venerdì 5 settembre 2014

Recensione: "Pyramisia" di Dean Lucas

Buon pomeriggio ragazzi, ed eccoci di nuovo qui insieme a parlare di libri... dite la verità, si vede che in questi giorni sono libera da altri grossi impegni, vero? Mi piacerebbe poter mantenere questo ritmo, ma già dalla settimana prossima non sarà facile, perché tornerò a lavorare, ma ce la metterò tutta.

Oggi vorrei parlarvi di un libro che ho finito di leggere poco tempo fa, ho deciso di pubblicare subito la recensione per "omaggiare" e ringraziare l'autore. Inoltre, mi sono resa conto che è quasi un mese che non pubblico una recensione °__°

Oggi è il turno di Pyramisia, dell'italiano Dean Lucas, secondo libro della serie "Aegyptiaca".


Trama:
“Nella profondità dell’oceano quattro sono essi. Maschi non sono, femmine non sono. Essi sono turbini che si scatenano. Moglie non prendono, figli non generano. Come cavalli selvaggi scalpitano dalle montagne. Come avvoltoi famelici piombano dalle nuvole. Quattro sono essi e tutti gli altri moriranno.” Mentre le Delicate annunciano l’imminente catastrofe, Gavri’el si prepara ad affrontare l’avversario più temibile: se stesso. Chi è davvero l’Araldo? A chi è destinata la terrificante spada che brandisce? In un Egitto sconvolto da rivolte e carestie, in balia di falsi profeti e spietati conquistatori, la Sfinge sta per dare alla luce il dio atteso da tremila anni. A molte leghe di distanza, nella mezzaluna fertile tra il Tigri e l’Eufrate, il regno di Sargon è minacciato dai Gutei e da un nemico ancora più letale. Ma quando il momento decisivo si avvicina e la vita di ogni protagonista sembra in pericolo, una donna è in grado di cambiare il destino dell’umanità. A lei spetta la scelta finale. Cosa vuol dire amare qualcuno più di se stessi?


Rating:


Serie "Aegyptiaca":
#1 Aegyptiaca (2013)
#2 Pyramisia (2014)
#3 Inedito


Il mio pensiero:
Non vedevo l'ora di avere tra le mani il nuovo libro di Lucas e Pyramisia è il degno successore di Aegyptiaca, anzi è addirittura meglio.

Riprendiamo la storia dove l'avevamo lasciata alla fine del primo e se letti a molto tempo di distanza vi verrebbe da pensare di avere problemi a ricordare... Come sapete io sono una lettrice con poca memoria e in effetti di Aegyptiaca non ricordavo tutto, ma dopo uno sbandamento iniziale (che dura davvero pochissime pagine) mi sono ritrovata dentro alla storia come se non l'avessi mai lasciata e Pyramisia riesce subito a catturare l'attenzione come il primo volume della serie.

La capacità di Lucas è indiscussa, l'ambientazione scelta è molto suggestiva e lui riesce a renderla ancora più vivida grazie a descrizioni fantastiche, ricche di colori e odori, ricche di sensazioni forti e particolari indimenticabili. L'Egitto di Lucas è dipinto in modo sublime e più di una volta la mia mente vagava libera tra quei monumenti, tra quei deserti e quelle piccole città; è come compiere un viaggio onirico dentro l'Egitto. Così come le figure che compaiono nel libro sono interessanti, si inseriscono perfettamente nel contesto e donano a tutta la storia una marcia in più, se possibile.

E questo viaggio non sarebbe così meraviglioso se non fossimo accompagnati da personaggi altrettanto meravigliosi. Sono tantissimi punti di vista, tantissimi personaggi, tantissime situazioni che cambiano ma noi lettori non sentiamo mai questo peso, non ci sentiamo sopraffatti e scombussolati, anzi... seguiamo con avidità ogni personaggio con la speranza di poterlo conoscere sempre più profondamente, con la speranza che faccia le scelte che noi reputiamo migliori, con la speranza che possa avere un presente e un futuro come ce lo immaginiamo noi. Ognuno di loro è inconfondibile, perché unico nel carattere e nel fisico, unico nelle scelte e nel modo di comportarsi ed ognuno di loro potrà donare qualcosa a noi lettori, potrà farci emozionare e provare sensazioni forti.
Personalmente mi sono mancati alcuni personaggi che nel primo comparivano di più, ma ne ho conosciuti meglio altri che sono stati una splendida sorpresa e che hanno rubato una parte del mio cuore.
Dal più cattivo al più buono i personaggi di Lucas sono dipinti in modo sublime, hanno caratteri così diversi e così intriganti che è impossibile non sentire quello che vogliono trasmetterci.

La storia in generale è strutturata molto bene, non ci sentiamo mai persi per i troppi avvenimenti, ma ci sentiamo risucchiati da essi; se in Aegyptiaca avevo trovato alcune parti un po' prolisse (soprattutto nei combattimenti), questo problema in Pyramisia è scomparso, la lettura è ancora più scorrevole e prende fino al midollo, sia nelle parti di azione che in quelle “riflessive”, sia nelle parti d'amore che in quelle drammatiche.
Il viaggio che compiono alcuni dei personaggi è contrapposto alla vita “sedentaria” di altri, ma attenzione non è detto che il viaggio sia più avventuroso della vita sedentaria, perché le sorprese sono sempre dietro ogni angolo... e personalmente come lettrice, ho trovato un equilibrio perfetto tra queste due parti. Quando sentivo il bisogno di rilassarmi dal viaggio e dai combattimenti, ecco che Lucas piazzava una scena rilassante e riflessiva che faceva rallentare il cuore ma mai la mente.

L'autore è riuscito a mettere di tutto nel suo romanzo: da minuscole scene “erotiche” a scene di amore profondo, da scene di azione e guerra a scene introspettive, da scene drammatiche a scene scherzose e sorridenti... e non pensate mai per un secondo che a causa di questo “pout pourri” l'autore sia stato più pigro e disinteressato, perché è esattamente il contrario.
Insomma, il viaggio nel mondo creato da Lucas continua ad essere un viaggio meraviglioso, riconferma la sua bravura e maestria nel saper gestire una storia così importante con così tanti personaggi. Riesce a far emozionare, sorridere e tenere il lettore incollato alle pagine fino alla fine. La curiosità e il bisogno di sapere non ci abbandonano mai e ci terranno compagnia fino al prossimo capitolo della serie, che se non sbaglio dovrebbe essere l'ultimo.


Le immagini che ho usato per arricchire la recensione le ho prese tutte da Deviantart, avrei voluto trovare immagini diverse, purtroppo però nessuna mi accontentava e così ho pensato a queste che alla fine non sono niente male.
Spero di aver incuriosito ancora di più chi ancora non ha iniziato a leggere questa serie, spero di avervi dato gli imput giusti, perché vi assicuro che la serie merita molta molta attenzione.
Fatemi sapere cosa ne pensate nei commenti, se avete letto il libro, se non conoscevate la serie... date libero sfogo ai vostri pensieri :)

14 commenti:

  1. Ciao Alessia :3
    Non ho letto tutta la recensione, perchè questo serie è entrata nella mia wish list appena l'ho conosciuta, e non vedo l'ora di leggerla!!! molto belle le immagini che hai trovato ^-^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rosa, hai fatto bene a non leggere la recensione, anche se comunque è libera da spoiler... spero ti sia bastato il rating che parla quasi da solo xD
      Spero avrai modo di leggere presto i libri di Dean Lucas, meritano tantissimo.

      Elimina
  2. Wowowow sono andata a leggere la recensione di Aegyptiaca, beh, perchè mi sembrava avesse molto più senso e mi ispira tantissimo! *aggiunge il libro alla sua interminabile wishlist*
    Comunque se ti va di passare, ti ho taggata qui http://thebooklovernargles.blogspot.it/2014/09/book-tag-10-questions-about-summer.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marta, hai fatto bene a leggere quella se ancora non hai iniziato la serie, ti basti sapere che a mio parere Pyramisia è ancora meglio di Aegyptiaca... è davvero una serie coinvolgente e secondo me molto originale. Spero potrai comprare presto almeno primo, così da iniziare a farti un'idea..
      Per il premio ho già risposto sul vostro blog ;)

      Elimina
  3. Ho letto da poco anche io questo libro e sono assolutamente estasiata <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vanessa, che piacere ritrovare lettori che adorano questa serie... anche secondo te il secondo è migliorato dal primo? Io smanio già dalla voglia di leggere l'ultimo *_*

      Elimina
  4. Non ho letto Aegyptiaca, non mi sembrava il mio genere, ma vedendo quanto ti ha lasciato entusiasta questo secondo volume mi sa che una chance gliela do :-) sembra davvero una serie molto ricca e ben strutturata.. e brava Ale che arricchisci la mia povera WL :-p

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao tesoroooooo, inutile dire che mi sei mancata anche in questi giorni, hai finito con le ferie??? ahahahah
      Guarda Nadia, alla fine questa serie è fantasy in un modo molto particolare, sempre secondo me e credo dovresti dargli una possibilità... almeno prova a leggere il primo, se ti va, e poi decidi. Ma per me le carte in regola per piacerti ce le ha tutte *_*

      Elimina
  5. Mamma che bello che bello che bello *__*
    Io non ho ancora iniziato neanche il primo, ma solo per un motivo: voglio leggere questi libri uno dietro l'altro, adoro l'Egitto e voglio immergermi completamente nella lettura *_* inoltre sembra un libro ricco di dettagli e non voglio rischiare di perdermene neanche uno a causa del tempo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Laura, ma non hai idea di quanto mi fa piacere sentirti così entusiasta. Non so di preciso quando uscirà il prossimo, ma se seguiamo quello fatto finora dovrebbe uscire l'anno prossimo... Sono contentissima di averti dato un buono spunto di lettura che spero potrà elettrizzarti anche dopo averlo letto almeno quanto lo sei ora.

      Elimina
  6. Risposte
    1. Sì Chiara, te la consiglio proprio con il cuore :)

      Elimina
  7. Voto pieno.. e non mi aspettavo altro!!
    Aegyptiaca mi è piaciuto moltissimo, l'ho consigliato a destra e a manca e l'ho anche regalato! Solo Dean sa creare così perfettamente un'atmosfera faraonica magica!!!
    Che bella recensione.. hai ringalluzzito la mia voglia di Egitto ;)

    RispondiElimina

Lasciate un segno del vostro passaggio, sono sempre felice di leggere e rispondervi ♥