mercoledì 5 novembre 2014

Recensione: "Il figlio del cimitero" di Neil Gaiman

Ciao a tutti, finalmente oggi sono riuscita a trovare una mezzoretta da dedicare al blog. L'inizio di questa settimana è stato devastante, non ho avuto tempo per fare niente, infatti anche le mie letture ne hanno risentito un po', ci ho messo ben cinque giorni a leggere "L'amore bugiardo", so che non sono tanti, ma per me lo sono, cioè per i miei ritmi cinque giorni per un libro che non conta neanche 500 pagine sono tanti.
Prima di lasciarvi alla recensione di oggi volevo continuare a ringraziarvi, state continuando a crescere e a seguirmi, anche sul ultimamente i commenti sono un po' diminuiti, sono felicissima lo stesso... Cavolo 1027 follower non avrei mai potuto immaginarlo *_*
Avrei dovuto fare un post mirato per questo, ma ormai credo proprio che aspetterò la fine dell'anno per fare tutto insieme, avrei voluto organizzare un Giveaway molto impegnativo come organizzazione e alla fine non sono riuscita ad organizzarne nemmeno uno semplice :(
Non mi arrendo ancora del tutto perché non si è mai visto un blog che raggiunge i 1000 follower e non festeggia in nessun modo, vorrei davvero avere la possibilità di farvi tanti regali, ma per ora non ne ho modo ne tempo. Spero potrete apprezzare comunque un futuro giveaway anche se in ritardo :(

Oggi vi parlo di un libro a cui sono molto affezionata, ad un autore che sto imparando ad adorare e amare piano piano, ma con grande passione. Il figlio del cimitero di Neil Gaiman. Anche questa volta ci tengo a precisare che ho scritto questa recensione gli ultimi giorni di gennaio.



Trama:
Ogni mattino Bod fa colazione con le buone cose che prepara la signora Owens. Poi va a scuola e ascolta le lezioni del maestro Silas. E il pomeriggio passa il tempo con Liza, sua compagna di giochi. Bod sarebbe un bambino normale. Se non fosse che Liza è una strega sepolta in un terreno sconsacrato. Silas è un fantasma. E la signora Owens è morta duecento anni fa. Bod era ancora in fasce quando è scampato all'omicidio della sua famiglia gattonando fino al cimitero sulla collina, dove i morti l'hanno accolto e adottato per proteggerlo dai suoi assassini. Da allora è Nobody, il bambino che vive tra le tombe, e grazie a un dono della Morte sa comunicare con i defunti. Dietro le porte del cimitero nessuno può fargli del male. Ma Bod è un vivo, e forte è il richiamo del mondo oltre il cancello. Un mondo in cui conoscerà l'amicizia dei suoi simili, ma anche l'impazienza di un coltello che lo aspetta da undici lunghissimi anni...



Rating:

Il mio pensiero:
Cover US
Finalmente mi sono decisa a leggere un altro libro di quest'autore che qualche mese fa mi ha ammaliato con "Stardust", me ne sono innamorata e da quel momento il mio desiderio è stato quello di leggere ogni libro di quest'autore.
Il figlio del cimitero è una storia molto dark, racconta di Bod, un bambino che si ritroverà a vivere in un cimitero, accettato dai suoi abitanti morti da anni e anni; dal momento in cui Bod riceverà la Cittadinanza del cimitero, avrà la possibilità di vedere e toccare i morti che lo popolano e con gli anni avrà altre abilità che imparerà o che cresceranno spontanee.
L'unica cosa che deve fare Bod è non uscire mai dal cimitero, perché fuori è pericoloso per lui, ci sono persone che gli vogliono fare male e altre che non capirebbero le sue stranezze. Ma come tutti sappiamo i bambini sono curiosi per natura e dopo aver esplorato ogni angolo del cimitero, Bod esprime il desiderio di poter uscire dal cimitero e di andare a scuola, vuole imparare e vuole vivere insieme ai vivi. Ma nella sua vita non sono implicati semplicemente vivi e morti, c'è molto di più, molte più figure misteriose che Bod imparerà a conoscere a temere e a fronteggiare....

Questo libro è perfetto in ogni sua forma. Neil Gaiman mi ha confermato per la seconda volta che è uno dei miei autori preferiti, per dire se sarà il preferito in assoluto voglio leggere altri suoi libri. La capacità che ha di creare e plasmare mondi e personaggi a suo piacimento è impressionante. Forse la storia un po' gotica di un bimbo che vive in un cimitero non potrà sembrare molto originale e interessante, ma c'è tantissimo altro. Gaiman ha usato figure e personaggi già usati in altri libri e li ha resi suoi, inventadosi nuovi nomi, creando nuove ambientazioni. I Mastini di Dio, i Guardiani dell'Ordine, la Confraternita dei Fanti, i Gaunt della notte, i Ghoul.... vi dicono qualcosa questi nomi? Sono certa di no, così come sono certa che siano assolutamente originali nelle loro sembianze e nel compito che hanno; ma se leggerete di loro, potrete capire da che figure paranormali o fantasy Gaiman ha preso spunto.
Cover UK
Per non parlare di Bod, il bambino e poi ragazzo che ci accompagna in questa avventura, lui è un protagonista perfetto. Un bambino dolce che ha dalla sua parte tutta l'innocenza e la curiosità, Bod è sveglio e intelligente e soprattutto ha voglia di scoprire e di conoscere. Nonostante sia un bambino diverso dagli altri "a causa" del modo e del mondo in cui è cresciuto, i suoi bisogni e le sue incertezze sono quelle tipiche di qualsiasi bambino e in questo modo ci si affeziona a lui fino a volerlo stringere tra le proprie braccia. Lo incontriamo piccolo, indifeso e insicuro, per poi salutarlo e lasciarlo andare cresciuto, certo di quello che vuole, forte e coraggioso, pronto ad affrontare la vita e il mondo che sembrano aprirsi di fronte ai suoi occhi. La crescita che compie questo personaggio è semplice, ma impressionante; possiamo sentirlo vicino a noi proprio grazie all'umanità che gli ha donato Gaiman.
Fatemi spendere due parole anche su Silas, il tutore che si occupa di Bod. Un uomo dai mille misteri e sfuggevole come un'ombra, eppure un uomo e un personaggio che lasciano un grande segno non solo a Bod ma anche a noi lettori. Un personaggio che ho sentito così triste, ma anche coraggioso da arrivare a provare pena per lui, fino al punto in cui mi sono resa conto che lui è onorato di svolgere il suo compito anche se questo gli causa grandi perdite a livello emotivo e non solo.
Le ambientazioni, ma cosa ve lo dico a fare. Gaiman è un maestro. Tutti noi abbiamo visitato almeno una volta un cimitero nella nostra vita, per motivi di lutto (purtroppo) o all'estero semplicemente per vederli e scoprirli. Ecco il cimitero creato da Gaiman è allo stesso tempo vivido come un luogo reale e nebbioso come un luogo misterioso lontano anni luce da noi. Riesce ad intrigare appassionare e far provare paura nello stesso istante, così come riesce ad essere un tassello importantissimo di tutta la storia, come se diventasse un personaggio come tutti gli altri, che vive di vita propria.

Cover francese
E come non pensare agli insegnamenti e alle piccole lezioni di vita che si trovano tra le righe; così come avevo vissuto queste sensazioni per "Stardust", lo stesso mi è successo con "Il figlio del cimitero": sono libri adatti sia ai bambini/ragazzini che agli adulti, e se i bambini vivranno questa storia come un'avventura e un esempio, i ragazzini ci troveranno piccoli consigli e insegnamenti di vita, gli adulti scoveranno ogni significato nascosto oltre che a vivere la storia come un'avventura che vorranno far leggere ai figli e ai nipoti.

Lo stile di Gaiman, le sue storie e i suoi personaggi sono adatti a chiunque, dal più piccolo al più grande, ecco perché ancora una volta, mi ritrovo a consigliare un suo libro a tutti voi perché Gaiman è in grado di emozionare e appassionare, di coinvolgere e far riflettere, di insegnare e far crescere.

Le cover: Avevo già ammesso la mia passione smodata per le cover (in questa edizione) italiane. Il figlio del cimitero ha una cover meravigliosa adattissima con il romanzo e in linea con i disegni che si trovano all'interno. La cover US credo non renda assolutamente come immagine, secondo me dal vivo è molto molto meglio. La cover Uk invece mi piace da morire, mi piace moltissimo l'illustrazione usata, è perfetta.
E per una volta devo dire che sono soddisfatta anche dalla cover francese, non è paragonabile a quella italiana o UK, ma fa sicuramente la sua figura e attira gli sguardi.
Classifica finale: cover italiana, cover UK, cover francese, cover US. Ma in generale sono tutte molto belle e adatte alla storia.

Eccomi ragazzi, anche se sono un po' assente nei commenti (sto recuperando, avete visto? Fatemi i complimenti xD) ci tenevo a trovare qualche minuto libero per postare questa recensione.
Vorrei sapere cosa ne pensate di Gaiman e qual è la vostra esperienza con questo autore. Se conoscete il libro e lo avete letto, se la pensate come me o diversamente e alla fine se vi piace la mia recensione :)
Aaaaaaaah, non dimenticatevi mai di parlarmi delle cover, mi piace confrontarmi con voi anche sui vestiti dei nostri amati libri *_*

27 commenti:

  1. Ciao! Questo libro l'ho visto diverse volte in libreria ma finora non mi aveva mai attirato, dopo la tua recensione però mi è venuta voglia di prenderlo alla prima occasione! Io di Gaiman ho letto solo "L'oceano in fondo al sentiero" e devo dire che è stata una piacevolissima sorpresa, una lettura molto particolare sicuramente ma che ho apprezzato moltissimo! Non c'è dubbio che leggerò altri libri di questo autore!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Chiara, io potrei consigliare Gaiman a chiunque e in effetti lo faccio :)
      Purtroppo a me manca la lettura di "L'oceano in fondo al sentiero", ma voglio recuperare tutti i libri di questo autore e sicuramente non me ne farò sfuggire neanche uno :)

      Elimina
  2. Neil Gaiman mi attira tantissimo, ho letto solo "Coraline" per ora ma vorrei leggerne tanti altri, con la stessa ambientazione gotica e tetra che hai descritto! Argh, spero di riuscire a leggerlo al più presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Pasquale, Gaiman ha una capacità innata di raccontare storie semplici e renderle splendide e indimenticabili. Anche "Coraline" è tra i libri che vorrei acquistare, per ora sono ancora una novellina per quanto riguarda questo autore, ma li voglio tutti i suoi libri :)

      Elimina
  3. Wowwww 1000 complimentoniiiiiiiii!!!!!!
    Io amo Neil Gaiman ha un modo di scrivere e creare storie unico ..... io ho letto stardust ..... che ho amato.... questo libro mi ispira moltissimo ... bellissima recensione... beh la cover è meravigliosa sono sempre belle le sue copertine!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Martina, grazie mille per i complimenti :)
      Hai ragione, Gaiman è unico in quello che fa, davvero unico. Anche Stardust è meraviglioso e sono sicura che "Il figlio del cimitero" potrà soddisfarti, nonostante le ambientazioni completamente diverse e molto cupe.

      Elimina
  4. E' una serie, giusto?? Avevo visto il libro tempo fa in libreria e l'avevo inserito in wl!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No no Ile, non è una serie... Esiste un altro libro che si chiama "Il cimitero senza lapidi e altre storie nere" che contiene una raccolta di racconti tra cui un pezzo di "Il figlio del cimitero" :)

      Elimina
  5. Ciao Alessia!!! Ehi qui bisogna festeggiare!!! Fosse anche tra un mese, non importa!!! Complimenti per il traguardo! Per quanto riguarda la recensione, non conoscevo Neil Gaiman e devo dire che mi incuriosisce! Sta volta devo dire che la cover italiana è la più bella :) a presto Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria, eh lo so che bisogna festeggiare, vorrei farlo, ma per ora proprio non riesco, non ho modo nè tempo per organizzarmi :( Grazie mille per i complimenti :)
      No Mariaaaaaa, devi leggere almeno un libro di Neil Gaiman e poi mi saprai dire se non diventa una specie di meravigliosa droga *_*

      Elimina
  6. Aaah uno dei miei libri preferiti, lo adoro profondamente! Un libro che ho iniziato non molto convinta che ha finito per farsi leggere in un fiato. Adorato tutti i personaggi, non è banale e mi è piaciuta molto la crescita del personaggio lungo il libro. Oltre al fatto che ha onestamente un'atmosfera particolare :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io avevo già buone aspettative su questo libro, dopo essere rimasta completamente soddisfatta da Stardust, ma non avrei mai immaginato che potesse superarle di così tanto.
      Hai ragione su tutta la linea, personaggi, ambientazioni e molta originalità.

      Elimina
  7. Buondì tesoro! prima di scappare al lavoro ho avuto tempo 5 minuti per leggere la tua meravigliosa recensione che mi ha fatto venire voglia di leggere subito il figlio del cimitero! *-* l'ho anche io sullo scaffale e mi ispira moltissimo! Di Gaiman ho letto L'oceano in fondo al sentiero che mi era piaciuto *-* devo assolutamente leggere altro di suo!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao tesoro, quando ho visto a che ora hai commentato ho pensato: "Ma che dolce la mia Ledina che visita il mio blog prima di lavorare" *_*
      Ed ora mi trovo nella tua stessa situazione, sto cercando di rispondere a tutti i commenti, ma tra pochissimo devo fiondarmi a lavorare se no faccio tardi °_°
      Leda, dato che lo hai già, ti consiglio di non aspettare troppo, poi secondo me con questa stagione è perfetto il libro, ti piacerà da pazzi *___*

      Elimina
  8. Ciao Ale! Neil Gaiman scrive benissimo e ha un vero talento nel conquistare il lettore! Ho acquistato questo libro parecchio tempo fa in inglese ma purtroppo non sono ancora riuscita a leggerlo (e American gods l'ho momentaneamente accantonato per mancanza di sufficiente tempo per dedicarmici, a Gaiman fischieranno le orecchie!)... non vedo l'ora che arrivi il periodo di Natale per recuperare :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao tesoro, hai ragione il suo è talento, un gran splendido talento. Aaaaah, un Natale dedicato a Gaiman? Potrei farlo anch'io dato che ho "American Gods" e una raccolta di racconti suoi *___*

      Elimina
  9. Era da tanto che questo libro mi interessava, ma non mi ero mai decisa..... ma adesso che ho letto questa recensione entusiasmante lo inserisco nella mia lista (aiuto, non finirò mai....)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sara ah guarda io te lo consiglio con tutto il cuore. E' una storia splendida, divertente e anche profonda. Riesce ad emozionare tantissimo e catturare l'attenzione fin da subito.

      Elimina
  10. non conosco l'autore ma dovrò recuperare, soprattutto dopo una recensione così, mi hai fatto venire voglia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh sì Chiara, devi assolutamente recuperare. Gaiman ha scritto moltissimo e hai anche la possibilità di spaziare attraverso diversi generi, tieni comunque conto che le sue storie sono sempre molto particolari e originali. Però prova a leggere qualcosa di suo, secondo me non te ne pentirai *_*

      Elimina
  11. Che carino, quanti essere sovrannaturali dai nomi strani *_*
    Io al momento ho solo letto Coraline di Gaiman, ma questo mi ispira ancora di più, sembra più dark *_*
    Anche a me piacciono molto la cover italiana e UK, quella americana... non riesco a capirla... cos'è quella roba triste sulla copertina o_O

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì sì sì, Laura devi leggerlo dai dai. E' meraviglioso, non so più in che lingua dirlo... in questi commenti credo di aver scritto "meraviglioso" una decina di volte ahahaha
      Io non ho letto "Coraline" ma questa storia è assolutamente molto cupa, sia come ambientazioni che come modo di raccontare, ma rimane sempre la splendida fantasia di Gaiman e la sua capacità di coinvolgere.
      Quella americana non so bene neanch'io cosa rappresenti, forse è una lapide con qualche significato che non cogliamo °_°

      Elimina
  12. Ecco un autore che proprio non conosco ma che mi affascina da morire! Le atmosfere e i personaggi poi, mi ispirano un sacco ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Baby, fidati di me. Devi leggere Gaiman, qualsiasi cosa che possa ispirarti di più compralo e leggilo. Secondo me non te ne pentirai, è favoloso!

      Elimina
  13. Complimenti per la recensione! *__* E concordo in pieno!!! :) Non sempre ho un buon rapporto con Gaiman, perché sì, riconosco che è geniale e che il suo stile è unico, ma di solito mi...annoia, o forse è meglio dire che mi delude un po'. Ho letto diversi suoi libri "per bambini" e li ho adorati (alcuni più di altri, ma direi che è normale), ma quando passo ai libri "per adulti" allora scatta la delusione: l'idea del libro, la trama di per sè, i personaggi e tutto quanto mi sembrano geniali, ma la realizzazione mi delude sempre un po', non si rivela mai all'altezza delle mie aspettative. Però questo libro l'ho adorato :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara, grazie mille per i complimenti e sono contenta di sapere che il nostro pensiero è molto simile.
      Purtroppo io non ho ancora letto libri per adulti di Gaiman, ho a casa che mi aspetta "American Gods" e sono molto incuriosita, anche se ho trovato pareri di persone che seguo, che non sono proprio il massimo. Le mie aspettative rimangono comunque alte, anche se credo che Gaiman renda molto di più quando prende la sua fantasia e la porta a livelli di "Stardust" o di questo libro, per me è realmente geniale e lo dico senza sapere come sono i suoi libri per adulti... Vedrò cosa succederà :)

      Elimina
  14. Sei davvero fantastica...io devo scegliere 4 libri per la scuola e di sicuro ancho dopo aver letto la tua recensione prenderò questo.👍

    RispondiElimina

Lasciate un segno del vostro passaggio, sono sempre felice di leggere e rispondervi ♥