venerdì 24 luglio 2015

Anteprime Sonzogno: settembre e ottobre

Buonsalve carissimi lettori, come state? Nei due giorni scorsi qui nel pomeriggio c'è stato un momento in cui mi si sono illuminati gli occhi. Mi sono messa a correre per casa spalancando tutte le finestre perché era tutto nuvoloso, tuonava e tirava un gran vento. Ho aperto tutto, ogni singola finestra sbatteva come una pazza ma non me ne fregava niente...io mi sono piazzata lì in mezzo godendomi quel vento leggermente più fresco...peccato che tutto si è concluso in circa 40 minuti, dopo di che siamo tornati al solito caldo afoso :( Sono al limite e non vedo l'ora arrivi qualsiasi perturbazione sia prevista, spero solo che dopo tutto questo caldo le pioggie non faranno dei danni :(
Il blog continua ad andare a rilento, ormai tutti ve ne siete accorti...credo che, a meno che il pargolo non decida di nascere prima, verso la metà di agosto vi saluterò per evitare di "abbandonare" il blog senza avvisarvi o salutarvi, mi dispiacerebbe molto.
Ma ora sono qui per parlarvi di alcune anteprime che vedranno la luce dopo queste ultime settimane estive...mi sto rendendo conto che probabilmente questo sarà l'ultimo post di anteprime che vi farò per un bel po' di tempo. Oggi non ho saputo resistere, ho ricevuto la mail dalla Sonzogno con tutte le loro novità dei mesi di settembre ed ottobre e dato che 3 di queste pubblicazioni mi interessano da morire, ho deciso di condividere questo desiderio di averli tra le mani insieme a voi, sperando di fare cosa gradita e di suggerirvi qualche nuovo interessante titolo :)

Titolo: E' la vita, Joy
Autore: Nell Dunn
Data di uscita: 10 settembre 2015
Prezzo: 15.00 €
Pagine: 128

Trama: Londra, anni Sessanta. Joy, detta Fiorellino, porta una finta coda di cavallo bionda, ha gambe magre su scarpe di camoscio dai tacchi alti, il corpo esile, i seni grossi. Non esce di casa senza le sue ciglia finte e i riccioli alla Cleopatra sistemati dietro le orecchie. A vederla passeggiare per strada guardando le vetrine, scherzando con le amiche, facendo battute sugli uomini, non si direbbe che la sua è una vita di stenti, costellata di guai. Si è sposata presto, Joy, con un rapinatore, attratta dall'avventura e dai soldi facili. Invece i soldi un giorno ci sono e quello dopo no. E quando suo marito finisce in prigione lei, rimasta incinta del piccolo Jonny, è costretta a crescerlo da sola. Eppure Joy non si arrende, anche perché a ventidue anni è ancora troppo giovane per rinunciare all'amore. Allora arriva Dave, di nuovo un poco di buono, così più affettuoso e divertente del marito da farla sentire una regina anche quando se ne stanno soli tra quattro mura a fumare, suonare la chitarra o ascoltare le hit preferite alla radio. D'altra parte, poco importa che sia Dave il vero amore: quando le cose si mettono male anche per lui, povero cristo, ancora una volta Joy non intende rassegnarsi. E ora, più di prima, dovrà imparare ad arrangiarsi da sola, tra lavoretti precari, storie di una notte, sogni a occhi aperti, scelte difficili, ma anche la forza e la testardaggine di imparare.

Titolo: Florence Gordon
Autore: Brian Morton
Data di uscita: 17 settembre 2015
Prezzo: 17.50 €
Pagine: 320

Trama: Florence Gordon ha settantacinque anni e vive a Manhattan, ma non è certo una vecchia signora. È una femminista ebrea divorziata, una scrittrice scorbutica, un’attivista testarda e orgogliosa. Detesta la maggior parte delle cose che la gente trova piacevoli e ama mettere gli altri in difficoltà. Anche la famiglia è per lei un fastidio più che una rete di affetti. Florence sta lavorando alla sua settima fatica, un libro di memorie, e desidera solo restarsene a casa tranquilla, quando un importante articolo del New York Times la definisce “patrimonio nazionale”. Di colpo viene catapultata sotto le luci della ribalta e la sua vita prende un’accelerazione definitiva, obbligando Florence a uscire da quel filo spinato che aveva costruito attorno a sé. La situazione precipita appena i suoi “cari”, dalla lontana Seattle, si trasferiscono a New York: il figlio Daniel (che ha scelto di snobbare le orme letterarie dei genitori per diventare poliziotto), la nuora Janine (psicologa, pronta ad avere una storia con il suo capo) e la nipote Emily (che sta cercando di capire cosa fare di una problematica storia d’amore). Florence si sente sotto assedio e sarà costretta ad avere molti più contatti con il prossimo di quanti ne vorrebbe. Ma Florence è soprattutto una donna ironica e brillante e quindi, giorno dopo giorno, tra i quattro si intreccerà una commedia irresistibile e di raro divertimento, all’insegna di una crudele sincerità ma anche di una sorprendente complicità emotiva. L’anziana signora, i cui corrosivi commenti sono una sorta di “versione di Barney” al femminile, non risparmia niente e nessuno. E forse proprio per questo i personaggi che la circondano (e i lettori di questo libro) finiranno per affezionarsi a lei e a non poter più fare a meno della sua voce.


Titolo: La casa di Parigi
Autore: Elizabeth Bowen
Data di uscita: 8 ottobre 2015
Prezzo: 16.00 €
Pagine: 288

Trama: Siamo a Parigi, in inverno, la Grande guerra è finita da poco, aleggia sulla città un’atmosfera cupa e vischiosa. Alla Gare du Nord scende Henrietta, undici anni, con in mano la sua scimmietta di pezza. Viene a prenderla la signorina Fisher, un’amica di famiglia che la ospiterà per una intera giornata in un elegante appartamento, in attesa di farla ripartire per il Sud della Francia. In quella casa borghese, dal confortevole odore di pulito, Henrietta si imbatte in una gradita sorpresa: c’è un suo coetaneo, il fragile Leopold, avviato verso un futuro incerto. Tra i due bambini, estremamente sensibili e inquieti, dopo l’iniziale diffidenza, si accende la curiosità: di ciascuno nei confronti dell’altro, e di entrambi verso il misterioso mondo degli adulti. I due fanciulli, grazie agli indizi disseminati attorno a loro, rivivono, tra immaginazione e realtà, le tormentate storie d’amore dei grandi, in particolare quella scandalosa tra la madre di Leopold e il suo padre naturale. Acclamato come un classico al momento della pubblicazione (1935), La casa di Parigi, oltre a mettere in scena una rovente passione sentimentale, è un acuto studio psicologico e un esercizio di finezza letteraria sulla prima irruzione del dolore, sulla scoperta del sesso e sulla perdita dell’innocenza.

Cosa ne dite? Non sono super ispirevoli? *___* Se dovessi sceglierne uno così su due piedi non saprei proprio quale. Però ci ho pensato un pochino e quello che mi interessa di più in assoluto è Florence Gordon, la trama mi ispira alla follia e gli altri due sono a pari merito subito dopo :)
Voi cosa ne pensate? So che qui non siamo in molti ad amare le pubblicazioni un po' particolari della Sonzogno, ma spero di potermi confrontare con qualcuno di voi e magari di avvicinare qualche altro lettore a questa interessante casa editrice.

4 commenti:

  1. Adoro questa casa editrice e credo farò anch'io un post con le loro ultime uscite, mi è arrivata un paio di giorni fa una mail a riguardo :) anche nel mio caso, quello che più mi interessa è Florence Gordon!

    RispondiElimina
  2. Mi ispira molto "E' la vita, Joy" quindi credo proprio che lo leggerò! :)

    RispondiElimina
  3. A me ispirano molto Florence Gordon e La casa di Parigi! Non li conoscevo affatto questi titoli, grazie Ale!

    RispondiElimina
  4. Ma le cover sono bellissime *.* Mi ispirano tutti!

    RispondiElimina

Lasciate un segno del vostro passaggio, sono sempre felice di leggere e rispondervi ♥