lunedì 22 dicembre 2014

New Blogs New Voices: Pick Me, Choose Me, Read Me

Buongiorno a tutti, oggi avrei dovuto preparare questo post, l'ultimo per NBNV, ma a causa di impegni e ritardi non sono riuscita... E voi vi starete chiedendo "e allora noi cosa stiamo leggendo? Alla fine ci sei riuscita..." e invece no. Grazie alla mia amica Denise che sta sistemando e pubblicando questo post per conto mio lo potete leggere, grazie alla sua gentilezza e disponibilità, altrimenti l'ultima puntata chissà quando sarebbe stata pubblicata. Dunque non mi rimane che ringraziare all'infinito Denise.

Voglio ringraziare tutti i blog che hanno partecipato a questa iniziativa, spero di essere stata d'aiuto. Ed infine vorrei ringraziare tutti voi che avete seguito silenziosamente o commentando.
Vi lascio i blog intervistati e conosciuti finora così se vi manca qualche tappa ve la ritrovare qui sotto.
Le puntate precedenti:

Oggi faremo quattro chiacchiere con le proprietarie di Pick me. Choose me. Read me.

Amare i libri è un superpotere.
Noi lettori sappiamo viaggiare nel tempo e nello spazio.
Sappiamo perderci per ore, giorni interi forse, senza mai andarcene davvero da nessuna parte.
Sappiamo affrontare le sconfitte e il dolore con coraggio e sappiamo che le cose migliori sono quelle che si fanno attendere di più. Sappiamo combattere le battaglie più dure per le persone che amiamo e restare accanto agli amici, fin proprio alla fine. A volte ridiamo, altre piangiamo e nessuno sa mai il perchè.
La verità è che noi lettori salviamo mondi interi.

Chi ha la fortuna di inciampare in questa magia, un po’ come Alice nella tana del Bianconiglio, scoprirà che quello dei lettori è un mondo strano, popolato di creature bizzarre, e che una volta mosso il primo passo, non c’è modo di tornare indietro!
E’ stato così che tre persone completamente diverse come noi si sono ritrovare a compiere questo meraviglioso viaggio insieme, attraverso i libri.
Moca, con la sua sicurezza e la sua ambizione, può sembrare un po’ egocentrica a volte, ma quando ama, sa farlo con tutto il cuore, (sopratutto quando si tratta di Daryl Dixon). Elenoire, con la sua passione per i biscotti, ha il super potere di saper trovare la bellezza, quella vera, e di essere probabilmente la lettrice più lenta del pianeta. Infine Nim, accumulatrice seriale di romanzi, a cui piace pensare di essere nata sotto la “buona stella” del sarcasmo, e che non si fida mai di chi non porta con sè un libro.
Con queste premesse, io me la darei a gambe! Ma se qualcuno volesse conoscerci meglio, ci troverebbe sul nostro blog Pick me. Choose me. Read me. online ormai da tre mesi e con un seguito, al momento, di 192 adorati followers!


Ed ora passiamo all'intervista! Ci tengo a precisare che le domande sono abbastanza e che ho chiesto io, espressamente, di non essere riassuntivi, ma di lasciare libero sfogo a parole e pensieri, così da poter conoscere meglio ogni blogger :)


Quali sono le motivazioni, insignificanti e importanti, che vi hanno spinto ad aprire il blog?
Moca: E' stata Nim a propormi di aprire un blog perchè è lei l'esperta in materia: ha compiuto tutto il lavoro, di grafiche, codici e banner non ci capisco niente quindi ho fatto da supporto morale! (N: Una cheerleader, insomma!) Ma quando mi è arrivata la sua proposta non ho esitato neanche un attimo, ho deciso di mettermi in gioco e di creare con le mie amiche un posto in cui evadere dalla realtà e dove poter parlare della mia passione più grande insieme a persone come me: i libri e le altre blogger. E' un ragionamento un po' egoistico ma aprire questo blog è stata per me una grande fonte di felicità e, ora che è pubblico da qualche mese, di orgoglio e soddisfazione quotidiani. In più attraverso la blogsfera riesco a conoscere nuovi libri e a trovare i romanzi che fanno per me.

Come è nato questo progetto? Avevate già tutto nella mente o ci hai messo del tempo per prendere la “strada giusta”?
Nim: All'inizio non posso negare di essermi lasciata prendere dall'entusiasmo! Ero sempre super eccitata all'idea di cominciare a compiere i primi passi: Dobbiamo scegliere un titolo? Detto e Fatto! Dobbiamo creare una grafica? Subito! Devo scegliere un nome che mi rappresenti? E che ci vuole! Il cricetino nella mia testa ha subito cominciato a correre ai mille all'ora e un uragano di idee ha preso forma praticamente tutto in un colpo solo. Sembra semplice, no? Ecco, assolutamente no! Trasformare in fatti tutte quelle presunte idee geniali ha reso la creatura amante dell'ordine ordine che c'è in me una bestia assetata di precisione. Tutto doveva essere perfetto e funzionare al meglio, perciò chi se ne importa di dormire quando c'è così tanto lavoro da fare?
Dopo parecchie notti in bianco e giorni passati interamente al PC avevo finalmente raggiunto un risultato soddisfacente, almeno per quanto riguarda la grafica.
Stranamente, una delle cose più immediate è stata la scelta del titolo: certo, abbiamo fatto alcune prove imbarazzanti che solo a pensarci mi fanno tornare i brividi, ma ci siamo decise abbastanza in fretta per questa citazione di Grey's Anatomy, che secondo noi rappresenta perfettamente il richiamo con cui ogni lettore si sente attirato verso i libri!

Quali sono i vostri punti deboli? Cosa cambiereste o vorreste migliorare del vostro blog e perché?
Nim: Mi piacerebbe riuscire a coinvolgere di più i lettori. Probabilmente è un problema comune a tutti i blogger alle prime armi come noi, so che è normale avere bisogno di tempo per "ingranare". Già adesso, a pochi mesi dall'apertura, sentire la presenza di chi ci segue e poter leggere i loro commenti diventa di giorno in giorno sempre più emozionante! Proprio come questa è per noi la prima intervista, siamo avvolte nel turbnio di pme cose d blogger che ci sta portando via molto tempo. Perciò credo che un buon proposito per l'anno nuovo potrebbe essere quello di trovare una sorta di stabilità e di riprendere un ritmo di lettura costante.

Quali sono i vostri punti forti? Cosa vorreste non cambiare mai e poi mai del vostro blog?
Elenoire: Il mio punto forte è sicuramente la scrittura libera: mi piace avere la possibilità di spaziare su vari argomenti senza pormi limiti o seguire regole precise e scalette prestabilite.Spesso mi sento soddisfatta solo quando posso scrivere quello che mi pssa per la testa, senza preoccuparmi del disordine delle idee. Nonostante questo, del nostro blog non cambierei mai le rubriche settimanali: è come un appuntamento a cui è vietato mancare!

Parliamo delle rubriche del blog, una parte importante. Quali, come e perché?
Moca: Noi abbiamo scelto 3 rubriche settimanali: Top ten tuesday, creata dal blog The broke and the bookish, in cui in ogni puntata creiamo una top ten con temi libreschi; WWW Wednesday, creata da Should be reading, in cui vi aggiorniamo sulle letture appena finite, quelle in corso e quelle future; Cover Details, creata da I libri sono un antidoto alla tristezza, che pubblichiamo nel giorno di domenica in cui postiamo 4 copertine accomunate da uno stesso particolare e presentiamo uno dei titoli.
Inoltre abbiamo due rubriche mensili: If I say, creata dai blog Dreaming Fantasy e Il profumo dei libri, in cui scegliamo una parola e le associamo un libro e il Take a look, in cui presentiamo i romanzi in uscita. E l'ultima è casuale, inventata da noi, e si chiama Inside a book in cui proponiamo un estratto da un libro - già letto, in lettura o da leggere - sperando di riuscire ad incuriosire il lettore.
Ho notato che le rubriche casuali piacciono di più e riscontrano più "successo" ed anche il Take a look perchè siamo tutti in febbricitante attesa dei nuovi romanzi; ma purtroppo non è piaciuta molto la rubrica ideata da noi, forse dovremmo migliorarla e renderla più interessante oppure pensare a qualcosa di totalmente diverso. Abbiamo alcune idee, in particolare ci piacerebbe adottare la rubrica Wondering With Books per il 2015

Come affrontate la scrittura di una recensione? Le scrivete di getto oppure aspettate di assimilare tutto il libro in ogni sua forma?
Nim: Non credo di aver ancora sviluppato un vero e proprio metodo tutto mio per scrivere le recensioni, ma di solito ho l'abitudine di tenere un piccolo "quaderno delle letture". Spesso scrivo due piccoli segni, un più e un meno, ai lati opposti della pagina e li uso per elencare separatamente i punti forti e quelli deboli del libro, man mano che la lettura avanza. Così, al momento di recensirlo, mi basta dare un'occhiata agli appunti perchè le opinioni si riversino quasi automaticamente dalle mie mani alla tastiera. Per ora mi sto trovando abbastanza bene, ma chissà che prima o poi non mi venga voglia di cambiare completamente metodo?

Cosa ne pensate delle collaborazioni con autori e case editrici? È un mondo che conoscete già, oppure vorreste provare ma non sapete da che parte cominciare?
Moca: Noi siamo disponibilissime a collaborare sia con autori che con case editrici e se ne avessimo la possibilità ci impegneremmo a trovare il tempo per farlo, ma fin ora è un mondo un po' sconosciuto perchè ci ha contattate solo un'autrice. Ci piacerebbe molto avere esperienze di questo genere per scoprire nuovi autori e attraverso i nostri giudizi e le nostre recensioni permettere ai giovani scrittori di farsi conoscere. Un nostro obiettivo per il nuovo anno è proprio quello di incrementare queste collaborazioni e speriamo che i nostri desideri vengano esauditi, ce la metteremo tutta!

Cosa vi aspettate dal blog? Sia a livello personale che generale.
Elenoire: Ho molte aspettative riguardo al blog, più che altro personali: spero di trovare il tempo necessario per dedicargli più attenzioni, per leggere numerosi libri di cui fare le recensioni e per migliorarmi ogni giorno. Per trasmettere qualcosa agli altri non basta una bella grafica o un menù ben costruito, bisogna mettere amore e passione in ogni parola che si scrive!

Come vi comportate con gli altri blog? Seguite solo quelli che vi piacciono molto, oppure andate sempre alla ricerca di qualcosa di nuovo? Leggete e commentate oppure siete follower silenziose?
Nim: Non posso dimenticare i tempi in cui, prima di diventare una blogger, sono stata per mesi una fan accanita di tantissimi blog letterari! Dal momento in cui ne ho scoperto l'esistenza non ho mai smesso di seguirli e leggerli con interesse. Prima ne conoscevo si e no una decina, ma da quando abbiamo aperto il nostro angolino ne scopro di nuovi ogni giorno, eproprio questo è uno dei motivi per cui amo scrivere su Pick me. Choose me. Read me! Credo che l'interazione tra bloggers sia fondamentale per creare quel qualcosa di speciale che si respira nel mondo della blogsfera, ed è anche un modo per conoscere persone più simili a noi di quanto avremmo mai potuto immaginare e stringere meravigliose amicizie a distanza.
Ma, giusto per ricordare a tutti che persona contraddittoria io sia, la risposta alla terza domanda è: mi capita raramente di lasciare dei commenti. Anche se grazie a Bloglovin, cerco di tenermi sempre aggiornata e di leggere più post possibili scritti da altri blog, il più delle volte me ne vado silenziosamente come sono arrivata. Questo non perchè io non apprezzi ciò che gli altri blogger scrivono, anzi credo che ci siano persone che meriterebbero un premi su premi per tutto il loro talento, ma semplicemente molto spesso mi dimentico di farlo, oppure sono troppo pigra per scrivere (99% delle volte). Non è una cosa carina, e mi sto impegnando proprio per cominciare ad interagire di più, magari partecipando a gruppi di lettura e iniziative, ma almeno un lato positivo c'è: se per caso trovaste un mio commento da qualche parte, vorrebbe dire che ho davvero adorato ciò che avete scritto!

Grazie a New Blogs, New Voices, pensi potrete migliorare e ottenere qualcosa di più dal vostro blog e dal mondo di blogger? Pensate vi aiuterà a farvi conoscere, a crescere e ad avere consigli? Oppure alla fine credete non servirà a molto?
Elenoire: Credo che sia un progetto motlo utile per i blog in crescita, un buon modo per farsi conoscere e non solo: ricevere consigli e critiche costruttive è fondamentale per iniziare e continuare al meglio, provado sempre nuove esperienze e cercando ispirazione in ogni dove. Nim: In più, proprio perchè siamo il blog che concluderà l'iniziativa, abbiamo avuto la possibilità di leggere una lunga serie di interviste ad altri giovani blogger che, come noi, si trovano a dover affrontare alcune piccole difficoltà iniziali, ma scoprono anche tanta gioia nel poter condividere la propria passione più grande con qualcuno che (finalmente) capisca!


Grazie a tutti voi, New Blogs New Voices si conclude qui, poco prima di Natale.
A questo proposito ci tenevo a fare gli auguri a tutti voi, anche se in modo indiretto, attraverso il pc di Denise, è come se fossi lì ad abbracciare stretto ognuno di voi ed augurarvi uno splendido Natale.

5 commenti:

  1. Bella intervista, proprio come le altre. Penso che questa sia una bella iniziativa e spero che continui anche nel 2015.... complimenti anche alle blogger intervistate, darò sicuramente un'occhiata, mi avete incuriosita

    RispondiElimina
  2. Complimenti per il titolo del blog :) mi ricorda un po' "Grey's Anatomy" <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beccate! Ahahaha Hai assolutamente ragione Gina, ci siamo ispirate proprio a Grey's :)

      Elimina
  3. Ho scoperto dei blog davvero interessanti grazie a questa rubrica, ma vedere uno dei blog che conosco già e amo tanto è stata una bellissima sorpresa! Complimenti per questa iniziativa davvero interessante, spero di rivederla nel 2015, quando ho letto "ultima puntata" sono rimasta un po' perplessa, anche perché non si capisce davvero se è solo l'ultima puntata del 2014 o l'ultima puntata in assoluto.

    RispondiElimina
  4. Complimenti, peccato che l'iniziativa si sia conclusa, è stato molto interessante leggere le interviste e complimenti al blog protagonista di oggi mi avete incuriosito molto, quindi vado a dare una spulciatina!! :D

    RispondiElimina

Lasciate un segno del vostro passaggio, sono sempre felice di leggere e rispondervi ♥