lunedì 6 ottobre 2014

New Blogs, New Voices: Hook a Book

Buongiorno a tutti e buon lunedì :)
Per un po' di settimane ogni lunedì vi farò compagnia con i post di New Blogs New Voices, per chi si fosse perso qualcosa o fosse nuovo del blog, vi spiego brevemente cos'è :)


Tempo fa ho avuto un'idea, mi sono accorta che molti blog piccoli e nati da poco erano interessanti e gestiti bene, ma che non erano ancora molto conosciuti e seguiti e così ho pensato di dare un'opportunità in più ai nuovi blogger di far conoscere i loro angolini personali in post mirati.
Ogni lunedì infatti, sul blog pubblicherò un'intervista alla blogger in cui parleremo praticamente solo ed esclusivamente del suo blog e per tutta la settimana nella colonna di destra del mio blog, comparirà in alto un post del blog in questione, così da poter farlo conoscere a più persone possibili.
Non so se questa mia iniziativa servirà a qualcosa, spero solo che chi mi segue avrà voglia di leggere le interviste e chi partecipa spero troverà un riscontro, anche se piccolo, sui propri blog.
Qui, se volete c'è il post di presentazione in cui spiego tutto molto meglio :)

Oggi faremo quattro chiacchiere con Silbi, la proprietaria di Hook a Book.

Ciao! Sono Silvia, diciannove anni compiuti, al primo anno di ingegneria. Non sono per niente brava nelle presentazioni (quella che si trova nella pagina "about" del mio blog l'ho riscritta tre volte,e, per di più, non sono ancora convinta del risultato!). In poche parole, oltre alla passione della lettura amo la musica (ho suonato pianoforte) e la cucina, anche se i risultati in quest'ultima sono decisamente disastrosi (ebbene sì, preferisco vivamente mangiare). Sono un po' perfezionista, ma credo che alla fin fine questo lato del mio carattere, nonostante non sia proprio il migliore, mi spinga sempre a dare il meglio nelle cose che faccio. Quest'estate ho aperto un blog chiamato Hook a Book: ancora oggi non sono molto convinta di come gestirlo, ma cerco sempre di andare avanti e migliorarlo, con risultati talvolta... Beh, meglio non parlarne!

Ed ora passiamo all'intervista fatta a Silvia, ci tengo a precisare che le domande sono abbastanza e che ho chiesto io, espressamente, di non essere riassuntivi, ma di lasciare libero sfogo a parole e pensieri, così da poter conoscere meglio ogni blogger :)

Quali sono le motivazioni, insignificanti e importanti, che ti hanno spinto ad aprire il blog?
Ho sempre amato leggere, da che io ricordi, ma, fino a poco tempo fa, manco sapevo cosa fosse un blog. O meglio, lo sapevo, ma mi ero fatta un'idea totalmente sbagliata su come gestirlo (della serie: "lo puoi tenere solo se sei una celebrità"). Inoltre, la mia famiglia non è apertissima per quanto riguarda la rete: non credo nemmeno che mia mamma sappia cosa è esattamente un blog. Quindi le mie idee sul concetto erano decisamente annebbiate. Poi, a maggio dello scorso anno, sono capitata per sbaglio su dei blog di lettura (cercando in rete dei libri da leggere) e cavoli! Sembravano (e in effetti lo sono) gestiti da ragazze normali. Per di più, mentre mi trovavo completamente d'accordo su alcune recensioni, altre, a mio avviso, davano pareri su libri che avevo letto nei quali non mi ci ritrovavo e avrei voluto dare la mia idea. Quindi mi sono detta: perché non aprire qualcosa di mio?

Come è nato questo progetto? Avevi già tutto nella mente o ci hai messo del tempo a prendere “la strada giusta”?
Come ho detto prima ho iniziato a interessarmi ai blog a maggio, non solo per cercare libri ma anche come... distrazione dalla maturità. Questo piccolo particolare mi ha impedito di iniziare prima col progetto: basti pensare che, fino a giugno, non sono riuscita a leggere altro che i libri della mia tesina. Ma, conclusa con successo la maturità, mi si è prospettato un intero mese libero (agosto, ahimè, non lo è stato completamente) e ho iniziato a pensare a come organizzarmi.
La prima idea era: leggo il più possibile, creo post il più possibile, commento gli altri blog il più possibile e arrivo a settembre con testi già preparati e una discreta conoscenza della blogsfera. Il piano è andato a buon fine? Assolutamente no. Già sabato 19 luglio, con circa due mesi di anticipo sulla tabella di marcia, mi sono trovata ad aprire Hook a Book.
Conoscenza di blogger? Pari a zero. Buona volontà? Abbastanza. Non conoscevo nessuno, quindi ho imparato da sola, cliccando qua e là. Ancora oggi, dopo un mese (parlando così sembrano passati eoni e che sia un'esperta, ma è tutto assolutamente il contrario) ci sono cose semplicissime che non ho la più pallida idea di come si facciano. Come si aggiustano le immagini in home page? E perché tutti riescono ad inserire il proprio rating nella home? Non ditemelo, prima o poi imparerò.
Il nome, Hook a Book, ancora oggi non so se sia corretto grammaticalmente (e dire che ho frequentato il linguistico... Questo è grave!). Deriva da una sorta di spot sulla cover inglese di City of Heavenly Fire (di cui tutti parlavano le prime volte che mi sono avvicinata ad un blog: "Prepare to be hooked!" Mi piaceva quest'idea dell'essere "agganciati", da leggere fino a non smettere, e ne ho fatto il nome del blog (quello del sito, riportato anche nella mail, riprende il concetto ed è hookingbooks) dopo aver cercato per un po' nella rete se c'erano omonimi (non mi pare, soprattutto tra i blog italiani, ma possono anche saltare fuori).

Quali sono i tuoi punti deboli? Cosa cambieresti o vorresti migliorare del tuo blog e perché?
Uno... Due... Tre... LA GRAFICA!!! No, scherzi a parte, quella attuale non mi dispiace e vedo che i girasoli hanno successo. Però sì, mi piacerebbe migliorarla e magari renderla un po' più professionale. Non lo faccio ancora perché di computer non me ne intendo, ma all'università avrò il corso di informatica, con tanto di programmazione (mi auguro), che spero possa rischiararmi le idee. Al limite ho messo gli occhi su un programma che non usa html (quei codici incomprensibili), ma sarà una cosa che cambierò più avanti, soprattutto se vedo il blog, crescendo, lo esige. L'ho già detto che, in fondo, i girasoli non sono poi tanto malaccio...

Quali sono i tuoi punti forti? Cosa vorresti non cambiare mai e poi mai del tuo blog?
Adoro il fatto che esista un link per ogni post pubblicato. Spesso mi dimentico delle etichette, quindi cercando anche solo il tag "recensione" qualche post sfuggirebbe all'appello. Invece in questo modo non solo le recensioni, ma anche le rubriche (ed è questa la cosa che preferisco) sono rintracciabili. Vuoi una recensione? Sono tutte ordinate in un elenco (cosa che può sembrare scontata, ma non lo è). Cerchi un book tag in particolare? Vai in rubriche, cerchi la pagina, et voilà. Anche i WWW Wednesday sono catalogati per data, anche se dubito che qualcuno voglia mai sapere che letture stavo affrontando nell'agosto 2014.


Parliamo delle rubriche del blog, una parte importante. Quali, come, perché?
Finora non ho molte rubriche, anche con quelle settimanali non sono brava a rispettare le scadenze, dipende anche dall'andamento del blog in generale. In particolare le rubriche attualmente pubblicate sono:
-Il Giro del Mondo in 80 giorni: ha la storia più particolare di tutte. Credevo fosse una mia invenzione, ne andavo fiera e ho scoperto casualmente che Francy di Never Say Book ne ha ideata una uguale prima di me. Ci sono rimasta di sasso, anche perché non era assolutamente voluto e non volevo che pensasse che avessi copiato... Ma mi ha fatto piacere sapere che c'è qualcuno che la pensa come me (dato che abbiamo avuto la stessa idea).
-Www Wednesday: da rubrica a cadenza settimanale l'ho trasformata a cadenza... Boh. Talvolta quindicinale, talvolta ogni tre settimane. Devo ammettere che ho visto che si trasformava in una pappardella se pubblicata sempre, e i libri citati erano sempre gli stessi. Così almeno riesco ad ottenere più varietà, anche perché un lettore potrebbe stufarsi vedendo ogni settimana ripetute le stesse cose (e soprattutto ci sono settimane in cui mi dimentico di farla!)
-Cover Change: una rubrica sulle cover non poteva mancare! Questa l'ho pensata io, anche se ovviamente non è detto che non esista su altri siti con altri titoli. È basata principalmente sui cambi di copertine all'interno di una stessa serie, sia in corso d'opera (che è una cosa che, da lettrice, mi da abbastanza fastidio), sia nelle differenti edizioni (di cui pubblicherò post in futuro). Per ora, come rubrica, sembra funzionare... Il banner di questa rubrica è "epico" perché... Realizzato con word! Sul banner c'è un errore grande come una casa: mi sono scordata di eliminare la riga rossa di errore sotto la parola Change. Non riesco a modificare tutti i post, per cui, finché mantengo questa grafica, resta anche il banner.
-The Great Book Tag: non è una vera rubrica, ma una raccolta dei vari tag (sempre per la questione dell'ordine nel sito). Che dire? Adoro i tag (a patto che non vengano postati troppo spesso sostituendo le recensioni) e mi diverto molto a farli, inoltre il banner a lavagna è il mio preferito del blog!
Poi è chiaro, introdurrò nuove rubriche. Mi piacerebbe fare anche qualche Book Haul ogni tanto, ma non sono dedita allo shopping libresco "tutto in una volta". Di solito, preferisco un libro in meno e un giro in libreria in più!

Come affronti la scrittura di una recensione? La scrivi di getto oppure aspetti di assimilare tutto il libro in ogni sua forma?
Allora... Innanzitutto partiamo dalla lunghezza. Pr me le recensioni non devono essere né troppo lunghe, né troppo corte. Cerco di stare sulle 600 parole, ma qualche volta ottengo una recensione più lunga o più corta, dipende dai romanzi. Poi, per me, la recensione deve contenere certi aspetti chiave: 
- Qualche elemento della trama, che è sempre utile
- Un parere sull'ambientazione e i personaggi
- Una valutazione personale chiara alla fine.
Il resto... Ogni tanto mi trascino dietro delle recensioni, ma cerco quantomeno di iniziarle subito terminata la lettura (fanno eccezione gli ultimi libri letti perché me li ero portata dietro in vacanza e non avevo niente su cui iniziare la recensione). Talvolta scrivo le prime cento parole poi lascio lì la recensione riprendendola al momento adeguato. Infatti ci sono giorni in cui l'ispirazione è a mille e altri in cui è decisamente sottoterra...

Cosa ne pensi delle collaborazioni con autori e case editrici? E’ un mondo che conosci già, oppure vorresti provare ma non sai da che parte girare la testa?
Credo sia positiva anche se immagino che, come tutto, abbia i suoi pro e i suoi contro. Uso il verbo immagino perché... Sì, non so un cavolo di come funziona questa cosa. Non che abbia fretta, il mio blog ha solo due mesi (praticamente ha ancora il ciuccio) e devo imparare ancora molte cose, ma quando avrò l'esperienza necessaria mi piacerebbe che qualcuno collaborasse con me (o sono io che devo compiere il primo passo? Mistero...) In effetti, quando leggo di blogger che iniziano collaborazioni mi chiedo sempre "ma come hanno fatto?" senza però esprimere questo mio dubbio. So che il mio blog è ancora poco frequentato, quindi vorrei prima assicurarmi di essere di una qualche utilità ad una casa editrice e non solo una "scroccatrice di libri". Sì, vorrei che le mie recensioni potessero avere una qualche influenza nel consigliare le letture, prima di propormi per collaborazioni e varie!

Cosa ti aspetti dal tuo blog? Sia a livello personale che generale. 
Mi piacerebbe che continuasse ad esistere. Credo che questo sia la mia prima aspettativa, e non è nemmeno tanto scontata: tra università e altre cose spero sempre di trovare un poco di tempo da dedicargli e mi auguro che continui ad essere seguito, anche se da poche persone, perché parlare da soli non è molto soddisfacente e per quanto non mi importi ricevere due, o quattro o venti commenti, sento di voler parlare a qualcuno e, se nessuno mi ascolta, mi sembra di sprecare tempo. Poi ovviamente ci sono le aspettative un pochino più grandi: mi piacerebbe migliorare il sito, essere più conosciuti eccetera eccetera. Non credo che diventerò mai un recensore professionista, pertanto vorrei lasciare Hook a Book nella sfera del tempo libero, ma vorrei che diventasse una passione per me (la lettura lo è già, ma seguire il mio blog, vederlo crescere ed evolvere è ancora una cosa nuova per me), qualcosa di irrinunciabile, qualcosa per cui valga la pena di spendere il proprio tempo!
Per adesso è ancora presto per esprimersi su cosa sarà Hook a Book tra tre, quattro mesi, un anno... Lo scopriremo solo vivendo (e pubblicando).

Come ti comporti con gli altri blog? Segui solo quelli che ti piacciono molto, oppure vai sempre alla ricerca di qualcosa di nuovo? Leggi e commenti oppure sei una follower silenziosa?
All'inizio ho seguito i blog più conosciuti, diciamo cinque o sei, poi ho iniziato anche con gli altri. In particolare, quando ho capito come funzionavano le affiliazioni sono diventata follower di diversi blog (anche se, per ora, ne seguo un numero limitato). È già capitato diverse volte che, leggendo un commento sul blog, abbia cercato chi l'ha scritto e scoperto così nuovi siti in cui bazzicare. Riguardo alla frequenza dei commenti: leggo quasi tutto ma scrivo quando ho qualcosa da dire (di solito). Poi, è chiaro: ci sono quei periodi in cui ho a malapena il tempo di scrivere qualcosa per Hook a Book e quindi non sono particolarmente presente sulla blogsfera, ma tengo sempre d'occhio tutti quelli che seguo (anche se magari in silenzio). Poi ci sono quelle volte in cui scrivo un papiro e la connessione pessima (di casa o nei luoghi pubblici) non me lo invia... Che rabbia! E così perdo la voglia di stare a riscriverlo (non che sia un evento tanto frequente, ma è già capitato due/tre volte).

Grazie a New Blogs, New Voices, pensi potrai migliorare e ottenere qualcosa di più dal tuo blog e dal mondo di blogger? Pensi ti aiuterà a farti conoscere, a crescere e ad avere consigli? Oppure alla fine credi non servirà a molto?
Sono ottimista! Credo che sia comunque un modo non solo per farsi conoscere ma per conoscere anche altre blogger nella mia stessa situazione, agli inizi. Inoltre se questa iniziativa ha successo bene, se non servirà pazienza, è stato divertente fare questa intervista e ti ringrazio lo stesso tanto Alessia!


Eccoci alla fine ragazzi... Silbi e il suo Hook a Book hanno aperto le danze. Mi rendo conto che l'intervista è lunga, ma io mi sono divertita a leggerla e ho avuto voglia di dare più di un consiglio a Silbi. Spero farete lo stesso anche voi e vi chiedo un favore: se mentre leggete l'intervista avete voglia, anche voi, di dare qualche consiglio a Silbi su alcuni suoi dubbi o altro, fatelo senza problemi, vi basta scrivere tutto nei commenti, perché Silbi leggerà ogni cosa ve lo garantisco :)
Le immagini che compaiono nel blog me le ha fornite tutte Silbi e in un modo o nell'altro sono collegate al suo blog, inoltre cliccandoci sopra verrete riportati alle diverse sezioni del blog Hook a Book :)

Ringrazio Silbi per la sua simpatia e sincerità, ringrazio tutti voi che continuate a seguirmi con passione e spero che le prossime interviste saranno tutte interessanti... intanto potete andare a sbirciare Hook a Book *_*

11 commenti:

  1. Mi piace tantissimo il sistema di ratino con i girasoli! E anche io sono assolutamente negata con l'HTML..
    Mi sono aggiunta al blog di Silbi come nuova lettrice!

    RispondiElimina
  2. Ho appena fatto un salto sul blog di Silbi ^_^ Trovo bellissima la rubrica "il giro del mondo in 80 giorni", in bocca la lupo per questo viaggio :)
    PS: Aggiunta anche io come nuova lettrice

    RispondiElimina
  3. Vado subito a dare un'occhiata a Hook a Book :-)

    RispondiElimina
  4. Io seguo già Silbi nel suo Hook a Book e non posso dirle altro se non: Continua così! E a tutti quelli che ancora non la seguono consiglio di passare da lei!:)
    A me piace molto la sua rubrica Cover Change, perché condivido appieno il suo fastidio quando in una serie vengono cambiate le copertine a metà!:)

    RispondiElimina
  5. Bellissima rubrica!
    Non conoscevo Hook a Book, quindi da curiosona sono andata a dare un'occhiata! Il blog è carinissimo, mi sono subito iscritta ^^ Anche io sono negata con la grafica e i codici HTML (chi sono questi sconosciuti?? xD)

    RispondiElimina
  6. Che bella iniziativa!
    Corro a buttare un occhio su Hook a Book.

    RispondiElimina
  7. Vado subito su Hook a Book!
    Questa è una bellissima iniziativa Alessia, ci permette di conoscere persone che hanno la nostra stessa passione e quindi.... grazie :)

    RispondiElimina
  8. Ciao Silbi! Il nome del tuo blog è semplicemente geniale! Brava complimenti! Vado a iscrivermi sul tuo blog!

    RispondiElimina
  9. Grazie Alessia per questa occasione :D e grazie anche a tutti voi che avete deciso di fare un salto sul blog :) vi ringrazio tanto! :')
    Ps: non vedo l'ora di vedere anche gli altri protagonisti di questa iniziativa!

    RispondiElimina
  10. In bocca al lupo a Silbi, blog carinissimo!

    RispondiElimina

Lasciate un segno del vostro passaggio, sono sempre felice di leggere e rispondervi ♥