martedì 26 maggio 2015

Lega dei Lettori: LA QUINTA ONDA di Rick Yancey

Buongiorno lettori della Lega, come ve la passate? Siamo di nuovo qui tutti insieme per parlare dell'ultima lettura che abbiamo portato a termine per la Lega. Continuo ad essere felicissima di trovare grande interesse e partecipazione, perché sul serio, non pensavo proprio sarei riuscita a raggiungere questi livelli con questa iniziativa.
Ci troviamo di fronte ad un libro letto da un bel po' di noi, ma come capita spesso con tanti pensieri diversi, c'è chi lo ha amato, chi lo ha odiato e chi si trova nel mezzo, come è giusto che sia. Spero che anche questo post sarà una piacevole lettura per tutti voi, per capire quanto più possibile su questo libro.

Nel mese di maggio abbiamo letto LA QUINTA ONDA di Rick Yancey, primo volume di una serie da cui è tratto un film che stanno ancora girando, ma che sta attirando tanto interesse.



Di notte, Cassie non può più guardare il cielo stellato con gli stessi occhi di prima; ora sa che "loro" arrivano da lì, da quegli astri luminosi e distanti, e arrivano per distruggere il suo mondo. Cassie è tra gli ultimi superstiti, sola, in fuga da "loro", esseri mandati sulla Terra per sterminare la specie umana: l'unica speranza che le resta è ritrovare Sammy, il fratellino che le è stato strappato dalle braccia. Quando il misterioso Evan Walker si offre di aiutarla, Cassie capisce che deve prendere una decisione: fidarsi o rinunciare alla sua missione, arrendersi o continuare a lottare.






I nostri pensieri

Nadia Canova
★★
Purtroppo questo libro non mi è piaciuto, ho fatto molta fatica a finirlo e credo che, se non fosse stato per onorare l’impegno con la Lega dei Lettori, lo avrei abbandonato ben prima di fare la conoscenza di “Zombi” o di Evan. Forse è colpa mia, forse sono troppo “vecchia” per questo tipo di libro, ma non è scattata alcuna empatia con Cassie, e in realtà neanche con gli altri personaggi. Ho avuto la costante impressione che l‘autore cercasse di commuovere il lettore in modo un po’ troppo facile, soprattutto nelle parti riguardanti Sammy, e questo è stato un altro motivo per cui ho provato fastidio. Ho notato numerose incongruenze nella trama, ho trovato molti dialoghi faticosi e deboli e alcuni spunti della storia decisamente poco originali: mi è venuto in mente in più occasioni L’ospite della Meyer, per non parlare de La guerra dei mondi di Wells che peraltro lo stesso Yancey cita. Anche a livello di forma questo romanzo mi ha deluso: a mio parere non basta dividere un libro in parti per conferirgli una struttura solida, senza contare il fatto che non ci si può ricordare di descrivere l’aspetto fisico della protagonista dopo 150 pagine di romanzo. Spero di non aver fatto arrabbiare chi questo libro lo ha apprezzato, ma dovevo esprimere il mio pensiero.

Rosita Alfieri
★★
La quinta onda parte con una buonissima premessa: una razza aliena sconosciuta attacca la terra e tenta di sterminare gli umani tramite una serie di attacchi che vengono soprannominati "onde". Fantastico e accattivante. Peccato che l'autore non sia riuscito a sviluppare la suddetta trama. Che ha finito col risultare fin troppo superficiale. Ma è lo stile che, secondo me, rovina un pò tutto. I Pov multipli e il passare dalla prima alla terza persona hanno reso il tutto incredibilmente confusionario. E i continui cambi di Pov interrompevano la narrazione. La descrizione di quello che è successo durante le prima Onde è stata noiosa e inconsistente. Cassie stessa si è rivelata superficiale, per non dire stupida. All'inizio non si fida di nessuno, poi incontra questo tizio che la salva e si fida, così. Sinceramente, questo libro non mi ha lasciato niente. Poteva essere una bellissima storia, ma si è persa completamente, finendo per diventare noiosa e a tratti davvero inverosimile.

Gresi Vitale
★★★-
Un antico proverbio cinese dice che le apparenze hanno sempre il potere di colpire al primo sguardo. Immagini che galleggiano nella piscina della vita, ingannevoli e illusorie; sfondi sul mondo che offrono allo sguardo uno sfavillante spettacolo di colori.
E La quinta onda rientra nella categoria di quei romanzi che, nonostante operino silenziosamente dentro di te, non possiedono quella particolare magia di quando si è soggiogati al punto di non riuscire a distinguere la realtà dalla finzione. Immagini sublimi o incrinature che non riescono a descrivere la qualità della storia. Un romanzo che parla di solitudine, piatto, ma intenso che avrebbe potuto lasciare un segno indelebile nel cuore. Una lettura particolare che, diversamente da ciò che mi ero prefissata, avrebbe potuto far risuonare echi impossibili da ignorare.
★★★
Sono partita con zero aspettative, quindi il libro è stato una mezza sorpresa. Pensavo non mi sarebbe piaciuto ed invece alla fine mi ritrovo a dare tre stelline piene.
Diciamo che leggerlo è stato come andare sulle montagne russe, alti e bassi per tutto il tempo. Inizialmente ho amato il POV di Cassie, per poi trovarlo più noioso e aspettare quello di Ben, o altri, con maggior aspettativa.
E’ un libro strano, e capisco che o si ama o si odia, non ci sono le mezze misure. Non so se continuerò tutta la saga, ma sono curiosa di vedere il film, gli attori scelti mi piacciono abbastanza. Per ora do la priorità ad altre letture, ma non è detto che non continuerò.
★★★
La parte che ho amato di più è stata la prima, l'ho trovata piuttosto claustrofobica: la freddezza con cui Cassie è costretta ad agire nel quotidiano per potersi salvare la vita è molto realistica e in certi momenti mi ha davvero procurato un po' d'angoscia. Rick Yancey è, tra virgolette, un autore che sa vendersi bene: ha un modo di esprimersi molto diretto ed efficace. In particolare ho amato il modo così vero e reale di calarsi nei panni di una giovane donna, anzi una ragazzina, senza scordare nemmeno un dettaglio che altri maschi avrebbero lasciato nel dimenticatoio. L'attenzione ai dettagli in effetti mi sembra un suo punto forte: non dimentica niente, non tralascia niente, dando una visione a tutto tondo così reale e precisa che sembra di trovarcisi dentro. I ricordi di vita normale, prima della Prima Onda, sono stati la cosa più inquietante e assurda del romanzo, perché mi sono ritrovata a pensare alla mia famiglia, ai miei amici, agli ex fidanzati e a quello attuale e mi sono chiesta cosa fare io se dovessi perderli. Meno interessante è stata la parte che riguarda Zombi: è un personaggio che, dal mio punto di vista, andava sviluppato di più, ha grandi potenzialità narrative e l'ho trovato un po' "sprecato" nel suo ruolo. Sinceramente da questa parte del libro non ho ricevuto troppe emozioni, l'ho letta volentieri, ma ero spronata dalla voglia di tornare a Cassie. Infine, purtroppo la scoperta di cosa fosse effettivamente la Quinta Onda mi ha un po' delusa. Il romanzo è tutto un crescendo, quindi mi aspettavo un'ideona colossale per il finale. Invece mi è stato ripresentato il concetto di homo homini lupus per l'ennesima volta, come a ribadire che l'umanità stessa è una piaga. E' stato un filino deludente. Finale poco originale, ma come dicevo abbiamo già visto di tutto ed è difficile inventare nuove cose. Nel complesso direi niente male, sono lieta di averlo letto perché è stato effettivamente molto piacevole e appassionante, ma non so se lo rileggerò in futuro.

★★★
Non ero convinta della scelta del libro, non sono un'appassionata di alieni, però devo dire che mi son dovuta ricredere... Fino alla fine. La trama è semplice, si sviluppa su due storie in contemporanea quella di Cassie e quella di Ben. La Terra è sotto la minaccia aliena, ci sono state quattro "onde", ossia quattro catastrofi comandate dagli esseri venuti dallo spazio, i pochi umani superstiti stanno aspettando la quinta onda e da qui prende il titolo il libro. C'ho messo parecchi giorni a leggerlo, solitamente sono molto più veloce, questo perché le parti di Ben le ho trovate un po' lente e prolisse, le più interessanti a mio avviso erano assolutamente quelle di Cassie. Ho trovato poi che il romanzo fosse un po' scontato. Yancey probabilmente voleva inserire degli interessanti colpi di scena che però secondo me non si sono dimostrati tali. Si capiva perfettamente chi fosse Evans, come si intendeva dall'inizio quali fossero i propositi di Camp Haven. Ho trovato la storia comunque interessante e piacevole da leggere. Probabilmente questo è un libro che non avrei mai letto se non ne fossi stata "costretta", sono comunque contenta di averlo avuto per le mani. Devo però ammettere che sono rimasta molto delusa dal finale. Un finale che non è assolutamente degno, l'autore ti lascia con mille interrogativi senza risposta, cos'è successo ad Evans? C'è una speranza per la razza umana? Fortunatamente esiste un seguito, vedremo se le nostre domande avranno poi delle risposte.

Alessia Loc'ed
★★★½
Rick Yancey ha uno stile decisamente accattivante, almeno per i miei gusti, perché riesce a creare situazioni intense con l'aiuto di poche parole messe nel posto giusto, ma allo stesso tempo credo sia un po' “freddo” per quanto riguarda la parte emotiva. Il libro è raccontato da più punti di vista e questo aiuta il lettore a comprendere meglio tutta la storia e come sono i personaggi. Per 3/4 del libro non ho apprezzato molto le parti raccontate dal punto di vista di Cassie, non riuscivano ad emozionarmi, inoltre non ho apprezzato per niente la parte “romantica” che l'autore ha voluto infilare nella storia, avrei apprezzato molto di più che il tutto rimanesse su livelli diversi, perché il romanticismo e la passione c'entrano ben poco con quello che viene raccontato. Tutto il contrario è successo con le parti raccontate da tutti gli altri punti di vista, quello di Evan, quello di Sammy, ma soprattutto quello di Ben. La storia in sé l'ho trovata ben costruita e nonostante alcune parti banali e prevedibili, il tutto è molto scorrevole e a mio parere ben strutturato. Mi è piaciuta molto l'idea delle “onde” come invasione aliena, così come mi è piaciuto il modo in cui l'autore introduce gli invasori, ho apprezzato come, piano piano, il lettore riesca a cambiare idea insieme ai personaggi. Questo libro ha parti molto buone e parti un po' lasciate andare a mio parere, ha personaggi che vengono subito resi importanti e interessanti e altri che hanno bisogno di tempo per farsi apprezzare. Rimane il fatto che Yancey ha grandi capacità narrative, ma credo abbia qualche problema a raccontare l'amore e la passione, in generale con la parte emotiva.

 Chiara Ropolo
★★★★
Questo libro è angosciante, per tutto il tempo ti lascia con il fiato sospeso e sei sempre lì che non sai se una persona è buona o cattiva, è un susseguirsi di colpi di scena. Mi è piaciuta molto Cassie, soprattutto perchè è molto ironica. Il fatto che la storia sia narrata in prima persona con i protagonisti alternati l'ho trovato un po' faticoso, sul più bello cambiava sempre. Ho apprezzato soprattutto l'ironia e la caratterizzazione dei personaggi. Per chi ama la suspance e i colpi di scena con questo libro và a nozze, anche se secondo me risente un po' del target a cui è destinato. E' molto un libro ideale per i ragazzi. Comunque è stata una bella lettura, con una visione apocalittica veramente inquietante.
★★★★
Devo ammettere che non ho una grande esperienza in tema di alieni...questo è il secondo libro che leggo sul genere...ed il primo è stato L'Ospite di Stephanie Meyer, quindi tutt'altro tenore di storia.
Qui il genere è decisamente apocalittico, con invasione aliena che cambia tutto, che distrugge la vita come la conosciamo. Sì perchè questi alieni non sono quelli che vorremmo incontrare, non stiamo parlando del dolce E.T., questi alieni sono interessati alla Terra, la vogliono per loro stessi e noi siamo un'erbaccia da estirpare, insetti fastidiosi di cui liberarsi con ogni mezzo.
La costruzione del romanzo a POV alterni ci catapulta nelle diverse storie, facendoci entrare nella vita dei diversi protagonisti, mi è piaciuto questo stile di scrittura, fluido ed intenso, non fai in tempo ad annoiarti. Alcune parti forse risultano un po' scontate, insomma dai, Zombi, il 97% del genere umano non ce la fatta e chi è Zombi? Tra tutti proprio lui? Vabbè... Ed Evan? Beh Cassie, sarai anche sopravvissuta a mille peripezie, però: sveglia! Mi sembra abbastanza chiaro che non possa essere altro che un....e vabbè...
Nonostante tutto ho amato tutti i personaggi di questo libro, un romanzo young adult in versione post apocalittica ben scritto ricco di azione e suspance.

★★★★½
Io ho adorato questo libro! Sarà che il tema degli alieni mi ha sempre affascinato, sarà che ho trovato dei personaggi ben costruiti, sarà che l'evoluzione della storia mi ha tenuta incollata alle pagine ma io mi sono follemente innamorata di questa storia. Dopo la Quarta Onda quello che rimane è silenzio. Vi immaginate? Un mondo intero circondato da silenzio, niente più rumori, solo un assordante silenzio. L'autore è riuscito a creare un mondo post-apocalittico coi fiocchi a mio parere. In questo silenzio c'è Cassie che mi è piaciuta un sacco, nonostante la situazione che sta vivendo riesce a non perdere l'ironia e a non farsi fermare dalla paura. In verità mi sono piaciuti quasi tutti i personaggi e penso sia stato merito dei cambi di POV. Una cosa che la trama non dice infatti, e che è stata una vera sorpresa, e che il libro è a più POV e così facendo ci dà modo di vedere questo mondo infestato dagli Altri attraverso gli occhi di più personaggi.

★★★★½
La Quinta Onda è un romanzo di fantascienza che ha saputo veramente colpirmi. Generalmente non sono una fan del genere, ma questo libro è stato un'eccezione veramente piacevole. Non aspettatevi certo un romanzo ricco di emozioni e riflessivo, è vero, quei momenti sono presenti all'interno della narrazione, ma quello che di certo riesce meglio all'autore è intrattenere, divertire. La Quinta Onda è una scarica di adrenalina che attraversa il romanzo, dalla prima all'ultima parte, è un romanzo che intrattiene il lettore, facendolo ridere e, in certi passaggi, anche commuovere. La narrazione in più punti di vista, inoltre, permette di immedesimarsi nei vari protagonisti e di sentirsi ancora più coinvolti nelle loro vicende. Certo non si tratta di un romanzo perfetto: ha anche alcuni difetti, a mio avviso, come flashback troppo lunghi che finiscono per rallentare in maniera eccessiva il ritmo della narrazione, e il fatto che alcuni punti di vista siano in prima persona ed altri in terza. Avrei preferito una scelta più omogenea dal punto di vista stilistico. Tuttavia si tratta comunque di una lettura consigliatissima, data anche l'uscita, già confermata, del secondo in italiano all'inizio del 2016.

★★★★½
Ho snobbato questo libro per parecchio tempo e forse se non fosse stato per la Lega ne avrei rimandato la lettura ancora a lungo. Avevo letto in giro pareri molto contrastanti a riguardo, c'era chi l'aveva adorato e chi non lo aveva apprezzato e dunque, lo consideravo uno di quei libri né carne né pesce, che di solito io non amo e non odio in modo particolare, invece, forse anche perché non avevo grandi aspettative, La quinta onda mi ha piacevolmente sorpresa e colpita, tanto che ho finito per adorarlo. Forse dovevo aspettarmelo però, dal momento che ho un vero e proprio debole per questo tipo di ambientazioni. Yancey però c'ha messo il suo, con una trama ricca e intrigante. Non c'è una virgola che io non abbia apprezzato, da Cassie a Evan, da Ben a Sammy. L'autore è riuscito a conquistarmi in tutto e per tutto. Non vedo l'ora di leggere i seguiti sperando arrivino presto in Italia, altrimenti li leggerò in lingua senza dubbio.

★★★★★
Appena iniziato ero già immersa nella lettura, la protagonista Cassie non mi ha lasciato altra scelta. Questa ragazzina di sedici anni è rimasta sola, armata e con un orsacchiotto a cui è legata una promessa che non può infrangere.
Yancey ha creato un mondo dettagliato e fantastico, i suoi alieni mi hanno colpito moltissimo. I personaggi sono tutti ben studiati e grazie al cambio di punti di vista si riesce a conoscerli molto bene, riusciamo così ad entrare nella mente di Ben (Zombi) un altro sopravvissuto che si trova in tutt'altra situazione; ho apprezzato moltissimo il punto di vista di Sammy, il fratellino di Cassie, tenace come pochi a soli sei anni, aspetta la sorella sicuro che lei manterrà la sua promessa di raggiungerlo. E infine come si fa a non fare gli occhi dolci per Evan? Per chi ha già letto il romanzo non serve altro, per quelli che invece non lo hanno ancora fatto dico: "cosa state aspettando?".
Ok, secondo me è un libro da non perdere. Le mie aspettative non sono state deluse e sono contenta di aver finalmente trovato il tempo e l'occasione per leggerlo!

MEDIA DI GRADIMENTO:  ★★★ ½

Citazioni

«Ormai il mondo era andato in malora. E se non ti stava bene, eri solo in lista di attesa per il cimitero.» (Gresi Vitale)

«Siamo umani. E gli umani pensano. Progettano. Sognano e poi realizzano i loro sogni.» (Jessica)

«Ha un futuro solo chi ha il cuore di pietra.» (Jessica)

«La crudeltà non è un tratto della personalità. La crudeltà è un'abitudine.» (Chiara Ropolo)

«Ho voglia di spaccargli la testa e scoppiare in lacrime al tempo stesso. Sono arrivata al punto che sono stanca di essere stanca.» (Chiara Ropolo)

«Siamo qui, e poi non ci siamo più, e non è per il tempo che passiamo qui, ma ciò che facciamo con quel tempo.» (Clary C.)

«Mi piace pensare che gli Altri siano... Bé, altro da noi.» (__gaiman)

«Chi resta è forte, gente che si piega ma non si spezza, come le barre di acciaio che davano resistenza a questo cemento armato. Inondazioni, incendi, terremoti, malattie, fame, tradimenti, solitudine, omicidi. Ciò che non uccide affina. Tempra. Insegna.» (Silbi Grace)

«Non so cosa dire. Perciò non dico niente. E' troppa la gente che parla quando in realtà non ha niente da dire.» (Diario di un Camionista per Bene)

«Dimenticatevi i dischi volanti, gli omini verdi e i giganteschi ragni meccanici che sparano raggi della morte. Dimenticatevi le battaglie epiche con carri armati e aerei da caccia in cui alla fine noi indomiti, intrepidi, combattivi umani trionfiamo sulla torma dagli occhi a palla. Tutto questo è distante dalla verità pressapoco quanto il loro pianeta morente dalla nostra florida Terra. La verità è che, una volta che ci avevano scoperti, eravamo spacciati.» (Valeriasullenuvole)

«Magari sono l'ultima, ma sono ancora in piedi. Sono quella che, su una statale deserta, si gira ad affrontare il cacciatore senza volto in agguato nel bosco. Sono quella che non scappa né resta, bensì affronta. Perchè se sono l'ultima, allora sono l'umanità intera.» (Valeriasullenuvole)

«"Non avevo capito nient" dice "Prima di trovarti credevo che l'unico modo di tirare avanti fosse avere qualcosa per cui vivere. Mi sbagliavo. Per tirare avanti, bisogna avere qualcosa per cui si è pronti a morire".» (Valeriasullenuvole)

7 commenti:

  1. Per me, davvero molto bello. Un uso dei vari POV, tra l'altro, esemplare!

    RispondiElimina
  2. Questi post riassuntivi mi piacciono un sacco. E' bello vedere quanti pareri diversi possano uscire da un solo libro

    RispondiElimina
  3. Come sempre adoro questi post con tutte le nostre opinioni insieme....mi piace leggere le diverse opinioni ed i diversi punti di vista :)

    RispondiElimina
  4. Accidenti, quanti pareri diversi. Concordo con quello che ha detto Mik nel commento qui sopra: un uso dei vari POV davvero esemplare. Una volta tanto si capisce chi sta parlando, e non sembrano tutti uguali!

    RispondiElimina
  5. non sapevo del film! Che bello non vedo l'ora di vederlo e anche di continuare la serie

    RispondiElimina
  6. Anche questo libro vedo che c'è chi lo ha amato e chi lo ha odiato! Bello leggere però i pareri degli altri :D è proprio bella questa lega tesoro v.v
    Io sono tra quelle che lo ha adorato... e nemmeno me lo aspettavo, quindi ancora meglio *-*

    RispondiElimina
  7. Appena concluso. Immaginavo che avrei letto pareri molto contrastanti, soprattutto per quanto riguarda il lato romantico del libro. Nonostante questo, però, devo dire che l'ho trovata una lettura particolarmente piacevole e intrigante. Adoro i libri narrati sotto di versi PoV e in questo non mancano poi i colpi di scena. L'autore è riuscito a farmi vivere realmente la Quarta Onda, in quanto il mio pensiero circa i personaggi è stato in continua evoluzione. Fidarsi o non fidarsi? Buono o cattivo? Umano o Alieno? Spero davvero che li traducano in italiano. In alternativa, non aspetterò certo a lungo e li leggerò in inglese. Sono troppo curioso di leggere come la storia proseguirà. Il mio voto è di 4.5/5

    RispondiElimina

Lasciate un segno del vostro passaggio, sono sempre felice di leggere e rispondervi ♥