venerdì 8 agosto 2014

Recensione: "La linea sottile" di Denise Aronica

Buongiorno lettori, da quanto che non passo sul blog. Chiedo scusa a tutti voi, ma questo mese si sta rivelando un po' caotico e credo che fino a settembre non riuscirò ad essere particolarmente presente.
Vorrei dirvi che sicuramente domenica posterò la nuova rubrica, ma non ne sono sicura. Inoltre da domani il mio fidanzato è in ferie e logicamente cercherò di passare più tempo con lui, se sommiamo questo ad altre cose... insomma è tutto un po' campato per aria. Se riesco aggiornerò il blog come vorrei, se non riesco spero avrete pazienza perché da settembre l'attività del mio blog dovrebbe tornare nella norma.

In realtà mi sono resa conto che in questo periodo vi sto riempiendo di recensioni e spero non sia un problema per voi, credo di non aver mai visto così tante recensione una dietro l'altra sul mio blog xD
Oggi avrei dovuto pubblicare la recensione che avete votato nel sondaggio, che per ora lascerò lì anche se chiuso, ma ho preferito dare la precedenza ad una recensione a cui tengo molto di più, di un libro a cui tengo molto di più, scritto da una persona a cui tengo molto di più.
Ok, la smetto xD
Oggi vi parlerò di La linea sottile, esordio autopubblicato di Denise Aronica, primo volume della duologia omonima. Io possiedo la copia speciale in cui è contenuta anche la novella "Diario di un viaggiatore" alla fine della storia e nella recensione accennerò anche a questo. Come ho detto all'autrice non sono molto soddisfatta della mia recensione, avrei voluto dire di più e farlo in modo diverso, ma sapete tutti ormai che quando scrivo una recensione poi non la cancello mai, perché se inizio a pensare "no questo non mi piace, questo lo scrivo in modo diverso ecc ecc", non ne vengo più fuori e passerei giorni e giorni a scrivere, cancellare e riscrivere e alla fine rischierei di fare peggio.


Trama:
Quando Beth torna dal college per l’estate nella piccola cittadina di Queen’s Creek, in Arizona, non sa che la sua vita sta cambiare. Senza rendersi conto di come o perché, si ritrova a passare attraverso uno specchio e finisce in un mondo apparentemente simile al suo, ma non del tutto identico. Nella realtà al di là dello specchio, infatti, la madre di Beth, morta suicida anni prima, è viva e vegeta e le appare davanti canticchiando mentre si appresta a fare il bucato. Anche suo fratello maggiore, Joe, scomparso da mesi, si aggira per casa in tutta tranquillità e la sua sorellina più piccola, Amy, da tempo ricoverata in una clinica psichiatrica, sembra stare alla grande. Beth scopre che qualsiasi specchio diventa una porta, sotto le dita di chi, come lei, possiede il Dono. E che attraverso quella porta si può avere accesso a infinite possibilità. Infiniti mondi alternativi. Assieme al suo amico immaginario, Peter, e alla sua migliore amica, Charlie, Beth scoprirà la verità sulla sua famiglia e verrà coinvolta in un qualcosa che si rivelerà essere più grande di lei. Qualcosa che potrebbe mandare in frantumi la sua vita. Riuscirà a vegliare su coloro che ama e, allo stesso tempo, a fare la cosa giusta prima che sia troppo tardi?


Rating:

Il mio pensiero:
Finalmente posso parlarvi di questo libro. Avevo iniziato la sua lettura in formato pdf quando ancora Denise non aveva deciso di autopubblicarlo, in realtà credo di averlo iniziato a leggere proprio mentre lei lo scriveva, se non ricordo male. Poi l'ho letto in versione completa quando Denise mi ha chiesto di far parte delle sue beta reader, ma ho deciso di non recensirlo subito, perché volevo poterlo leggere come faccio con qualsiasi altro libro: in formato cartaceo, toccando la cover, sfogliando le sue pagine e stringendolo al petto.

La linea sottile è un romanzo fresco e scorrevole, Denise narra la storia di Beth in modo molto semplice e incisivo. Io come lettrice ho provato subito un forte affetto per questa ragazza con un passato alle spalle e un presente difficili, una ragazza con un carattere a tratti frizzante, a tratti triste, l'ho sentita molto reale e naturale, non è perfetta ma non è nemmeno una sfigata, è quello che sta nel mezzo come tante ragazze, come noi. Ed è questo che rende la protagonista d'impatto, è per questo che si fa amare subito da chi la legge, perché anche quando passerà i suoi momenti di tristezza, rabbia e dubbi, noi la sentiremo vicino a noi.
Allo stesso modo ho amato molto Peter, sempre presente e protettivo a suo modo, sorridente ma con un velo di tristezza che riempie i suoi occhi. Il suo affetto per Beth è sincero e nella sua potenza è straziante come pochi altri. In ogni riga si percepisce quanto è affezionato a lei e quanto vorrebbe poterla abbracciare o semplicemente tenerle la mano, per farle capire in un modo più intenso che lui c'è per lei, sempre.
Charlie, l'amica di Beth è un tornado di allegria e energia. Il suo personaggio è l'opposto di Beth e proprio per questo insieme creano un mix meraviglioso. Il loro rapporto è profondo e vero. E' un'amicizia fatta di confidenze, sorrisi, passioni condivise, si fidano l'una dell'altra ecco perché non ho apprezzato molto come Beth si comporta con lei, perché al suo posto credo mi sarei fidata ciecamente di Charlie.
Joe, il fratello di Beth, ammetto che, fino a quando non ho letto la novella contenuta alla fine della versione cartacea speciale, non mi provocava grandi emozioni. L'ho trovato a tratti insistente, a tratti troppo invadente, a tratti troppo rabbioso... ma dopo aver letto la novella ho cambiato idea su di lui, sono riuscita a farmi un'idea più precisa del suo carattere e del suo passato, così alla fine anche lui ha rubato un pezzetto del mio cuore.
Amy, la sorellina, ha poca “rilevanza” nella narrazione, nel senso che è la più piccola ed è un po' come se venisse trasportata dagli eventi senza poter fare niente, ma nonostante questo è impossibile non affezionarsi a lei. Questa bambina a cui è stata “rubata” l'infanzia, che deve sopportare tanto dolore, che deve tenersi tutto dentro, che ha ancora la speranza che la sua vita possa essere resa migliore dall'affetto della sua famiglia, ma soprattutto della sua mamma.

Ok, ehm... ho passato tutto questo tempo a parlarvi solo dei personaggi, ma spero che tramite i miei discorsi io sia riuscita a far capire quanto l'autrice sia stata brava a creare personaggi diversi tra loro, che si inseriscono alla perfezione nella storia e i cui rapporti sono naturali e sinceri, non sono mai falsi e forzati e questo rende tutta la lettura molto più godibile e scorrevole.

La storia in sé è intrigante, perché l'autrice riesce ad inserire colpi di scena, emozioni forti, dialoghi ben fatti, curiosità e domande. La narrazione è molto lineare e la lettura fila liscia come l'olio, fino a quando si arriva alla fine e si rimane a bocca aperta perché vorremmo subito il seguito per capire cosa vuole fare Beth e come vogliono aiutarla o ostacolarla le persone che le sono vicino.
L'idea del Dono, i viaggi in altre realtà e la possibilità di vedere fantasmi, non sono di certo originali, ma non sempre un libro deve essere originale per piacere e l'autrice incastra così bene questi aspetti, riesce a renderli in parte suoi e il lettore percepisce tutto questo sentendosi sempre più coinvolto.

Non mi resta che consigliarvi la lettura de “La linea sottile”. Fresco, scorrevole, intenso, intrigante. La linea sottile riuscirà a rubare qualche ora del vostro tempo e lo farà nel modo più naturale possibile. Vi ritroverete dentro alla storia senza nemmeno accorgervene, e quando arriverete al finale avrete voglia di averne ancora e ancora.


Ok, rileggendo la recensione rimango della mia idea. Non mi piace, mi sembra di non aver detto abbastanza per convincere chi passa di qui a dare un'opportunità a questa storia. Mi sembra di aver straparlato dei personaggi senza dire niente di importante... Boh, probabilmente sono fatta in modo strano io, perché quando tengo in modo particolare ad un libro e a una recensione faccio sempre fatica a esprimere come vorrei i miei pensieri.
Le immagini che vedete le ho prese tutte su deviantart, pensando alla storia e ai personaggi.
Spero vi sia piaciuto quello che ho scritto e spero mi lascerete qualche commento per confrontarci, con chi lo ha letto, con chi ha voglia di leggerlo e con chi non è attirato da questo tipo di libri.

E per finire un ringraziamento pubblico e speciale per Denise, per la nostra amicizia e per avermi permesso di seguire questo suo sogno in ogni suo passo.

19 commenti:

  1. Devo dire che mi incuriosisce molto... Ma credo che aspetterò all'uscita del seguito, e poi li leggerò uno dopo l'altro, perché non riuscirei ad aspettare :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il tuo metodo non è niente male, dovrei imparare anch'io a fare così con le serie, in modo da non dover aspettare troppo... di solito però non riesco mai a resistere xD

      Elimina
  2. Ale ma cosa dici? A me la recensione è piaciuta tantissimo invece, mi sono anche venuta la pelle d'oca mentre la leggevo *__* si vede che il tuo affetto per i personaggi e per la storia è sincero e non potrei essere più contenta di ciò! Mi fa anche tanto piacere che la novella su Joe te lo abbia fatto sentire un po' più vicino :D
    E poi grazie a te per essermi stata vicina sia in questa avventura che al di fuori *__*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tesoro anche se in ritardo le mie risposte arrivano :)
      Sono contenta che la recensione ti sia piaciuta e che ne sei rimasta soddisfatta, spero che le soddisfazioni continueranno!!!

      Ti voglio bene!

      Elimina
  3. tesoro eccomi U_U adoro tutte le tue recensioni, già lo sai. E anche sta volta sei riuscita a esprimere tutto il tuo entusiasmo! io ho adorato questo libro, divorato in pochissimo tempo!! e non vedo l'ora di avere il seguito!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ledina mia, come sempre tu sei troppo buona, ma ti ringrazio infinitamente, è sempre molto piacevole sapere che quello che scrivo su questo blog sia apprezzato.
      Spero Deni non ci farà disperare troppo per il seguito, sono troppo troppo curiosa *___*

      Elimina
  4. Sono molto curiosa, lo prenderò sicuramente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ile mi fa piacerissimo e spero sarà una lettura che ti soddisferà :)

      Elimina
  5. mi piacciono i libri dove i personaggi sono ben definiti e catturano l'attenzione del lettore, credo lo leggerò, magari anche io dopo l'uscita del secondo, se lascia tanto la voglia di sapere come prosegue e non posso farlo mi infastidisco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chiara, è un libro semplice e leggero ma che cattura davvero l'attenzione e riempie di voglia di continuare a leggerlo. Spero ti piacerà :)

      Elimina
  6. Risposte
    1. Sono troppo contenta, è un libro che sicuramente attira e spero la curiosità ti rimarrà anche dopo averlo letto, per il secondo libro *_*

      Elimina
  7. Alessia ma che dici XD è bellissima questa recensione, sul serio!
    io ho tantissima voglia di leggerlo, spero di farlo presto ^-^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusy, anche tu sei troppo buona :) Grazie mille.
      E' passato un po' di tempo dal tuo commento e magari lo hai anche già letto, in ogni caso spero ti piacerà o ti sia piaciuto :)

      Elimina
  8. L'ho finito da pochissimo (devo ancora recensirlo) e devo dirti che il mio personaggio preferito è proprio Joe, soprattutto per quello raccontato nella novella ^.^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. *si intrufola di soppiatto*
      Evviva, finalmente qualcuno a cui Joe sta simpatico :D

      Elimina
    2. Rosa, sono troppo contenta sia piaciuto anche a te. Joe è uno di quei personaggi che va scoperto un po' per volta, ma che una volta capito ruba il cuore *_*

      Elimina
  9. Ormai è presente nella mia WL... è ogni volta leggo recensioni positive, ho sempre più voglia di leggerlo =)=)=) bravissima Denise

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Martina, spero che in questi giorni dalla wishlist sia passato alle tue mani, se così non fosse spero succederà presto *_*

      Elimina

Lasciate un segno del vostro passaggio, sono sempre felice di leggere e rispondervi ♥