lunedì 15 dicembre 2014

New Blogs, New Voices: Lo spazio tra le righe

Buongiorno e buon lunedì, ormai le vacanze e le feste si avvicinano, io mi sono fatta prendere dalla corsa ai regali (in realtà è già un paio di settimane che regalo a destra e a manca xD) e l'altro giorno, insieme a Marco, abbiamo quasi concluso di fare tutti i regali. Ci mancano i nostri e quelli per Vera, ma per il resto siamo a posto *_*
Inoltre sto ricevendo un sacco di pacchettini dalle mie amiche bloggherose e non avete idea di quanto sia dura dover resistere e non aprire niente, sto IMPAZZENDO, sappiatelo u.u

E ci siamo ragazzi, siamo quasi alla fine di questa mia iniziativa che all'inizio ha riscosso un buon successo, mentre ora sta scomparendo piano piano (se ci penso mi viene da piangere, perché non credo ripeterò la cosa). Siamo alla penultima puntata, se riesco, dopo l'ultima puntata ovviamente, ho intenzione di fare un post riassuntivo dove lascio due righe e qualche link per ogni blog che abbiamo conosciuto grazie a NBNV.
Intanto vi lascio i blog intervistati e conosciuti finora così se vi manca qualche tappa ve la ritrovare qui sotto.
Le puntate precedenti:

Oggi faremo quattro chiacchiere con Beba, la proprietaria di Lo spazio tra le righe

Ciao, sono Deborah, anche se qui su Blogger il mio nome è Beba (da piccola non riuscivo a pronunciare bene il mio nome e dicevo Beba). Ho 17 anni e frequento la quarta liceo classico. Ho aperto il mio blog da quasi due anni e ho una cinquantina di followers. Preferisco il tè al caffè, il mio film preferito è Alice in Wonderland di Tim Burton e amo l’inverno.


Ed ora passiamo all'intervista fatta a Beba, ci tengo a precisare che le domande sono abbastanza e che ho chiesto io, espressamente, di non essere riassuntivi, ma di lasciare libero sfogo a parole e pensieri, così da poter conoscere meglio ogni blogger :)




Quali sono le motivazioni, insignificanti e importanti, che ti hanno spinto ad aprire il blog?
Innanzitutto mi ha spinto sicuramente la passione per i libri e la voglia di avere un angolino tutto mio per poter condividere questa mia passione. Al di fuori della blogosfera, trovare amici che leggono già è difficile, figurarsi trovare gente a cui piace il tuo stesso genere! Così quando sono capitata nella blogosfera per caso, cercando delle informazioni sull’uscita italiana di un libro, ho scoperto il fantastico mondo dei lit-blog e ne sono rimasta affascinata e volevo anche io far conoscere la mia opinione e crearmi anche uno spazio tutto mio dove poter riportare il mio amore per i libri e vederlo maturare piano piano.

Come è nato questo progetto? Avevi già tutto nella mente o ci hai messo del tempo per prendere la “strada giusta”?
Dopo aver scoperto l’esistenza di lettori e lettrici che condividevano attraverso il web la loro passione per i libri, non ci è voluto molto perché anche io mi decidessi a creare un mio angolo personale, una sorta di diario di avventure letterarie, l’idea è nata qualche giorno dopo la scoperta. Come piattaforma ho scelto Blogger, perché era grazie a Blogger che avevo scoperto la blogosfera e perché mi sembrava abbastanza semplice da usare. Dopo aver scelto di volermi creare un blog tutto mio, ci sono voluti però un paio di mesi perché la mia idea diventasse realtà, per decidere come il mio blog dovesse apparire, quali rubriche adottare, che titolo dare. Ciò che più mi ha mandato in crisi è stato il titolo, che non è nemmeno quello che il blog ha adesso. Avevo chiamato il mio angolino La Dimora delle Fate, perché sono delle creature che mi hanno da sempre affascinata. Il titolo però non mi aveva mai soddisfatta pienamente, soprattutto perché con la mia passione per la lettura non aveva nulla a che fare, così dopo qualche mese è diventato Lo spazio tra le righe, che mi piace molto di più. Lo spazio tra le righe simboleggia i mondi che si nascondono dietro alle parole, ciò che va oltre la carta e oltre l’inchiostro (oppure oltre lo schermo di un eReader xD).

Quali sono i tuoi punti deboli? Cosa cambieresti o vorresti migliorare del tuo blog e perché?
Probabilmente il mio punto debole sono il numero di post che pubblico ogni settimana. Vorrei riuscire a pubblicarne almeno quattro o cinque, ma purtroppo non ho tutto questo tempo da dedicare al mio angolino, quindi devo accontentarmi di due, massimo tre post a settimana. Altra cosa che non è mai stata il mio forte sicuramente è la scelta delle rubriche. Ultimamente posto sempre le stesse due-tre rubriche. Con questo non voglio dire che non mi piacciano le rubriche che ho scelto, ma semplicemente che vorrei pubblicarne anche delle altre, perché magari i miei lettori si stufano di trovarsi sempre la stessa rubrica e vorrebbero leggere qualcosa di più originale.

Quali sono i tuoi punti forti? Cosa vorresti non cambiare mai e poi mai del tuo blog?
Forse la passione. Tante volte mi è passato per la testa di mollare tutto e lasciare perdere, soprattutto quando mi trovavo in periodi difficili da affrontare al di fuori della blogosfera, ma è la mia passione per la lettura che mi ha fatto resistere e ho fatto bene a non abbandonare il mio angolino.

Parliamo delle rubriche del blog, una parte importante. Quali, come e perché?
Come ho scritto sopra tra i miei punti deboli, non ho molte rubriche e poche sono inventate da me.
La prima rubrica che ho mai pubblicato è Month’s Readings, ideata da me e ispirata un po’ alle Wrap Up dei Booktubers americani, un po’ a Clock Rewinders di On a Book Bender e 25 hour books e al Weekly Recap di Juliette di Sweety Readers. Month’s Readings vuole essere un riassunto delle mie letture mensili, con link alle eventuali recensioni, voto medio del mese e TBR del mese successivo.
Altra rubrica è la famosissima WWW Wednesday ideata dal blog Should be reading dove si deve rispondere alle tre domande Cosa stai leggendo? Cosa hai finito di leggere? Cosa pensi leggerai?.
Una rubrica che capita a cadenza casuale è Le pagine dei desideri, dove presento alcuni libri nella mia wishlist.
Penultima rubrica è la Top Ten Tuesday del blog The Broke and the Bookish. Ogni settimana questo blog propone un tema libroso e bisogna fare una propria classifica di dieci libri/serie/autori/ecc. che riguardano quel tema.
Ed infine c’è una rubrica ideata da me, Fan art. Spesso infatti su Pinterest o Tumblr (o anche su Google) mi capita di cercare molte fan art delle serie che seguo. Sono ossessionata dai disegni fatti dagli altri fan. Di questa rubrica però finora ho pubblicato un solo post, volevo sviluppare meglio l’idea, non so nemmeno io come, ma prima o poi lo capirò xD.

Come affronti la scrittura di una recensione? La scrivi di getto oppure aspetti di assimilare tutto il libro in ogni sua forma?
Prima di tutto, mentre leggo, prendo appunti sul cellulare, mi scrivo qualche parola chiave su ciò che penso, su qualche evento o personaggio, sullo stile. Poi, dopo aver finito la lettura, riordino un po’ le idee e mi faccio una scaletta. Infine scrivo una recensione. A volte mi viene di getto e non mi serve nemmeno una scaletta, altre volte ci metto settimane per essere soddisfatta di ciò che ho scritto.

Cosa ne pensi delle collaborazioni con autori e case editrici? È un mondo che conosci già, oppure vorresti provare ma non sai da che parte cominciare?
Sinceramente, non ho so bene come funzioni la cosa, non ho mai provato a contattare via mail una casa editrice e non mi sento nemmeno pronta a farlo. Penso che per un blog le collaborazioni siano importanti e mi piacerebbe anche poter fare questo tipo di esperienza, ma non voglio sentirmi costretta a leggere i libri che mi propongono le CE. So che si tratta di una collaborazione e non le case editrici non mi impongono di leggere un determinato libro, però preferisco non collaborare con nessuno, per il momento. Quando mi sentirò pronta, allora proverò a contattare le case editrici di persona. Per quanto riguarda gli autori che autopubblicano i propri libri, invece, ho collaborato con alcuni autori che mi avevano contattato presentando con un post i loro libri e ho anche recensito i romanzi di Barbara Schaer.

Cosa ti aspetti dal tuo blog? Sia a livello personale che generale.
Voglio che il mio blog sia prima di tutto una passione, non voglio che recensire libri diventi il mio lavoro, anche perché non mi ritengo per nulla una professionista, do semplicemente il mio sincero parere su un determinato libro e non voglio che questo diventi la mia professione, non voglio sentire il blog come un dovere, ma come un piacere.

Come ti comporti con gli altri blog? Segui solo quelli che ti piacciono molto, oppure vai sempre alla ricerca di qualcosa di nuovo? Leggi e commenti oppure sei una follower silenziosa?
Seguo quasi tutti i blog di cui sono lettrice fissa, alcuni con più costanza rispetto ad altri, ma mi definirei più una lettrice silenziosa che una commentatrice accanita. Commento i blog o i post che mi piacciono e mi interessano di più, e solo se sono collegata col PC. Dal cellulare non commento quasi mai, lo trovo troppo scomodo.

Grazie a New Blogs, New Voices, pensi potrai migliorare e ottenere qualcosa di più dal tuo blog e dal mondo di blogger? Pensi ti aiuterà a farti conoscere, a crescere e ad avere consigli? Oppure alla fine credi non servirà a molto?
Spero che questa esperienza serva a me per farmi conoscere e per far crescere il mio angolino, che ha bisogno di tanti consigli per migliorare. Non ho mai fatto nulla prima per far conoscere il mio blog e questa è la prima iniziativa a cui partecipo e la mia prima intervista. Quindi volevo ringraziare anche te e le tue splendide idee, Alessia! E grazie a chi sarà disposto a darmi consigli.


Ed eccoci alla conclusione di questa intervista, come vedete Beba ha una voglia matta di far conoscere il suo blog e io spero di riuscire ad aiutarla in questo lasciandovi tutti i link possibili e immaginabili. Ovviamente tutte le immagini che trovate sono cliccabili, e ricordatevi i post condivisi nella colonna del blog.
Mi sento di dire a Beba che la sua rubrica Fan Art a me ispira particolarmente e spero avrà l'idea giusta per riuscire a renderla come vuole lei e pubblicarla regolarmente.
Bene ragazzi, buona navigazione e buon click xD Noi ci rileggiamo la settimana prossima con l'ultimo blog ad essere intervistato ;)

3 commenti:

  1. Grazie mille per l'intervista e per la possibilità che mi hai dato :) spero di poter sviluppare meglio l'idea per la mia rubrica Fan Art, allora!

    RispondiElimina
  2. "Lo spazio tra le righe simboleggia i mondi che si nascondono dietro le parole" è un'immagine bellissima, da anni ormai sostengo che ogni libro è un nuovo mondo, una nuova vita in cui, per qualche momento, immergerci e lasciarci trasportare.
    Vado subito a visitare questo blog che non conoscevo!

    RispondiElimina
  3. Condivido pienamente l'idea che ha Beba dei libri. Ogni libro rappresenta un mondo diverso,un mondo dove possiamo sognare

    RispondiElimina

Lasciate un segno del vostro passaggio, sono sempre felice di leggere e rispondervi ♥