venerdì 17 luglio 2015

"The Queen of the Tearling" di Erika Johansen

Buon pomeriggio a tutti lettori, anche oggi ho rischiato di non riuscire ad essere qui insieme a voi, infatti ultimamente sono tornata ad avere problemi con il pc (ormai non ne posso più ç__ç) e sono giunta ad una conclusione: inizierò a mettermi da parte un po' di soldini ogni mese fino a quando non avrò la giusta somma per comprare un pc nuovo, perché così proprio non si può andare avanti :(
A parte questo posso dirvi che fa caldo (evviva l'ovvietà Alessia xD), ma credo ci troviamo un po' tutti nella stessa situazione, poco fa una mia amica mi ha fatto sapere che qui dalle mie parti ci sono 41-42 gradi, io non posso confermare perché sono tappata in casa e l'unico motivo per cui uscirò verso metà pomeriggio sarà per fare la passeggiata col mio cagnolino, ma solo perché sono costretta, altrimenti starei chiusa in casa fino verso le nove di sera... °___°

Oggi combatto contro caldo e computer malfunzionante per pubblicarvi la recensione di un libro uscito in Italia da pochissimo e che sta già facendo parlare di sé. Vi parlo di The Queen of the Tearling di Erika Johansen nella bellissima edizione portata in Italia dalla Multiplayer, che ringrazio per avermi dato la possibilità di leggere il romanzo.

Trama: Il giorno del suo diciannovesimo compleanno, la principessa Kelsea Raleigh Glynn, cresciuta in esilio, intraprende un pericoloso viaggio verso il castello in cui è nata, per riprendersi il trono che le spetta di diritto. Determinata e coraggiosa, Kelsea adora leggere e non somiglia affatto a sua madre, la fatua e frivola regina Elyssa. Protetta dal gioiello del Tearling uno zaffiro blu dagli straordinari poteri magici - e difesa dalla Guardia della Regina - un gruppo scelto di cavalieri guidato dall'enigmatico e fedele Lazarus - Kelsea ha bisogno di tutto l'aiuto possibile per sopravvivere alle cospirazioni dei nemici, che proveranno a impedire la sua incoronazione con agguati, tradimenti e incantesimi di sangue. Una volta diventata regina, e nonostante il nobile lignaggio, Kelsea si dimostra troppo giovane per un popolo e un regno dei quali sa ben poco, oltre che per gli orrori inimmaginabili che infestano la capitale. Kelsea deve scoprire di quale tra i suoi servitori fidarsi, perché rabbia e desiderio di vendetta si annidano fra i nobili di corte e perfino fra le sue stesse guardie del corpo. La sua missione per salvare il regno e compiere il suo destino è appena cominciata: Kelsea sarà chiamata ad affrontare un viaggio alla scoperta di se stessa e una prova del fuoco che la farà diventare una leggenda... se solo riuscirà a sopravvivere!

Serie "The Queen of the Tearling":
#1 The Queen of the Tearling (2015) - The Queen of the Tearling (2013)
#2 Inedito - The Invasion of the Tearling (2015)
#3 Inedito

Rating:

Recensione:
Questo libro mi ha colpito subito anche grazie alla grandissima pubblicità che la casa editrice ha fatto fin dall'inverno passato, sul loro sito si poteva già vedere lo scorcio della cover, qualche piccolo dettaglio e la curiosità ovviamente è cresciuta a dismisura. Sono una di quelle che non è andata in cerca di recensioni, dunque ancora adesso non so di preciso quale sia il suo andamento su Goodreads o altro, so solo che fin dall'inizio mi ha incuriosito e che la voglia di leggerlo è sempre stata altissima ed ovviamente so, grazie a voci che girano, che questo romanzo non è riuscito a soddisfare tutti i lettori, anzi so che una buona fetta non è riuscita ad apprezzare la storia.
Inutile perdere altre parole sulla minuziosa attenzione ai dettagli che la casa editrice ha avuto, un'edizione curatissima in ogni sua parte. Le illustrazioni, la mappa, la cover, la sovraccopertina, le pagine ogni cosa è perfetta e sicuramente invoglia ancora di più a leggere e conoscere la storia.

Mi sono avvicinata a questo romanzo con grandi aspettative che un pochino sono state deluse, come potrete vedere dal rating che ho deciso di dare e che adesso cercherò di spiegare.
Credo che l'idea di base dell'autrice, cioè quella di una società "futura" ritornata però ai tempi del medioevo, almeno così sembra, fosse un'idea splendida...peccato che questa idea non sia stata sviluppata come avrei voluto. Se un lettore si avvicina al libro senza conoscerne la trama, si troverà sicuramente spiazzato perché le spiegazioni e i richiami a questa società futura arretrata sono davvero pochi. Cioè, leggendo si ha l'impressione di trovarsi sempre in questa età "tipo medioevo", poi però ci ritroviamo dei dettagli che chiunque sa non essere presenti in quell'età o che anche il più studioso di tutti non potrebbe conoscere proprio perché sono cose che in teoria devono ancora avvenire o essere scoperte. Non sto a fare esempi pratici perché non credo ce ne sia bisogno; la cosa che voglio farvi capire è che sicuramente l'ambientazione di base è caotica perché non viene raccontata bene, non viene spiegata. Purtroppo mancano le basi per comprendere perché ci troviamo in questa situazione e nonostante io abbia trovato questa idea quasi geniale, non sono riuscita ad apprezzarla in toto proprio per questi problemi che si trovano alle basi e che fanno barcollare un po' l'intera struttura.
A parte questo ho vissuto il libro in modo molto coinvolgente, ho avuto dei problemi all'inizio proprio perché non riuscivo ad entrare bene nell'ottica, mi sentivo un po' sballottata di qua e di là senza mai avere uno straccio di spiegazione e a lungo andare questa cosa mi ha infastidito, ma superato questo scoglio ammetto che la storia mi ha preso molto. Lo stile della Johansen è indubbiamente lento e molto minuzioso, ci troviamo di fronte ad una narrazione ricchissima di particolari, purtroppo però non sempre tutti questi particolari che vengono dati sono importanti per la storia, capita che vengano tralasciati dettagli importanti in favore di altri meno interessanti, ma non ho vissuto questo stile in modo pesante o noioso, mi sono fatta trasportare con la speranza di arrivare ad una meta altrettanto coinvolgente.

I personaggi sono molteplici, alcuni possiamo conoscerli molto bene, altri un po' meno, altri sono proprio solo comparse...diciamo che la protagonista ha incontrato il mio affetto ma anche un pizzico del mio odio; è stato difficile capirla e sostenerla in alcuni momenti, ma alla fine nel bene e nel male ha lasciato un segno nel mio cuore di lettrice, è riuscita a conquistarmi grazie al suo coraggio e alla sua testardaggine, alle sue paure e ai suoi dubbi, alla sua sincerità e trasparenza sia nei difetti che nei pregi. Tra i personaggi che più mi sono piaciuti ci sono assolutamente Lazarus e Fetch, due uomini con obiettivi diversi ma che reputo molto simili tra loro, due uomini che il lettore (così come la protagonista) non ha modo di approfondire come vorrebbe perché sono avvolti da questo velo di mistero che li rende irresistibili, spero che questo velo verrà abbattuto con il secondo volume della serie.
Ci sarebbero altri personaggi degni di nota, ma è abbastanza inutile che stia qui a spendere righe su righe su di loro... Quello che ho da dire assolutamente è che questo libro è pieno di personaggi interessanti che abbiamo la possibilità di conoscere poco, che ci fanno vedere un angolino del loro carattere e che celano tutto il resto, come dicevo prima, spero che nel secondo volume della serie questi personaggi verranno approfonditi, perché se così non fosse, il romanzo perderebbe molto.

Speravo che The Queen of the Tearling potesse soddisfarmi totalmente, purtroppo non è stato così, ma sono comunque convinta che questa sia una serie con grandissime potenzialità, diciamo che punto molto sul secondo volume, perché spero l'autrice avrà le capacità e il modo di dare ai suoi lettori delle spiegazioni, dei dettagli sul passato e sul perché di questo futuro così arretrato. Un pregio del libro, almeno secondo me, è che senza rendersene conto il lettore si trova di fronte ad una storia ricchissima di dettagli e avvenimenti, ma proprio grazie a questo stile lento e posato dell'autrice, ci si ritrova alla fine a ragionare su tutto e si capisce che la mente è così ricca di dettagli che si fa fatica a saltarci fuori. Ci sono colpi di scena che sono riusciti nel loro intento, ci sono stati momenti fatti di introspezioni che mi hanno reso sensibile, ci sono stati momenti di ansia e panico che ho vissuto molto intensamente. Insomma, nonostante ci siano dei difetti, questa per me è stata una lettura coinvolgente, punto moltissimo su questa serie perché credo che sotto ai difetti e agli errori ci sia un vulcano pronto ad esplodere nel modo giusto.

COVER:
La cover italiana è identica alle cover originali americana e UK, infatti qui sopra vi ho messo le cover paperbac.
La prima che vedete è la cover paperback UK e ammetto che mi piace da morire, mi piace moltissimo il colore di sfondo e quella tagliola al posto della corona...sì mi piacciono i colori i contrasti...tutto.
La cover paperback americana, la seconda, è carina, ma non riesce ad attirare particolarmente la mia attenzione, forse in confronto alle altre la trovo un po' troppo banale.
Ed infine la cover tedesca, molto simile a quelle originali, solo che diciamo i tedeschi hanno voluto tenere l'immagine del castello più pulita, mettendo meno ghirigori e rendendo tutto un po' più luminoso e ammetto che come scelta non mi dispiace assolutamente.
La classifica finale è: cover italiana, cover UK, cover tedesca, cover americana.

Ragazzi, anche per oggi ho finito di intrattenervi :)
Mi unisco alla schiera delle lettrici in attesa di sapere cosa ne pensate voi di questa lettura...in questo periodo in tanti lo stiamo leggendo, in pochi lo abbiamo già finito, alcuni di voi lo hanno comprato quasi a scatola chiusa, altri stanno aspettando di poter leggere diversi punti di vista...insomma, è un po' il libro del momento e sono proprio curiosa di scoprire che commenti lascerete qui sotto.
Prima di "abbadonarvi" ci tenevo a scusarmi perché mi rendo conto che la recensione è un po' "sottotono" rispetto alle mie solite, il caldo però mi sta uccidendo e il pancione non aiuta sicuramente.
Aspetto con ansia i vostri pensieri, sono troppo curiosa *___*

24 commenti:

  1. Ciao bella, io l’ho cominciato da poco, ho letto una sessantina di pagine e non posso ancora dare un giudizio… sono molto curiosa di andare avanti e vedere come sarà! Diciamo che forse è un libro più “da inverno” per lo stile prolisso e dettagliato… da copertina sul divano con tisana… Quando lo finirò ti farò sapere il mio pensiero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao tesoro, ho ricevuto la mail sul libro (perché come sempre io sono in ritardo con le risposte ç___ç), ma non ho avuto ancora modo di leggerla con attenzione...ho visto però che siamo molto vicine come pensiero su questo romanzo.
      Sono d'accordo sul fatto che sia un libro da inverno, infatti credo che indipendentemente da tutto e anche se sembra una cavolata, se lo avessi letto a dicembre (ad esempio) sarei riuscita ad apprezzarlo un pizzichino di più :)

      Elimina
  2. La cover paperback UK è la mia preferita, è molto particolare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti dò assolutamente ragione Alexis, in quanto a particolarità è forse unica nel suo genere, davvero bella e d'impatto *_*

      Elimina
  3. Questo libro è stato ed è tuttora osannato dai blogger e dai booktuber americani ma io ho letto 3 o 4 recensioni su blog o canali youtube italiani e tutti sono rimasti delusi.... qui le cose sono due: o gli americani si accontentano di poco, oppure noi italiani siamo troppo critici perché ho notato questa differenza in tantissime altre occasioni! Effettivamente la copertina tenta moltissimo, però è anche un bestione di 450 pagine che se il libro non piace sono difficili da mandare giù...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho letto anch'io alcune recensioni di lettori delusi, credo che piano piano anche in Italia arriveranno le recensioni positive...io non mi colloco tra le recensioni negative perché comunque tre stelle e mezzo secondo me sono un bel voto... Sicuramente non è un libro scattante come narrazione e se già la storia non ti ispira non so proprio se consigliarti di provare a leggerlo o meno...secondo me una possibilità la merita :)

      Elimina
  4. È la seconda recensione non molto positiva che leggo. Non vedevo l'ora di leggerlo, ma inizio ad avere dei dubbi :-/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Simona, io non riesco a vedermi tra "le recensioni negative", perché comunque considero le 3,5 stelle un buonissimo voto e perché a parte i difetti che ci ho trovato, per me è una lettura che avrebbe bisogno di una possibilità...spero avrai modo di scegliere la cosa migliore per te :)

      Elimina
  5. Sto iniziando ad avere dei dubbi su questo libro...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No dai Jessica, spero arriveranno anche le recensioni che potranno convincerti a non lasciartelo sfuggire, per me non è così orrendo come è stato descritto da altri, a me in fin dei conti è piaciuto...ovviamente non lo consiglierei a tutti e sicuramente ha bisogno di migliorare, ma la storia se riesce a prendere non è niente male *_*

      Elimina
  6. Mi attira molto questo romanzo, eppure ho il sospetto che possa rivelarsi come una cocente delusione... Sono contente, però, che a te sia piaciuto :) Incappare in letture poco soddisfacenti non è bello :(
    Ho notato che stai leggendo Brilleremo fra un milione di soli :) Posso chiederti come lo stai trovando? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gresi, per la tua domanda ti ho accontentato con la recensione vera e propria, dato che sono in ritardo con le risposte avrai sicuramente avuto modo di leggere anche quella :)
      Mentre per questa recensione e questo libro, non posso dirti con certezza se sarà una delusione per te oppure no...sicuramente non è un libro adatto a tutti, soprattutto a causa dello stile lento e molto dettagliato dell'autrice e anche i difetti fanno storcere il naso, ma secondo me potrebbe valerne la pena :)

      Elimina
  7. Ciao Ale mi sono catapultata a leggere questa recensione visto che di questo libro stanno davvero parlando tutti e, devo ammetterlo, anche io ne sono stata colpita. Più per l'edizione ti dirò, le illustrazioni e la cartina sono davvero belle, però letta la tua recensione mi rendo conto che dietro queste grandi manovre pubblicitarie c'è spesso poi carenza di fondo. Peccato per questo caos temporale di cui parli all'inizio che poi è il clou del romanzo... cmq penso di dargli una chance (del resto sai che lo stile prolisso e le descrizioni dettagliate a me piacciono tanto ^^). Un abbraccio e... buona domenica afosa! (qui si muore!!!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao tesoro, sì è sicuramente uno dei libri del momento e in un certo senso sono felice che abbia tutta questa attenzione, anche se spero non si trasformerà in una "caccia alle streghe" per usare un modo di dire un po' diverso dal solito xD
      La Multiplayer ha davvero fatto un lavoro pazzesco e sarebbero da premiare solo per questo, è vero che il contenuto a confronto è carente, ma non è così malaccio come può sembrare, almeno secondo me. Sicuramente se la storia fosse stata strutturata meglio sarebbe stato un libro da quasi 5 stelline, mentre si è fermato un po' prima...io continuo ad essere molto molto curiosa per il seguito e spero che non troppe persone si faranno frenare dalle recensioni negative, spero ne arriveranno anche di positive, se oneste ovviamente :)

      Elimina
  8. Come sai più che bene a me non è piaciuto per niente >.< mi fa piacere che tu ci abbia visto del buono comunque :3 e spero che il seguito possa piacerti... io però me ne tengo alla larga :D
    La mia cover preferita however è la tedesca, apprezzo che l'immagine sia più pulita :3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahaha tesoro, so bene quanto ti ha deluso, anzi devo ricordarmi di passare a commentare la tua recensione...dio mio, non ce la posso fare in sto periodo ç___ç
      A me dispiace molto ti abbia deluso così tanto, perché so che ti intrigava molto.
      Sì, l'immagine della cover tedesca riesce a catturare lo sguardo con quel giallo che scurisce *___*

      Elimina
  9. non amo le descrizioni troppo approfondite e in generale lo stile che si dilunga molto, credo che non sarà tra le mie letture prossime

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh no Chiara, se non ami lo stile prolisso e troppo dettagliato, sicuramente il libro ti annoierebbe a morte...peccato, ma sicuramente troverai altri libri che potranno intrattenerti al meglio ;)

      Elimina
  10. Mmm...sto rivalutando l'idea di leggere questo libro...anche io non amo le descrizioni troppo minuziose e la narrazione lenta...forse darò la precedenza ad altri libri anche se devo dire che dal punto di vista grafico sembra davvero interessante! Ciao Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Maria, se hai problemi con le narrazioni lente e le descrizioni dettagliate e lunghe non ti consiglierei questo libro, anche se secondo me in fondo la storia merita...
      Mi fa piacere comunque che non ti precludi totalmente la possibilità di leggerlo :)

      Elimina
  11. La trama non mi attira granché, diciamo che non è proprio il mio genere, ma la cover mi piace tantissimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Graficamente e come "presenza" credo che questo libro riesca ad attirare chiunque, ovviamente poi la storia raccontata può attirare o no...chissà magari prima o poi gli darai comunque una possiblità ;)

      Elimina
  12. A me è piaciuto! Non vedo l'ora di vedere il film! In settimana pubblico la mia recensione! ^_^

    RispondiElimina
  13. Hellooo *^*
    Io personalmente ho adorato questo libro (se vuoi leggere la mia recensione la trovi qui c: ) e sono felicissima di averlo letto. Un fantasy che, finalmente, ha tutti quegli elementi degli high fantasy da noi appassionati del genere tanto amati :3
    Una nota di merito va a Fetch, il mio amorino (?) ahah
    L'unica pecca è che secondo me avrebbero potuto esserci più spiegazioni su come si sia arrivato a un tale ritardo tecnologico nel futuro... Bah! Spero che i dubbi si rivolvano negli altri due libri...
    Bella recensione <3
    Rainy

    RispondiElimina

Lasciate un segno del vostro passaggio, sono sempre felice di leggere e rispondervi ♥