mercoledì 26 novembre 2014

Recensione: "Dopo" di Koethi Zan

Buonasera a tutti voi, come state? In questo periodo mi mancate tantissimo perché non riesco ad avere un minuto libero per dedicarmi ai vostri commenti, quel pochissimo tempo che trovo lo uso per riuscire a continuare ad aggiornare il blog almeno un minimo. Spero sempre in un pomeriggio/sera di libertà per mettermi in pari con i vostri commenti, ma non so quando riuscirò ad averlo.
Finalmente dopo un po' di giorni torno con una recensione, perché anche questo mio buono proposito è andato a farsi friggere: volevo riuscire a postare almeno un paio di recensioni a settimana per smettere di accumularne in continuazione, invece non sono riuscita -.-

Stasera vi parlo di un libro molto "chiacchierato" che a tanti non è piaciuto, molti non lo hanno apprezzato del tutto e pochi lo hanno amato, io mi trovo tra quel gruppo che non lo hanno apprezzato del tutto. Vi parlerò di Dopo di Koethi Zan, che la Longanesi mi ha gentilmente inviato nella nuova edizione pubblicata quest'estate ad un prezzo molto più economico.


Trama: Dopo la liberazione doveva essere tutto finito. Ma non è stato così. Sono passati dieci anni da quando Sarah è fuggita da quello scantinato, il teatro delle torture fisiche e psicologiche che Jack Derber le ha inferto per oltre mille giorni. Ma per Sarah non esiste ancora un «dopo»: vittima delle proprie fobie, vive rinchiusa nel suo appartamento di Manhattan. Fino a quando l’FBI non la informa che Jack Derber, accusato e imprigionato per rapimento, sta per essere rilasciato. Sarah non può consentirlo, perché lei sa.
Sa che Derber non è soltanto un rapitore. È un assassino. Lo sa perché lei non era da sola, in quello scantinato. Con lei c’erano altre due ragazze, Christine e Tracy, e per i primi mesi di reclusione ce n’era stata anche una terza: Jennifer, la sua migliore amica. E Sarah sa, con certezza, che Jennifer è morta per mano di Derber.
C’è una sola speranza, per tenere Derber in prigione: ritrovare il corpo di Jennifer. Per questo, Sarah deve trovare la forza di riallacciare i contatti con le altre sopravvissute, nonostante l’odio che loro provano per lei e nonostante i segreti che le dividono. Perché quel capitolo della loro vita non si è mai veramente chiuso. Perché quello che succede dopo è ancora più terribile.

Rating:

Il mio pensiero:
1° edizione italiana
Quando questo libro uscì, io rimasi molto molto affascinata dalla trama, mi ispirava alla follia e lo misi subito in wishlist. Non avendo la possibilità di comprarlo subito, mi affidai alle recensioni scritte da amici o blogger di cui mi fido e le cose non presero una bella piega. Ogni persona che lo leggeva ne rimaneva delusa, recensioni negative e poco entusiaste sembravano contraddistinguere questo libro. Ovviamente la mia curiosità è scemata un po' e le aspettative si sono abbassate molto, ma quel pizzico di voglia di leggerlo è rimasto, per capire se anch'io avrei seguito la corrente del poco entusiasmo, oppure se sarei stata una voce fuori dal coro.

Le possibilità che il romanzo mi piacesse c'erano tutte, una trama intrigante e una storia che sembrava fatta di ansia e paure, sono elementi che mi piacciono moltissimo in un libro, ma per questo non è andata così.
Credo che il problema di “Dopo” sia la poca attenzione ai particolari, sembra che l'autrice non si sia resa conto che in libri di questo genere i particolari sono fondamentali, non si può lasciare un lettore completamente all'oscuro, non si può parlare di un fatto avvenuto a metà, oppure presentare un personaggio con poche parole; non puoi farlo a meno che non hai intenzione di svelare piccoli dettagli durante la narrazione... ma questo non è stato il caso di “Dopo”.
Sono rimasta con l'amaro in bocca perché certe scene avrei voluto vederle raccontate in modo particolareggiato, perché in alcuni casi la fantasia del lettore non basta, mentre invece mi sono rimasti grossi buchi neri incolmabili perché non c'è niente con cui riempirli. La mia curiosità non è stata soddisfatta, se non in qualche caso, la mia voglia di sapere e capire è rimasta delusa.

Cover originale
La protagonista Sarah sembra intrigante, nasconde dentro di sé sentimenti negativi tutti da scoprire e comprendere, ma quello che ci viene mostrato maggiormente è il suo coraggio che sembra spuntare dal nulla. Non ho sentito profondità, mi sembrava di vedere questo personaggio bidimensionale, quando invece avrei voluto vederlo in ogni sua sfaccettatura, per capire meglio il suo dolore e la sua paura.
Quasi la stessa cosa è successa con Tracy, uno dei personaggi fondamentali... anche a lei non viene donata profondità all'inizio, poi per fortuna le cose cambiano, si comprendono le sue scelte e certi suoi atteggiamenti e si riesce ad avere un quadro completo del suo carattere e dei suoi sentimenti.
Tutti gli altri personaggi che compaiono nel libro, purtroppo mi hanno lasciato molto molto poco.
Non ho sentito la cattiveria e la “follia” di Jack Derber, non l'ho mai vissuto come un cattivo, ma come una comparsa e anche in questo caso la colpa è dell'autrice che non si è dedicata abbastanza a lui. Io amo i cattivi dei libri, soprattutto se non sono scontati e se hanno motivazioni particolari dietro le loro scelte, non amo invece i cattivi costruiti solo su follia e cattiveria, perché credo che dietro una persona/personaggio di questo genere ci sia sempre dell'altro... un qualcosa che lo ha portato alla follia, qualcosa che lo ha reso cattivo senza speranza... Jack Derber non è niente di tutto ciò e ne sono rimasta molto delusa.

L'idea di base della storia non è di certo originale, ma non aveva bisogno di esserlo, sarebbe bastata una buona dose di adrenalina, mischiata a sentimenti negativi e molto forti, con personaggi interessanti che tengono il lettore incollato alle pagine... purtroppo in questo libro si hanno questi elementi solo in minima parte. La scrittura è fredda, nonostante venga raccontata una storia molto forte che avrebbe bisogno di un narratore convincente, con la freddezza la storia perde la maggior parte della sua forza e potenza; i colpi di scena ci sono, ma sono smorzati da piccole banalità; quasi tutti i personaggi perdono interesse mano a mano che la storia continua, solo Tracy va in senso opposto dando una piccola soddisfazione al lettore.

Cover tedesca
Questo è uno di quei libri che speravo potesse donarmi qualcosa, mentre invece si è rivelato una delusione, nonostante le aspettative fossero basse... forse è per questo che ho deciso di dare tre stelline e non meno. Perché alcune scene meritano, perché la storia in sé merita, perché è bello conoscere Tracy e provare a capire Sarah... peccato che una volta arrivati alla fine si capisce che l'autrice ha rovinato le potenzialità di questa storia e ha rovinato la sua protagonista che poteva essere grandiosa.

Le cover: Già io ho trovato un miglioramento tra la cover della prima edizione italiana e questa che vi ho presentato, anche perché credo che quella della nuova edizione renda meglio l'idea e soprattutto mantiene un minimo l'idea di base originale in modo più intrigante. Sinceramente la prima cover italiana con quella tipa in primo piano non mi piaceva granché.
La cover originale mi piace molto e dà subito un senso di inquietudine e ansia, sicuramente la fitta nebbia aiuta queste sensazioni, ma anche quella singola luce accesa che sembra attirare ingannando. La cover tedesca invece, strano ma ver, questa volta non mi convince; capisco il senso ma non mi piace, non riesce a catturare la mia attenzione, anche se lo sfondo mi piace molto.
Classifica finale: cover originale, cover seconda edizione italiana, cover tedesca, cover prima edizione italiana.


Come sempre aspetto i vostri commenti, perché sono molto curiosa di scoprire se c'è qualcuno tra voi follower del blog che ha apprezzato questo thriller. So che in tanti lo hanno quasi odiato, ma vorrei poter aprire una discussione tra chi lo ha amato e chi invece non è riuscito ad apprezzarlo e vediamo cosa viene fuori :)
Se vi va fatemi sapere anche cosa ne pensate della recensione e delle cover ;)

29 commenti:

  1. Grazie a te (<3) questo libro mi aspetta sulla mensola della libreria... avevo già visto diverse recensioni incerte e sapevo che anche tu non l'avevi particolarmente apprezzato (forse l'avevi già anticipato da qualche parte nel tuo blog...). Ad ogni modo, rimango sempre molto curiosa di leggerlo, perché non ho mai letto libri che trattassero questo tema. Spero mi convinca un po' di più di quanto non abbia convinto te! =)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vane, spero davvero potrà piacerti guarda, perché mi dispiacerebbe molto averti mandato qualcosa che non ti piace :(
      Non ho capito, non hai mai letto thriller o in particolare thriller che parlano di rapimenti e reclusione come questo? xD

      Elimina
    2. No ecco, mi sono spiegata male, intendevo che non ho mai letto thriller che parlano di rapimenti e reclusione, come questo qui ;) Infatti mi intriga molto! Vediamo dai, magari mi stupisce! =P Grazie di nuovo per avermi dato la possibilità di leggere questo libro =) un bacione!

      Elimina
  2. Risposte
    1. Oh beh, Rosie mi fa piacere riuscire ad incuriosire anche quando un libro non mi entusiasma :)

      Elimina
  3. Ciao Alessia, conoscevo questo libro e mi ispirava parecchio, ma non così tanto da metterlo in WL. Certo dopo la tua recensione, credo che aspetterò un pò prima di leggerlo. Anche io sono dell'idea che in questo genere di libri i particolari sono fondamentali... La cover originale è strepitosa *_* ciao Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria, io ti consiglio di dare ascolto al tuo primo pensiero e cioè di non metterlo in WL, se già non ti convinceva, sicuramente se vai in giro per il web troverai altre recensioni negative... secondo me non ne vale la pena...

      Elimina
  4. ce l'ho e ho molta voglia di leggerlo, ho letto pareri discordanti, chi ne è entusiasta e chi, come te, aveva aspettative molto alte che sono state disattese... :)

    Spero di farmene presto un'idea mia, prima che finisca l'anno, magari :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Angela, le mie aspettative si erano abbassate di molto, altrimenti credo non sarei riuscita a dare tre stelline, probabilmente mi sarei fermata a due :)
      Ma tu sei come me, nonostante tutta la negatività ti rimane voglia di leggerlo per capire se ti piacerà o meno. Spero per te sarà una buonissima lettura ;)

      Elimina
  5. Ciao! Ho comprato il libro in momento di shopping sfrenato, appena uscito nelle librerie, Avevo letto la trama in anteprima e sapevo che sarebbe dovuto essere mio. Però è ancora lì ad aspettare, avendo gli scaffali stracolmi e poco tempo. Sai che questa è la prima recensione che leggo? No aiuto, sono spiazzata, di tanto in tanto guardavo la cover e mi dicevo: quando vorrò leggere un bel thriller mi butterò su "Dopo". Adesso sono nel panico. Lo leggerò, ormai l'ho comprato, ma grazie a te partirò con delle aspettative più basse.
    Salvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Salvia, davvero la mia è la prima recensione? Allora prova a leggerne qualcun'altra prima di aprire il libro... So che in molti non lo hanno apprezzato, ma magari trovi qualche recensione positiva che ti convince del contrario.
      Mi dispiace essere stata la causa del panico :((
      Spero comunque potrà essere una buona lettura, magari non la migliore, ma spero ti piacerà più di quanto è piaciuto a me :)

      Elimina
  6. Capisco cosa intendi con "non si può parlare di un fatto avvenuto a metà, oppure presentare un personaggio con poche parole" ... io l'ho provato con la Psichiatra, che mi è piaciuto ma anche in quel caso sono troppe le cose non dette! Leggerò Dopo prima o poi perchè sono curiosa però le aspettative sono basse!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, invece a me la "Psichiatra" ha convinto e non ho sentito così tanto questo fatto come in "Dopo". In "Dopo" mi ha proprio infastidito, mentre nell'altro riusciva a catturare ancora di più la mia attenzione... che strana cosa, forse il punto è anche lo stile dell'autore, forse Dorn riesce a catturarmi di più con poche parole rispetto alla Zan...

      Elimina
  7. Insomma, un pochino mi attirava, anche per la cover. Ma adesso.... no, direi che ce ne sono almeno mille che meritano di più!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì Michy, assolutamente sì. Ce ne sono tantissimi molto più meritevoli di "Dopo". Se non ti ispira lascia stare, è meglio che ti dedichi ad altro che ti attira molto di più. :)

      Elimina
  8. Ma che peccato ç__ç
    Mi sembrava così interessante... ma la storia non viene strutturata nel modo giusto, cosa che in un libro drammatico/thriller DEVE essere fatto per creare suspense, si perde tutto...
    Se avrò tempo magari lo prendo usato un super-sconto, altrimenti pazienza :)

    Ciao bella!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco Laura, perfetto. Se ti ispira nonostante le tante recensioni negative, allora il modo migliore è trovarlo in scambio o usato, in modo da non "buttarci" troppi soldi.
      Sicuramente non è una lettura di cui sentirai la mancanza :)

      Elimina
  9. Complimenti per la recensione! :) Anch'io ho messo in WL questo libro poco tempo dopo la sua uscita in libreria, ma non sono ancora riuscita a leggerlo. Dopo aver tentennato parecchio la tua recensione mi ha chiarito le idee :) Penso che lo lascerò in WL, ma sarà uno di quei libri che leggerò solo se riuscirò a metterci le mani sopra "a gratis" (Biblioteche, prestiti, scambi). Pare brutto, ma con tutti i bei libri che ci sono spendere dei soldi per qualcosa che penso già non mi piacerà più di tanto mi pare un peccato :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille :)
      No il tuo ragionamento non pare assolutamente brutto, ma giusto. Per noi lettori accaniti che spendiamo tanti soldi in libri, è giustissimo fare una selezione e spendere soldi per libri che davvero catturano la nostra attenzione in modo convincente, altrimenti andremmo in bancarotta nel giro di un paio di mesi.
      Fai benissimo Siannalyn e spero che se lo troverai "a gratis" riuscirà comunque a piacerti più che a me :)

      Elimina
  10. Ciao Ale! Io ho fatto proprio come te, sono rimasta stregata da questo libro quando è uscito, ma poi leggendo le varie recensioni sul web mi sono dovuta ricredere e la tua è l'ennesima che mi convince che forse è il caso davvero di glissare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Baby, non so cosa avesse questo libro, ma so che in tantissimi sono rimasti stregati, forse il titolo così semplice e diretto? Forse la trama costruita davvero bene per attirare attenzione? Fatto sta che non merita tutta l'attezione che gli abbiamo dato, purtroppo.

      PS: La tua mail è arrivata e l'ho già letta un paio di volte, risponderò tesoro, te lo prometto :((

      Elimina
  11. oh che peccato...non amo particolarmente i thriller ma questo mi ispirava parecchio....però adesso non sono tanto convinta.. vedrò se dargli comunque una chance

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mmm, Licia, se già sei una che non ama molti i thriller io ti sconsiglio di iniziare proprio da questo, ce ne sono centinaia migliori che potrebbero incuriosirti al punto giusto da farti appassionare ai thriller... Questo, secondo me, ti allontanerebbe ancora di più dal genere :)

      Elimina
  12. Mi ha molto incuriosito ma boh c'è qualcosa che non mi convince
    Agli amanti dei thriller consiglio Gleen Cooper
    Un abbraccio
    Ciao a tutti e ciao Ale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nicola, no, anche se ti ho incuriosito io non te lo consiglio. So quanto i gusti di noi lettori possono essere differenti, ma non mi piace consigliare libri che non mi sono piaciuti e non mi hanno convinto.
      Ecco, Glenn Cooper è uno di quelli che non mi ispira molto, a parte l'ultimo :)

      Elimina
  13. Anche io l'ho letto pur non essendo riuscita ancora a recensirlo, però condivido tutto quello che hai detto.
    Manca di approfondimento, sembra di guardare passivamente un film alla tv, non c'è immedesimazione nei personaggi e poca accuratezza in certi aspetti.
    Il cattivo è stato il fallimento più grosso e la scena finale ai limiti del ridicolo.
    Anche io sono rimasta molto delusa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, beccata... anche tu indietro con le recensioni Dru? Ti capisco mooooolto bene xD
      Ma un film in tv secondo me è comunque meglio, perché puoi comunque avere un quadro più chiaro, con questo libro invece è tutto molto "sfuggente".
      Un vero peccato, secondo me tu sei rimasta ancora più delusa di me, forse a causa delle aspettative, le tue erano più alte :)

      Elimina
  14. Come sono d'accordo con te amica mia :-) questo libro aveva molto potenziale ma purtroppo l'autrice se l'è giocata malemalemale... anch'io come te avevo parecchie aspettative ma sono timasta molto delusa. Peccato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello vedere il tuo profilo con foto *_*
      Un vero peccato sì, alla fine i thriller hanno pochi elementi necessari per essere delle buone letture, ma quando vengono a mancare è un vero casino e un mezzo disastro. Per fortuna abbiamo tanti altri thriller che meritano la nostra attenzione e la nostra soddisfazione *_*

      Elimina

Lasciate un segno del vostro passaggio, sono sempre felice di leggere e rispondervi ♥