sabato 26 luglio 2014

Recensione: "Raven Boys" di Maggie Stiefvater

Buondì amanti della lettura, anche questa settimana sta finendo e in men che non si dica ci ritroviamo alla fine di luglio... ammetto che tra impegni e meteo bizzarro quest'estate me la sto godendo molto poco, perché quando avrei tempo per fare qualcosa ovviamente piove e quando il tempo è meraviglioso io sono impegnata al lavoro o in altri modi, va beh.... quest'anno va così, non posso di certo farci molto.

Oggi vi propongo un'altra recensione (sia mai che ne riesco a recuperare un po' xD), ma questa l'avete scelta voi tramite il sondaggio. C'è stata una vera e propria lotta fino all'ultima ora e per un attimo sembrava dovesse vincere un altro libro, invece con 25 voti e il 33% di preferenze avete votato "Raven Boys" di Maggie Stiefvater.


Trama:
È la vigilia di San Marco, la notte in cui le anime dei futuri morti si mostrano alle veggenti di Henrietta, Virginia. Blue, nata e cresciuta in una famiglia di sensitive, vede per la prima volta uno spirito e capisce che la profezia sta per compiersi: è lui il ragazzo di cui s'innamorerà e che è destinata a uccidere. Il suo nome è Gansey ed è uno dei ricchi studenti della Aglionby, prestigiosa scuola privata di Henrietta i cui studenti sono conosciuti come Raven Boys, i Ragazzi Corvo, per via dello stemma della scuola, e noti per essere portatori di guai. Blue si è sempre tenuta alla larga da loro, ma quando Gansey si presenta alla sua porta in cerca di aiuto, pur riconoscendolo come il ragazzo del destino non può voltargli le spalle. Insieme ad alcuni compagni, Gansey è da molto tempo sulle tracce della salma di Glendower, mitico re gallese il cui corpo è stato trafugato oltreoceano secoli prima e sepolto lungo la "linea di prateria" che attraversa Henrietta. La missione di Gansey non riguarda solo un'antica leggenda, ma è misteriosamente legata alla sua stessa vita. Blue decide di aiutare Gansey nella sua ricerca, lasciandosi coinvolgere in un'avventura che la porterà molto più lontano del previsto.


Rating:


Serie "The Raven Cycle":
#1 Raven Boys (2014)
#2 The Dream Thieves (2013, inedito in Italia)
#3 Blue Lily, Lily Blue (2014, inedito in Italia)



Il mio pensiero:
Dal momento in cui è stato pubblicato anche qui in Italia non ho fatto altro che sentir parlare di questo libro, leggere pensieri entusiasti e sentirmelo consigliare da un sacco di persone.
Ho voluto aspettare che le acque si calmassero un pochino, perché ho notato che se mi faccio prendere troppo dalla foga del momento, le mie aspettative si alzano così tanto che sarebbe quasi impossibile riuscire a soddisfarle; inoltre ho iniziato ad affezionarmi alla Stiefvater e ai suoi libri e volevo essere dell'umore giusto per leggere questa sua nuova "fatica".
Ammetto che sono contenta di aver aspettato, mi sono sentita più libera e meno "costretta", più interessata e incuriosita e l'autrice ha mantenuto le aspettative che mi ero creata.

Cover originale brossura

Raven Boys non riesco a vederlo come un tipico urban-fantasy, o fantasy o YA... sinceramente non saprei nemmeno in che genere farlo rientrare, ma alla fine è poi così importante? Non credo. L'importante è che sono rimasta colpita (ancora una volta) dall'originalità e dalla fantasia della Stiefvater.

Non credo che l'idea di base di questo romanzo sia completamente nuova e mai letta e probabilmente nella mente di qualche altro autore, "Raven Boys" si sarebbe trasformato nel tipico libro urban-fantasy... ma non nella mente della Stiefvater che ancora una volta è riuscita a trasformare una storia rendendola completamente sua, cancellando i cliché e le banalità.
L'autrice ha questa capacità, credo innata, di rendere ogni suo personaggio importante e realistico. Riesce a caratterizzarli così bene, in modo così profondo e sfaccettato che è impossibile non sentirsi coinvolti da loro.

In questo libro Blue mi ha rubato il cuore, così come la sua stramba e meravigliosa famiglia di sole donne, chi più chi meno veggente. Mi ha fatto sorridere ed emozionare con il suo modo di comportarsi sempre fedele a sé stessa, sempre sincera e onesta, con una punta di simpatia che sembra quasi un dono. Senza dimenticare i suoi dubbi e la sua curiosità tipici di una ragazza adolescente.
Cover tedesca
I ragazzi corvo sono così differenti l'uno dall'altro, così intriganti e profondi, che sinceramente non potrei mai scegliere chi preferisco di loro. Gansey sembra sempre così sicuro di sé, ma in realtà viene fuori la sua parte turbata e insicura molto più spesso di quanto si pensi; questa sua "doppia personalità" mi ha affascinato moltissimo. Adam sembra il più tranquillo del gruppo, il più sincero e con i piedi per terra, ma in realtà sarà lui a perdere per primo la bussola e a fare qualcosa che i suoi amici (e forse neanche lui stesso) non si sarebbero mai aspettati.
Noah è sempre un po' sfuggente, riservato e timido, parla poco ma quando lo fa tutti lo stanno a sentire; sarà parte di un segreto molto più grande di lui e pericoloso.
Ed infine l'incostante e complicato Ronan, quello sempre pronto a fare a botte, quello con un passato complicato che lo rincorre, quello che è disinteressato a qualsiasi cosa gli stia attorno, a parte i suoi amici. Sarà quello che minaccerà, urlerà e bestemmierà, ma sarà anche quello che salverà e che abbasserà la testa di fronte ai suoi errori.
Insomma, come potete capire i personaggi sono tanti e tutti molto vari, non sono stata qui a parlarvi di ogni comparsa del libro, vi basti sapere che ognuno di loro mi ha lasciato qualcosa: emozioni, dubbi, riflessioni...

Le ambientazioni sono estremamente vivide, sarà impossibile non innamorarsi della bella cittadina dianche in questo caso la Stiefvater ci da' una miriade di particolari e dettagli che rendono i posti della storia vivi e pulsanti.
Cover francese
Henrietta e sarà difficile non farsi prendere dall'entusiasmo che nascerà durante le passeggiate che i ragazzi si faranno nei dintorni di Henrietta;
Ho deciso di dare un voto leggermente più basso perché all'inizio ho trovato la storia un po' lenta, come se faticasse a partire. Ho preso in considerazione il fatto che questo è il primo libro di una serie, ma non me la sono sentita di passare sopra a quel piccolo sentore di noia che ho avuto nei primi capitoli. A parte questo, però, la Stiefvater ha colto di nuovo nel segno e lo ha fatto magistralmente.

La storia è avvicente e sorprendente, con rapporti di amicizia e famigliari molto profondi, senza una storia d'amore ben definita, ma solo con qualche sensazione più forte di altre; con ambientazioni indimenticabili e personaggi ancora più memorabili; tutto è originale e coinvolgente in Raven Boys e non mi dimentico di certo dei colpi di scena che ci ritroviamo a vivere grazie agli intrecci splendidi creati nella trama, senza mai lasciare buchi neri fatti di dubbi o incongruenze.
Consigliatissimo a chiunque ha voglia di vivere una storia di fantasia ben scritta, emozionante e indimenticabile che vi farà venire la voglia di avere tutti i libri della serie a portata di mano; vi farà venire voglia di conoscere realmente Blue e i ragazzi corvo, vorrete essere loro amici e vivere con loro ogni avventura che vorranno iniziare e continuare.

Le cover: Finalmente, in Italia abbiamo mantenuto una cover come l'originale, quando ho saputo che sarebbe rimasta identica ho fatto i salti di gioia e non hanno neanche cambiato il titolo, cosa chiedere di più? Vi ho messo la cover originale in brossura perché si differenzia leggermente da quella della prima edizione, perché compaiono sullo sfondo proprio i ragazzi corvo.
Poi ho deciso di farvi vedere la splendida cover tedesca, io amo questa cover, me ne sono completamente e follemente innamorata. E' molto diversa dall'originale, ma l'ambientazione è perfetta, intrigante, oscura e con un sentore di magico, poi amo il modo in cui hanno incastrato titolo e nome dell'autore in quell'ovale splendido.
Ma, ehm... parliamo un attimo della cover francese.... CHE COSA E' QUELLA ROBA? Perché hanno sconvolto così la cover? Il viso della ragazza mi piace moltissimo, ma cavolo, potevano decisamente impegnarsi un pochino di più.
Classifica finale: cover tedesca (*___*), cover italiana/originale, cover originale in brossura e alla fine fine fine cover francese.


Ed eccoci alla fine ragazzi, cosa ne pensate? In tantissimi avete letto questo libro e sono proprio curiosa di scoprire cosa pensate della mia recensione e del libro stesso, ma questa volta sono ancora più curiosa di leggere i vostri pareri sulle cover, dai, ci sarebbe da farci un comizio per tanti e diversi motivi xD
Aspetto fiduciosa i vostri commenti e ci rileggiamo al prossimo post ;)

PS: Ultimamente sto pubblicando un sacco di recensioni con rating 4,5 ahahahahah si vede che è il periodo e pensate che non lo faccio neanche apposta xD

24 commenti:

  1. Lo voglio assolutamente leggere questo libro, della Stiefvater non ho mai letto niente ma è un'autrice che mi incuriosisce moltissimo *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nic, io te la consiglio con il cuore. Finora tutto quello che ho letto di suo mi è piaciuto, ma il mio preferito in assoluto è "La corsa delle onde".

      Elimina
  2. L'ho letto anch'io e gli ho ho dato 4/5 ^__^
    Hai ragione, è un libro molto particolare che ti porta via con la testa, ti immergi nella lettura e non riesci più a staccarti. La caratterizzazione dei personaggi è la cosa più spettacolare del libro: è riuscita a renderli molto reali, ho adorato Adam e mi è piaciuto anche Ronan (Gansey un po' meno XD) ma nonostante questo la storia è talmente particolare che ti strega, spero che il secondo libro sia sulla stessa lunghezza d'onda del primo :)
    L'unica nota un po' stonata che ho trovato è il legame che lega Blue a Gansey... ecco, quello l'ho trovato un po' troppo da cliché, spero che l'autrice riesca a gestirlo in modo originale nei libri seguenti :)
    Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Laura, che bello sapere che è piaciuto anche a te. Ormai credo che la Stiefvater abbia questa capacità innata di appassionare ed emozionare il lettore in modo molto naturale, ogni sua storia, anche la più "assurda" raccontata da lei risulta essere credibile, proprio perché ha questa naturalezza nella narrazione.

      Elimina
  3. Voglio leggerlo! Quello che mi ferma è che non so se pubblicheranno i seguiti :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ambra, ormai la Stiefvater è decisamente famosa anche in Italia e molto molto apprezzata, finora i suoi libri sono sempre stati pubblicati tutti, non credo smetteranno proprio con questo... ma è solo un mio parere...

      Elimina
  4. Ciao Alessia, io ha questo libro ho dato 4/5 ^___^
    A parte il legame che lega Blue a Gansey, che ho trovato un po' troppo da cliché YA (spero che l'autrice riesca a evolverlo in qualcosa di diverso) il resto mi è piaciuto!
    La caratterizzazione dei personaggi l'ho trovata spettacolare: è riuscita a renderli tutti molto reali e con una propria dimensione, ho adorato Adam (amore *__*), anche Ronan è molto interessante e pieno di emozioni, quello che mi è piaciuto meno è Gansey XD.
    Anche la storia in sé è decisamente particolare, sono proprio curiosa di sapere come la porta avanti!
    Questo è il primo libro della Stiefvater che leggo e sono rimasta soddisfatta, se porta avanti la storia nel modo giusto, si becca le 5 stelle!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Laura, ma hai commentato due volte ahahahah. Io della Stiefvater ti consiglio assolutamente "La corsa delle onde", è il mio preferito.

      Elimina
  5. Questo libro l'ho comprato un bel po' di mesi fa ma ancora non l'ho letto nonostante mi attiri molto, diciamo che per le serie cerco sempre di iniziarle quando sono già almeno a metà! Ma poi spesso la mia curiosità ha la meglio e quindi ciao ciao buoni propositi! Però per ora resisto ancora!!
    Anche io sono contenta che hanno deciso di mantenere la cover originale! A me piace molto e anzi io la preferisco anche a quella tedesca, di quella francese non ne parliamo proprio!! Sì la ragazza è molto bella ma non mi sembra abbai molto senso! Sembra la cover di un romanzetto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vally, come ti capisco. Volevo provare a fare lo stesso con il romanzo della Gier "Silver" e anche con altri romanzi, ma non sono mai riuscita... a meno che non venivo a conoscenza di una certa serie quando ormai tutti i libri erano già pubblicati, un po' come mi è successo per l'altra serie della Stiefvater "Wolves of Mercy Falls" :)

      Elimina
  6. Questa tua recensione mi ha incuriosita :) Non ho mai letto niente della Stiefvater, magari questo libro è un buon punto di partenza! Comunque per quanto riguarda le copertine hai proprio ragione, quella tedesca è la migliore, mentre quella francese non dice proprio nulla...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elisa, sono felice di aver stuzzicato la tua curiosità, a me manca solo una duologia pubblicata in Italia, ma finora la Stiefvater non mi ha mai deluso, dunque io te la consiglio con il cuore. Sicuramente Raven Boys è un ottimo modo per iniziare a conoscerla :)

      Elimina
  7. Ciao Alessia!! io la penso esattamente come te!
    Inizialmente non mi incuriosiva per niente, poi però con una blogger abbiamo deciso di leggerlo insieme ed sono rimasta piacevolmente sorpresa! Forse sono queste le letture più belle..quelle dalle quali non ti aspetti nulla ma che alla fine di sconvolgono! In senso positivo ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giusy, a me ha sempre incuriosito perché ormai provo una forte adorazione per quest'autrice, ma volevo comunque prendermi i miei tempi per leggerlo e così ho fatto ;)
      Assolutamente sì, quando inizi a leggere un libro senza particolari aspettative, magari senza avere grandi idee su trama e altro, e poi questo libri si rivela essere un ottimo libro, allora la soddisfazione è doppia, almeno secondo me :)

      Elimina
  8. Bellissima recensione!!! *-* mamma mia quanto ho adorato questo libro....e ora mi hai fatto tornare la voglia di rileggerlo!! *-* purtroppo però ho già troppe letture arretrate con la scusa che ultimamente non riesco a leggere quasi niente! :( Spero pubblichino presto il secondo....sono troppo curiosa!! *-* E per le cover la mia preferita è quella originale....sono felicissima che una volta tanto l'abbiano mantenuta!! *-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Marika ^_^
      Ecco, io forse non l'ho amato quanto te, non è sicuramente il mio preferito tra i libri della Stiefvater, ma è un buon inizio per una serie che potrebbe diventare favolosa.
      Anch'io come te vorrei potermi dedicare spesso alle riletture, ma fino a quando i libri in attesa rischieranno di sommergermi, sarà meglio che mi dedico a libri nuovi xD

      Elimina
  9. Ciao :)
    bellissima recensione complimenti :)
    mi hai fatto venir voglia di acquistare questo libro :)
    Buona Notte :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nicola, grazie ^_^
      Anche questa volta sono felice di averti incuriosito fino a questo punto, spero che il libro potrà piacerti e soddisfarti ;)

      Elimina
  10. Eccomi! :-)
    Non so se questo libro mi ispira, così a pelle non mi dice un granché ma sono comunque curiosa di leggere qualcosa di quest'autrice, di cui ho sentito parlare molto bene... esisterà qualcosa che non sia parte di una serie? :-p

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nadia, è bellissimo quando scrivi "non so se questo libri mi ispira" ahahahah non so perché ma mi fa ridere come frase xD
      Secondo me della Stiefvater tu devi assolutamente leggere "La corsa delle onde", ti innamorerai delle ambientazioni e delle leggende che l'autrice ha voluto usare per scrivere questo libro. E' il mio preferito e come vuoi tu non fa parte di una serie e lo sto consigliando praticamente a tutti xD

      Elimina
  11. ciao, non ho letto il libro ma è lì che mi aspetta, non so perchè ma non ho mai avuto voglia di iniziarlo e come te avevo paura che le aspettative fossero troppo alte. Non conosco neanche gli altri lavori di quest'autrice, ma adesso sono proprio curiosa. In realtà io non amo molto i libri troppo descrittivi, forse sono solo un po' prevenuta devo cambiare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Chiara, guarda quando si ha paura di iniziare un libro è sempre bene far passare del tempo, far calmare le acque, aspettare che in rete se ne parli un po' meno... è come se il lettore in questione fosse più libero di leggerlo in pace e senza essere suggestionato da altro :)

      Elimina
  12. Bella recensione tesoro *__* io alcune scene del libro le ho proprio adorate follemente U_U tipo quella dei pesci, quella in cui all'inizio Blue vede lo spirito di Gansey... quella dell'albero verso la fine. Non parliamo poi dei personaggi! Quello che mi è piaciuto di più è stato Gansey. Lo adoro troppo! Con il segreto di Noah ci sono rimasta secca U_U
    Va beh la smetto di blaterare, ho adorato troppo questo libro e mi è appena venuta voglia di rileggerlo T__T

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, ci sono scene così evocative e magiche che lasciano a bocca aperta e con occhi sognanti, fanno capire quanto caspita è brava la Stiefvater *_*
      Speriamo che la Rizzoli non ci metta troppo a pubblicare il seguito... ormai non dovrebbero più avere dubbi sul successo della Stiefvater *_*

      Elimina

Lasciate un segno del vostro passaggio, sono sempre felice di leggere e rispondervi ♥