giovedì 21 aprile 2016

Nuove uscite aprile 2016

     Ovvero, cosa ha attirato la mia attenzione in questo mese xD

Buonsalve carissimi :)
Vi avviso che per certi versi sto cambiando genere di lettura, sono molto più indirizzata verso romanzi più complessi (infatti un giorno di questi vorrei fare un post dedicato ad una parte di questa mia nuova passione). Continuo ad apprezzare moltissimo fantasy e in generale gli YA, ma sono molto molto più selettiva e attenta a quello che leggo.
Queste che vi mostro sono solo alcune uscite che hanno attirato la mia attenzione, sicuramente ce ne saranno tantissime altre che mi sono sfuggite, e sicuramente quelle che vi presento oggi non attireranno molta attenzione perché sono fuori dai gusti della maggior parte dei miei follower...va beh, spero potranno interessare a qualcuno oltre che a me xD

La moglie l’ha lasciato per un filosofo francese, al giornale gli affidano incarichi sempre più meschini; Tagliaferro ha bisogno di una spalla amica. La trova, inaspettatamente, al Centro di salute mentale Villachiara. Entrato per una noiosissima intervista al direttore, infarcita di ‘neuroni pseudounipolari’ e ‘onde depolarizzatrici’, in sala d’aspetto incontra Henry, un matto che subito lo incanta con le sue storie. Tagliaferro torna a trovarlo, ben presto si affeziona e trascorre con lui le sue ore migliori, immersi in conversazioni senza fine. Anche la svolta nel loro rapporto è inaspettata. Un giorno Henry gli rivela di non essere un paziente come un altro, bensì un agente segreto vittima di un complotto. La sua missione è recuperare il Registro-01, il più importante documento nella storia dell’umanità. Il discorso, già di per sé sinistro, suona ancora più allarmante in manicomio, ma Tagliaferro non ha più molto da perdere e decide di dargli un’occasione, nella remota speranza di ricavarci uno scoop. Aiuta Henry a fuggire e insieme, a bordo di una Panda malandata, raggiungono la capitale, dove la contessina Kosinceva darà una grande festa. La contessina ha in mano informazioni cruciali sul Registro-01 e Henry non vede l’ora di trovarsi a tu per tu con lei.

28 aprile 2016. 240 pagine. 15.00 € 


«Quelli di Edna O’Brien sono i racconti piú belli e dolenti che siano mai stati scritti». Alice Munro

Una raccolta di gemme: storie d’amore, di formazione, di rapporti complicati tra figlie e madri. Storie di donne che si aprono alla vita e non temono i sentimenti piú in- tensi: l’ossessione, la delusione, la disperazione. In queste storie, scritte tra il 1968 e il 2011 e scelte dalla stessa O’Brien, campeggia, inimitabile, la voce di una grandissima autrice del nostro tempo.

26 aprile 2016. 400 pagine. 18.50 €










È il 1968 e l’America è attraversata da conflitti che non aveva mai conosciuto prima. La guerra del Vietnam, gli omicidi di Robert Kennedy e Martin Luther King, la crisi del Partito Democratico sembrano aprire uno spazio nuovo per la contestazione giovanile e i movimenti sociali. James Simon Kunen è iscritto alla Columbia University di New York; un ragazzo come tanti, che si ritrova catapultato all’improvviso nel vivo della protesta studentesca e inizia quasi per gioco a tenere un diario dell’occupazione dell’università. Armato soltanto del suo idealismo e della sua curiosità, Kunen dà vita a una cronaca puntuale dei sit-in e dei pestaggi della polizia: un tentativo lucido di decifrare il mondo degli adulti, alternando riflessioni coraggiose, spesso dure – e ancora attualissime a distanza di quasi mezzo secolo – con divertenti digressioni personali sull’amore, la musica, lo sport, i viaggi, che hanno il sapore del vero e proprio romanzo di formazione. Tradotto oggi per la prima volta in italiano, Fragole e sangue è un classico della controcultura giovanile americana, da cui il regista Stuart Hagmann ha tratto nel 1970 il celebre film omonimo (Premio della giuria al 23° Festival di Cannes).

Aprile 2016.  220 pagine. 16.50 €



I protagonisti di questo libro sono, con nomi diversi, tre personaggi fuori scala dell'antropologia novecentesca: Margaret Mead, Reo Fortune e Gregory Bateson. La scenografia sono le misere capanne dei tre sulle sponde del fiume Sepik, a Papua, quel mondo separato di acque rosa e cieli verdi che ancora oggi non compare sui nostri gps, e che negli anni Trenta era, molto semplicemente, l'Ignoto. L'azione coincide col lavoro sul campo del trio, in ciò che aveva di lievemente comico (la corsa ad accaparrarsi la tribù più esotica, o più interessante da studiare) e in ciò che conteneva, invece, di esaltante (la nascita, dal vivo, di molte delle idee che continuiamo a usare, nel tentativo di conoscere ciò che è altro da noi). E la corrente sotterranea che a poco a poco innalza la temperatura di quella prossimità concitata e febbrile è, come in fondo non si poteva prevedere, una grande e lacerante passione amorosa. 

14 aprile 2016. 242 pagine. 19.00 € 







Dai finestrini di una macchina, ai bordi delle leggendarie highways, una terra selvaggia e arcaica sfila sotto la linea dell’orizzonte. È l’America. Non quella nevrotica delle metropoli – con i suoi edifici vertiginosi, le sue leggi, il suo galateo urbano – ma quella rude e polverosa delle periferie del mondo, dove l’unica regola è dettata da un primitivo spirito di sopraffazione. Qui l’uomo discende direttamente dalla pietra e dai peyote, dalla scorza dura degli arbusti secolari. Di tanto in tanto – lungo i chilometri d’asfalto – in una vecchia baracca, in un recinto, in un motel, si mettono in scena le rappresentazioni rituali di un mondo impenetrabile e violento: bestie scuoiate, ceffi piegati dalla fatica del lavoro, vecchi fantasmi che riportano alla memoria i traumi d’infanzie sanguinose. Motel Chronicles raccoglie frammenti autobiografici e allucinazioni, poesie e fotografie, riferimenti a film e canzoni che hanno segnato l’immaginario collettivo, dando vita a un’opera in grado di trattenere, nelle sue parole, alcune delle suggestioni più significative della cultura occidentale. Geniale interprete del cinema e del teatro contemporaneo, Sam Shepard torna a visitare i luoghi cruciali della sua vita ed esaurisce, con una scrittura irrequieta, i registri linguistici più veri di un popolo difficile e variegato.

24 marzo 2016. 201 pagine. 19.00 €


Molti di voi si renderanno conto, guardando i libri che vi ho presentato, del cambiamento di rotta che ho avuto come lettrice...questo cambiamento è in atto proprio in questo periodo, diciamo che sto finendo di trovare la vera identità che ho come lettrice. Ci tengo a precisare che non ho abbandonato il fantasy e i suoi derivati, semplicemente in questo post ho voluto presentarvi questi libri, che sicuramente saranno apparsi in meno blog in confronto a tante altre anteprime.
Spero di essere riuscita ad incuriosirvi almeno con un titolo e spero mi lascerete le vostre impressioni nei commenti.

11 commenti:

  1. che bello! adoro edna o'brien, non vedo l'ora di leggere il suo nuovo libro.
    grazie dell'informazioni preziose

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carmilla, davvero? Oh che bello sapere che i miei "nuovi gusti" non sono completamente snobbati.
      Io della O'Brien non ho mai letto niente, ma questo mi ispira da morire.

      Elimina
  2. Posso dirti che sono molto positivamente impressionata da questo tuo "cambio di rotta"? Ci sono almeno tre titoli che non conoscevo e che adesso voglio assolutamente leggere, e sono Io e Henry (anche se spero non abbia lo stesso taglio di La ragazza del ritratto di Torday, che mi aveva dato gli incubi per settimane), Fragole e sangue e Motel Chronicles. Brava brava brava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sapevo che io e te ci saremmo trovate ancora di più con questo mio cambiamento...però così mi odierai ancora di più perché attenterò al tuo portafoglio xD
      Grazie tesoro :*

      Elimina
  3. Ti lascio subito le mie impressioni ^^ Motel Chronicles deve essere mio!!! È proprio il mio genere, e poi la real America è la mia ossessione ;-) Belle scelte Ale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, Motel Chronicles, tra questi, è quello che è volato in wishlist alla velocità della luce, dunque direi che siamo sulla stessa barca...chissà chi delle due lo comprerà per prima xD
      Sono contenta che ti siano piaciuti i libri che ho presentato in queste anteprime :)

      Elimina
  4. Noi lettrici non abbiamo mai una sola identità letteraria, e meno male!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione Silvia, ed è meraviglioso scoprire nuove identità e passioni. Sono proprio esaltata *_*

      Elimina
  5. Posso invitarvi a questo concorso?
    In palio un mio libro cartaceo! :)
    Grazie! ❤

    http://bookstwiningtea.altervista.org/giveawayilmondodellaltrove/

    RispondiElimina
  6. Forse - e dico forse - potrei trovare interessanti Motel Chronicles e Fragole e Sangue. ◕ ‿ ◕ Dell'ultimo c'è anche film, ci si potrebbe fare un pensierino. :3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Potremmo trovare un compromesso...tu me li regali, poi se mi piacciono te li presto. Ci stai?
      Scherzo, scherzo, scherzo e lo sai bene. Però, se riuscirò a leggerli presto (cosa che spero), potrò dirti con più chiarezza se potrebbero essere fatti per te.
      Ma io credo che, a parte alcune eccenzioni, molti libri sono fatti per te perché sei una persona molto curiosa e hai sempre voglia di scoprire e conoscere cose nuove.

      Elimina

Lasciate un segno del vostro passaggio, sono sempre felice di leggere e rispondervi ♥