lunedì 4 maggio 2015

"I segreti di Heap House" di Edward Carey

Buongiorno e buon lunedì, sapete che domani è il compleanno della mia cucciola? Compie 11 anni e ormai mi emoziono sempre di più (sarà perché sono incinta, non lo so xD), fatto sta che mi rendo sempre più conto di quanto sta diventando grande e sono fiera di lei e allo stesso tempo terrorizzata. So che sono tutte cose normali e che non sarò né la prima né l'ultima mamma a vivere questi momenti così, ma in modo molto egoistico penso ai miei sentimenti e a quello che sento e dato che sono qui, voi siete i primi malcapitati con cui sfogarmi xD Se continuo così dovrò creare un "angolino" appartato qui sul blog dove chiacchierare delle mie emozioni di mamma, altrimenti rischio di farvi una testa grossa come un cocomero ancora prima di parlare di libri, un casino insomma xD

Passiamo alla recensione di oggi dai, che è meglio. Oggi vi parlo di un libro finito di leggere pochissimi giorni fa (ebbene sì, interrompo la serie di vecchie recensioni per necessità) e su cui puntavo tantissimo. I segreti di Heap House di Edward Carey.

Trama: Clod è un Iremonger. Vive tra un mare di oggetti gettati via o smarriti che provengono da tutti gli angoli di Londra. E al centro di questo mare c'è una casa. Heap House, un insieme di tetti, torrette, comignoli, parti di case smantellate con i loro misteri, raccolti per tutta la città e fusi in un labirinto vivo di scale, saloni e angoli nascosti. Gli Iremonger hanno una caratteristica: ciascun Iremonger è legato, sin dalla nascita, a un oggetto. Ma Clod Iremonger ha una caratteristica ulteriore: lui può udire i sussurri degli oggetti. Il primo di cui ha avvertito la voce è stato il suo oggetto natale: il tappo da bagno universale James Henry che diceva proprio questo "James Hayward Henry". Ma un giorno su Heap House iniziano a radunarsi nubi di tempesta: gli Iremonger sono sempre più irrequieti e le voci degli oggetti si fanno più forti; Clod incontra Lucy Pennant, una ragazza appena arrivata a Heap House, e la sua vita cambia. I segreti che tengono insieme la casa iniziano a dipanarsi rivelando un'oscura verità, che minaccia di distruggere il mondo di Clod.


Rating:

Recensione:
Questo libro l'ho scoperto per caso facendo un giro in una delle tante librerie di Bologna, sono rimasta subito affascinata dalla cover e leggendo la trama l'ho subito desiderato con tutta me stessa. Forse proprio a causa di questo “colpo di fulmine”, le mie aspettative erano un po' troppo alte, fatto sta che I segreti di Heap House mi ha in parte deluso.

L'autore ha creato una storia senza dubbio originale, ma così originale che sfocia nell'assurdo e nel nonsense abbastanza spinto. Lo stile è molto scorrevole e proprio per questo il libro è di facile letture, prende poco tempo e si fa leggere in modo molto semplice. Peccato che il contenuto, la storia in sé, lascino a desiderare.
Cioè, l'idea di base non è neanche tanto malaccio, ma è come viene sviluppata e strutturata. Non ha un senso, non si capisce per quale motivo la famiglia Iremonger abbia deciso di occuparsi dei rifiuti di tutta Londra, non si capisce per quale motivo i componenti di questa famiglia devono continuare a portare avanti la loro specie senza “accoppiarsi” con persone che vengono al di fuori della famiglia, non si capisce per quale motivo questi rifiuti sembrano vivi e sembrano tenere in ostaggio tutti loro e potrei continuare con le cose che non si capiscono. L'autore, verso la fine della storia da delle spiegazioni, ma sono spiegazioni fasulle che coprono solo in parte il motivo di queste sue scelte, rimane sempre una grande falla di fondo in cui le basi della storia e della sua idea non vengono minimamente spiegate.
I personaggi sono carini, sicuramente tutto fuorché stereotipati, dal protagonista a tutti i personaggi che ruotano intorno a lui, ma anche in questo caso sono comprensibili e accettabili fino ad un certo punto, dopo di che si supera il limite umanamente accettabile e si torna nell'assurdo totale e senza senso. Non mi è piaciuta molto la scelta dell'autore di mettere nella sua storia questa specie di storia d'amore, avrei preferito rimanesse su altri binari, anche perché aveva tantissime altre cose da portare avanti e da spiegare senza aggiungerci per forza questa storia ancora più assurda.
A dir la verità in alcuni punti della storia i due protagonisti, cioè Clod e Lucy (che ci raccontano la storia con capitoli alternati) mi davano così sui nervi che avrei voluto prendere il libro e sbatterlo contro al muro, proprio a causa dei loro comportamenti e del modo in cui l'autore li ha voluti presentare ai nostri occhi. Soprattutto Lucy, più volte mi ha fatto prudere le mani.
La cosa che più mi è piaciuta del libro sono le ambientazioni, che sono assolutamente particolari e di cui l'autore riesce a darci un quadro completo e soddisfacente, con belle descrizioni messe nei punti giusti. Ecco, in questo è stato costante e intenso come avrebbe dovuto... almeno in questo!

Ho letto altre volte libri che ho considerato assurdi, ma mai prima d'ora mi era capitato di leggere un libro che sembra partire dal nulla per arrivare ad un nulla ancora più enorme. Ho iniziato la lettura piena di aspettative, con una grandissima curiosità e voglia di scoprire, e probabilmente sono arrivata alla fine proprio grazie alla mia curiosità, ma presto questa voglia di scoprire è andata scemando, perché mi rendevo conto che ogni vicenda, ogni spiegazione e ogni scena sembravano non portare da nessuna parte (escludendo alcuni rari casi) e dopo un po', anche al lettore più volenteroso, questo “nulla senza senso” viene a noia e stanca, perché in qualsiasi storia, anche nella più assurda ci deve essere un fondo di credibilità.
Il finale è stato il colpo di grazia, non l'ho capito, non mi è piaciuto e non l'ho apprezzato per niente. Sicuramente l'autore è stato sincero con il lettore e soprattutto costante: ha iniziato in modo assurdo e ha concluso in modo assurdo, non ci da mai modo di sperare in qualcosa di meglio.
Ho deciso di dare al libro 3 stelline perché l'idea iniziale era buona, perché lo stile è fresco e scorrevole e perché almeno le ambientazioni e alcune scene sono davvero ben riuscite.

All'interno del libro, nell'inizio di ogni capitolo (e la stessa copertina) si trovano delle belle illustrazioni disegnate dallo stesso Carey, ecco perché al posto delle cover (che sono praticamente tutte uguali all'originale a parte una) ho deciso di mettere qualche immagine trovata in rete.


Bene ragazzi, inizio ad essere un po' avvilita perché questa è la settima lettura di fila che non riesce a soddisfarmi. Sto leggendo una sfilza di libri tutti da 3 stelline o ancora meno, spero proprio di ripredermi, perché se l'inizio dell'anno era stato grandioso, ora sta procedendo proprio maluccio...
So che questo libro ha incuriosito alcuni di voi, anche se non è molto conosciuto, vorrei comunque sapere cosa ne pensate (sia se lo avete letto che no), vorrei capire se la mia recensione fa luce sul tipo di storia e se può aiutare ad indirizzare voi lettori o meno.
Vi mando un bacione grande e tra un paio di giorni riprendo con le recensioni arretrate, abbiate pietà e pazienza xD

16 commenti:

  1. Ciao tesoro, innanzitutto auguri a Vera per domani! Non ti preoccupare per le tue premesse “da mamma”, sono simpatiche!!! Per quanto riguarda la tua recensione mi è piaciuta molto, si vede tutto il nervoso che questo libro ti ha fatto provare, ma perlomeno ti ha lasciato qualche emozione, anche se non del tutto positiva! Pensavo: non è che è tutto così assurdo e complicato perché è il primo di una trilogia? Non vorrei sbagliarmi ma mi pare di aver letto così da Denise… Magari nel prossimo si spiegherà meglio? Non lo so, non sono l’agente letterario di Carey, cercavo solo una spiegazione per non fartelo odiare troppo, eheheh:-p

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao tesoro e grazie per gli auguri *_*
      Sono felice di essere riuscita a trasmettere le sensazioni date da questa lettura; diciamo che ci sono proprio rimasta male, perché di solito quando un libro mi colpisce così in modo instintivo, raramente mi delude... anzi credo che questa sia la prima volta che mi è successo :/
      Ma, anche se fosse è proprio troppo e anche se è una frase fatta, è vero che il troppo stroppia. Ho paura che nei prossimi libri della serie le cose non cambieranno molto.

      Elimina
  2. Non è la prima recensione di questo genere in cui mi imbatto e mi fa pensare... mi aveva attirato la copertina e la trama non mi sembrava male, ma da quanto leggo c'è acqua da molte parti..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cri, guarda io non ho letto nessuna recensione in merito, dunque non so bene come sia il pensiero generale dei lettori, ma che sia strano e assurdo è decisamente innegabile :(

      Elimina
  3. Grazie perchè la tua recensione mi ha chiarito le idee e per ora credo che non lo leggerò... potrebbe irritarmi a tal punto da lanciarlo dalla finestra °-° ciao Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah Maria, no dai... i libri non si lanciano fuori dalla finestra u.u
      A me dispiace parlare male di un libro e portare chi mi segue con fiducia a pensare di non leggerlo più, perché credo sia una responsabilità troppo grossa per me... però ci sono libri, come questo, a cui faccio moooolta fatica a trovare i lati positivi da apprezzare.

      Elimina
  4. Mi sembra ci siano fin troppe cose che non si capiscono e visto che non è la prima recensione che leggo su questo tono, penso proprio che non gli darò una chance ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che sembra un miscuglio di idee messe a casaccio e non sviluppate nel modo giusto. Un grandissimo peccato, io ci sono rimasta molto male :(

      Elimina
  5. Ciao! Beh, auguroni alla piccola direi! :3
    Ammetto di aver visto anche io questo titolo in giro e di esserne stata tentata - tra l'altro l'ho visto proprio a Bologna. Però a giudicare dalla tua recensione, che non è l'unica non del tutto soddisfatta, credo proprio che ci penserò su prima di comprarlo. Mi aveva attratta soprattutto il titolo e la copertina mi ricordava un po' Tim Burton e un po' il mio amato Neil Gaiman, ma a sto punto vedrò cosa fare! Grazie <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao e grazie mille degli auguri *_*
      Davvero lo hai visto anche tu a Bologna? Adoro queste coincidenze da lettrici *w*
      Sicuramente a livello grafico il libro merita molto perché secondo me le illustrazioni sono bellissime, poi anche in questo caso dipende dai gusti... ma è troppo "campata per aria" la storia, davvero troppo :/

      Elimina
  6. La trama e la copertina mi incuriosiscono molto, l'ho già visto in giro e ogni volta penso che sembri interessante, tuttavia la tua recensione mi ha dato da pensare. Non amo i libri che si concludono in maniera insoddisfacente, quindi penso che prima di leggero ci penserò un po' su ^^
    Grazie per avermi avvisata, comunque!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Patty e sono proprio quelle cose che hanno attirato me come le api col miele. Come ho scritto in un altro commento, ci sono rimasta molto male perché quando scopro libri così dal nulla e istintivamente li voglio possedere e leggere, raramente mi è capitato di rimanere delusa... c'è sempre una prima volta ç__ç
      Oltre che la conclusione, in generale tutto il libro non riesce a soddisfare la curiosità e nemmeno la voglia di leggere del lettore...

      Elimina
  7. Auguri, anche se in ritardo, alla tua cucciola! :)
    E complimenti per la recensione :) questo libro aveva incantato anche me, anche se non sono ancora riuscita a metterci le mani sopra. Mi spiace che non si sia rivelato all'altezza delle aspettative!! :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore per gli auguri ^_^
      Io sarei davvero curiosa di scoprire qualche recensione di qualcuno che lo ha amato moltissimo, perché vorrei capire se sono io che non ho afferrato alcune cose, oppure se dipende semplicemente dai gusti...

      Elimina
  8. Come sai io non sono proprio riuscita a leggerlo y.y troppo assurdo e troppo non-sense :c e leggere anche che definisci le spiegazioni "fasulle" e non esaustive mi fa pensare di aver fatto bene a metterlo da parte :P peccato però... la premessa era così bella :/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì Deni, secondo me, conoscendoti un po', hai fatto benissimo ad interrompere la lettura, avresti perso del tempo che avrai sicuramente dedicato a libri più meritevoli. Un vero peccato sul serio, anche perché eravamo rimaste tutte e due abbagliate da questo libro :(

      Elimina

Lasciate un segno del vostro passaggio, sono sempre felice di leggere e rispondervi ♥