venerdì 16 gennaio 2015

"Giorni di zucchero fragole e neve" di Sarah A. Allen

Buongiorno a tutti voi, eccomi qui con il primo post dopo il mio annuncio di un paio di giorni fa.
Prima di tutto vorrei ringraziare ognuno di voi, di nuovo, per le splendide parole tutti gli auguri e le congratulazioni che mi avete fatto, vi giuro che vi ho sentiti vicini, come se mi sentissi avvolta in un enorme e caldissimo abbraccio. GRAZIE DI CUORE A TUTTI VOI!
Oggi però non voglio perdermi troppo in chiacchiere e vorrei che l'attenzione tornasse al 100% sui libri. Come ho scritto sempre nel post di un paio di giorni fa, fino alla fine di gennaio vorrei dedicarmi principalmente al recupero di recensioni che ho in arretrato. Sapete di questo mio problema, sono sempre indietro con la pubblicazione sul blog delle mie recensioni, non riuscirò a recuperarle tutte, ma come sempre io la buona volontà ce la metto ;)
Per ora riprendo da dove ero arrivata e oggi vi parlerò di un libro che ho letto all'inizio di marzo dello scorso anno, Giorni di zucchero fragole e neve di Sarah Addison Allen, che con Il profumo del pane alla lavanda mi ha ammaliato con il suo stile e le sue splendide storie e mi ha fatto venire voglia di possedere ogni suo libro.


Trama: Josey ha tre certezze: l'inverno è la sua stagione preferita; lei non è il classico esempio di bellezza del Sud; i dolci è meglio mangiarli di nascosto. Vive a Bald Slope, il paesino di montagna dov'è nata, rinchiusa nell'antica casa di famiglia ad accudire la vecchia madre. Ma di notte Josey ha una vita segreta. Si rifugia in camera a divorare scorte di dolcetti e pile di romanzi rosa. Finché un bel giorno, misteriosamente, nello stanzino nascosto dal guardaroba, dove l'aria profuma di zucchero, spunta un'esuberante signora che dice di essere venuta per aiutarla. Chi è quella donna? Perché il suo corpo odora di fumo di sigaretta e acqua stagnante? Perché sembra scappare da qualcosa o da qualcuno? Josey non farà in tempo a chiederselo, che il suo piccolo mondo sarà messo sottosopra. Scoprirà che in amore e in amicizia le certezze non esistono e che le persone, anche le più care, possono nascondere qualcosa di inconfessabile. Accettare questa sfida è la grande prova che Josey dovrà superare. E per lei sarà l'inizio di una nuova vita: la sua.


Rating:

Recensione:
Cover originale
Non vedevo l'ora di tuffarmi in un altro libro di quest'autrice, infatti dopo aver letto Il profumo del pane alla lavanda qualche mese fa, sono rimasta completamente rapita dal suo stile e dal modo in cui riesce a coinvolgermi.

Giorni di zucchero fragole e neve racconta la storia di diversi personaggi collegati tra loro, ma a loro insaputa. Come era successo anche per il primo libro, le vicende di ognuno di loro sembra concatenarsi alla perfezione, formando così un intreccio quasi sublime.
Ma ci tengo subito a precisare che all'inizio della lettura non mi sono sentita coinvolta immediatamente come era successo per il primo libro: ho faticato a trovare quella magia delle parole che mi aveva catturato, quella sintonia con i personaggi e altre piccole cose. Ed ovviamente la paura di rimanere delusa ha fatto capolino nella mia mente, per fortuna la Allen e la storia si sono subito riprese. Appunto dopo i primi capitoli ho iniziato a prendere in simpatia Josey (la protagonista), così come ho iniziato a seguire con sempre più emozione le sue piccole vicende.

La storia sembra semplice, ma in realtà nasconde tanti piccoli segreti che non saltano subito all'occhio e in questo credo che l'autrice sia stata meravigliosa. Ancora una volta mi sono sentita coinvolta dai personaggi e dalle ambientazioni. Infatti la Allen ha uno stile tutto suo che mi entra nel cuore molto facilmente, con questo libro ho provato una miriade di emozioni, così come ho riflettuto su tante piccole scelte fatte dai personaggi che all'inizio possono sembrare sbagliate, ma che con il tempo scopriamo essere ponderate e sensate.
La scorrevolezza è un punto forte, infatti sembra di poter divorare il romanzo in un solo boccone, ma non c'è solo questo. La caratterizzazione dei personaggi, sempre così ampia e simpatica, ma anche molto realistica. Le ambientazioni che hanno sempre un posto importante e che vengono riportate su carta dall'autrice in modo fluido e vivido.
Cover portoghese
Le vite intrecciate dei vari personaggi, che sembrano prendere vita di fronte al lettore e che intrattengono fino alla fine del romanzo. Qualche piccolo colpo di scena qua e là che aumenta la curiosità. Uno stile maturo ma non pesante, anzi molto simpatico e sempre con una punta di allegria ed "effervescenza", vivido e sicuramente brillante, ma anche molto dolce.
Insomma, alla luce dei fatti non saprei trovare un punto debole a quest'autrice, sembra possedere lo stile perfetto, sembra avere la capacità di rendere qualsiasi storia (anche la più banale) meravigliosa ed esaltante, sembra in grado di creare sempre personaggi innovativi e interessanti. Cosa posso dire di più?

La Allen diventerà una di quelle sicurezze nella mia vita di lettrice, che pochi autori finora sono riusciti ad avere. Peccato per la brutta notizia che ho ricevuto qualche tempo fa direttamente dalla Sonzogno: non verranno più pubblicati romanzi di quest'autrice che invece continua a scrivere storie. Ci sono rimasta così male che quel giorno mi sono praticamente messa a piangere davanti all'email. Sinceramente non capisco questa scelta, non credo che i romanzi di quest'autrice qui in Italia siano stati un fallimento, anche perché ne sono stati pubblicati quattro, dunque un motivo ci deve essere stato per continuare a portare da noi i suoi libri, non capisco come mai questo stop e più ci penso più mi sale una grandissima tristezza.

Cover francese
A parte questa piccola parentesi ci tengo a consigliare a tutti voi questo libro. Vi cullerà in un mondo meraviglioso, vivido e a tratti molto realistico; vi farà passare ore piacevolissime in compagnia di personaggi in grado di farvi sentire a casa in ogni momento; vi farà appassionare, emozionare e vi stamperà in viso un sorriso beato e gioioso, senza dimenticare qualche piccola riflessione che riuscirà a scaturire dalla lettura.

Le cover: La cover italiana mi piace anche se il titolo avrei preferito fosse diverso. Potevano semplicemente mantenere il titolo originale. Ho poi scoperto che la cover usata in Italia è stata usata anche per un'edizione originale in paperback. La cover originale è splendida secondo me, mi piace lo stile che viene usato nelle cover dei libri della Allen, hanno qualcosa di magico e realistico, qualcosa di dolce che attira l'attenzione del lettore.
Non posso dire lo stesso della cover portoghese, che sembra voler provare a riprendere la "magia" della cover originale, ma che non riesce assolutamente nell'intento, creando un'accozzaglia di elementi, almeno secondo me.
Ed infine ecco la peggiore di tutte, la cover francese. Non ho la più pallida idea del perché abbiano creato qualcosa di così squallido. Non ci vedo dolcezza, ma nemmeno quella simpatia che potrebbe portare il libro: non ci vedo niente.
La classifica finale dunque è cover originale, cover italiana, cover portoghese e cover francese.


Ed eccoci arrivati alla fine della prima recensione dell'anno, anche se non è il primo libro che ho letto nel 2015, sarà comunque la prima recensione pubblicata sul blog :)
Mi piacerebbe sapere cosa ne pensate del libro e della recensione, se conoscete già l'autrice e se vi piacciono i suoi romanzi. E se come me c'è qualcuno che rimarrà sconvolto dalla notizia che la Sonzogno non pubblicherà più i suoi libri, mi piacerebbe potermi sfogare con voi. Ne ho bisogno :(
Un abbraccio a tutti e alla prossima recensione ♥ 

PS: I colori usati nella recensione vi convincono? Fatemi sapere anche questo ;)

16 commenti:

  1. Mi ricordo il giorno in cui ti hanno detto che non avrebbero pubblicato più i suoi libri, perchè subito dopo esserti messa a piangere, lo hai comunicato a me.
    Che amarezza... io adoro questa autrice, entrambi i libri letti mi sono piaciuti da impazzire e non capisco questa scelta della CE. Stavo quasi pensando di provare a leggerne uno in inglese per vedere se riesco ad appassionarmi comunque alla storia. Vedremo.
    Per quanto riguarda la tua recensione rispecchia completamente quello che ho provato io leggendo questo libro. Ho amato tutte le donne di questo libro, tranne la mamma di Josey ovviamente.. ODIOSA fino alla fine.
    Delle cover quella italiana forse è la più azzeccata rispetto a quello che si trova nel libro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì zia, perché dovevo sfogarmi, era una notizia che mi aveva davvero sconvolto. Io non sono una grande lettrice di romanzi Sonzogno, dunque non so se abbiano autori di punta o autori che meritano più della Allena, ma sicuramente potevano continuare a pubblicare qualche altro suo libro. E' una scrittrice prolifica che è molto apprezzata, perché stoppare proprio lei? -.-
      Inoltre, se non sbaglio gli altri suoi libri non si trovano nemmeno nella stessa edizione di questi primi due, cioè non c'è l'edizione economica in copertina rigida.
      Secondo me, almeno considerando i primi due libri letti non credo sarebbe difficilissima come lettura, bisognerebbe provare a sentire se chi legge in inglese ha provato qualche suo libro, ma sì anche in questo caso dobbiamo ripiegare sulla lettura in lingua perché le CE italiane non soddisfano noi lettori.

      Elimina
    2. Gli altri due libri sono a prezzo pieno, e costano un botto O.O NO NO NON CI SIAMO!!!!

      Elimina
    3. Ecco, quello che temevo... L'unico modo è trovarli usati.... -.- Senza parole!

      Elimina
  2. Non ho mai letto niente della Allen ma proprio l'altro giorno ho deciso di caricare questo libro sul mio caro, amato, fidato kindle. Ed ora mi ritrovo questa recensione; la tua prima recensione di quest'anno parla proprio di lui...sarà un segno?
    Ora quindi mi sento in dovere di impegnarmi a leggerlo presto perchè io ai segni credo molto. Ora, la domanda è: avendo letto anche il suo precedente da quale mi consigli di cominciare? ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh Dany, mi viene da dire che è proprio destino allora. :)
      A me personalmente è piaciuto un pizzico di più Il profumo del pane alla lavanda, ma sono tutte e due storie molto belle e emozionanti. Diciamo che è proprio lo stile della Allen che riesce a infondere un tocco di magia a qualsiasi storia decide di raccontare.
      Dunque io direi che potresti iniziare benissimo dal primo e poi fiondarti direttamente sul secondo, con la speranza che potranno intrigarti ed emozionarti quanto hanno fatto con me.

      Elimina
    2. Uffff ma di quante vite avrei bisogno per leggere tutto quello che vorrei????? :(

      Elimina
    3. Ah Dany, non dirlo a me.... Il problema di noi veri lettori è che il tempo a nostra disposizione non ci basta mai :((

      Elimina
  3. non vedo l'ora di leggere questo libro *-* ho letto un solo libro e mi era piaciuto moltissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ika, quale libro hai letto di quest'autrice? Io la consiglio vivamente a chiunque, infatti vorrei riuscire a recuperare anche tutti gli altri suoi libri pubblicati in Italia :)

      Elimina
  4. Non ho mai letto nulla di questa autrice ma dalla tua recensione sembra un libro che merita di essere letto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao carissima, sì sì per me merita eccome. Diciamo che le storie che racconta la Allen sono storie semplici, ma ricche di quella magia che lascia a bocca aperta e che riesce ad aprire anche il cuore :)

      Elimina
  5. Innanzitutto mi piacciono molto i colori che hai usato per la recensione :-) avevo snobbato quest'autrice la prima volta che ne avevo sentito parlare, ma come quasi sempre le tue recensioni riescono a farmi cambiare prospettiva, e questo credo lo metterò in WL! Hai ragione sulla cover francese, era difficile fare di peggio :-s

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao tesoro, grazie per avermi risposto anche a quella mia domandina, in effetti non sono molto convinta di quel fucsia/viola usato per le parole: trama, recensione ecc ecc, ma pazienza. Per ora tengo quelle xD
      Guarda, potrei diseredarti da miglior follower che si possa desiderare.... Ehm, no scherzooooooooooooooooooooooooo! Però tesoro, leggi la Allen ti prego. Fallo per me e inconsciamente fallo anche per te.

      Elimina
  6. Non avevo mai collegato il fatto che l'autrice di questo libro fosse la stessa di "Il profumo del pane alla lavanda"! (Quando si tratta di distrazione sono una campionessa!) Ma così, oltre alla tua recensione, che mi ha incuriosito parecchio, ho un altro buon motivo per dare un'occasione a questo libro :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì è sempre lei e sono convinta che se ci fosse la possibilità di leggere libri senza conoscerne titolo e copertina, sono convinta che i libri della Allen si riuscirebbero a scoprire, perché ha uno stile inconfondibile per me :)
      Spero potrai leggere presto anche questo suo romanzo e poi continuare :)

      Elimina

Lasciate un segno del vostro passaggio, sono sempre felice di leggere e rispondervi ♥