin dalla più tenera età nasce fra i tre bambini una grande amicizia. La loro vita, voluta e programmata da un'autorità superiore nascosta, sarà accompagnata dalla musica dei sentimenti, dall'intimità più calda al distacco più violento. Una delle responsabili del collegio, che i bambini chiamano semplicemente Madame, si comporta in modo strano con i piccoli. Anche gli altri tutori hanno talvolta reazioni eccessive quando i bambini pongono domande apparentemente semplici. Cosa ne sarà di loro in futuro? Che cosa significano le parole "donatore" e "assistente"? E perché i loro disegni e le loro poesie, raccolti da Madame in un luogo misterioso, sono così importanti? Non lasciarmi è prima di tutto una grande storia d'amore. È anche un romanzo politico e visionario, dove viene messa in scena un'utopia al rovescio che non vorremmo mai vedere realizzata.

Rating:


Il mio pensiero:
Per quanto tempo questo libro è stato immobile nella mia libreria, pensate che me lo hanno regalato per il mio compleanno del 2012 °__° solo se ci penso mi vergogno di me stessa.
Questo libro mi ha sempre ispirato, ma non essendo acclamato da ogni parte del web, un pochino lo avevo accantonato, non è che non mi ricordavo più di lui, ma c'erano voci molto più forti che mi chiamavano, mentre la sua continuava a rimanere timida. Per fortuna che, grazie alle due challenge a cui sto partecipando, mi è tornato in mente ed ho deciso di leggerlo.

Cover originale copertina rigida
Non lasciarmi è come se fosse una specie di diario personale, il diario di Kathy, la protagonista del libro.
Kathy ha vissuto tutta la sua infanzia e la sua adolescenza ad Haylsham insieme ai suoi cari amici Ruth e Tommy, che diventeranno insieme a lei i protagonisti del libro. Hanno vissuto la vita chiusi dentro questo collegio, cullati e cresciuti dai loro tutori, fra gli scherzi e i giochi di quando si è bambini e le scorribande e gli amori dell'adolescenza. Nel momento in cui usciranno da quel collegio e vedranno il mondo esterno tutto cambierà ed è proprio grazie al racconto di una Kathy adulta che rivivremo la loro vita, scopriremo i loro segreti e capiremo il motivo di alcune scelte compiute dai tutori e dagli stessi ragazzi.

Questo libro è molto strano, viene presentato come distopico, almeno io mi sono avvicinata ad esso inquadrandolo in questo genere, ma di distopico c'è poco e quel poco è come se lo vedessimo tra le righe; proprio perché per Kathy tutto è normale, è la sua vita, è nata e cresciuta in quel modo e di certo non può pensare (soprattutto quando ancora era una bambina) che c'era qualcosa di strano e di diverso in lei e nei suoi amici. E vivendo questa storia proprio attraverso gli occhi della protagonista, non la viviamo come uno scenario distopico, ma semplicemente come un racconto di una vita, come un continuo flusso di ricordi che sembra sommergerci.
Infatti conosciamo Kathy ormai adulta e grazie a lei torniamo indietro nel tempo, dal momento in cui è successo qualcosa degno di nota, fino a tornare al presente e ai suoi 31 anni. E' una storia così intensa e così scorrevole che mi sono fatta prendere fino al midollo, proprio come se avessi questa ragazza, questa donna che occhi negli occhi mi racconta la sua vita.

Cover originale brossura
Lo stile dell'autore è estremamente colloquiale e fluido ed anche se molte scene potrebbero sembrare semplici e poco importanti, noi le viviamo esattamente come il racconto di una vita, il racconto di un'amica. Riesce a coinvolgere proprio come se fossimo anche noi parte della storia e ci sembra quasi di vivere certe sensazioni sulla nostra pelle.
E' un romanzo che fa riflettere sull'amicizia, sull'egoismo umano, sull'amore e su le diversità fra gli uomini; riesce, con pochi i semplici concetti ad aprire il cuore del lettore e a farlo emozionare.
Non è di certo un libro che brilla per azione e movimento, anzi è raccontato tutto in modo molto tranquillo ed essendo un "rivangare i ricordi" noi stessi ci ritroviamo risucchiati nel vortice della mente di Kathy. Nel momento in cui ci racconta una scena, ecco che un'altra si incastra a quella e allora l'attezione viene attirata da questo nuovo momento, per poi tornare alla scena di prima... detto così sembra una gran confusione, ma non lo è affatto, perché col passare delle pagine, ogni tassello trova il suo posto e ogni ricordo sembra combaciare in modo così perfetto che non si fa nemmeno caso a questi cambi di discorsi o di scene... Si segue semplicemente il filo logico ed emotivo di Kathy, come una barca in mezzo al mare ci facciamo trasportare dalle correnti e credo che questo sia il modo migliore di vivere l'intero libro. Senza stare a farsi troppe domande inutili, senza chiedersi i motivi di certe scelte, non abbiate fretta perché tutto verrà detto e tutto verrà analizzato dalla stessa protagonista. Molto spesso compare questo ragionamento: "se ripenso a quei momenti adesso, credo che avrei potuto reagire in modo diverso, avrei potuto dire qualcosa di diverso e fare scelte diverse" è la stessa Kathy che lo pensa, proprio perché analizza la sua vita e il suo passato ora che è adulta e che conosce molto più cose riguardo al mondo in cui è cresciuta e alle persone che l'hanno cresciuta.

Cover UK
Un libro che con molta tranquillità ci mostra quanto si può essere egoisti senza pensarci, quanto il mondo possa essere assurdo per certi versi, quanto l'amicizia possa essere instabile soprattutto ad una certa età, quanto l'amore può covare per anni in silenzio per poi esplodere, quanto una persona possa essere cinica verso il proprio futuro e allo stesso tempo quanto può essere matura e ragionevole. Se partiamo con mille sogni e speranze, arriviamo alla fine insieme alla protagonista che ci sono rimasti solo pensieri fatti di realtà, i sogni e le speranze se ne sono andati insieme agli anni che passano. Ed è proprio questo uno dei punti forti del libro, secondo me: è come se crescessimo insieme a Kathy, come se imparassimo qualcosa e a quel punto anche noi andremo a cercare qualche ricordo del passato e penseremo: "anch'io avrei potuto reagire in modo diverso o fare scelte diverse"... quando un libro ti cattura così tanto è inevitabile fare confronti tra la storia raccontata e la propria storia personale.
Un bellissimo romanzo che consiglio di leggere a più persone possibili, fatevi trascinare dai ricordi di Kathy, dalla sua infanzia e adolescenza e dalla sua maturità. Non soffermatevi troppo a riflettere mentre leggete, seguite il corso degli eventi, dopo di che avrete tutto il tempo di fermarvi un attimo e pensare a quello che avete letto e alla vostra vita passata e presente.

Le cover: Ammetto che ho avuto qualche difficoltà a capire a quale edizione appartenessero le cover, ma spero di non aver fatto dei casini. Se qualcuno di voi nota degli errori fatemelo sapere.
Credo che in generale per questo libro non abbiano fatto un gran lavoro, la cover italiana non mi fa impazzire, ma non è male, forse è un po' troppo spensierata per i miei gusti. La cover originale con la copertina rigida la trovo orrenda, davvero, non mi piacciono i colori né la modella usato.
La cover originale in brossura è splendida, mi piacciono moltissimo i colori usati e il font del titolo mi fa impazzire. Ed infine la cover UK, non è un granché, l'unica cosa che salvo sono i colori che credo siano splendidi.
Classifica: cover originale brossura, cover UK, cover italiana, cover originale copertina rigida.



Incredibile, ma ce l'ho fatta. Come vedete ho deciso di aggiungere qualcosina in più per rendere il post più carino: lo sfondo alla trama e cover. Spero vi piaccia, anche perché io sono una caprona con i codici html e ci ho messo un sacco; ovviamente Deni ne sa qualcosa visto che le ho rotto le palle un po' troppo secondo i miei gusti.
Ok, a parte questo, spero commenterete con qualche bel pensiero, lo avete letto o no? E' uguale, basta che mi dite cosa ne pensate del libro e della recensione, così possiamo scambiarci qualche parere.
So che di questo libro hanno fatto anche il film, qualcuno di voi lo ha visto? Mi consigliate di guardarlo o pensate mi rovinerebbe la storia letta nel libro?
Un bacione a tutti voi!

30 commenti:

  1. Il film assolutamente consigliato. Meraviglioso. Ma da vedere una volta e basta. So che, nel libro, c'è un momento preciso in cui Tommy fa un urlaccio liberatorio. Nel film è perfetto, ed Andrew Garfield è da brividi. Ho il romanzo il libreria: prestito di un'amica. Quando mi viene il coraggio, lo leggo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mik, se me lo stra consigli tu, allora direi che non posso farmelo sfuggire. Sapendo quanti film e telefilm guardi credo che tu abbia fiuto per queste cose.
      Sono proprio curiosa ora... dovrei iniziare a curare un po' di più anche la mia collezione di dvd.

      Elimina
  2. Alloooora io ho letto il libro proprio dopo aver saputo che sarebbe uscito il film! L'avevo preso in biblioteca e mi era piaciuto parecchio... ancora adesso, anche se sono passati anni, nel mio cuoricino da lettrice ha un posto speciale e tutto suo *^* infatti quando me l'hanno regalato qualche mese fa, la mia voglia di rileggerlo è salita alle stelle *__*
    Il film è davvero bellissimo! Gli attori tutti azzeccati, le atmosfere anche... è angosciante, dolce e amaro proprio come il libro... e va beh Andrew Garfield è stato perfetto (come dice anche Mik qui sopra U_U l'urlo... *brividi*) pensa che c'ho il dvd e ogni tanto, anche se ogni volta mi faccio del male, non posso fare a meno di guardarlo X°D
    Sono masochista lo so T__T
    La cover brossura UK è proprio quella con la locandina del film ed è anche la mia preferita!
    Comunque è molto carino il post con il riquadro colorato *^* visto che alla fine hai avuto tu la meglio? :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Deni, che bello sapere che questo libro ti è rimasto così impresso nel cuore, credo sia una cosa rara, o comunque difficile da ottenere.
      Anche tu stra-consigli il film, devo assolutamente rimediare.
      Sai che non sapevo che la mia cover preferita fosse proprio quella con la locandina del film?
      Sì, sono riuscita, ma alla fine il bordino bianco dell'immagine è rimasto :(

      Elimina
    2. Strano o.o benedetto bordino... anche se a dirtela tutta a me non dispiace :P
      Comunque sì, guarda il film, è proprio bello *__* triste sì, ma bello bello!

      Elimina
  3. Ciao Ale! Io sto lavorando un sacco infatti sono arrivata a casa da poco e ho acceso subito il computer per commentare il tuo post mentre il moroso sta stendendo ahahah!!
    Sai che questo libro non mi attirava per niente? Però come al solito le tue recensioni mi fanno cambiare idea e mi sa che appena entrerò in un periodo meno frenetico lo prenderò in considerazione :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vally, mi spiace che sia un periodo così pieno... Per fortuna che hai il moroso bravo che ti aiuta mentre tu guardi i blog xD
      Guarda, è un libro molto diverso dal solito, ma secondo me un'occasione potresti dargliela...

      Elimina
  4. Io ho visto il film ma non ho ancora letto il libro.
    Ho trovato la trama particolare e interessante.
    In generale mi è piaciuto, la cosa che mi ha deluso però è la mancanza di una svolta negli eventi. Vedendo il film, speravo sempre che succedesse qualcosa e che Kathy si ribellasse.
    Comunque ti consiglio di vederlo e fare il confronto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io ho trovato un po' di "staticità" anche nel libro, ma credo sia proprio questo che differenzia la narrazione e la storia da tante altre, proprio per questo risulta così reale, infatti non tutti nella vita abbiamo il coraggio di ribellarci e provare a cambiare le cose, è un coraggio che in pochi trovano...
      Guarderò assolutamente il film, me lo state consigliando tutti *_*

      Elimina
  5. Ho letto questo libro qualche mese fa. Mi è piaciuto molto anche se continuavo ad aspettarmi una svolta diversa, una presa di coscienza, una volontà di ribellione. Invece niente, molto angosciante e triste.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Laura, come ho scritto anche nel commento ad un'altra ragazza, credo che questo libro sia così diverso, particolare e reale proprio per la mancanza di questa svolta. A quanti di noi, nella nostra vita viene il coraggio di ribellarsi, di cambiare tutto? Credo a pochi, ed è proprio per questo che la storia riesce a prendere e far riflettere così tanto... almeno io la vedo così :)

      Elimina
  6. Bellissima recensione Ale! Devo dire che la storia di Kathy mi affascina, penso che seguirò il tuo consiglio e mi farò trascinare dai ricordi della protagonista^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Jerry, sempre troppo gentile ^_^
      Sono contenta che il libro ti incuriosisca e che la recensione sia riuscita a colpire nel segno. Spero avrai modo di leggerlo presto :)

      Elimina
  7. Ciao Ale, questo libro l'ho comprato grazie al buono feltrinelli che mi hanno regalato al compleanno, e inutile dire che sono davvero curiosa. Bella recensione ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lù, aaaaaah che belli i buoni acquisto... ti invidio... piacerebbe anche a me riceverne uno per il compleanno, così da sbizzarrirmi come una pazza xD
      Spero che il libro ti piacerà e ti trasporterà nel modo giusto ^_^

      Elimina
  8. Io ce l'ho in libreria lì che mi aspetta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ale, non farlo aspettare troppo... dai un'occasione a Kathy, anche se indubbiamente serve uno stato d'animo abbastanza sereno per affrontare questa lettura.

      Elimina
  9. ho il libro in libreria, adesso ho proprio voglia di leggerlo, grazie. Non sapevo ci fosse il film, leggerò il libro e poi lo guarderò. Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì Chiara, visto che lo hai già disponibile potresti provare a leggerlo.
      Anch'io dico sempre che leggo il libro e subito dopo guardo il film, ma finora non sono mai riuscita :/

      Elimina
  10. Ciao Alessia, nonostante la tua recensione non riesco a farmi attirare da questo libro... non mi ha mai incuriosito, non so come mai :/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao tesoro, evidentemente non è una storia che rientra nelle tue corde, se non ti attira fai bene a non leggerlo, sarebbe uno spreco di tempo per te e forse una delusione.
      Mi fa piacere che la nuova aggiunta al post ti piaccia ^_^

      Elimina
  11. P.S. lo sfondo alla trama lo trovo molto carino ;)

    RispondiElimina
  12. Oh Ale Ale.. a me questo libro è stato profondamente sulle bolle.
    Un dispotico che un dispotico non è, a me non ha fatto emozionare per nulla.. anzi... l'ho finito a fatica immersa in una noia profonda solo perché spinta dalla FRTR di Deni.
    E' bello e quasi spiazzante leggere quante belle sensazioni ha trasmesso a te XD
    Davvero io l'ho trovato di un insulso terribile!! D'ho.. de gustibus!!!
    Sta benissimo lo sfondo alla trama :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Michy, beh dai finché ti sta sulle bolle e non sulle balle va bene ahahahah
      Non si dice dispotico, ma distopico xD
      Ecco credo che il problema di questo libro sia proprio questo, se non ci si trova nell'umore giusto e se la storia non attira da subito è facile annoiarsi e rimanere delusi.
      Mi dispiace non ti sia piaciuto, ma appunto sono gusti. Magari una storia che tu hai trovato meravigliosa, io l'ho odiata xD

      Elimina
    2. Ahahahah XD dannazione! Ho sbagliato "distopico" noooo
      Magari dico una buffonata ma anche se molto alla lontana mi ha ricordato Unwind, quelli sì che mi era piaciuto, e boh questo no, anche perché comunque è uno stile tutto diverso..
      Ahhh si Ale ce ne saranno eccome :P

      Elimina
  13. Non lasciarmi è così discreto in apparenza che la tentazione di metterlo da parte è forte, tanto da sembrare naturale. Anche dopo averlo letto, rimane un po’ quella sensazione che è difficile da spiegare: mentre la storia ti scuote, dapprima lentamente poi con maggiore enfasi, lo stile di Ishiguro è così pacato da sembrare un sussurro. Una storia nel vento.
    Per questo sono d’accordo con il tuo consiglio di non soffermarsi a riflettere troppo: lo spazio per comprendere arriva dopo, è un libro che lo pretende.
    Bellissimo e speciale, proprio perché l’elemento distopico è solo una sfumatura, lo sfondo di una scenografia, mentre in primo piano non c’è che la vita.
    Sono contenta che ti sia piaciuto =)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ama, ma che meraviglioso commento, sembra quai una poesia *___*
      E' davvero un libro particolare, che può facilmente non piacere, ma che se piace, riesce a rimanere nel cuore, proprio grazie all'eco che rimane.
      Grazie di questo splendido commento!

      Elimina
  14. Bellissima recensione, Ale **
    Ero curiosissima di sapere cosa ne pensassi, come ti ho detto tempo fa il libro non mi è piaciuto quanto il film, sarà che lo stile di Ishiguro è un po' troppo asciutto per i miei gusti... Concordo con Mik riguardo alla trasposizione cinematografica, personalmente ho versato fiumi di lacrime e, alla fine, mi sono sentita svuotata :I
    Un abbraccio, cara!
    Mel

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mel ^_^
      Ok, ok... ho capito. Con il tuo commento torno a dire che devo assolutamente guardare il film, chissà magari anche a me piacerà ancora più del libro. Sarà sicuramente doloroso, ma se un libro (come un film) riescono a smuovere emozioni così potenti, ne vale sempre la pena.
      Un abbraccione anche a te.

      Elimina
  15. Ci ho messo un po' ad affezionarmi al tuo blog sai? Spero non fraintenderai, ma è stato per me proprio quel che "Non lasciarmi" è stato per te beh, questa è una delle dimostrazioni pratiche del fatto che i miei sforzi volti ad andare "oltre al rosa" stanno funzionando, mi piace molto il tuo blog, e mi piace molto proprio perchè è così diverso dal mio. Da cosa l'ho capito? Beh dovrebbe essere chiaro dal fatto che io stia scrivendo sotto a questa recensione: l'ho capito da quel che hai scritto su questo libro di Ishiguro. Questo è l'unico libro che ho sottratto a mia madre negli ultimi diciamo...10 anni, volevo qualcosa di diverso da quello che leggo di solito (tanto per cominciare è piuttosto breve banalmente) e l'ho letto, e in tempi brevissimi è uscito il film che mi ha permesso di cementificarne il ricordo nel mio cervello. Sono assolutamente d'accordo con te, in sostanza questo libro sà sorprendere proprio perchè anche senza fuochi d'artificio va dove non ci si aspetta, una recensione piacevole che ha ridestato in me i ricordi della lettura che feci del libro, credo proprio che da questo post innanzi ti seguirò con più attenzione, mi farebbe piacere riuscire davvero a farmi consigliare qualcosa da leggere da te (non intendo direttamente eh, intendo dalle tue recensioni/consigli etc), alla prossima allora!

    RispondiElimina

Lasciate un segno del vostro passaggio, sono sempre felice di leggere e rispondervi ♥